Fiat Siena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat Siena
Fiat Siena.jpg
Fiat Siena prima serie
Descrizione generale
Costruttore Italia  FIAT
Tipo principale Berlina
Produzione dal 1996
Sostituisce la Fiat Duna
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.100 mm
Larghezza 1.626 mm
Altezza 1.445 mm
Passo 2.373 mm
Massa 1.070 kg
Altro
Assemblaggio Betim Brasile Brasile (Fiat Brazil)
Córdoba, Argentina Argentina (Fiat Argentina)
Bursa, Turchia Turchia (Tofaş)
Bielsko-Biała & Tychy, Polonia Polonia (FSM)
Pune, India India (Fiat India)
Saveh, Iran Iran (PIDF)[1]
Rosslyn, Sudafrica Sudafrica (Nissan)[2]
Casablanca, Marocco Marocco (SOMACA)[3]
Nampo, Corea del Nord Corea del Nord (Pyeonghwa)
Ho Chi Minh City, Vietnam Vietnam (Mekong)
La Victoria, Venezuela Venezuela (Fiat Venezuela)
Stile Giorgetto Giugiaro
Stessa famiglia Fiat Palio
Fiat Albea
Fiat Strada
Fiat Perla

La Fiat Siena è una vettura prodotta dalla casa automobilistica italiana Fiat, facente parte di un progetto di World car destinate ai paesi emergenti.

Prima generazione (dal 1996)[modifica | modifica sorgente]

Lanciata nel 1996 in Brasile, la Fiat Siena fa parte del Progetto 178 composto da una serie di autovetture (Siena, Palio, Albea) sviluppate sullo stesso progetto ma adattate alle varie realtà regionali in cui sono prodotte. La Siena in particolare è una berlina a tre volumi destinata principalmente ai mercati sudamericani. Le produzioni di questi modelli (tra loro collegati) è iniziato, nel 1996, negli stabilimenti brasiliani della Fiat, seguito da quelli situati in Argentina, Venezuela, Polonia, Marocco e Turchia. Con il nuovo secolo anche le unità produttive situate in India, Sudafrica, Egitto e Cina hanno iniziato a sfornare gli stessi modelli. Anche il costruttore della Corea del Nord Pyeonghwa Motors ha assemblato la Siena in CKD tra il 2002 ed il 2006.

Il telaio iniziale è di derivazione della Fiat Punto prima serie. Il design si deve alla matita di Giorgetto Giugiaro che ha disegnato una carrozzeria in 4.100 mm di lunghezza, 1.626 di larghezza e 1.445 di altezza.

I vari motori di cui poteva essere equipaggiata e che variavano a seconda della nazione di fabbricazione spaziavano tra i 1.200 e i 1.600 cm³ delle versioni con motore a benzina (tra cui il famoso FIRE) e tra i 1.700 e i 1.900 cm³ per i Diesel.

Il primo restyling del 2001[modifica | modifica sorgente]

Fiat Siena restyling del 2001

A 5 anni dal debutto, nel 2001, viene sottoposta ad un importante restyling frutto della matita di Giorgetto Giugiaro: a cambiare soprattutto il frontale che dispone di nuovi fari rettangolari con spigoli smussati, nuova mascherina che ingloba il marchio Fiat diventato di forma circolare a sfondo blu, nuovi paraurti anteriori e posteriori (che portano le dimensioni della vettura fino alla lunghezza di 4,135 metri) e passo della vettura incrementato fino 2,373 metri. Per gli interni debuttano rivestimenti di qualità migliore e plastiche più curate. Immutata la meccanica mentre per i motori debuttano i nuovi Fire sedici valvole 1.0 e 1.2. La produzione della nuova Siena ristilizzata parte in contemporanea sia in Sud America che nell'Europa dell'Est oltre che in altri stati dell'Asia. Nel novembre del 2001 parte anche la produzione in Cina assemblata grazie all'accordo Nanjing-Fiat: la gamma motori si compone del 1.2 Fire otto valvole da 60 CV e dal più potente 1.5 sempre otto valvole da 85 CV. In molti paesi dell'Est Europa la Siena viene sostituita dalla Fiat Albea, sostanzialmente la stessa vettura solo migliorata nei contenuti per adeguarsi agli standard europei. Il modello 2001 venne lanciato anche in India con la denominazione di Fiat Petra equipaggiata con motori benzina 1.2 Fire, il più grande 1.6 sedici valvole e col 1.9 diesel aspirato da 63 CV. La Petra veniva prodotta nello stabilimento di Pune insieme al modello Palio.

Aggiornamento 2004[modifica | modifica sorgente]

Come sull'Albea anche la Siena è stata modificata con il nuovo frontale più arrotondato. Questa versione è rimasta in produzione fino al 2012 insieme al modello aggiornato nel 2008 andando a rappresentarne una versione più economica.

Restyling 2008[modifica | modifica sorgente]

La Siena modello 2009 ristilizzata nel 2008

Nel 2008 al Montevideo Motor Show (Uruguay) viene presentata la Fiat Siena 2009, anch'essa come la Palio commercializzata con il nome dell'anno futuro all'effettiva messa in produzione iniziata nel 2008. La gamma, coperta nel segmento delle berline 3 volumi, viene completata dalla Fiat Palio berlina a 2 volumi, e dalla versione station wagon di essa (Palio Weekend) nonché dalla versione più alta da terra e rinforzata per la guida fuoristrada denominata "Locker". Sia la Weekend che la Locker condividono con la Siena lo stesso frontale.

Il nuovo modello non sostituisce completamente quello vecchio, il quale viene ancora attualmente commercializzato con il nome "Siena Fire Flex" che copre una fascia più economica.

Seconda generazione (dal 2012)[modifica | modifica sorgente]

Nascita della nuova serie[modifica | modifica sorgente]

Dopo 14 anni di produzione e oltre 813 mila esemplari venduti nella primavera del 2012 viene presentata la seconda generazione della Siena completamente riprogettata. A differenza della vecchia serie la nuova resta imparentata nella meccanica con la nuova Palio ma a livello di estetica viene differenziata in modo notevole dalla due volumi perché il target della vettura è rivolto ad un pubblico più adulto e classico come le famiglie (rispetto alla Palio destinata più ai giovani). Un'altra novità avviene anche nella denominazione della vettura ribattezzata Grand Siena per distinguerla dalla precedente serie rimasta in produzione; la stessa strategia è stata adottata con la terza serie di Punto nel 2005 ribattezzata Grande Punto durante la presentazione. Inoltre l'aggettivo Grand riferito alla Siena sottolinea l'incremento delle dimensioni della vettura rispetto alla precedente serie.

Frutto del progetto 326 3V (tre volumi) la nuova Grand Siena è stata progettata utilizzando la nuova piattaforma Low Cost come base debuttata con la Fiat Uno nel 2010 e ripresa l'anno seguente dalla Palio; sotto la Siena il passo della piattaforma è stato incrementato fino a 2,511 metri in modo da ottenere un abitacolo più spazioso. Con la nuova Siena vengono utilizzati anche dei processi produttivi più efficienti già inaugurati con la Palio di seconda generazione e vengono utilizzati in maggior percentuale gli acciai alto-resistenziali.

Il design[modifica | modifica sorgente]

Lo stile della vettura è opera del Centro Stile Fiat di Torino in collaborazione col centro stile brasiliano: il design riprende il family feeling della casa ispirandosi ai modelli Punto e Bravo. In particolare il frontale possiede fanali a goccia con una presa d'aria nella parte bassa e una calandra cromata, nella fiancata è presente una nervatura che risale lungo il montante posteriore mentre nella coda il cofano del baule è stato disegnato in modo da accennare nella forma ad uno spoiler, i fanali possiedono una forma più spigolosa con la targa alloggiata sul paraurti. Il marchio Fiat posteriore funge anche da pulsante per aprire il bagagliaio. Il logo Grand Siena non è presente per esteso: sul bagagliaio è presente solo il fregio Siena mentre sui montanti laterali delle porte posteriori è presente la targhetta Grand. Lungo la fiancata sulle versioni di punta sono presenti delle cromature che rendono l'aspetto della vettura più elegante.

Se esteticamente non sono presenti elementi in comune con la Palio nell'abitacolo si notano alcune somiglianze soprattutto nella disposizione dei comandi: il disegno della plancia è arrotondato, rispetto alla Palio cambia la forma dei diffusori d'aria centrali e alcune rifiniture di qualità maggiore. Rispetto al vecchio modello migliora notevolmente anche l'insonorizzazione mentre i sedili sono più leggeri di 20 kg grazie all'utilizzo di materiali più leggeri. Cinque i posti e bagagliaio più amplio che raggiunge il volume minimo di 520 litri. La nuova strumentazione realizzata da Fiat e Magneti Marelli possiede la funzione Welcome Moving ovvero gli elementi che la compongono si muovono appena la vettura viene messa in moto. Sotto il profilo della sicurezza la nuova Siena dispone di serie dell'ABS e dell'EBD oltre a due airbag. Optional il sensore pioggia, fari e i sensori di parcheggio più il cruise control. I modelli di punta posso essere equipaggiati anche con l'impianto audio con bluetooth e ingresso Aux e USB e climatizzatore oltre ai cerchi in lega.

La meccanica[modifica | modifica sorgente]

A livello di meccanica vengono utilizzate sospensioni a ruote indipendenti MacPherson all'avantreno comune ai modelli Palio e Uno mentre al retrotreno viene utilizzata la stessa sospensione della Punto brasiliana a ruote interconnesse con ponte torcente che rispetto allo schema adottato della Palio è più adatta alle dimensioni generose della Siena, inoltre la carreggiata posteriore è più ampia. I freni sono anteriori a disco autoventilati e posteriori a tamburo. La produzione del modello avviene in Brasile nello stabilimento di Betim e in Argentina nello stabilimento di Cordoba. Attualmente viene venduta solo in Sud America e non è prevista l'esportazione in Europa.

Gli unici motori disponibili sono il 1.4 Fire Evo Tetrafuel (quattro alimentazioni) in grado di funzionare a benzina, etanolo, miscela benzina ed etanolo e infine a gas naturale GPL. A seconda del carburante eroga da 85 a 88 CV. Il cambio è manuale a 5 rapporti. Il secondo motore è il 1.6 16 valvole E.torQ Flex da 115 CV a benzina e 118 CV ad etanolo disponibile sia con cambio manuale che autonatico Dualogic a 6 rapporti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Fiat to start CKD assembly of Siena in Iran". Auto Business News. 2008-07-07.
  2. ^ Fiat. Fiat In South Africa, Car-cat.com. URL consultato il 16 luglio 2010.
  3. ^ Somaca Casablanca, Somaca.e-monsite.com. URL consultato il 19 aprile 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili