Tour de France 1910

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francia Tour de France 1910
Edizione
Data 3 luglio - 31 luglio
Partenza Parigi
Arrivo Parigi
Percorso 4 737 km, 15 tappe
Media 28,680 km/h
Classifica finale
Primo Francia Octave Lapize
Secondo Lussemburgo François Faber
Terzo Francia Gustave Garrigou
Cronologia
Edizione precedente
Tour de France 1909
Edizione successiva
Tour de France 1911

Il Tour de France 1910, ottava edizione della Grande Boucle, si svolse in quindici tappe tra il 3 e il 31 luglio 1910, per un percorso totale di 4 737 km. Fu vinto per la prima ed unica volta dal francese Octave Lapize, sul gradino più alto del podio di Parigi nell'unica occasione della carriera in cui riuscì, su sei partecipazioni totali, a terminare la corsa a tappe francese. Si trattò della settima vittoria di un corridore francese.

Lapize, sesto francese vincente nella Grande Boucle, totalizzò 63 punti e si classificò primo davanti al vincitore dell'edizione precedente, il lussemburghese François Faber (secondo classificato per la seconda volta dopo l'edizione del 1908 e al terzo ed ultimo podio, peraltro consecutivo, nel Tour) e al connazionale Gustave Garrigou (terzo classificato e al terzo podio nella Grande Boucle dopo aver colto due volte la seconda posizione nel 1907 e nel 1909).

Tappe[modifica | modifica wikitesto]

Tappa Data Percorso km Vincitore di tappa Leader cl. generale
3 luglio Parigi > Roubaix 272 Francia Charles Crupelandt Francia Charles Crupelandt
5 luglio Roubaix > Metz 398 Lussemburgo François Faber Lussemburgo François Faber
7 luglio Metz > Belfort 259 Francia Emile Georget Lussemburgo François Faber
9 luglio Belfort > Lione 309 Lussemburgo François Faber Lussemburgo François Faber
11 luglio Lione > Grenoble 311 Francia Octave Lapize Lussemburgo François Faber
13 luglio Grenoble > Nizza 345 Francia Julien Maitron Lussemburgo François Faber
15 luglio Nizza > Nîmes 345 Lussemburgo François Faber Lussemburgo François Faber
17 luglio Nîmes > Perpignano 216 Francia Georges Paulmier Lussemburgo François Faber
19 luglio Perpignano > Luchon 289 Francia Octave Lapize Lussemburgo François Faber
10ª 21 luglio Luchon > Bayonne 326 Francia Octave Lapize Lussemburgo François Faber
11ª 23 luglio Bayonne > Bordeaux 269 Francia Ernest Paul Lussemburgo François Faber
12ª 25 luglio Bordeaux > Nantes 391 Francia Louis Trousselier Lussemburgo François Faber
13ª 27 luglio Nantes > Brest 321 Francia Gustave Garrigou Francia Octave Lapize
14ª 29 luglio Brest > Caen 424 Francia Octave Lapize Francia Octave Lapize
15ª 31 luglio Caen > Parigi 262 Italia Ernesto Azzini Francia Octave Lapize
Totale 4 737

Resoconto degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta dalla creazione del Tour furono affrontati i Pirenei, con le ascese su Colle d'Aubisque, Colle d'Aspin, Col du Peyresourde e Tourmalet; di conseguenza fu anche la prima volta che il Tour fece tappa a Luchon, una piccola località ai piedi dei Pirenei. Altra innovazione di quest'edizione fu l'introduzione in corsa del camion balais ovvero il "camion-scopa", su cui salivano i ciclisti che si ritiravano dalla gara.

Tre squadre si affrontarono lungo il percorso, le francesi Alcyon-Dunlop e Le Globe e l'italiana Legnano, oltre a ottanta corridori "isolati", che correvano senza una squadra in appoggio.

Dopo il successo dell'edizione precedente, il favorito per la vittoria era ancora il lussemburghese François Faber che partì vincendo tre tappe tra il nord della Francia e le Alpi e conquistando la testa della classifica già alla seconda frazione. Ben presto si impose invece Octave Lapize, che già era riuscito a vincere a Grenoble.

Si arrivò alle salite pirenaiche, affrontate su strade strette e non asfaltate, con rapporto fisso in salita e impossibilità di ricevere assistenza in caso di incidenti. Lapize staccò Faber in salita, ma quest'ultimo riuscì a difendere il primato in classifica. Durante la scalata al Tourmalet, Lapize fu vittima di un incidente meccanico, con la rottura del manubrio. Non potendo riparare subito il danno, fu costretto ad affrontare a piedi l'intera discesa del colle pirenaico e, dopo aver riparato la bici, riuscì comunque a vincere la tappa. Celebri furono le parole che pronunciò nei confronti degli organizzatori dopo quella tappa: "Siete degli assassini!".

La rincorsa al primato di Lapize si concretizzò nella terz'ultima frazione, vinta da Gustave Garrigou, che a fine Tour fu nuovamente sul podio, occupando il terzo gradino. Lapize vinse anche la penultima frazione e suggellò così la vittoria finale della Grande Boucle. L'ultima tappa col tradizionale arrivo a Parigi fu appannaggio dell'italiano Ernesto Azzini mentre, per il secondo anno consecutivo, Aldo Bettini terminò al decimo posto in classifica generale finale.

All'arrivo di Parigi François Faber e Gustave Garrigou stabilirono il primato di essere stati i primi corridori della storia del Tour de France a salire sul podio in tre diverse edizioni. Faber diventò il primo corridore a stabilire questo primato in tre edizioni consecutive.

Al Tour de France 1910 parteciparono 110 corridori e 41 giunsero a Parigi. Il francese Adolphe Hélière morì durante un bagno in mare dopo la fine della sesta tappa.

Lapize, oltre a trionfare nella classifica generale, fu anche il corridore che ottenne il maggior numero di vittorie parziali di tappa, quattro sulle quindici totali, François Faber si fermò a tre successi parziali mentre Charles Crupelandt, Emile Georget, Ernest Paul, Julien Maitron, Louis Trousselier, Georges Paulmier, Gustave Garrigou ed Ernesto Azzini vinsero una tappa ciascuno.

Classifiche finali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica generale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Punti
1 Francia Octave Lapize Alcyon-Dunlop 63
2 Lussemburgo François Faber Alcyon-Dunlop 67
3 Francia Gustave Garrigou Alcyon-Dunlop 86
4 Belgio Cyriel Van Hauwaert Alcyon-Dunlop 97
5 Francia Charles Cruchon Indipendente 119
6 Francia Charles Crupelandt Le Globe 148
7 Francia Ernest Paul Indipendente 154
8 Francia Andrè Blaise Alcyon-Dunlop 166
9 Francia Julien Maitron Le Globe 171
10 Italia Aldo Bettini Alcyon-Dunlop 175

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport