Fiat Albea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat Albea
Fiat Albea in Krakow.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Fiat
Tipo principale Berlina 3 volumi
Produzione dal 2002 al 2012
Sostituisce la Fiat Duna
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.186 mm
Larghezza 1.703 mm
Altezza 1.490 mm
Passo 2.470 mm
Massa 1.015 kg
Altro
Stile Giorgetto Giugiaro
Stessa famiglia Fiat Palio, Siena, Strada e Perla
Auto simili Dacia Logan
Škoda Fabia
Fiat Albea Sole (Istanbul).jpg

La Fiat Albea è una automobile prodotta dalla casa automobilistica italiana Fiat dal 2002 al 2012[1]. Derivata dal progetto 178 l'Albea rappresenta un'evoluzione della Fiat Siena destinata ai mercati dell'Est Europa, infatti è stata prodotta dalla Tofaş nello stabilimento di Bursa in Turchia e assemblata nello stabilimento Sollers di Naberežnye Čelny in Russia[2] con componenti spediti direttamente dalla Turchia. In Italia non è stata importata.

Assieme alla Fiat Siena si possono definire le pure eredi della Fiat Duna.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'Albea è una berlina tre volumi compatta diretta evoluzione della Siena, dalla quale ne riprende gran parte dello stile della carrozzeria nonché degli interni: a cambiare è soprattutto la parte posteriore con una coda più lunga e un bagagliaio più capiente per adattarla maggiormente alle esigenze della clientele est europea. Il telaio subisce delle lievi modifiche alla taratura delle sospensioni che mantengono lo stesso schema della Siena. Il design è opera di Giorgetto Giugiaro, che ha disegnato anche la Fiat Palio (versione con carrozzeria hatchback dell'Albea sempre frutto della famiglia 178). L'Albea inoltre è lunga 4,186 metri larga 1,703 e alta 1,490 metri[3], dimensioni leggermente maggiori rispetto alla Siena.

I motori disponibili erano il 1.2 Fire a otto e sedici valvole da 60 e 80 cavalli sostituiti in seguito dal più moderno 1.4 Fire 8 valvole da 77 cavalli omologato Euro 4; al top di gamma il più potente motore 1.6 16 valvole da 103 cavalli prodotto nello stabilimento FMA di Pratola Serra. L'unico diesel era il 1.3 Multijet 16 valvole da 69 cavalli.

In alcuni paesi, la Fiat offriva la vettura soltanto un motore. Per esempio in Romania, dove la concorrenza della Dacia Logan era molto forte, l'Albea veniva equipaggiata soltanto col motore 1.2 16V Fire da 80 cavalli e 114 N m di coppia a 4.000 giri/min.

Aggiornamenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 viene introdotto un leggero restyling[4] che vede aggiornare il frontale che diventa simile ai modelli Palio e Siena introdotti già dal 2004 in Sud America. Nell'abitacolo debutta una nuova strumentazione e nuovi rivestimenti. A livello meccanico debutta il 1.4 Fire 8 valvole e il 1.3 Multijet diesel.

Un ultimo aggiornamento estetico viene introdotto tra la fine del 2007 e l'inizio del 2008 che vede l'introduzione del nuovo marchio Fiat a sfondo rosso, nuovi fanali imbruniti e nuovi allestimenti con dotazione di serie più ricca.

Nel 2012 esce di produzione senza una diretta erede. Commercialmente la vettura ha riscontrato un discreto successo nell'Est Europa soprattutto per via della spietata concorrenza della Dacia Logan, proposta a prezzi di listino più bassi nonché della Skoda Fabia (prima serie) con carrozzeria tre volumi.

Albea 1° restyling
Albea 2° restyling
Albea.JPG
Fiat Albea cheapo version.jpg
2006-2008
2008-2012

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tofaş: escono di scena Palio e Albea
  2. ^ «Severstal-auto» JSC announces FIAT production launch in Russia
  3. ^ Fiat Albea prima serie specifiche
  4. ^ Fiat Albea seconda serie specifiche

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili