Tour de France 1998

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francia Tour de France 1998
Route of the 1998 Tour de France.png
Edizione 85ª
Data 11 luglio - 2 agosto
Partenza Dublino
Arrivo Parigi
Percorso 3 728,1 km, prol. + 21 tappe
Tempo 92h49'46"
Media 39,983 km/h
Classifica finale
Primo Italia Marco Pantani
Secondo Germania Jan Ullrich
Terzo Stati Uniti Bobby Julich
Classifiche minori
Punti Germania Erik Zabel
Montagna Francia Christophe Rinero
Giovani Germania Jan Ullrich
Squadre Francia Cofidis
Combattività Francia Jacky Durand
Cronologia
Edizione precedente
Tour de France 1997
Edizione successiva
Tour de France 1999

Il Tour de France 1998, ottantacinquesima edizione della corsa, prese il via l'11 luglio da Dublino, in Irlanda, e si concluse il 2 agosto con la classica passerella sugli Champs-Élysées, a Parigi.

Posticipata di una settimana per la coincidenza temporale con il campionato mondiale di calcio, ospitato proprio dalla Francia, la Grande Boucle vide per la prima e unica volta la vittoria dell'italiano Marco Pantani. Si trattò della nona edizione della corsa a tappe francese vinta da un corridore italiano; il digiuno di vittorie per i ciclisti italiani al Tour durava da ben trentatré anni, dal momento cioè del trionfo del bergamasco Felice Gimondi nell'edizione del 1965. Il 2 agosto 1998 lo stesso Gimondi premiò Pantani, del quale era direttore sportivo, al podio degli Champs-Élysées.

Questo trionfo rappresentò anche il terzo ed ultimo podio di Pantani nella Grande Boucle, dopo due terze posizioni raggiunte nel 1994 e nel 1997. Il romagnolo concluse in 92h49'46", davanti al tedesco Jan Ullrich (secondo classificato e al terzo podio, peraltro consecutivo, al Tour dopo la vittoria dell'anno precedente e un'altra piazza d'onore nel 1996) e allo statunitense Bobby Julich (terzo della classifica generale e all'unico podio della carriera in quel di Parigi).

Le doti da scalatore permisero al corridore di Cesenatico di staccare gli avversari in salita e di diventare, così, il settimo (e finora ultimo) ciclista a compiere nell'arco di un solo anno solare l'accoppiata Giro d'Italia-Tour de France. Prima di lui vi erano riusciti campioni del calibro di Fausto Coppi (due volte, nel 1949 e nel 1952), Jacques Anquetil (nel 1964), Eddy Merckx (ben tre volte, nel 1970, 1972 e 1974), Bernard Hinault (due volte, nel 1982 e nel 1985), Stephen Roche (nel 1987) e Miguel Indurain (due volte, nel 1992 e nel 1993).

L'edizione 1998 viene ricordata anche per il cosiddetto Scandalo Festina.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Le tappe furono 21, precedute da un cronoprologo iniziale, per una distanza totale di 3 728,1 km; il prologo e le prime due frazioni si svolsero su suolo irlandese. Tre in totale le prove cronometro: oltre al prologo, la settima tappa con arrivo a Corrèze e la ventesima con arrivo a Le Creusot. Il paese venne percorso in senso antiorario, con la settimana iniziale completamente pianeggiante e riservata ai velocisti, e a seguire prima le due tappe pirenaiche di Luchon e Plateau de Beille, e poi cinque frazioni tra Francia e Svizzera sulle Alpi, con arrivi a Grenoble, Les Deux Alpes, Albertville, Aix-les-Bains e Neuchâtel.

Tappe[modifica | modifica sorgente]

Tappa Data Percorso km Vincitore di tappa Leader cl. generale
prol. 11 luglio Dublino (IRL) > Dublino (IRL) (cron. individuale) 5,6 Regno Unito Chris Boardman Regno Unito Chris Boardman
12 luglio Dublino (IRL) > Dublino (IRL) 186,5 Belgio Tom Steels Regno Unito Chris Boardman
13 luglio Enniscorthy (IRL) > Cork (IRL) 205,5 Rep. Ceca Ján Svorada Germania Erik Zabel
14 luglio Roscoff > Lorient 169 Germania Jens Heppner Danimarca Bo Hamburger
15 luglio Plouay > Cholet 252 Paesi Bassi Jeroen Blijlevens Australia Stuart O'Grady
16 luglio Cholet > Châteauroux 228,5 Italia Mario Cipollini Australia Stuart O'Grady
17 luglio La Châtre > Brive-la-Gaillarde 204,5 Italia Mario Cipollini Australia Stuart O'Grady
18 luglio Meyrignac-l'Église > Corrèze (cron. individuale) 58 Germania Jan Ullrich Germania Jan Ullrich
19 luglio Brive-la-Gaillarde > Montauban 190,5 Francia Jacky Durand Francia Laurent Desbiens
20 luglio Montauban > Pau 210 Paesi Bassi Léon van Bon Francia Laurent Desbiens
10ª 21 luglio Pau > Luchon 196,5 Italia Rodolfo Massi Germania Jan Ullrich
11ª 22 luglio Luchon > Plateau de Beille 170 Italia Marco Pantani Germania Jan Ullrich
23 luglio giorno di riposo
12ª 24 luglio Tarascon-sur-Ariège > Cap d'Agde 222 Belgio Tom Steels Germania Jan Ullrich
13ª 25 luglio Frontignan la Peyrade > Carpentras 196 Italia Daniele Nardello Germania Jan Ullrich
14ª 26 luglio Valréas > Grenoble 186,5 Australia Stuart O'Grady Germania Jan Ullrich
15ª 27 luglio Grenoble > Les Deux Alpes 189 Italia Marco Pantani Italia Marco Pantani
16ª 28 luglio Vizille > Albertville 204 Germania Jan Ullrich Italia Marco Pantani
17ª 29 luglio Albertville > Aix-les-Bains 149 tappa neutralizzata Italia Marco Pantani
18ª 30 luglio Aix-les-Bains > Neuchâtel (CHE) 218,5 Belgio Tom Steels Italia Marco Pantani
19ª 31 luglio La Chaux-de-Fonds (CHE) > Autun 242 Svezia Magnus Bäckstedt Italia Marco Pantani
20ª 1º agosto Montceau-les-Mines > Le Creusot (cron. individuale) 52 Germania Jan Ullrich Italia Marco Pantani
21ª 2 agosto Melun > Parigi 147,5 Belgio Tom Steels Italia Marco Pantani
Totale 3 728,1

Squadre e corridori partecipanti[modifica | modifica sorgente]

N. Cod. Squadra
1-9 TEL Germania Team Deutsche Telekom
11-19 FES Francia Festina-Lotus
21-29 MER Italia Mercatone Uno-Bianchi
31-39 MAP Italia Mapei-Bricobi
41-49 ONC Spagna ONCE-Deutsche Bank
51-59 RAB Paesi Bassi Rabobank
61-69 CSO Francia Casino-Ag2r
71-79 BAN Spagna Banesto
81-89 GAN Francia Gan
91-99 LOT Belgio Lotto-Mobistar
101-109 TVM Paesi Bassi TVM-Farm Frites
N. Cod. Squadra
111-119 SAE Italia Saeco-Cannondale
121-129 FDJ Francia Française des Jeux
131-139 COF Francia Cofidis, le Crédit par Téléphone
141-149 PLT Italia Team Polti
151-159 ASI Italia Asics-CGA
161-169 VIT Spagna Vitalicio Seguros
171-179 KEL Spagna Kelme-Costa Blanca
181-189 USP Stati Uniti US Postal Service
191-199 RIS Italia Riso Scotti-MG Maglificio
201-209 BIG Francia BigMat-Auber 93

Resoconto degli eventi[modifica | modifica sorgente]

Numerosi i favoriti all'inizio della corsa: oltre al tedesco Jan Ullrich, già vincitore del Tour de France 1997, anche il trionfatore del Giro d'Italia 1998 Marco Pantani, il francese Laurent Jalabert, lo spagnolo Abraham Olano e lo svizzero Alex Zülle.[1] La sfida per la vittoria si ridusse però, a partire dalla seconda settimana, ad un duello tra Ullrich, in forza al Team Deutsche Telekom, e Pantani, capitano della Mercatone Uno-Bianchi. Il "Pirata", dopo la vittoria in solitaria a Plateau de Beille, prese la maglia gialla imponendosi in modo decisivo nella tappa con arrivo a Les Deux Alpes: nell'occasione fece il vuoto sul Colle del Galibier e guadagnò quasi nove minuti sull'avversario principale, giunto al traguardo insieme ai gregari Bjarne Riis e Udo Bölts. Ullrich vinse comunque tre tappe, due delle quali a cronometro, ma nonostante una netta supremazia nelle prove contro il tempo (in tale specialità diede infatti un totale di 7 minuti a Pantani), dovette accontentarsi del secondo posto e della maglia bianca di miglior giovane, riservata agli Under 25. Su un totale di ventidue frazioni (considerando come unità pure il cronoprologo), Marco Pantani fu maglia gialla al termine delle ultime sette frazioni.

La sorpresa fu lo statunitense Bobby Julich, sempre tra i primi, che si portò a casa il terzo posto, risultato in verità poi mai più raggiunto in carriera. L'altro tedesco Erik Zabel, anch'egli della Deutsche Telekom, vinse per la terza volta consecutiva la maglia verde della classifica a punti, pur non aggiudicandosi alcuna tappa (miglior velocista fu invece il belga Tom Steels, che ne vinse quattro, diventando così il corridore a vincere più frazioni in questa edizione). Il francese Christophe Rinero, quarto a Parigi, fece sua la maglia a pois della classifica scalatori, complice l'esclusione prima di Richard Virenque e poi di Rodolfo Massi; la classifica a squadre andò alla Cofidis, capace di piazzare tre uomini nei primi dieci della generale (Julich, Rinero e Roland Meier, settimo).

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Scandalo Festina.

Un grande scandalo-doping colpì la gara e l'opinione pubblica. Il 9 luglio, prima dell'inizio della corsa, la polizia doganale al confine tra Francia e Belgio ritrovò ingenti quantità di prodotti dopanti nell'auto di Willy Voet, massaggiatore della squadra Festina-Lotus, conducendolo subito nel carcere di Lilla.[2] Le indagini della polizia francese, le perquisizioni nell'albergo della Festina, il fermo[3] e le successive ammissioni del team manager Bruno Roussel relative alla pratica del doping di squadra portarono all'esclusione del team francese, cui appartenevano tra gli altri Richard Virenque, Laurent Brochard e Alex Zülle, al termine della sesta tappa, il 17 luglio.

Uno sciopero dei corridori provocò quindi l'annullamento della tappa del 29 luglio tra Albertville et Aix-les-Bains, e il conseguente abbandono della corsa da parte delle squadre Riso Scotti-MG Maglificio, Banesto, ONCE-Deutsche Bank, Kelme-Costa Blanca e Vitalicio Seguros; l'olandese TVM-Farm Frites, già sotto inchiesta per una caso simile nel marzo dello stesso anno, si ritirò anch'essa il giorno seguente, con il passaggio della corsa in Svizzera. L'inchiesta non si chiuse: ulteriori ritrovamenti, durante e dopo il Tour, di sostanze proibite presso gli alloggi di squadre come Casino-Ag2r e Gan portarono a decine di arresti tra ciclisti, dirigenti, staff tecnici e alla comminazione di numerose squalifiche sportive. Il direttore Jean-Marie Leblanc riuscì comunque a mediare e a far concludere l'edizione. Dei 189 partiti a Dublino, arrivarono a Parigi però solo 96 corridori.

A quindici anni di distanza da quest'edizione, il 24 luglio 2013 il Senato francese ha reso pubblici i risultati di alcuni test retroattivi compiuti su referti del Tour de France 1998, rivelando la positività di 18 corridori e valori anomali per altri 13. Tra i ciclisti positivi all'eritropoietina ci furono, tra gli altri, Zabel, Jalabert, Olano, Pantani, Ullrich, Andrea Tafi e Mario Cipollini.[4]

Evoluzione delle classifiche[modifica | modifica sorgente]

Tappa Vincitore Classifica generale
Maglia gialla
Classifica a punti
Maglia verde
Classifica scalatori
Maglia a pois
Classifica giovani
Maglia bianca
Classifica a squadre
Numero giallo
Prologo Chris Boardman Chris Boardman Chris Boardman non assegnata Jan Ullrich Festina-Lotus
Tom Steels Tom Steels Stefano Zanini
Ján Svorada Erik Zabel
Jens Heppner Bo Hamburger Ján Svorada Pascal Hervé George Hincapie Casino-Ag2r
Jeroen Blijlevens Stuart O'Grady Stuart O'Grady
Mario Cipollini Erik Zabel
Mario Cipollini
Jan Ullrich Jan Ullrich Stefano Zanini Jan Ullrich Team Deutsche Telekom
Jacky Durand Laurent Desbiens Cofidis
Léon van Bon Jens Voigt
10ª Rodolfo Massi Jan Ullrich Rodolfo Massi
11ª Marco Pantani
12ª Tom Steels
13ª Daniele Nardello
14ª Stuart O'Grady
15ª Marco Pantani Marco Pantani
16ª Jan Ullrich
17ª neutralizzata Christophe Rinero
18ª Tom Steels
19ª Magnus Bäckstedt
20ª Jan Ullrich
21ª Tom Steels
Classifiche finali Marco Pantani Erik Zabel Christophe Rinero Jan Ullrich Cofidis

Classifiche finali[modifica | modifica sorgente]

Classifica generale - Maglia gialla[modifica | modifica sorgente]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Italia Marco Pantani Mercatone Uno 92h49'46"
2 Germania Jan Ullrich Deutsche Tel. a 3'21"
3 Stati Uniti Bobby Julich Cofidis a 4'08"
4 Francia Christophe Rinero Cofidis a 9'16"
5 Paesi Bassi Michael Boogerd Rabobank a 11'26"
6 Francia Jean-Cyril Robin US Postal a 14'57"
7 Svizzera Roland Meier Cofidis a 15'13"
8 Italia Daniele Nardello Mapei-GB a 16'07"
9 Italia Giuseppe Di Grande Mapei-GB a 17'35"
10 Belgio Axel Merckx Team Polti a 17'39"

Classifica a punti - Maglia verde[modifica | modifica sorgente]

Pos. Corridore Squadra Punti
1 Germania Erik Zabel Deutsche Tel. 327
2 Australia Stuart O'Grady Gan 230
3 Belgio Tom Steels Mapei-GB 221
4 Australia Robbie McEwen Rabobank 196
5 Stati Uniti George Hincapie US Postal 151

Classifica scalatori - Maglia a pois[modifica | modifica sorgente]

Pos. Corridore Squadra Punti
1 Francia Christophe Rinero Cofidis 200
2 Italia Marco Pantani Mercatone Uno 175
3 Italia Alberto Elli Casino-Ag2r 165
4 Francia Cédric Vasseur Gan 156
5 Francia Stéphane Heulot F. des Jeux 152

Classifica giovani - Maglia bianca[modifica | modifica sorgente]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Germania Jan Ullrich Deutsche Tel. 92h53'07"
2 Francia Christophe Rinero Cofidis a 5'55"
3 Italia Giuseppe Di Grande Mapei-GB a 14'14"
4 Stati Uniti Kevin Livingston Cofidis a 30'42"
5 Germania Jörg Jaksche Team Polti a 32'20"

Classifica a squadre - Numero giallo[modifica | modifica sorgente]

Pos. Squadra Tempo
1 Francia Cofidis 278h29'58"
2 Francia Casino-Ag2r a 29'09"
3 Stati Uniti US Postal Service a 41'40"
4 Germania Team Deutsche Telekom a 46'01"
5 Belgio Lotto-Mobistar a 1h04'14"

Classifica combattività - Numero rosso[modifica | modifica sorgente]

Pos. Corridore Squadra Punti
1 Francia Jacky Durand Casino-Ag2r 95
2 Italia Andrea Tafi Mapei-GB 51
3 Francia Stéphane Heulot F. des Jeux 49
4 Francia Cédric Vasseur Gan 47
5 Francia Christophe Agnolutto Casino-Ag2r 43

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eugenio Capodacqua, Via al Tour con il Pirata: "Ma non prometto miracoli" in repubblica.it, 11 luglio 1998.
  2. ^ Angelo Zomegnan, Sequestro choc alla Festina: tutto per il doping in La Gazzetta dello Sport, 12 luglio 1998.
  3. ^ Pier Bergonzi, Retata in casa Festina in La Gazzetta dello Sport, 16 luglio 1998.
  4. ^ (EN) French Senate releases positive EPO cases from 1998 Tour de France in cyclingnews.com, 24 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cosimo Cito, Il fantasma del Galibier. Il Tour di Marco Pantani, Limina edizioni, 2010, ISBN 978-88-6041-066-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo