Fiat Tipo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat Tipo
Tipo Hatchback 1.9 TD.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Fiat
Tipo principale Berlina 2 volumi
Produzione dal 1988 al 1995
Sostituisce la Fiat Ritmo
Sostituita da Fiat Bravo/Brava
Esemplari prodotti 1.905.276
Premio Auto dell'anno nel 1989
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3.958 mm
Larghezza 1.700 mm
Altezza 1.435 mm
Passo 2.540 mm
Massa da 1030 (1.4) a 1190 ( 2.0 16V) kg
Altro
Progetto Vittorio Ghidella
Stile Ercole Spada
per I.De.A Institute
Stessa famiglia Alfa Romeo 145, 146 e 155
Fiat Coupé e Tempra
Lancia Delta II e Dedra
Auto simili Citroën ZX
Ford Escort
Honda Civic
Opel Kadett & Astra
Peugeot 309 & 306
Renault 19
Rover 200
Volkswagen Golf
Fiat Tipo 1.4L rear.JPG

La Fiat Tipo è un'autovettura appartenente al segmento C prodotta dalla casa automobilistica italiana FIAT dal 1988 al 1995.

Voluta dall'allora amministratore delegato Vittorio Ghidella come erede della Fiat Ritmo, il progetto interno la identificava come Tipo Due, per indicare una collocazione a metà strada tra la Tipo Uno (Fiat Uno) e la Tipo Tre (Fiat Tempra). Il numero del modello è 160.[senza fonte]

La Fiat Tipo è stata Auto dell'anno nel 1989 per le sue innovazioni tecnologiche.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Presentata al pubblico il 26 gennaio del 1988, i dieci modelli che ne fuorono prodotti vennero tutti dallo stabilimento Fiat di Cassino, capace di assemblare 1000 macchine al giorno attraverso una tecnologia allo stato dell'arte per macchinari di lavorazione e materiali usati per la costruzione delle auto.
Soltanto dal 1989 al 1990 pochi esemplari sono stati prodotti anche nello Stabilimento Alfa Romeo di Pomigliano d'Arco per garantire un adeguato livello occupazionale. I modelli per il mercato sud americano sono stati prodotti nello stabilimento di Betim in Brasile.

Dopo una prima rivisitazione meccanica ed estetica, principalmente nel frontale e negli interni nel marzo 1993, quando vengono introdotte molte migliorie soprattutto sotto il profilo della sicurezza automobilistica, nella tarda estate del 1995 la Tipo è stata sostituita dalla Fiat Bravo/Brava (realizzate su un'evoluzione del pianale della Tipo denominato Pianale Fiat C) rimanendo in produzione per poco tempo ancora solo per il mercato brasiliano.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Fiat Tipo 2.0 i.e. 16V

La Tipo è stata la prima Fiat di grande serie ad adottare la carrozzeria completamente zincata. Fra i punti di forza della Tipo vi erano la versatilità di impiego, lo spazio interno in rapporto alle dimensioni esterne, ed un'impostazione stilistica semplice ed allo stesso tempo molto innovativa per l'epoca, caratterizzata dalla presenza di linee slanciate, dall'ampia vetratura e da altri particolari legati ad esigenze di tipo funzionale.

A tal proposito, degno di nota è il portellone posteriore, realizzato in vetroresina per poterlo sagomare a piacimento, molto arrotondato per i tempi e con conseguente diminuzione di peso; il cui disegno, assieme agli smussi degli spigoli e alle rotondità (vedi montante parabrezza che curva verso il tetto senza fare angolo) contribuisce all'efficienza aerodinamica della vettura. Nella classica conformazione berlina a 5 porte la Tipo aveva l'abitacolo più ampio della sua classe ed un capiente bagagliaio (350 dm3), e, soprattutto, una migliore qualità di costruzione e una forma ben differente dallo stile europeo offerto dalle dirette concorrenti del periodo.

Il progetto della Tipo, con il suo innovativo telaio modulare, ha dato origine ad altri modelli del Gruppo, come la Fiat Tempra, la Lancia Dedra e l'Alfa Romeo 155 ed è stato utilizzato anche come base per il progetto della Fiat Coupé, delle Alfa Romeo 145, 146, Spider e GTV e della Lancia Delta seconda serie. Il pianale è stato apprezzato per la buona rigidità, che offriva una maggiore stabilità rispetto alla Ritmo.

Prima serie (01/1988 - 03/1993)[modifica | modifica sorgente]

La Fiat Tipo inizialmente fu offerta con 3 motorizzazioni benzina e 2 Diesel; il 1.1 fire, il 1.4 e il 1.6 benzina avevano alimentazione a carburatore. Le motorizzazioni a gasolio comprendevano un 1.7 diesel e un 1.9 diesel con turbo e intercooler da 90 cavalli e 186 nm di coppia disponibili già a 2400 giri. Questo motore era uno dei più potenti della categoria: per questo motivo la Turbodiesel, denominata fino al 1991 T.ds, era presentata dalla Fiat come la versione più sportiva delle gamma Tipo; era inoltre l'unica versione che montava il paraurti anteriore a bocca ampia e l'unica a poter montare i fendinebbia a richiesta (che per le altre versioni, almeno inizialmente, non erano previsti, una vera stranezza Fiat che ha relegato questo accessorio solo al paraurti più sportivo). La T.ds era, almeno nel primo periodo di commercializzazione, l'unica versione che poteva montare, a richiesta, l'ABS a quattro canali.

Nel 1989 fu proposta anche la motorizzazione 1.8 i.e. ad iniezione elettronica multipoint, con doppio albero a camme in testa e testata a quattro valvole per cilindro da 136 cavalli. Questa motorizzazione andava ad equipaggiare la versione sportiva della gamma Tipo, la i.e. 16v: inoltre fu disponibile, col vestito della i.e. 16v, anche la versione speciale "T.ds X" . L'anno seguente, nel 1990, si aggiunsero anche la versione ad otto valvole del 1.8 i.e. (110 cavalli) ed il 2.0 i.e. ad otto valvole, sempre bialbero e con iniezione elettronica multipoint da 113 cavalli. In quello stesso anno debuttarono inoltre la 1.9 diesel con 65 CV (disponibile nella sola versione DGT), la Selecta, equipaggiata con il cambio CVT a variazione continua dei rapporti e motorizzata dal 1.4 e dal 1.6, e delle versioni Granturismo, dall'allestimento più sportivo, disponibile nelle versioni 1.8 e 2.0 8v e T.ds. Abbiamo poi l'introduzione dell'AGT, cioè una DGT con strumentazione analogica (ovviamente sulla targhetta sul parafango c'era la scritta AGT), per accontentare la clientela più tradizionalista che non voleva passare alle scarne versioni Base per avere la classica strumentazione a lancette, oltre ad essere meno completa sulle stesse.

Il 1991 fu invece l'anno della 2.0 i.e. 16v, meglio nota come Sedicivalvole o Duemilasedici, nuova versione sportiva della gamma che ereditava interamente la veste estetica della i.e. 16v, ad eccezione del volante, della calandra e dei cerchi in lega.

Sotto il profilo della sicurezza la Tipo era dotata fin dall'origine di poggiatesta anteriori, cinture di sicurezza anteriori e posteriori, barre antintrusione nelle porte anteriori, longheroni del motore a deformazione programmata e ABS (a due o quattro canali) a richiesta su quasi tutte le versioni e di serie sulla 2.0 16v.

Al lancio sul mercato, la Tipo era disponibile in due allestimenti, Base e Digit; tuttavia, per evitare problemi con Citroën, che in listino aveva una versione della Citroën BX chiamata Digit, la Fiat scelse di cambiare la denominazione dell'allestimento della propria media in DGT. Per quello che riguardava le dotazioni, già dalla versione Base erano offerti di serie accessori come tergilunotto, lunotto termico, tergicristalli a quattro velocità, predisposizione audio e fari alogeni. Le versioni DGT aggiungevano a queste dotazioni alzacristalli elettrici anteriori, chiusura centralizzata, volante regolabile in altezza, interni più rifiniti ed in velluto, parte inferiore dei paraurti verniciata in tinta con la carrozzeria e frecce anteriori bianche. Caratteristica di questo allestimento era la strumentazione digitale a cristalli liquidi con regolazione dell'illuminazione e check panel. La T.ds era anch'essa basata sull'allestimento DGT, rispetto al quale montava in più i freni a tamburo posteriori maggiorati ed il servosterzo.

Nel 1991 ci fu un aggiornamento della gamma, con l'eliminazione della motorizzazione Fire 1.1; gli allestimenti divennero Base (immutato rispetto al 1988), S (simile all'AGT ma con strumentazione semplificata), SX (analogo alle DGT ma con la possibilità di scegliere senza sovrapprezzo se equipaggiare la propria vettura con la strumentazione analogica o con quella digitale) e GT (identico alle SX e riservato alle motorizzazioni più potenti). Tutte le versioni riportavano ora l'indicazione della cilindrata sul portellone posteriore.

Motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Modello
(Anni prod.)
Cilindrata
cm³
Potenza
KW/CV-rpm
Coppia
Nm-rpm
Velocità
Km/h
0–100 km/h
s
Peso
kg
Note
Motorizzazioni a benzina
1.1 FIRE
(02/88-04/90)
1.108 41/56-5500 87 150 16.20 950 allestimenti base, DGT, Smart.
1.4
(02/88-09/91)
1.372 52/71-6000 106 167 12.60 990 allestimenti base, AGT, DGT, Europa (con normative anti inquinamento), Selecta DGT (Cambio Automatico CVT)
1.4
(10/90-10/92)
1.372 56/76-6000 106-2900 171 12.00 990 allestimenti Base, AGT, Clip, S, Selecta DGT (Cambio Automatico CVT), SX, York, York DGT
1.4 i.e.
(09/91-04/93)
1.372 51/69-6000 106-3000 165 13.00 990 allestimenti Base, S, SX, AGT, Clip, Europa DGT
1.6
(03/90-05-/90)
1.581 60/82-6000 130 177 12.00 1.000 allestimenti AGT, DGT
1.6
(08/90-09/92)
1.581 62/86-6000 130 180 11.60 1.000 allestimenti Selecta DGT, Selecta SX, SX, York DGT, AGT, DGT, Moonlight, S, Selecta
1.6 i.e.
(09/91-01/93)
1.581 57/78-6000 124-3000 175 12.40 1.020 allestimenti Base, S, Selecta SX, SX, AGT, Suite
1.6 i.e.
(01/93-04/93)
1.581 55/75-6000 124-3000 170 12.40 1.020 allestimenti Base, S, Suite
1.8 i.e.
(08/90-09/92)
1.756 80/108-6000 140 190 10.30 1.100 DOHC e iniezione elettronica multipoint con allestimenti AGT, DGT, SX
1.8 i.e.
(02/92-04/93)
1.756 77/105-6000 140 185 11.80 1.100 DOHC, iniezione elettronica multipoint e normativa Euro I con allestimenti GT
1.8 i.e.
16 Valvole
(11/89-06/92)
1.756 100/136-6250 164 204 8.50 1.100 DOHC e iniezione elettronica multipoint
2.0 i.e
(08/90-04/93)
1.995 83/113-6250 156 190 10.50 1.150 DOHC, iniezione elettronica multipoint e normativa Euro 1 con allestimenti Automatica GT, DGT, GT,
2.0 i.e
16 Valvole
(03/91-04/93)
1.995 107/145-6250 173 208 8.20 1.180 DOHC, iniezione elettronica multipoint e normativa Euro 1
Motorizzazioni diesel
1.7 D
(02/88-04/93)
1.697 42/58-4600 98-2900 150 16.80 1.050 allestimenti Base, DGT, Eco(con normativa Euro 1)
1.9 D
(10/90-04/93)
1.929 48/65-4600 119-2000 160 15.50 1.090 allestimenti DGT, Eco S (con normativa Euro 1), S
1.9 TD
(02/88-04/93)
1.929 66/90-4100 186-2400 175 11.50 1.160 Iniezione indiretta di gasolio con Turbo Wastgate e Intercooler e allestimenti DGT, Eco GT(Euro 1), Eco Mania(Euro 1), S, X, GT

Allestimenti[modifica | modifica sorgente]

Gli allestimenti e la dotazione di serie della Fiat Tipo Prima Serie (1988-1993):

  • Base (1988-1993)
  • DGT (1988-1991): strumentazione digitale, vetri elettrici anteriori, check panel, chiusura centralizzata, interni in velluto, volante regolabile in altezza, colorazione dei paraurti parzialmente in tinta carrozzeria, frecce anteriori bianche, fregio laterale con la scritta DGT (nel caso della Turbodiesel il fregio laterale recava la scritta T.ds).
  • AGT (1990-1991): strumentazione analogica, vetri elettrici anteriori, chiusura centralizzata, interni in tessuto Pied de poule, colorazione dei paraurti parzialmente in tinta carrozzeria, frecce anteriori bianche.
  • GT (1990-1993): servosterzo idroguida, cornici lato finestrino nere, sedili profilati sportivi, contagiri, cinture regolabili in altezza, vetri elettrici ant., check panel, vetri atermici, chiusure centralizzate, fendinebbia, pneumatici 185/60 R14 H.
  • i.e. 16v (1989-1992): montanti delle porte rivestiti in nero, sedili profilati sportivi, strumentazione analogica con contagiri, manometro e termometro dell'olio e check panel, cinture regolabili in altezza, volante "sportivo" specifico per il modello, vetri elettrici anteriori, servosterzo, vetri atermici, chiusura centralizzata, fendinebbia, profili rossi sui paraurti, presa d'aria inferiore maggiorata e cerchi in lega cromati da 14' a quattro razze.
  • S (1991-1993): strumentazione analogica, vetri elettrici anteriori, chiusura centralizzata, interni in tessuto Pied de poule, colorazione dei paraurti parzialmente in tinta carrozzeria, frecce anteriori bianche.
  • SX (1991-1993): strumentazione analogica o digitale a richiesta senza sovrapprezzo, vetri elettrici anteriori, check panel, chiusura centralizzata, interni in velluto, volante regolabile in altezza, colorazione dei paraurti parzialmente in tinta carrozzeria, frecce anteriori bianche,
  • Sedicivalvole (1991-1993): cornici lato finestrino nere, sedili profilati sportivi, strumentazione analogica con contagiri, manometro e termometro dell'olio e check panel, cinture regolabili in altezza, vetri elettrici anteriori, servosterzo, volante "sportivo" specifico per il modello in pelle (simile a quello della Uno Turbo seconda serie) e pomello cambio in pelle, vetri atermici, chiusura centralizzata, fendinebbia, profili rossi sui paraurti, pneumatici 185/55 R 15 V e cerchi in lega cromati da 15' a cinque razze bicolore, volante sportivo.

Le versioni speciali della Fiat Tipo Prima Serie:

  • T.ds X (1989): la dotazione di accessori prevede strumentazione analogica con contagiri,sedili sportivi, volante sportivo a tre razze, manometro dell'olio, manometro del turbocompressore e check panel, cinture regolabili in altezza (solo per i mercati esteri) , vetri elettrici anteriori, servosterzo, vetri atermici, chiusura centralizzata,due specchietti esterni neri, paraurti anteriore e posteriori nero con inserti rossi e fendinebbia(uguali a quelli del 16v).
  • Smart (1990): nuova denominazione della 1.1 Base.
  • York (1990): disponibile in versione 1.4, 1.4 DGT e 1.6 DGT, con modifiche ai motori studiate per ridurre consumi ed emissioni, è riconoscibile per lo spostamento del filtro dell’aria a lato del motore.
  • Moonlight (1991): realizzata sulla base della 1.6 AGT, si caratterizza per il tetto apribile in tela ad azionamento elettrico lungo tutto il padiglione, rivestimenti specifici, coppe ruota di disegno particolare, adesivi "Moonlight" ed infine paraurti e retrovisori interamente in tinta con la carrozzeria, disponibile solo nel colore bordeaux metallizzato.
  • Clip (1992) : versione intermedia fra S ed SX, disponibile nelle versioni 1.4 e 1.4 i.e..
  • Suite (1992) : prevista nella versione 1.6 i.e. catalitica EURO 1 da 75cv (negli altri mercati europei era disponibile anche 1.4 o 1.8, sempre i.e. cat), ha come base di partenza l'allestimento SX. Pensata per migliorare il livello di qualità relativo alla produzione, presentava finiture di alto livello.[1] Di serie sono offerti il servosterzo, il climatizzatore (punto di forza della campagna pubblicitaria), cristalli aterminici, gli interni in tessuto speciale oppure (a richiesta) in pelle nera o bordeaux, i retrovisori a regolazione elettrica in tinta vettura con sbrinamento, le cinture regolabili in altezza, la regolazione del sedile guida in altezza e lombare, volante in pelle "sportivo" specifico per il modello (diverso dalla sedicivalvole) con corona in pelle nera per interni in tessuto o pelle nera, oppure bordeaux in tinta con interni bordeax, così come il pomello del cambio e la cuffia della leva freno a mano sempre in pelle nera o bordeaux, cerchi in ferro con borchie da 14" e pneumatici 165/65 R14. Il volante era disponibile anche con corona in legno.

Optional per tutte le versioni erano: cristalli atermici, condizionatore, servosterzo, tettuccio apribile manuale o elettrico, specchietto supplementare esterno destro, specchietto supplementare esterno destro regolabile elettricamente ed entrambi con resistenza per lo sbrinamento, regolazione sedile guida in altezza, sedile guida riscaldato, sedile posteriore sdoppiato, pneumatici ribassati 165/65 R14 (di serie 165/70 R13), tergifari, vernice metallizzata, cinture posteriori con arrotolatore.

Seconda serie (04/1993 - 10/1995)[modifica | modifica sorgente]

Frontale di una Tipo seconda serie

Nella primavera del 1993 fu messa in vendita la seconda serie della Tipo che condivideva parte dei motori con la serie precedente, però aggiornati e rivisti in ossequio alla normativa anti-inquinamento Euro I. La nuova Tipo introduceva nuove finiture, particolarmente curate negli allestimenti superiori come la HSD, e nuovi interni, con una plancia più arrotondata ed i pannelli porta della Fiat Tempra. All'esterno furono adottati fari e calandra arrotondati e più sottili; la calandra aveva il logo Fiat di dimensioni ridotte sulla parte superiore ed una presa d'aria su quella inferiore.

La nuova Tipo fu rivista principalmente sotto il punto di vista della sicurezza automobilistica, con l'adozione di nuove barre anti-intrusione nelle porte, più robuste e con doppio elemento tubolare di acciaio altoresistenziale, e di una cellula dell'abitacolo irrobustita attraverso rinforzi nei montanti anteriori e centrali, nei longheroni sottoporta e nella paratia tra vano motore e abitacolo. Inoltre erano presenti volante ad assorbimento d'urto a quattro razze in materiale morbido ed ergonomico, plancia in plastica con schiumatura interna per una maggiore protezione in caso di urti. Disponibili come optional per tutti i modelli e di serie su alcuni: Airbag, pretensionatori cinture anteriori, e ABS con quattro freni a disco.

Oltre alla sola versione 5 porte commercializzata fin ora, venne introdotta la versione tre porte, più sportiva e con le cornici lato finestrino nere lucide di serie, Tutte le versioni 3 porte, indipendentemente dall'allestimento, disponevano di alzacristalli elettrici.

La sicurezza della Tipo fu curata maggiormente nel 1994 con l'introduzione dell'allestimento HSD (High Safety Drive), che comprendeva ABS a quattro canali, airbag lato guida, pretensionatori per le cinture di sicurezza anteriori, poggiatesta posteriori, correttore dell'assetto dei fari ed Interruttore inerziale.[2]

Motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Modello Cilindrata
cm³
Potenza
KW/CV-rpm
Coppia
Nm-rpm
Velocità
Km/h
0–100 km/h
sec.
0–1000 m
sec.
Peso Note
Motorizzazioni a benzina
1.4 i.e. (S - SX)
3-5 porte
1.372 51/69-6000 106-3000 161 13.00 34.50 1.030
1.6 i.e. (S - SX)
3-5 porte
1.581 55/76-6000 125-3000 170 12.40 33.80 1.050
1.6 i.e. Selecta
(SX) 3-5 porte
1.581 55/76-6000 124-3000 158 15.00 36.00 1.080
1.8 i.e. GT (3 porte)
SLX (5 porte)
1.756 76/105 137-3000 183 10.50 32.00 1.150 Doppio albero a camme in testa (DOHC), iniezione elettronica multipoint
2.0 i.e. Automatica
SLX (5 porte)
1.995 83/115-5750 156-3300 180 12.00 33.00 1.190 Doppio albero a camme in testa (DOHC), iniezione elettronica multipoint
4 freni a disco
2.0 i.e 16V
(3 e 5 porte)
1.995 102/139 180-4500 205 8.80 29.80 1.190 Doppio albero a camme in testa (DOHC), iniezione elettronica multipoint
4 freni a disco e ABS
Motorizzazioni diesel
1.7 D S 1.697 42/58-4600 98-2900 150 16.80 36.50 1.060
1.9 D SX 1.929 48/65-4600 119-2000 160 15.50 35.90
1.9 TD SX (5 porte)
GT (3 porte)
1.929 66/90-4100 186-2400 175 11.50 32.80 1.160 Iniezione indiretta di gasolio con Turbo Wastgate e Intercooler

Allestimenti[modifica | modifica sorgente]

Gli allestimenti della Fiat Tipo Seconda serie (1993-1995):

  • S (1.4 i.e, 1.6 i.e., 1.7 D): cinture regolabili in altezza, vetri elettrici anteriori di serie (con versione 3 porte)
  • SX (1.4 i.e., 1.6 i.e., 1.6 i.e. Automatica, 1.9 D, 1.9 TD): servosterzo idraulico, contagiri, cinture regolabili in altezza, vetri elettrici ant., check panel, vetri atermici, chiusure centralizzate, interni in velluto, specchietti esterni e sottoparaurti in tinta
  • HSD (High Safety Drive): Interruttore Inerziale antincendio, ABS, Airbag, servosterzo idraulico, pretensionatore cinture, contagiri, cinture regolabili in altezza, vetri elettrici ant., check panel, vetri atermici, chiusure centralizzate, interni in velluto, specchietti esterni e sottoparaurti in tinta
  • SLX (1.8 i.e.e 2.0 i.e.automatica) (solo 5 porte): contagiri, servosterzo idraulico, cinture regolabili in altezza, cornici lato finestrino nere, vetri elettrici ant., check panel, vetri atermici, chiusure centralizzate, interni in velluto, sedile guida regolabile in altezza, lombarmente e con bracciolo centrale, fendinebbia, cerchi in lega 14', pneumatici 185/60 R14 H, appoggiatesta posteriori,4 freni a disco(anteriori autoventilanti), specchietti esterni e sottoparaurti in tinta con prese aria maggiorate.
  • GT (1.8 i.e.e 1.9 TD) (solo 3 porte): servosterzo, cornici lato finestrino nere lucide, sedili profilati sportivi, contagiri, cinture regolabili in altezza, vetri elettrici ant., check panel, vetri atermici, chiusure centralizzate, fendinebbia, pneumatici 185/60 R14 H, specchietti esterni in tinta e sottoparaurti con prese aria maggiorate.
  • Sedicivalvole (2.0 i.e. 16V) : servosterzo, cornici lato finestrino nere lucide, sedili profilati sportivi in tessuto Recaro con bordo anteriore del cuscino regolabile, cambio con pomello rivestito in pelle, cinture regolabili in altezza, contagiri, vetri elettrici ant., check panel, vetri atermici, chiusure centralizzate, fendinebbia, strisce rosse ai paraurti, Cerchi in lega 15', pneumatici 185/55 R15 V, ABS e 4 freni a disco(anteriori autoventilanti),specchietti esterni in tinta, specchietti esterni a regolazione elettrica con sbrinamento e sottoparaurti con prese aria maggiorate.

Nel 1994 è introdotto l'allestimento speciale Mania che si differenzia per le coppe ruota specifiche, per le barre portatutto sul tetto e per l'autoradio di serie.

Gli allestimenti SX, SLX, GT, e 16V potevano avere come optional: Airbag (di serie su HSD e disponibile anche su S), antifurto volumetrico, tetto apribile elettrico ad apertura completa sia a scorrimento che basculante in cristallo oscurato e con palpebra parasole, aria condizionata, sedili regolabili in altezza, regolazione lombare e bracciolo centrale(di serie su SLX), sedili sdoppiabili 60/40,correttore assetto fari,retrovisori elettrici termici (di serie su 16V), lavafari a scomparsa con getti telescopici a pressione, ABS, sedili in pelle, e per la 16V e la GT sedili in pelle sportivi Recaro con bordo anteriore del cuscino regolabile

La Fiat Tipo nei media[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film Fratelli d'Italia l'auto a noleggio che fa da filo conduttore fra i tre personaggi del film è una Fiat Tipo 1.4 DGT di colore verde chiaro che viene sostituita (nell'episodio con Massimo Boldi), da una versione base per effettuare la scena dell'incidente con l'Alfetta della polizia che tenta di fermarli. Da notare che nell'auto utilizzata nel film, è stato eliminato lo specchietto interno, per inquadrare meglio i protagonisti nelle scene interne all'auto. Nell'episodio con Boldi, nel momento della sua fuga dall'autogrill, sono stati inoltre eliminati i poggiatesta lato guida e lato passeggero in modo da mettere in evidenza la presenza di Bernabucci e Mattioli nascosti sui sedili posteriori. Altro particolare interessante è la presenza dell'adesivo "Car of the year 1989" sul lunotto posteriore dell'auto in questione;
  • Una Tipo T.ds blu priva di copricerchi in plastica è utilizzata da Christian De Sica nell'episodio "La telefonata" del film Anni 90.
  • Una Tipo verde compare per alcuni secondi nel video clip di Fuori dal tunnel di Caparezza, dove infatti, viene nominata in una parte del testo: "[...] Sbuffo pensando a serate tipo del tipo "Che facciamo?" Io ho una Tipo di seconda mano che mi fa da pub, da disco e da divano [...]"
  • Una Tipo bianca viene utilizzata nell'episodio "Crudele destino" della serie Maresciallo Rocca 3: l'auto è protagonista di un'esplosione dove muore Margherita, la moglie del maresciallo.
  • Una Tipo bianca con la targa imbrattata di fango viene ripresa ed è oggetto di un inseguimento della Polizia nella fiction Uno bianca
  • Una Tipo bianca viene utilizzata in RIS 4-Delitti Imperfetti nel 2 episodio intitolato "Doppia Vita" da Luca Bondioli, sospettato di aver ucciso l'amica e quindi tenta la fuga con appunto una Fiat Tipo bianca.
  • L'attore, comico e cabarettista Gianni Giannini ha prodotto una canzone dal titolo C'è una topa sulla Tipo in cui parla di una ragazza che nel testo si scopre essere un travestito incontrata ad una stazione di rifornimento a bordo proprio di una Tipo.

I modellini della FIAT Tipo[modifica | modifica sorgente]

Ci sono diversi modellini della FIAT Tipo, in 1:43 e in 1:24 e in scala più piccola; di seguito un elenco non esaustivo. La Bburago produsse la Tipo 5 porte in 1:43 e in 1:24 in molte versioni. Tra queste in particolare nel 1990 uscì in 1:43 la "Italia '90", in due versioni, per il campionato mondiale di calcio 1990. In 1:24 vennero prodotte diverse versioni, sia con adesivi in versioni da "competizione", sia civile. Venne prodotta, con scatola dedicata, anche la versione Telethon. La casa francese Majorette riprodusse in scala piccola (circa 1/50-1/60) la Tipo. La Rietze riprodusse il modellino in scala H0 (1/87). La casa italiana Giocher negli anni novanta fece diverse versioni della Tipo (varie livree), basate sullo stampo Bburago 1:43 e migliorate in alcuni dettagli, come ad esempio i cerchi e gli specchietti. Negli anni 2000 la Norev[3] produsse in 1:43 la versione 5 porte 1.9 TD (1993) per la collezione da edicola Hachette "FIAT Story Collection" (n.060). Lo stesso modello venne messo in vendita nei negozi come "die-cast", in colore amaranto metallizzato, con cerchi differenti e maggiormente dettagliata. Sempre negli anni 2000 uscì in edicola la FIAT Tipo 5 porte, nelle collezioni da edicola De Agostini "Carabinieri" e "Polizia di Stato", rispettivamente nelle uscite n.19 e n.49.

Utilizzo da parte delle forze di polizia[modifica | modifica sorgente]

Le forze di polizia italiane hanno visto sin dai primissimi anni '90 l'arruolamento della Tipo come auto di servizio. In particolare la Polizia di Stato ha utilizzato la Tipo per parecchi anni, fino a metà anni 2000, sia come volante assieme alle Alfa Romeo 33, Alfa Romeo 155 e Fiat Marea sia come auto destinata a servizi di altro genere. Anche Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato e Vigili del Fuoco hanno avuto in dotazione le Tipo, destinate ai servizi di trasporto degli Ufficiali e come servizi ordinari di routine, il loro colore era solitamente Blu Ministeriale mentre era rossa per i VVF.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Paolo Artemi, Tante novità per tentare "l'altra metà del mercato" in Corriere della Sera, 25 aprile 1992, p. 17. URL consultato il 03-12-2009.
  2. ^ Punto, Tipo, Tempra ancora più sicure in Corriere della Sera, 19 marzo 1994, p. 45. URL consultato il 03-12-2009.
  3. ^ Norev.com

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Quattroruote archivi storici
  • Materiale informativo originale Fiat: quali Manuali Uso e Manutenzione Fiat Tipo e Brochure Originali Fiat Tipo. Tutti i dati inseriti sono stati dati per giusti dalla Fiat e riportati in brochure ufficiali

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili