Fiat Strada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat Strada
Fiat Strada MK1.JPG
Un Fiat Strada di prima serie
Descrizione generale
Costruttore Italia  Fiat
Tipo principale Pick-up
Produzione dal 1999
Sostituisce la Fiat Fiorino pick-up
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.444 mm
Larghezza 1.664 mm
Altezza da 1.525 a 1.554 mm
Passo 2.718 mm
Massa da 1.210 a 1.230 kg
Altro
Stile Giorgetto Giugiaro
Stessa famiglia Fiat Punto, Doblò, Siena, Albea, Palio e Perla

Il Fiat Strada è un pick up compatto prodotto dalla casa automobilistica italiana Fiat a partire dal 1999 come erede del Fiat Fiorino pick-up (versione cassonata del piccolo furgone Fiat Fiorino). Derivato dalla Fiat Palio, la Strada è stata concepita per il mercato brasiliano, dove viene prodotta; utilizza una denominazione già adottata in passato dalla casa torinese, per le Fiat Ritmo vendute nei paesi anglofoni. Come derivato, lo Strada ha seguito le evoluzioni della Palio, ed è stato quindi prodotto in quattro serie, l'ultima delle quali (presentata nel 2009) viene importata in Italia nel 2012.

Il contesto[modifica | modifica sorgente]

Lo Strada debutta nel 1999 e viene sviluppato all'interno del Progetto 178 noto come il gruppo di world car commercializzate dalla Fiat nei Paesi in via di sviluppo. La sua linea si deve, come gli altri modelli della stessa serie, alla matita di Giorgetto Giugiaro. L'estetica risultava abbastanza moderna e piacevole per il tempo, grazie al frontale arrotondato con una mascherina di dimensioni compatte che rendeva slanciato il muso (come sulla Palio), mentre il posteriore presentava il cassone in alluminio e un fascione paraurti in plastica montato nella zona inferiore.

Il Fiat Strada terza serie

Lo Strada è l'unico veicolo del progetto 178 che viene commercializzato in Italia con il marchio Fiat Professional (quindi come veicolo commerciale). La portata è di oltre 700 chilogrammi e il cassone contiene fino a 1.100 litri. Il pianale di base è lo stesso della Fiat Palio, con il retrotreno rivisto: al posto delle sospensioni a bracci tirati è stato adottato uno schema con balestre longitudinali ad assale rigido del tipo Omega cioè con la parte centrale rialzata che permette di affrontare anche terreni accidentati senza danneggiare gli organi di trasmissione, e ciò rende più rigida la guida penalizzando il comfort. Invariato invece l'avantreno, dove troviamo le ruote indipendenti con schema MacPherson e barra stabilizzatrice. La trazione è anteriore con il motore in posizione trasversale, e il cambio è un manuale a 5 rapporti. L'impianto frenante è composto da dei dischi autoventilati per l'anteriore e dei tamburi al posteriore. Negli interni della cabina è sempre stata adottata la stessa plancia utilizzata sulla Palio, con lo stesso volante e la stessa strumentazione.

La sicurezza automobilistica viene garantita grazie al sistema anti bloccaggio delle ruote motici (ABS) e dagli airbag frontali oltre alla presenza del sistema FPS (acronimo di Fire Prevention System) che blocca la pompa dell'alimentazione in caso di urto in modo da non far fuoriuscire sostanze infiammabili. Questi dispositivi però non sono stati montati su tutti i modelli ma solo sulle versioni punta.

Nella prima serie in Italia le motorizzazioni sono state solo due: un 1.4 FIRE benzina e un 1.9 diesel aspirato; con la seconda serie ha debuttato il motore diesel common rail 1.9 JTD con distribuzione di due valvole per cilindro capace per una potenza massima di 80 cavalli. Nel 2006, durante la presentazione della terza serie, viene annunciata per l'Europa l'introduzione del motore diesel 1.3 Multijet 16V da 84 cavalli omologato Euro 4 mentre negli altri paesi erano disponibili anche i benzina 1.5 e i 1.6 a iniezione elettronica multipoint con 8 valvole oltre a un più potente 1.6 16V.

Il piccolo 1.3 Multijet possiede uno scatto di ripresa da 0 a 100 km/h registrato in 13,5 secondi per una velocità di punta pari a 165 km/h. Il consumo medio è di 18,9 km/l con emissioni di anidride carbonica contenute in 140 grammi al km. Omologato Euro 4 la coppia motrice massima è di 200 N·m a 1.750 giri/min.

La quarta serie (dal 2009)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009 è stata presentata la quarta serie dello Strada. Lo stile completamente inedito segue il family feeling introdotto dalla Grande Punto nel 2005, caratterizzato da ampi fanali anteriori di forma arrotondata e paraurti dotato di nervature in modo da formare una U. Invariata la meccanica mentre una novità riguarda l'introduzione del differenziale a slittamento limitato denominato XLS-Locker di serie per le versioni Adventure Locker con impostazione fuoristradistica. Inoltre viene proposto anche in una versione Sporting[1] con assetto ribassato, cerchi in lega, telaio irrigidito e minigonne anteriori.

La gamma motori è compasta da due propulsori flexy-fuel in grado di funzionare sia a benzina che ad etanolo il primo è un 1.4 16V Fire da 85 cavalli mentre il secondo è un 1.8 16V Ecotec prodotto dalla General Motors capace di 114 cavalli nel funzionamento a benzina e di 112 cavalli nel funzionamento ad alcool. Dal 2010 la Fiat ha introdotto per il mercato sud americano anche il 1.3 Multijet 16V erogante 87 cavalli[2]equipaggiato con filtro attivo anti particolato. Il nuovo Strada 1.3 Multijet è in grado di percorrere fino a 26,3 km/l nei percorsi autostradali e di garantire uno scatto da 0 a 100 km/h contenuto in 13,5 secondi per una velocità di punta pari a 165 km/h.

La quarta serie viene importata in Europa nel 2012 con una gamma totalmente diversa di quella sudamericana.

Il debutto nell'Europa nel 2012[modifica | modifica sorgente]

Dopo un periodo d'assenza, nel 2012 lo Strada debutta in Europa commercializzato dalla Fiat Professional. È disponibile con una motorizzazione 1.3 MultiJet da 95 CV. Viene commercializzato in diverse varianti: fuoristrada, cabina corta, cabina lunga e cabina doppia, in diversi allestimenti a 2 o 4 posti. Ha una portata di carico che varia dai 665kg ai 705kg a seconda delle versioni, con un volume di carico che varia dai 580 ai 1100 dm³.[3]

Modello Disponibilità Motore Cilindri Cilindrata (cm³) Potenza Coppia Massima Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
1.3 Multijet dal (2012) debutto europeo Diesel 4 1248 95 Cv 200 (a 1500 giri/min) 138 163 18,9

Le versioni per il fuoristrada[modifica | modifica sorgente]

Fiat Strada Adventure Locker

Con lo Strada quarta serie i tecnici Fiat hanno dedicato maggiore attenzione per un uso nel fuoristrada in particolare la gamma di allestimenti si compone di sole due versione entrambe caratterizzate da un'estetica molto off-road: lo Strada Trekking e lo Strada Adventure Locker. L'estetica presenta delle protezioni laterali non verniciate che volutamente mettono in mostra i bulloni di fissaggio, il ciò voluto per mantenere un aspetto da fuoristrada. L’Adventure è la versione più sportiva caratterizzata dai paraurti anteriori e posteriori non verniciati e dalla presenza di traverse sottoporta. Le Adventure sono più alte di 56 millimetri da terra rispetto alle Trekking e presentano le barre portatutto, sul tetto e sul cassone, in alluminio. Gli interni utilizzano la stessa plancia della Palio quarta serie mentre la strumentazione è ripresa dalla Fiat Idea Adventure venduta solo in Brasile.

La versione doppia cabina[modifica | modifica sorgente]

La versione a doppia cabina viene presentata nel luglio del 2009[4]; rappresenta il primo Fiat Strada a quattro posti, ottenuti grazie al passo maggiore e alla doppia cabina che ha permesso di ottenere un abitacolo molto flessibile e maggiormente sfruttabile rispetto alla versione a cabina singola. Allestita sulla base dello Strada Adventure Locker la versione a doppia cabina adotta le motorizzazioni 1.4 e 1.8.

Versioni speciali[modifica | modifica sorgente]

Fiat Strada by Lumberjack[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo del 2012 è stata creata, in collaborazione con il marchio di calzature Lumberjack, una versione speciale della Strada basata sul modello Adventure. Esteticamente, la vettura è caratterizzata da una colorazione speciale per la carrozzeria rosso Lumberjack, dalla presenza di una targhetta identificativa con il logo "Lumberjack" e sticker laterali con la scritta Natural Story. Il tutto viene corredato all'introduzione di barre longitudinali sul tetto e i cerchi in lega da 15 pollici con pneumatici tassellati. Gli interni comprendono sedili in pelle e tappetini con il marchio Lumberjack abbinati ad una strumentazione di bordo che comprende specchietti retrovisori regolabili elettronicamente, volante regolabile in altezza, bussola e inclinometro. È stato inoltre introdotto il sistema sistema E-Locker (Electronic Locking Differential) che consente di bloccare il differenziale anteriore fornendo tutta la coppia disponibile sulla ruota con maggiore aderenza nei momenti di necessità[5].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Debutta il Fiat Strada Sporting
  2. ^ (EN) Fiat lancia il Fiat Strada Multijet
  3. ^ scheda tecnica veicolo per il mercato europeo. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  4. ^ Debutta il Fiat Strada doppia cabina a 4 posti
  5. ^ Nuovo Fiat Strada by Lumberjack - Aziende & flotte - Motori.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili