Fiat Stilo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat Stilo
Fiatstilofront.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Fiat
Tipo principale Berlina 2 volumi
Altre versioni Station wagon
Van
Produzione dal 2001 al 2010
Sostituisce la Fiat Bravo/Brava
Sostituita da Fiat Bravo
Euro NCAP (2005[1]) 4 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza da 4.185 a 4.516 mm
Larghezza da 1.756 a 1.784 mm
Altezza da 1.475 a 1.570 mm
Passo 2.600 mm
Massa da 1.090 a 1.430 kg
Altro
Assemblaggio Cassino (Italia)
Betim (Brasile)
Altre antenate Fiat Marea (station wagon)
Fiat Marengo (van)
Auto simili Citroën C4
Ford Focus
Honda Civic
Mazda 3
Opel Astra
Peugeot 307
Renault Mégane
SEAT León
Toyota Corolla
Volkswagen Golf
Stilorear.jpg

La Fiat Stilo (Progetto 192[2]) è un modello di automobile di classe media costruito dalla casa automobilistica italiana Fiat dal 2001 al 2010.

Presentata al Salone dell'automobile di Ginevra nel marzo 2001[3] come erede delle vetture di gamma media Bravo e Brava, in seguito sostituirà anche la Marea per quanto riguarda la versione station wagon.

Per il mercato europeo è stata costruita in Italia, negli stabilimenti Fiat di Cassino dal 2001 al 2008, mentre in Brasile, nello stabilimento di Betim, è stata prodotta per il Sud America dal 2002 al 2010.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La Stilo viene proposta fin dall'inizio in due varianti di carrozzeria, nettamente differenti tra loro nella parte posteriore: più slanciata e sportiva la 3 porte, più "familiare" la 5 porte, caratterizzata tra l'altro da un'altezza superiore alla media, che la avvicina per versatilità alle monovolume medie (come, per esempio, la Renault Scénic). Inizialmente i motori disponibili sono tre unità a benzina (un 1.600 cm³ 16 valvole da 103 cavalli, un 1.800 cm³ 16 valvole da 133 cavalli e un 2.400 cm³ 20 valvole da 170 cavalli per l'allestimento sportivo Abarth), e una a gasolio (il turbodiesel 1.910 cm³ JTD da 116 cavalli). Nel gennaio 2002 si aggiungono due motorizzazioni di base: un 1.200 cm³ a benzina da 80 cavalli con cambio a 6 marce e un 1.910 cm³ JTD depotenziato di pari potenza. Tra le caratteristiche salienti di questa autovettura vi è il servosterzo con guida elettrica, noto con l'acronimo EPS (Electric Power Steering). Come già in precedenza sulla Fiat Punto del 1999, questo sistema permette anche di alleggerire ulteriormente lo sforzo richiesto al guidatore durante le manovre di parcheggio o la marcia a bassa velocità, opzione che può essere attivata mediante un tasto posizionato sulla plancia, caratterizzato dalla scritta "CITY".

Mercato e versioni successive[modifica | modifica wikitesto]

La Fiat Stilo viene immessa nel mercato a partire dall'ottobre 2001, in concorrenza con affermate vetture quali Volkswagen Golf e Ford Focus, oltre che con la neonata Peugeot 307, cui la Stilo assomiglia molto per l'altezza superiore alla norma. La Stilo viene apprezzata soprattutto per la sua versatilità interna, per le buone motorizzazioni Diesel e per gli equipaggiamenti ricchi di novità tecnologiche.

La Fiat Stilo 5 porte my2004.

A novembre 2002 (in concomitanza con un lieve aggiornamento della gamma e la risoluzione di alcuni difetti di gioventù) cominciano le vendite della versione station wagon, denominata "Stilo Multiwagon", che andrà a sostituire nei listini la Fiat Marea Weekend; tale versione riscuote interesse, grazie ai suoi 1600 litri di capacità massima di carico abbinati a una discreta compattezza.

A fine 2003 viene presentato il modello per l'anno 2004: lievi aggiornamenti estetici, un affinamento delle rifiniture e due nuovi motori: un 1.368 cm³ a benzina da 95 cavalli, in luogo del 1.242 cm³, e un potente turbodiesel "Multijet" da 1.9 litri e 140 cavalli (già apprezzato sulla 147).

A novembre 2004 la gamma diesel si arricchisce ulteriormente del 1.900 cm³ JTD da 100 cavalli, mentre debutta una speciale versione sportiva (con allestimento di carrozzeria specifico) dedicata al campione del mondo di Formula 1 Michael Schumacher; il motore 2,4 litri da 170 cavalli è ora disponibile anche con cambio manuale a 5 rapporti (in precedenza era abbinato al solo Selespeed) negli allestimenti Abarth e Schumacher.

Nel corso del 2005 il motore diesel da 1,9 litri JTD da 115 cavalli viene sostituito dal più moderno 1.9 Multijet da 120 cavalli (a 8 valvole, 2 per cilindro), mentre la versione da 140 cavalli (16 valvole, 4 per cilindro) viene portata a 150 cavalli. A fine anno un 1.600 da 105 cavalli omologato Euro 4 di provenienza Opel-GM prende il posto del precedente 1.600 cm³ da 103 cavalli.

Fiat Stilo Multiwagon Giardinetta my2006

L'ultimo aggiornamento disponibile è il modello per l'anno 2006, presentato ad inizio anno e caratterizzato principalmente da una nuova griglia frontale cromata e da nuove rifiniture ed allestimenti; dall'introduzione (per il mercato italiano, dato che all'estero è già presente da diversi mesi) della versione Uproad, un allestimento della Multiwagon con aspetto quasi da SUV, ma senza la trazione integrale, disponibile solo a gasolio e in seguito denominata Giardinetta; dall'uscita di scena (causa prossimo pensionamento di tutta la gamma) delle motorizzazioni benzina 1,8 e 2,4 litri. Ora tutta la gamma Stilo rispetta le normative antinquinamento Euro 4.

È stata sostituita dalla nuova Bravo, entrata in produzione nel gennaio 2007 e costruita sul medesimo pianale; la versione Multiwagon, in assenza di una diretta sostituta magari basata sulla Bravo, rimane in produzione ancora fino al 2008.

In Brasile, dove viene prodotta esclusivamente la versione berlina a 5 porte e con alcune motorizzazioni specifiche, la Stilo subisce un ulteriore aggiornamento per l'anno 2008, per poi uscire definitivamente di produzione nel settembre del 2010.

Motorizzazioni[4][modifica | modifica wikitesto]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata Potenza Coppia Massima Emissioni CO2
(g/km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(km/h)
Consumo medio
(km/l)
1.2 F.I.R.E. 16V 80 da inizio 2002 a fine 2003 4 cilindri in linea, Benzina 1242 cm³ 59 kW (80 CV) @5000 giri/min 114 N·m @4000 giri/min -- 13.4 172 15.8
1.4 F.I.R.E. 16V 95 da inizio 2004 4 cilindri in linea, Benzina 1368 cm³ 70 kW (95 CV) @5800 giri/min 128 N·m @4500 giri/min 153 12 180 15.3
1.6 Torque 16V 103 dal debutto a fine 2005 4 cilindri in linea, Benzina 1596 cm³ 76 kW (103 CV) @5750 giri/min 145 N·m @4000 giri/min -- 10.9 183 13.3
1.6 Ecotec 16V 105 da fine 2005 4 cilindri in linea, Benzina 1598 cm³ 77 kW (105 CV) @6200 giri/min 150 N·m @3900 giri/min 159 12 185 14.9
1.8 Pratola Serra 16V 133 dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina 1747 cm³ 98 kW (133 CV) @6400 giri/min 162 N·m @3500 giri/min -- 9.5 203 12.5
2.4 Pratola Serra 20V 170 da fine 2003 5 cilindri in linea, Benzina 2446 cm³ 125 kW (170 CV) @6000 giri/min 221 N·m @3500 giri/min -- 8.5 217 10.3
2.4 Pratola Serra 20V 170 Selespeed dal debutto 5 cilindri in linea, Benzina 2446 cm³ 125 kW (170 CV) @6000 giri/min 221 N·m @3500 giri/min -- 8.5 217 10.3
1.9 JTD 8V 80 da inizio 2002 a fine 2003 4 cilindri in linea, Diesel 1910 cm³ 59 kW (80 CV) @4000 giri/min 196 N·m @1500 giri/min -- 12.9 172 18.5
1.9 JTD 8V 100 da fine 2003 4 cilindri in linea, Diesel 1910 cm³ 73.5 kW (100 CV) @4000 giri/min 200 N·m @2000 giri/min -- 11.6 183 18.8
1.9 JTD 8V 115 dal debutto a fine 2005 4 cilindri in linea, Diesel 1910 cm³ 85 kW (116 CV) @4000 giri/min 255 N·m @2000 giri/min 143 (149 MW) 10.3 193 18.8
1.9 Multijet 8V 120 da fine 2005 4 cilindri in linea, Diesel 1910 cm³ 88 kW (120 CV) @4000 giri/min 255 N·m @2000 giri/min 140 10.7 194 18.8
1.9 Multijet 16V 140 da fine 2003 a fine 2005 4 cilindri in linea, Diesel 1910 cm³ 103 kW (140 CV) @4000 giri/min 305 N·m @2000 giri/min -- 9.2 207 17.8
1.9 Multijet 16V 150 da fine 2005 4 cilindri in linea, Diesel 1910 cm³ 110 kW (150 CV) @4000 giri/min 305 N·m @2000 giri/min 149 8.8 209 17.8

La FIAT Stilo nel modellismo[modifica | modifica wikitesto]

La FIAT Stilo è stata riprodotta da vari costruttori, di seguito un elenco non esaustivo. In versione 5 porte, dalla Maisto (scala circa 1:32) a retrocarica, dalla italiana Giocher (scala 1:43, versioni civile, taxi e altre), e in scala 1:43 per le collezioni De AgostiniPolizia” (in livrea, n.35) e “Carabinieri” (in livrea, n.40, e blu “trasporto ufficiali”, n.59). La FIAT Stilo Multiwagon è stata prodotta dalla francese Norev, in scala 1:43 e in scala più piccola. In scala 1:43 è stata riprodotta dapprima come promozionale, poi da edicola, tra cui per le collezioni edite in Italia Hachette “FIAT Story collection”, rossa (n.044) e “Auto italiane da collezione” in verde scuro metallizzato (n.55). Riproduzioni della versione 3 porte sono state realizzate sempre dalla Norev (varie versioni), tra cui promozionale e da edicola: per “Auto italiane da collezione” in bianco (n.50) e per “FIAT Story collection” in blu (n.50). La New Ray l’ha riprodotta in scala circa 1:30 (anche in “kit”), a retrocarica. La Hongwell/Cararama l'ha riprodotta a 3 porte in varie versioni, fra cui Polizia Locale di Milano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Test EuroNCAP
  2. ^ Fiat "192 Project" SI PRESENTA ON-LINE in Quattroruote, 12 febbraio 2001.
  3. ^ Nestore Morosini, Arriva la Fiat Stilo sostituirà Bravo e Brava. La vetrina a Ginevra in Corriere della Sera, 15 febbraio 2001, p. 19. URL consultato il 03-12-2009.
  4. ^ Precios de Fiat Stilo in km77.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili