Rivendicazione territoriale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una rivendicazione territoriale è una dichiarazione legale di desiderato controllo di un'area.

Viene spesso usata da una nazione come casus belli contro un'altra: ad esempio, la Seconda Guerra Mondiale nacque da una rivendicazione della Germania sul "Corridoio di Danzica" che, passando per l'omonima città, avrebbe ricongiunto lo stato e l'exclave Prussia Orientale. Altre rivendicazioni tedesche erano quelle sul Lussemburgo e sull'Alsazia-Lorena. Rivendicazioni territoriali causarono anche le guerre balcaniche e la guerra Iran-Iraq.

Al giorno d'oggi, ci sono 7 stati (Nuova Zelanda, Norvegia, Cile, Argentina, Regno Unito, Australia e Francia) che reclamano il possesso dell'Antartide. Altre zone contese sono il Kashmir, disputato tra Pakistan e India e l'Isola Serranilla, contesa da Stati Uniti, Colombia, Honduras e Nicaragua.