Base aerea di Aviano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Base aerea di Aviano
Caccia-bombardieri F-16 dell'USAF all'aeroporto di Aviano
Caccia-bombardieri F-16 dell'USAF all'aeroporto di Aviano
IATA: AVB – ICAO: LIPA
Descrizione
Nome impianto Aeroporto "Maurizio Pagliano e Luigi Gori"
Tipo militare
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
Posizione Aviano (PN)
Costruzione 1911
Altitudine AMSL 125 m
Coordinate 46°04′N 12°36′E / 46.066667°N 12.6°E46.066667; 12.6Coordinate: 46°04′N 12°36′E / 46.066667°N 12.6°E46.066667; 12.6
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIPA
Sito web http://www.aviano.af.mil/
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
05/23 2.987

[senza fonte]

L'aeroporto di Aviano (in inglese Aviano Air Base o semplicemente Aviano AB) è un'infrastruttura militare italiana utilizzata dall'USAF, l'aeronautica militare statunitense. Si trova nel comune di Aviano, in Friuli-Venezia Giulia, ai piedi delle Prealpi Carniche, circa 15 chilometri a nord di Pordenone. Nella base ha sede il 31st Fighter Wing[1] dell'aeronautica militare statunitense, a sua volta parte dell'USAFE (United States Air Forces in Europe). La base, dal 1992 al 1º novembre del 2005, fu anche il quartier generale della Sixteenth Air Force[2], ora situata Ramstein.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quello di Aviano è uno dei più vecchi aeroporti militari italiani: venne infatti realizzato per le nascenti forze aeronautiche militari del Regno d'Italia nel 1911[3]. Già nel 1910, a poca distanza, in località Comina, alla periferia di Pordenone, era sorta la prima scuola civile italiana di aviazione[4]. Constatata l'esigenza di creare una nuova scuola di volo, dopo Centocelle, lo Stato Maggiore dell'Esercito decise di utilizzare le praterie di Aviano, caratterizzate da terreno pianeggiante, assenza di ostacoli ed ottime condizioni atmosferiche quale sede del nuovo aeroporto. Con lo sviluppo dell'aeroporto militare, la Comina, dove si costruivano anche pezzi per aeroplani, divenne una dipendenza dell'aeroporto di Aviano.

Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Prima guerra mondiale, l'Italia utilizzò l'aeroporto di Aviano (insieme a quello della Comina) come base delle Squadriglie da bombardamento, alle dipendenze del Comando Battaglione Aviatori di Pordenone e dotate di velivoli Caproni Ca300 e 450. La posizione strategica ne fece base principale per le missioni contro le forze austro-germaniche che combattevano sul Cadore, sul fronte dell'Isonzo, con azioni che si spinsero fino a Lubiana (febbraio 1916) e Pola (agosto 1917). Alla fine di ottobre del 1917, con la disfatta di Caporetto, gli Austro-Ungarici occuparono tutto il territorio fino al fiume Piave e presero possesso dell'aeroporto. Da esso partivano gli aerei austriaci diretti a bombardare, spesso di notte, le città italiane. Nei pressi dell'aeroporto medesimo, vicino a Forcate di notte vi atterrava la medaglia d'oro De Carlo che assieme al fido Bottecchia (fratello del ciclista) ebbe un ruolo determinate, ai fini di spiare i movimenti delle truppe, poco prima della Battaglia del Solstizio (giugno 1918). Gli equipaggi e gli aerei italiani efficienti vennero trasferiti sugli aeroporti intorno a Padova ed Abano Terme. Durante il conflitto, nell'arco del 1917, si distinsero due aviatori italiani, il capitano Maurizio Pagliano ed il tenente Luigi Gori[5], che con l'osservatore/navigatore Barbarisi condussero un'incursione non autorizzata, ma di grande successo, contro i cantieri navali austriaci di Pola in Istria. Tale azione venne ripetuta da Pagliano e Gori nell'agosto del 1917, con a bordo Gabriele D'Annunzio in persona. Con il poeta i due aviatori effettuarono innumerevoli azioni, tanto da essere ricordati nel Notturno come "l'eroica coppia alata". Il loro destino si compì il 30 dicembre del 1917, quando furono abbattuti vicino a Susegana (TV) dall'asso austro-ungarico Benno Fiala. In loro onore, su suggerimento di Gabriele D'Annunzio, nel 1919 il nome della base venne cambiato in aeroporto "Pagliano e Gori". Nel punto dove essi caddero vi è ora un piccolo monumento che ne ricorda la tragica fine. Nel 1923, con l'istituzione della Regia Aeronautica l'aeroporto venne espanso e nel 1937 divenne la base del 16º Stormo da bombardamento.

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Sia prima che durante la seconda guerra mondiale, l'aeroporto ebbe un enorme sviluppo, con la costruzione di nuove palazzine e nuovi hangar (tuttora visibili). Erano presenti due piste di volo, una per il gruppo operativo ed una per la scuola bombardamento. Molti nomi che poi scrissero la storia dell'aeronautica passarono da Aviano per effettuare la transizione sul velivolo S-79 (il Gobbo maledetto). Dopo l'armistizio dell'8 settembre sia la Aviazione Nazionale Repubblicana (ANR) che quella tedesca, la Luftwaffe, effettuarono missioni dall'aeroporto "Pagliano e Gori", per contrastare i bombardieri alleati, in rotta tra le basi della Puglia e la Germania. Identificato come obiettivo, il "Pagliano e Gori" fu pesantemente bombardato dagli alleati, fino a renderlo inutilizzabile. Negli ultimi periodi, per carenza di piloti, vennero utilizzati dai tedeschi aviatori italiani, spesso centrati in volo dagli aerei americani, superiori per numero e potenza di fuoco. Le forze britanniche catturarono la base nel 1945 per impiegarla operativamente fino al 1947, quando il 51º Stormo dell'Aeronautica Militare riprese a volare da questo aeroporto. La base negli anni cinquanta fu notevolmente ridimensionata e una parte di essa venne ceduta all'Esercito Italiano, che vi installò il 132º Reggimento carri e intitolò la caserma alla medaglia d'oro Salvatore Zappalà.[6]

Base NATO[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1954, il governo statunitense e quello italiano firmarono un accordo (Status of Forces Agreement) per l'utilizzo congiunto della base che divenne così una base Nato. Il quartier generale della United States Air Forces in Europe ufficialmente attivava il campo aeronautico il 15 febbraio del 1955. Negli anni dal 1950 al 1990, Aviano ospitava a rotazione squadriglie di caccia, in supporto dei compiti assegnati alla Nato e dei dispiegamenti della Air Force con compiti di esercitazione nell'impiego delle armi. Durante lo stesso periodo la base è stata un avamposto nello scacchiere centro-meridionale orientale dell'Europa.

L'unico aeromobile civile autorizzato a farvi scalo era quello delle Industrie Zanussi, la cui presidenza fino ai primi anni Ottanta era locata a Pordenone, a pochi chilometri di distanza.

Caccia-bombardiere F-15 in decollo dalla base NATO di Aviano

Durante gli anni dal 1990 al 2005 e poi nel 2011 per le operazioni libiche la base ha ospitato aerei radar Airborne Warning and Control System (di pattuglia sul mare Adriatico), intercettori F-16 con il compito di difendere la base e l'Italia settentrionale, "gun-ship" montate su aerei da trasporto Hercules C-130, caccia-bombardieri F-15 ed aerei controcarro A-10 e A06 che hanno svolto compiti di bombardamento strategico e tattico nella ex-Jugoslavia (vedasi più sotto le voci "operazioni Allied e Deliberate Force") e come prima citato nel 2011 in Libia.

Disastro di Cavalese[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Strage del Cermis.

Il 3 febbraio del 1998, un aereo da guerra elettronica Grumman EA-6B Prowler dei Marines, decollato dalla base aerea di Aviano, durante una missione di addestramento a bassa quota, a causa di una condotta negligente da parte del pilota, ha reciso il cavo di una funivia sulle Alpi nei pressi di Cavalese (TN), causando 20 morti. In virtù degli accordi bilaterali tra U.S.A. ed Italia, e con la mediazione dell'allora premier Massimo D'Alema il pilota dell'EA-6B responsabile dell'incidente è stato giudicato negli Stati Uniti d'America in cambio della liberazione dell'attivista Silvia Baraldini detenuta in America per associazione sovversiva.

Unità statunitensi nella base[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente Aviano ospita il 31st Fighter Wing (31 FW), che forma parte della United States Air Forces in Europe, uno dei maggiori comandi dell'USAF e anche la componente aerea dello United States European Command, uno degli Unified Combatant Command del Department of Defense.

Il 31 FW include un gruppo di manutenzione, un gruppo di supporto missione, un gruppo medico e un gruppo operativo (OG). Gli squadroni operativi di caccia del 31 OG sono:

510th Fighter Squadron "Buzzards"
555th Fighter Squadron "Triple Nickel"

Entrambi equipaggiati con cacciabombardieri F-16CM Fighting Falcon Block 40, con il contrassegno "AV".

La missione corrente delle forze USAF in Aviano è quella di condurre operazioni regionali e in spedizione seguendo ordini della NATO, del Supreme Allied Commander Europe (SACEUR) (Comandante supremo alleato in Europa), oppure ordini nazionali.

Presenza di armi atomiche[modifica | modifica wikitesto]

Secondo un rapporto statunitense del Natural Resources Defence Council, nella base di Aviano, secondo il concetto NATO di condivisione nucleare, sarebbero conservate 50 bombe atomiche B61-4 di potenza variabile tra 45 e 107 chilotoni.[7][8][9]

Note turistiche e fotografiche[modifica | modifica wikitesto]

La base si può fotografare molto facilmente in giorni non troppo caldi (con macchine fotografiche ad alta risoluzione dotate di potenti tele-obiettivi), da vari punti sulla inerpicata strada di montagna che porta a Piancavallo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 31st Fighter Wing at Aviano Air Base, Italy
  2. ^ SIXTEENTH AIR FORCE (USAFE) (2-8-2010)
  3. ^ Aeroporto Pagliano e Gori di Aviano, cento anni di aviazione
  4. ^ Aerocentenaria at La Comina/AVIANO (LIPA) on June 26 2010 to ...
  5. ^ La "Grande Guerra": Maurizio Pagliano e Luigi Gori
  6. ^ Tenente Colonnello Carrista ZAPPALA' SALVATORE
  7. ^ Nucleare, rivelazione dagli Usa: "In Italia 90 bombe atomiche", la Repubblica, 15 settembre 2007
  8. ^ USAF Report: “Most” Nuclear Weapon Sites In Europe Do Not Meet US Security Requirements, FAS Strategic Security Blog, 19 giugno 2008
  9. ^ NRDC: U.S. Nuclear Weapons in Europe • Hans M. Kristensen / Natural Resources Defense Council, 2005.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Donald, David (2004) Century Jets: USAF Frontline Fighters of the Cold War. AIRtime ISBN 1-880588-68-4
  • (EN) Endicott, Judy G. (1999) Active Air Force wings as of 1 October 1995; USAF active flying, space, and missile squadrons as of 1 October 1995. Maxwell AFB, Alabama: Office of Air Force History. CD-ROM.
  • (EN) Fletcher, Harry R. (1989) Air Force Bases Volume II, Active Air Force Bases outside the United States of America on 17 September 1982. Maxwell AFB, Alabama: Office of Air Force History. ISBN 0-912799-53-6
  • (EN) Martin, Patrick (1994). Tail Code: The Complete History of USAF Tactical Aircraft Tail Code Markings. Schiffer Military Aviation History. ISBN 0-88740-513-4.
  • (EN) Ravenstein, Charles A. (1984). Air Force Combat Wings Lineage and Honors Histories 1947-1977. Maxwell AFB, Alabama: Office of Air Force History. ISBN 0-912799-12-9.
  • (EN) Rogers, Brian (2005). United States Air Force Unit Designations Since 1978. Hinkley, England: Midland Publications. ISBN 1-85780-197-0.
  • USAAS-USAAC-USAAF-USAF Aircraft Serial Numbers--1908 to present

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]