Fiat S76 Record

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat S76 Record
Tipo record Record di velocità terrestre
Costruttore Italia Fiat
Pilota Italia Pietro Bordino record sul miglio 1911 a Brooklands (200 km/h)
Velocità (1912 a Long Island) 290 km/h
Dati tecnici
Lunghezza 3750 mm
Larghezza 1300 mm
Passo 2750 mm
Peso (a vuoto) 1650 kg

Nel 1911 la FIAT costruisce la FIAT S76, in seguito conosciuta anche come FIAT 300 HP RECORD e soprannominata "la belva di Torino", appositamente per battere il record di velocità terrestre detenuto in quegli anni dalla Blitzen-Benz. Il suo motore da 28.353 cm³ di cilindrata erogava 290 cv. Ne vennero costruiti in totale due soli esemplari[1].

Record[modifica | modifica sorgente]

Nel 1911, pilotata da Pietro Bordino sul circuito di Brooklands e sulla spiaggia di Saltburn tocca i 200 km/h, nel 1912 il pilota francese Arthur Duray sul rettilineo di Ostenda raggiunge la velocità di 225 Km/h ma tale record, per irregolarità della registrazione, non fu ufficializzato e nell'aprile 1912 a Long Island, la FIAT 300 HP RECORD percorre il miglio alla velocità di 290 km/h.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Motore anteriore tipo S76, biblocco 4 cilindri in linea di 28353 di cilindrata per 290 cv a 1900 giri/minuto, avviamento ad aria compressa con 3 candele per cilindro, accensione con magnete a bassa tensione, raffreddamento ad acqua, trasmissione con catena, sospensioni ad assale rigido con balestre anteriore e posteriore (posteriore puntoni longitudinali), cambio a 4 rapporti più retromarcia.

Il disegno del radiatore di questo "prototipo" per record fu riutilizzato dalla FIAT per i modelli successivi stradali.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The Illustrated Encyclopedia of extraordinary Automobiles-Pag.34

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili