Fiat 124 Sport Spider

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat 124 Sport Spider
Fiat 124 sport spider 003.jpg
Fiat 124 Sport Spider 1400 del 1967
Descrizione generale
Costruttore Italia  FIAT
Tipo principale Spyder
Produzione dal 1966 al 1985
Sostituisce la Fiat Pininfarina Cabriolet
Sostituita da Fiat Barchetta
Esemplari prodotti 150.000
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3.920 (4.080 nella versione America) mm
Larghezza 1.610 mm
Altezza 1.250 mm
Passo 2.280 mm
Massa 920 kg; per la "America" e la Spidereuropa 1.060 kg
Altro
Assemblaggio Torino, Italia
San Giorgio Canavese, Italia (Pininfarina)
Stile Tom Tjaarda
Pininfarina
Stessa famiglia Fiat 124 Sport Coupé
Auto simili Alfa Romeo Duetto
MG B
Triumph TR6
Triumph TR7
Fiat 124 sport Spider 001.jpg

La Fiat 124 Sport Spider è un’autovettura sportiva 2+2 posti cabriolet prodotta dalla FIAT dal 1966 al 1985[1]. Presentata al pubblico nel novembre del 1966 al salone dell'automobile di Torino, la sua produzione fu principalmente esportata negli Stati Uniti d'America.

Il contesto[modifica | modifica sorgente]

A seguito del successo della Fiat 124 furono preparate le versioni sportive della vettura, la 124 Sport Coupé e la 124 Sport Spider. La coupé e la spider erano imparentate alla 124 versione berlina nel nome ed attraverso l'utilizzo di molta meccanica e, nel caso della coupé, anche del pianale.

La "Sport Spider" era realizzata sul telaio accorciato della berlina ed era equipaggiata con un motore 4 cilindri bialbero di 1438cm³ alimentato con un carburatore doppio corpo, con comando della distribuzione, all'avanguardia per l'epoca, a cinghia dentata in gomma, in grado di erogare 90  CV a 6500 giri/min e imprimere alla vettura una velocità massima dichiarata di 170 km/h (velocità effettiva dalla prova su strada di "Quattroruote" - maggio/67 - : 173 km/h). Aveva un retrotreno a ponte rigido modificato nei punti d'attacco (due coppie di puntoni longitudinali, in luogo del precedente schema "a croce", per migliorare la precisione di guida) ed il servofreno di serie. Fu anche reso disponibile di serie un nuovo cambio a 5 marce. Di fatto, questi due nuovi modelli sostituirono nel listino i precedenti modelli sportivi "1500 S" e "1600 S" appena tolti di produzione.

La spider fu progettata e anche prodotta da Pininfarina, lo stile è opera di Tom Tjaarda[1]. La coupé e la spider furono vendute per la prima volta negli Stati Uniti d’America dal 1968.

Fiat 124 Spider America 1800 del 1974

Nel 1969, la 124 Spider era la più abbordabile vettura con motore bialbero, freni a disco sulle quattro ruote, tergicristallo ad intermittenza, controllo delle luci sul piantone dello sterzo, pneumatici radiali e cambio a cinque rapporti manuali. La vettura era a trazione posteriore.

Le sospensioni erano di tipo convenzionale: l'avantreno era a ruote indipendenti, con trapezi e molle elicoidali, mentre il retrotreno era ad assale rigido con puntoni longitudinali di reazione e molle elicoidali. Su ogni asse sono presenti una barra stabilizzatrice ed una coppia d’ammortizzatori idraulici telescopici.

Alla fine della sua carriera, la 124 Spider fu tolta dal listino Fiat insieme alla X1/9 per delegare la loro produzione alle rispettive carrozzerie. La 124 Spider era infatti opera di Pininfarina, mentre la X1/9 era progettata da Bertone, e gli ultimi esemplari prodotti non portavano più il marchio Fiat, ma quello delle carrozzerie.

Le 124 Abarth Rally[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fiat 124 Abarth Rally.
Fiat 124 Abarth Gr.4 Guiotto,Ghiraldelli

Una versione particolare fu la 124 Abarth rally che ebbe un retrotreno a ruote indipendenti con opzionale il differenziale autobloccante, un tetto rigido, più comodi posti a sedere, a richiesta sedili avvolgenti Fusina, un aggiornamento degli interni e solo tre colorazioni disponibili per la carrozzeria : azzurro chiaro 480, rosso vivo 152 , bianco 212, le 3 versioni avevano i cofani in nero opaco, tra le quali la celebre livrea rossa con cofano e baule in nero opaco della "Spider 124 Sport Abarth Rally" del 1973.

All'inizio degli anni settanta alcuni piloti privati gareggiavano, ottenendo discreti risultati, con delle 124 Sport Spider 1600 (con hard top in plastica saldato alla carrozzeria) elaborate, a molti rally internazionali.

Considerando la modestia della preparazione (che coinvolgeva il motore, la taratura delle sospensioni e l'alleggerimento della carrozzeria), la Fiat, da sempre riluttante alle competizioni, intuì il potenziale della vettura e diede mandato all'Abarth, ormai assorbita e trasformata in "reparto corse", di sviluppare una 124 ufficiale.

La scelta cadde, confermando l'intuizione dei privati, sulla Sport Spider (il cui telaio a passo corto s'adattava meglio alle gare) a cui venne applicato un hard top nero opaco semifisso. La preparazione prevedeva l'elaborazione del motore (la motorizzazione di partenza era il bialbero di 1756 cm³), l'alleggerimento della carrozzeria (ottenuto attraverso l'adozione di cofani in materiale plastico nero opaco, l'impiego di alluminio per portiere e parafanghi, l'eliminazione dei paraurti e la semplificazione dell'allestimento interno). Il vero passo importante fu l'adozione di una sospensione posteriore a ruote indipendenti completamente nuova, la possibilità di reali regolazioni dell'assetto e l'adozione di cerchi in lega con pneumatici maggiorati (che comportava la presenza di codolini passaruota neri). Anche l'impianto luminoso venne migliorato con l'adozione di 4 fari di profondità supplementari.

L'elaborazione del motore prevedeva l'adozione dei seguenti particolari: carburatori doppio corpo IDF 44 con venturi da 36mm (la versione 1600 e 1800 adottava i carburatori IDF 40 con venturi da 32 mm) e un nuovo impianto di scarico con collettori tubolari 4-2-1. Gli assi a camme restano invariati rispetto al modello 1800 ma con fasatura molto diversa.

La 124 Abarth Rally in versione stradale, che venne presentata nel 1973 e costruita in 900 esemplari, era spinta da una variante portata a 128 CV del bialbero di 1756 cm³. Le versioni da gara di 1998 cm³, con l'ausilio di iniezione meccanica e, successivamente, anche di testata a 16 valvole, disponevano di potenze comprese fa 190 ed i 215 CV.

La Abarth Rally ottenne molti successi in campo italiano ed europeo, ma non vinse il titolo mondiale a causa della presenza della Lancia Stratos. La versione stradale uscì di listino nel 1975.

Pininfarina Spidereuropa e Spideramerica[modifica | modifica sorgente]

La "Sport Spider", prodotta sin dall'inizio dalla Pininfarina proseguì la sua carriera europea solo fino al '75. Tra il 1975 ed il 1981 infatti la versione aperta della "124" continuò ad essere prodotta, col nome di Pinifarina "Spideramerica", per il solo mercato USA.

Pininfarina Spidereuropa 2.0 Abarth del 1983

Rispetto alla versione europea la Spideramerica adottava, per adeguarsi alle leggi statunitensi, massicci paraurti ad assorbimento, gruppi ottici posteriori più ampi e un motore più "pulito" prima di 1756 cm³ poi portato a 1995 cm³ ancora alimentato da un carburatore doppio corpo. Successivamente la versione 1995 cm³ del bialbero Fiat, fu alimentato ad iniezione elettronica Bosch, in grado di erogare, a causa della necessità di rispettare la normativa antinquinamento locale, solo 105  CV.

Nel 1981 la "spider" tornò anche in Europa, assemblata e commercializzata dalla Pininfarina col nome di Spidereuropa[2]. Era identica alla versione USA, salvo alcune lievi differenze (paraurti massicci ma non ammortizzati, mancanza delle luci di posizione laterali su muso e coda, strumentazione rivista e assenza della panchetta posteriore).

Nel 1983 venne presentata la Spidereuropa Volumex che si distingueva dalla versione standard per l'adozione di un compressore volumetrico (che elevava la potenza a 136  CV), e la presenza del carburatore al posto dell'iniezione elettronica. Esteticamente la Volumex si distingueva per i cerchi in lega leggera da 15 pollici con pneumatici di misura 195/50, il filetto rosso lungo la fiancata e le "gobbe" sul cofano motore maggiorate. Il cofano senza gobbe apparteneva esclusivamente alla prima serie con motore 1400 cm³. Tutte le spider uscirono di listino nel 1985 dopo circa 150 000 esemplari prodotti.

Motori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Motore bialbero FIAT.
Cruscotto della Fiat 124 Sport Spider del 1968

Il motore utilizzato nella Spider e nella Coupé era bialbero in testa. Era una versione con testata in alluminio di tipo “crossflow”, del propulsore a valvole in testa utilizzato nella 124 berlina. La testata “crossflow” aveva la caratteristica di avere i collettori d’aspirazione da un lato della stessa e i collettori di scarico dall'altro. Era un motore in linea a quattro cilindri.

Il primo motore prodotto per la 124 Sport Spider nel 1966 aveva una cilindrata di 1438 cm³, incrementata a 1608 cm³ nel 1970. Nel 1972 venne rimpiazzato da due nuovi motori derivanti dalla Fiat 132, sempre a 4 cilindri con due alberi a camme in testa ma alimentati da 1 solo carburatore a doppio corpo, per ottenere migliore elasticità ai bassi regimi, di 1592 e 1756 cm³ (potenze rispettivamente di 108  CV e 118  CV, entrambe ottenute a 6000 giri/min). Infine, fu portato a 1995 cm³ nel 1979.

Un sistema a iniezione sostituì i carburatori negli anni ottanta. Ci fu anche una versione sovralimentata, chiamata Volumex, realizzata alla fine della produzione, ed oggi rara.

Questa famiglia di motori, progettata dall’ex ingegnere capo della Ferrari, Aurelio Lampredi, fu uno dei propulsori più longevi della storia dell’automobilismo, dato che rimase in produzione fino agli anni novanta. Questo bialbero fu il primo ad utilizzare le cinghie di distribuzione in gomma rinforzata, e questa fu un’innovazione che fu applicata anche decenni dopo la sua introduzione. Fu installato in molte vetture da competizione come la Fiat 131 Mirafiori, la Lancia Beta Montecarlo, la Lancia Delta integrale e molte altre.

Tabella motorizzazioni
Modello Cilindrata
cm³
Potenza
CV/kW
1400 1438 89/66
1600 1608 110/81
1600 1592 104/78
1800 1756 114/84
1800 Abarth 1756 128/94
1800i 1756 90/66 (mercato USA)
2000i 1995 105/78 (motore usato anche per il mercato USA)
VX 1998 135/99 sovralimentata

Dati tecnici[modifica | modifica sorgente]

Caratteristiche tecniche - Fiat 124 Sport Spider del 1966
Configurazione
Carrozzeria: Cabriolet Posizione motore: anteriore longitudinale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 3.970 × 1.610 × 1.250 Diametro minimo sterzata: 10,04 m
Interasse: 2.280 mm Carreggiate: anteriore 1.350 - posteriore 1.320 mm Altezza minima da terra: 120 mm
Posti totali: 2+2 Bagagliaio: 170 dm³ Serbatoio: 45 l
Masse a vuoto: 920 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri in linea ciclo Otto a corsa corta Cilindrata: (Alesaggio x corsa = 80 x 71,5 mm); 1.438 cm³
Distribuzione: a 2 valvole con doppio albero a cammes in testa Alimentazione: a carburatore invertito doppio corpo Weber 34DHF
Prestazioni motore Potenza: 90 CV DIN a 6.500 giri/min / Coppia: 11 mkg DIN a 3.600 giri/min
Accensione: Impianto elettrico: a 12 V
Frizione: monodisco a secco a comando idraulico Cambio: a 5 rapporti + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a vite e rullo
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, trapezi e molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici / posteriori: ad assale rigido, puntoni longitudinali di reazione, molle elicoidali, barra trasversale, ammortizzatori idraulici telescopici
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco; con comando idraulico e servofreno a depressione Freno a mano sulle posteriori con comando meccanico
Pneumatici 165 x 13"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 173,665 km/h Accelerazione: 31"1 sul km da fermo
Consumi medio 9,5 lt/100 km
Fonte dei dati: Quattroruote, aprile 1967

Cinema[modifica | modifica sorgente]

  • La 124 Spideramerica venne utilizzata nel 1974 per la produzione il film della Walt Disney La gang della spider rossa versione italiana di No deposit no return con David Niven come protagonista. Nel film venne utilizzata una versione di colore rosso da cui il titolo della versione italiana.
  • Una 124 Sport Spider è la vettura di Gianni Morandi nel film del 1968 Chimera.
  • Una 124 Sport Spider è una delle vetture usate nel film E allora Mambo 1999 diretto da Lucio Pellegrini interpretato da Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Fiat 124 Sport Spider: 40 anni tra attualità e storia. URL consultato il 28 giugno 2014.
  2. ^ La Spider Europa Volumex sul sito Pininfarina

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili