Tour de France 1925

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francia Tour de France 1925
Tour de France 1925.png
Mappa del percorso
Edizione 19ª
Data 21 giugno - 19 luglio
Partenza Parigi
Arrivo Parigi
Percorso 5 430 km, 18 tappe
Tempo 219h10'18"
Media 24,775 km/h
Classifica finale
Primo Italia Ottavio Bottecchia
Secondo Belgio Lucien Buysse
Terzo Italia Bartolomeo Aymo
Cronologia
Edizione precedente
Tour de France 1924
Edizione successiva
Tour de France 1926

Il Tour de France 1925, diciannovesima edizione della Grande Boucle, si svolse in diciotto tappe tra il 21 giugno e il 19 luglio 1925, per un percorso totale di 5 430 km. Fu vinto per la seconda e ultima volta, consecutivamente, dall'italiano Ottavio Bottecchia, al terzo e ultimo podio, peraltro consecutivo, a Parigi (per lui pure la piazza d'onore nell'edizione del 1923). Si trattò, quindi, della seconda vittoria italiana al Tour, ottenuta con lo stesso corridore. Per il successivo trionfo italiano si dovrà attendere tredici anni.

Bottecchia terminò in 219h10'18", davanti al belga Lucien Buysse (secondo classificato e al secondo podio al Tour dopo il terzo posto dell'anno precedente) e al connazionale Bartolomeo Aymo (per la prima volta al podio della corsa a tappe francese come terzo classificato).

Tappe[modifica | modifica wikitesto]

Tappa Data Percorso km Vincitore di tappa Leader cl. generale
21 giugno Parigi > Le Havre 340 Italia Ottavio Bottecchia Italia Ottavio Bottecchia
22 giugno giorno di riposo
23 giugno Le Havre > Cherbourg 371 Francia Romain Bellenger Italia Ottavio Bottecchia
24 giugno giorno di riposo
25 giugno Cherbourg > Brest 405 Belgio Louis Mottiat Belgio Adelin Benoît
26 giugno Brest > Vannes 208 Lussemburgo Nicolas Frantz Belgio Adelin Benoît
27 giugno Vannes > Les Sables-d'Olonne 204 Lussemburgo Nicolas Frantz Belgio Adelin Benoît
28 giugno Les Sables-d'Olonne > Bordeaux 293 Italia Ottavio Bottecchia Belgio Adelin Benoît
29 giugno giorno di riposo
30 giugno Bordeaux > Bayonne 189 Italia Ottavio Bottecchia Italia Ottavio Bottecchia
1º luglio Bayonne > Luchon 326 Belgio Adelin Benoît Belgio Adelin Benoît
2 luglio giorno di riposo
3 luglio Luchon > Perpignano 323 Lussemburgo Nicolas Frantz Italia Ottavio Bottecchia
4 luglio giorno di riposo
10ª 5 luglio Perpignano > Nîmes 215 Belgio Theophile Beeckman Italia Ottavio Bottecchia
11ª 6 luglio Nîmes > Tolone 215 Belgio Lucien Buysse Italia Ottavio Bottecchia
12ª 7 luglio Tolone > Nizza 280 Belgio Lucien Buysse Italia Ottavio Bottecchia
8 luglio giorno di riposo
13ª 9 luglio Nizza > Briançon 275 Italia Bartolomeo Aymo Italia Ottavio Bottecchia
10 luglio giorno di riposo
14ª 11 luglio Briançon > Evian 303 Belgio Hector Martin Italia Ottavio Bottecchia
12 luglio giorno di riposo
15ª 13 luglio Evian > Mulhouse 373 Lussemburgo Nicolas Frantz Italia Ottavio Bottecchia
14 luglio giorno di riposo
16ª 15 luglio Mulhouse > Metz 334 Belgio Hector Martin Italia Ottavio Bottecchia
16 luglio giorno di riposo
17ª 17 luglio Metz > Dunkerque 433 Belgio Hector Martin Italia Ottavio Bottecchia
18 luglio giorno di riposo
18ª 19 luglio Dunkerque > Parigi 343 Italia Ottavio Bottecchia Italia Ottavio Bottecchia
Totale 5 430

Resoconto degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Henri Desgrange, organizzatore del Tour, fissò le regole per la costituzione delle squadre: ognuna doveva avere almeno dodici corridori e costituiva un'entità in cui i ciclisti potevano aiutarsi, sia per le vittorie di tappa sia per la vittoria finale.

Ottavio Bottecchia concentrò tutta la sua stagione su questo evento, diventando il quarto corridore della storia a vincere almeno due edizioni del Tour de France, dopo Lucien Petit-Breton, Firmin Lambot e Philippe Thys (quest'ultimo, in realtà, ne aveva vinti tre, rimanendo quindi il recordman di quell'epoca). Come accadde per Petit-Breton e per i primi due titoli di Thys, Bottecchia vinse consecutivamente le sue due edizioni del Tour de France.

Bottecchia fu in maglia gialla alla fine di tredici tappe sulle diciotto frazioni previste. Conquistò subito al termine della prima tappa il simbolo del primato, confermandolo anche alla fine della frazione seguente. Si fece sfilare la maglia dal belga Adelin Benoît dopo la terza tappa. Bottecchia tornò leader al termine della settima tappa, ma stavolta per un giorno soltanto: sempre Benoît tornò al comando della classifica generale. Ma, dopo un giorno di riposo, alla fine della nona tappa l'italiano riprese la maglia gialla, mantenendola poi fino a Parigi.

Bottecchia giunse per la terza volta consecutiva sul podio del Tour (fu secondo nel 1923 e primo nel 1924), eguagliando il primato di due vittorie consecutive nella corsa già detenuto dal francese Petit-Breton (1907-1908) e dal belga Thys (1913-1914). Successivamente l'italiano si ritirerà durante la decima tappa del Tour de France 1926. In totale ha portato la maglia gialla alla fine di ben trentaquattro tappe, nelle varie partecipazioni al Tour de France.

Al Tour 1925 parteciparono 130 corridori, divisi in dieci squadre più i cicloturisti, dei quali 49 giunsero a Parigi. Ottavio Bottecchia e il lussemburghese Nicolas Frantz furono i corridori che vinsero il maggior numero di frazioni, quattro ciascuno su un totale di diciotto tappe.

Per la prima volta nessun francese terminò tra i primi dieci della classifica generale.

Classifiche finali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica generale - Maglia gialla[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Italia Ottavio Bottecchia Automoto 219h10'18"
2 Belgio Lucien Buysse Automoto a 56'20"
3 Italia Bartolomeo Aymo Alcyon-Dunlop a 58'37"
4 Lussemburgo Nicolas Frantz Alcyon-Dunlop a 1h11'24"
5 Belgio Albert Dejonghe J.B. Louvet a 1h27'42"
6 Belgio Theophile Beeckman Thomann a 2h24'43"
7 Belgio Omer Huyse Armor-Dunlop a 2h33'38"
8 Belgio Auguste Verdyck Armor-Dunlop a 2h44'36"
9 Belgio Félix Sellier Alcyon-Dunlop a 2h45'59"
10 Italia Federico Gay Météore a 4h06'03"

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo