Fiat Punto Evo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat Punto Evo
Fiat Punto Evo front 20100731.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Fiat
Tipo principale Berlina 2 volumi
Altre versioni Abarth
Produzione dal 2009 al 2012
Sostituisce la Fiat Grande Punto
Sostituita da Fiat Punto 2012
Euro NCAP 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.065 mm
Larghezza da 1.690 a 1.746 mm
Altezza 1.490 mm
1.514 (Natural Power) mm
Passo 2.510 mm
Massa da 1.015 a 1.220 kg
Altro
Assemblaggio Melfi, Potenza
Stile Centro stile Fiat:
Supervisore: Roberto Giolito
su progetto Fiat Grande Punto di Giorgetto Giugiaro
Stessa famiglia Pianale FGA Small
Auto simili Citroën C3
Ford Fiesta
Mazda 2
Toyota Yaris
Volkswagen Polo
Fiat Punto Evo rear 20100731.jpg

La Fiat Punto Evo è stata un'automobile di tipo utilitaria prodotta dalla casa automobilistica italiana Fiat a partire dal 2009 dopo la presentazione ufficiale avvenuta nel settembre dello stesso anno. Commercializzata in Italia a partire dal novembre 2009 nasce come vettura destinata a raccogliere in parte l'eredità della Grande Punto, senza sostituirla nella gamma. La vettura corrisponde all'evoluzione della terza generazione della serie Punto (infatti in molti paesi continua a essere venduta come Fiat Punto) e l'aggettivo Evo è stato aggiunto al lancio per distinguerla dalla Grande Punto. Nel 2012 viene presentata dalla FIAT il modello Punto 2012, che unisce, di fatto, i modelli Grande Punto e Punto Evo; decretando la fine della produzione di questi ultimi.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La Punto Evo è di fatto un profondo restyling della Grande Punto, il più deciso dall'anno del suo esordio. La Punto Evo è stata presentata al salone dell'automobile di Francoforte il 15 settembre 2009. La vettura misura 4,065 metri di lunghezza, con un aumento di tre cm rispetto al passato, mentre sono rimaste immutate larghezza, altezza e passo, che rimangono attestate rispettivamente a 169, 149 e 251 centimetri[1]. Questo restyling è frutto di un investimento pari a 220 milioni di euro[2] da parte della casa che ha voluto incrementare oltre alla qualità anche l'immagine di questo modello che risulta essere una delle vetture di maggior successo nella storia della casa torinese con oltre 7 milioni di esemplari prodotti.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

I mutamenti del design hanno riguardato in special modo il frontale: il paraurti è stato diviso da un grosso fascione, destinato ad ospitare la targa del veicolo, compreso tra due parti in griglia, delle quali la sottostante è più alta ma meno larga rispetto alla sovrastante. Una linea cromata che accoglie il marchio Fiat (simile a quella già presente nella 500) è accompagnata ai propri estremi dai due gruppi ottici che sono stati sollevati in parte ridisegnati. La parte posteriore vede l'introduzione di una nuova fanaleria a LED e di una componente ospitante la targa che segue una linea orizzontale nella parte superiore e più sinuosa in quella più bassa.

Interni

Le modifiche di stile hanno interessato anche gli interni, totalmente ridisegnati; il centro stile Fiat ha concentrato molte energie e una rilevante parte delle risorse economiche per sostituzione totale dei pannelli interni della vettura per renderli più moderni e meglio rifiniti. L'abitacolo ora presenta elementi curvilinei, laccature e inserti più elaborati oltre che inediti materiali, così come i sedili, il risultato è un ambiente meno sportivo ma più contemporaneo. Completamente rinnovata anche la strumentazione, mentre i vani portaoggetti sono aumentati. In questa nuova versione della punto i fendinebbia con funzione adattativa cornering che seguono i movimento dello sterzo e sono integrati nella presa d'aria centrale inferiore del paraurti, in posizione più centrale.

Il team del centro stile Fiat per il progetto "Punto Evo"[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto è stato decisamente dispendioso, non solo in termini economici ma anche in personale utilizzato: ha interessato un corposo team di stilisti, ricercatori e progettisti, diretti da Roberto Giolito. I nomi che hanno partecipato a questo progetto sono stati: Stefano Benedetti, Marco Bertolazzi, Giampiero Briguglio, Luciano Caggianello, Roberto Corongiu, Pablo D'agostino, Alberto Dilillo, Roberto Fasano, Cristina Girino, Roberta Ghione, Tiziana Longo, Kang Taehoon, Maurizio tocco e Valentino Vagelli; molti bozzetti degli studi di stile esterno sono firmati da Ruben Wainberg.[3]

Strumentazione e sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Allo stesso modo di serie sono i nuovi airbag per le ginocchia, aggiunti a tutti gli allestimenti che rimangono immutati[1]. La strumentazione di bordo è caratterizzata da un nuovo sistema di navigazione satellitare, con supporto dedicato, denominato Blue&Me-TomTom[4] che agisce sulla gestione, attraverso uno schermo interattivo touch-screen, delle funzioni combinate di indicazione ai fini della navigazione e di telefono[5].

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Accanto alla rivisitazione delle forme vedono il debutto nuove motorizzazioni, i 1.3 Multijet seconda serie da 75 e 95 cavalli (omologati Euro 5[6]) e una nuova serie di motori benzina Multiair, che consentono una riduzione di consumi del 10%, emissioni di anidride carbonica ridotte del 10%, particolato ridotto del 40% e NOx inferiore del 60% rispetto al passato; il tutto a vantaggio della potenza massima incrementata fino al 20%. Il dispositivo Start&Stop è disponibile, di serie, assieme ai motori benzina e diesel omologati Euro 5.

Versioni ecologiche[modifica | modifica wikitesto]

Come per la Grande Punto, sono disponibili due versioni alimentate sia a benzina che a gas (Natural Power).

Punto Evo Natural Power[modifica | modifica wikitesto]

La Punto Evo Natural Power è la versione alimentata a benzina e metano, con un'autonomia dichiarata superiore a 310 km che sale a oltre 1.000 km con la doppia modalità benzina-metano. Le differenze rispetto alle normali Punto si concentrano nell'altezza dell'autovettura incrementata di 2,14 centimetri a causa delle due bombole installate nella zona inferiore del retrotreno, mentre la lunghezza e la larghezza rimangono immutate. Il motore 1.4 Fire con 8 valvole è stato leggermente rivisto nell'erogazione e la sua potenza massima è pari a 77 cavalli utilizzando benzina, ma scende a 69 cavalli nel funzionamento a metano, garantendo una coppia motrice pari a 104 N·m a 3.000 giri/min. Il consumo dichiarato è pari a 15,9 km/l nel ciclo medio con un'accelerazione da 0 a 100 km/h registrata in 16,9 secondi e una velocità massima di 156 km/h. Le due bombole di metano possiedono una capacità pari a 84 litri mentre le emissioni di anidride carbonica risultano contenute in 115 grammi emessi per ogni chilometro nel ciclo combinato. La Natural Power è omologata per il trasporto di cinque persone e possiede un bagagliaio dal volume pari a 200 litri ampliabile fino a 955 litri con il divano posteriore reclinato. Tre gli allestimenti disponibili: Active, Dynamic e Emotion. La Natural Power possiede una massa pari a 1.170 kg.

Punto Evo GPL[modifica | modifica wikitesto]

Lanciata inizialmente il 16 gennaio 2009 come Grande Punto GPL[7], la versione alimentata sia a benzina che a GPL rimane immutata dal punto di vista meccanico nel passaggio da Grande Punto a Punto Evo. Frutto di un accordo tra la Fiat e la Landi Renzo[8] viene omologata direttamente in fabbrica dove viene installato il serbatoio toroidale di gas, al posto della ruota di scorta, in grado di contenere fino a 38 litri di carburante. Il motore è il classico 1.4 da 77 cavalli Euro 4 con la testata riprogettata; nel funzionamento a GPL perde due cavalli di potenza mentre la coppia massima rimane immutata. L'autonomia dichiarata è pari a 453 km con una percorrenza media di 13,5 km/l. Lo 0-100 km/h viene dichiarato in 13,2 secondi mentre la velocità di punta è pari a 165 km/h. Il peso complessivo dell'autovettura è di 1.025 kg mentre il bagagliaio contiene 252 litri ampliabili fino a 1.007 litri con il divano reclinato. Tre le versioni: Active, Dynamic ed Emotion omologate 5 posti.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Con l'arrivo della Evo nel 2009 rimangono in produzione i due Fire 1.2 e 1.4 (quest'ultimo è disponibile anche Euro 5 con Start&Stop), e sono riconfermate anche le versioni Natural Power e GPL, meccanicamente invariate. Vengono inoltre introdotte le motorizzazioni a benzina Multiair nella cubatura da 1,4 litri. La versione aspirata dispone di 16 valvole, eroga una potenza massima pari a 105 cavalli, mentre i consumi dichiarati sono pari a oltre 17 km/l nel ciclo misto con emissioni di CO2 pari a 134 grammi al km. La versione Turbo (che sostituisce il T-jet da 120 cavalli) eroga una potenza massima di 135 cavalli e una coppia di 206 N·m, ed è in grado di consumare meno carburante rispetto alla versione aspirata (17,9 km/l con emissioni pari a 129 grammi al km di CO2). Tutti i Multiair sono abbinati al cambio manuale a 5 marce, sono omologati Euro 5 e dispongono del sistema Start&Stop di serie.

Per quanto riguarda la gamma diesel debuttano i nuovi Multijet II sempre da 1,3 litri capaci rispettivamente di 75 e 95 cavalli omologati Euro 5 grazie al filtro antiparticolato; dispongono inoltre del sistema Start&Stop di serie. Emissioni e consumi calano, mentre migliora la risposta ai bassi regimi. Rimangono in produzione le precedenti motorizzazioni Euro 4 prive di filtro antiparticolato, così come il 1.6 Multijet. Nel campo delle trasmissioni il cambio Dualogic guadagna un rapporto (6 totali).

Dal settembre del 2010 il 1.2 Fire da 69 cavalli, Euro 5 con sistema Start&Stop ha sostituito la precedente versione Euro 4 da 65 cavalli.

Modello Disponibilità Motore Cilindrata Potenza Coppia Massima Emissioni CO2
(g/km)
0-100 km/h
(secondi)
Velocità max
(km/h)
Consumo medio
(km/l)
0.9 TwinAir Turbo 8V Start&Stop dal 2012 2 cilindri in linea, Benzina 0.875 cm³ 62,5KW (85 CV) 145 Nm@2000 giri/min 98 11,0 173 23,8
1.2 Fire 8V 65 dal debutto al 2010 4 cilindri in linea, Benzina 1.242 cm³ 48 kW (65 CV) 102 N·m @3.000 giri/min 135 14,5 155 17,5
1.2 Fire 8V 69 dal 2010 4 cilindri in linea, Benzina 1.242 cm³ 51 kW (69 CV) 102 N·m @3.000 giri/min 123 14,4 156 19,2
1.4 Fire 8V 77 dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina 1.368 cm³ 57 kW (78 CV) 115 N·m @3.000 giri/min 139 13,2 165 16,9
1.4 Fire 8V Start&Stop 77 dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina 1.368 cm³ 57 kW (78 CV) 115 N·m @3.000 giri/min 132 13,2 165 17,5
1.4 Fire 8V Start&Stop 77 Dualogic dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina 1.368 cm³ 57 kW (78 CV) 115 N·m @3.000 giri/min 124 13,2 165 18,5
1.4 Natural Power 8V 77 dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina-Metano 1.368 cm³ 57-51 kW (78-69 CV) 115-104 N·m @3.000 giri/min 115 16,9 162 (156) 15,9
1.4 Fire GPL 8V 77 dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina-GPL 1.368 cm³ 57-56 kW (78-76 CV) 115 N·m @3.000 giri/min 119 13,2 165 13,5
1.4 Multiair 16V Start&Stop 105 dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina 1.368 cm³ 77 kW (105 CV) 130 N·m @4.000 giri/min 134 10,8 185 17,5
1.4 Turbo Multiair 16V Start&Stop 135 dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina 1.368 cm³ 99 kW (135 CV) 206 N·m @1.750 giri/min 129 8,5 200 (205 Sport) 17,9
1.3 Multijet 16V 75 dal debutto 4 cilindri in linea, Diesel 1.248 cm³ 55 kW (75 CV) 190 N·m @1.750 giri/min 119 13,6 165 22,2
1.3 Multijet 16V Start&Stop 75 dal debutto 4 cilindri in linea, Diesel 1.248 cm³ 55 kW (75 CV) 190 N·m @1.750 giri/min 108 13,6 165 24,4
1.3 Multijet 16V 90 dal debutto 4 cilindri in linea, Diesel 1.248 cm³ 66 kW (90 CV) 200 N·m @1.750 giri/min 119 11,9 175 22,2
1.3 Multijet 16V 90 Dualogic dal debutto 4 cilindri in linea, Diesel 1.248 cm³ 66 kW (90 CV) 200 N·m @1.750 giri/min 115 11,9 175 22,7
1.3 Multijet Start&Stop 16V 95 dal debutto 4 cilindri in linea, Diesel 1.248 cm³ 70 kW (95 CV) 200 N·m @1.750 giri/min 110 11,7 178 23,8
1.3 Multijet Start&Stop 16V 95 Dualogic dal debutto 4 cilindri in linea, Diesel 1.248 cm³ 70 kW (95 CV) 200 N·m @1.750 giri/min 107 11,7 178 24,4
1.6 Multijet 16V 120 dal debutto 4 cilindri in linea, Diesel 1.598 cm³ 88 kW (120 CV) 320 N·m @1.750 giri/min 119 9,6 190 (193 Sport) 22,2

La Fiat Punto Evo nel modellismo[modifica | modifica wikitesto]

La Fiat Punto Evo è stata riprodotta da diversi produttori, di seguito un elenco non esaustivo. La francese Norev ha realizzato, per la collezione Hachette da edicola “FIAT Story collection”, 1:43, 5 porte colore rosso (n.100), modello successivamente messo in vendita sia come die-cast (più rifinito) che come versione “promozionale”. La cinese Bburago (May Cheong Group) ha riprodotto invece la versione 3 porte, in scala 1:43 (bianca o nera) e in scala 1:24 (rossa o bianca).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La nuova Fiat Punto Evo
  2. ^ La Punto Evo: restyling costato 220 milioni di Euro
  3. ^ Silvia Baruffaldi, Punto Evo - Interior Effect in Auto & Design 179, dicembre 2009.
  4. ^ Il nuovo sistema di navigazione Blue&Me-TomTom
  5. ^ Le novità Fiat per la nuova Punto Evo
  6. ^ Brochure PDF della Punto Evo: i nuovi motori
  7. ^ Debutta la Grande Punto GPL
  8. ^ Accordo Fiat-Landi Renzo per le auto a GPL

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]