Aviano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il favolista latino, vedi Flavio Aviano.
Aviano
comune
Aviano – Stemma Aviano – Bandiera
La località Piancavallo
La località Piancavallo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Provincia Provincia di Pordenone-Stemma.png Pordenone
Amministrazione
Sindaco Stefano Del Cont Bernard (centrosinistra) dal 29/05/2007
Territorio
Coordinate 46°04′00″N 12°35′00″E / 46.066667°N 12.583333°E46.066667; 12.583333 (Aviano)Coordinate: 46°04′00″N 12°35′00″E / 46.066667°N 12.583333°E46.066667; 12.583333 (Aviano)
Altitudine 159 m s.l.m.
Superficie 113,35 km²
Abitanti 9 270[2] (31-12-2010)
Densità 81,78 ab./km²
Frazioni Castello, Giais, Marsure, Piancavallo San Martino di Campagna, Villotta[1]
Comuni confinanti Barcis, Budoia, Fontanafredda, Montereale Valcellina, Roveredo in Piano, San Quirino, Tambre (BL)
Altre informazioni
Cod. postale 33081
Prefisso 0434
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 093004
Cod. catastale A516
Targa PN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 417 GG[3]
Nome abitanti avianesi
Patrono san Zenone
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Aviano
Posizione del comune di Aviano nella provincia di Pordenone
Posizione del comune di Aviano nella provincia di Pordenone
Sito istituzionale

Aviano (Davian in friulano standard, Pleif in friulano occidentale[4]) è un comune italiano di 9.270 abitanti della provincia di Pordenone in Friuli-Venezia Giulia.

Nel territorio comunale è presente una base ed aeroporto dell'Aeronautica Militare e della NATO dato in gestione all'Aeronautica Militare Statunitense. Ad Aviano e nei comuni limitrofi risiede una numerosa comunità di militari e civili statunitensi, che lavorano nella base e nell'aeroporto.

Ad Aviano ha sede inoltre il C.R.O. (Centro di Riferimento Oncologico) che si occupa di prevenzione, diagnosi, cura e ricerca sui tumori, uno dei pochi presenti in Italia e punto di riferimento per il nord-est italiano.

All'interno del comune vi è anche la nota località sciistica di Piancavallo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene il capoluogo sia situato nella fascia pedemontana ai piedi delle Prealpi Carniche, il comune si estende fino ad una quota superiore ai 1280 mslm, presso le località di Piancavallo e Busa di Villotta.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Aviano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Reperti ritrovati ad Aviano dimostrano che la zona era popolata sin dall'età del bronzo; i romani colonizzarono il territorio intorno al II secolo a.C.; diventando una zona agricola dipendente dal municipium di Concordia Sagittaria. Il nome stesso, Aviano, deriva da un nome prediale, cioè riferito ad un terreno appartenente ad un proprietario fondiario di nome Avilius o Avidius.

Nell'Alto Medioevo Aviano era composta da pievi e villaggi in corrispondenza delle attuali frazioni. Attorno all'XI secolo su una collina che dominava la pianura circostante venne edificato dal Patriarcato di Aquileia un castello che venne dato a feudatari locali. Il castello fu più volte assediato, durante il XIV secolo prima dai Da Camino e poi dai Carraresi, nel 1411 viene espugnato dalle truppe ungheresi dell'imperatore Sigismondo.

Nel 1420, come tutto il resto del territorio del Patriarcato di Aquileia, Aviano entrò a far parte della Repubblica di Venezia. Nel 1477 e nel 1499 Aviano ed i paesi limitrofi furono devastati da incursioni di truppe turche in cui gran parte della popolazione fu uccisa o fatta prigioniera.

Con la caduta della Repubblica di Venezia, Aviano, seguì la sorte del resto del Friuli e del Veneto, fece parte dell'Impero Napoleonico e del Regno Lombardo-Veneto prima di essere annesso al Regno d'Italia nel 1866.

Nel 1911 ad Aviano, fu realizzato uno dei primi campi di aviazione dell'Aeronautica Militare, che negli anni successivi fu ingrandito e acquistò sempre più importanza sino a diventare la base NATO Aviano AFB negli anni cinquanta. Alla fine degli anni sessanta la località montana di Piancavallo diventò località di villeggiatura sciistica e per sport invernali.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Aviano; costruito nella prima metà del X secolo su una collina, ne restano due torri, resti del mastio e parte della cinta muraria entro la quale si trovano la chiesa di Santa Maria e Giuliana ed alcune abitazioni.
  • Chiesa di Santa Maria e Giuliana, edificata nel 1589 all'interno della cerchia di mura del castello, in stile rinascimentale al suo interno si trova una statua della Pietà in pietra del XV secolo di scuola salisburghese
  • Duomo di San Zenone; costruito tra il 1775 ed il 1832, nel coro si trovano tre dipinti del XVI e XVII secolo, di cui uno attribuito alla scuola del Veronese
  • Chiesa di San Gregorio; in località Castello, all'interno vi è un ciclo affrescato della Passione di Cristo di Gianfrancesco da Tolmezzo risalente alla fine del XV secolo
  • Santuario della Madonna del Monte, costruito nel 1615 sul luogo di un'apparizione mariana, fu rimaneggiato successivamente in stile barocco
  • Chiesetta di Santa Caterina, in località Marsure, costruita nel XV secolo ed affrescata riccamente con scene della vita della Santa
  • Piancavallo; località sciistica a 1267 m s.l.m. ai piedi del Monte Cavallo (2250 m), è dotata di piste di discesa e da fondo, impianti di risalita e due palazzetti del ghiaccio.

Su una delle cime del Monte Cavallo è posta una Madonna in bronzo, opera dello scultore pordenonese Pierino Sam (1921-2010). Dello stesso autore la statua in bronzo di padre Marco d'Aviano in via Villanova a Pordenone.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]


Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Ad Aviano, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza il friulano occidentale, una variante della lingua friulana. Nel territorio comunale vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[6], con la quale la Regione Friuli Venezia Giulia stabilì le denominazioni ufficiali in friulano standard e in friulano locale dei comuni in cui effettivamente si parla il friulano.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di agosto, sin dal 1969 si tiene il Festival Internazionale del Folklore di Aviano-Piancavallo a cui partecipano numerosi gruppi folkloristici provenienti da diverse nazioni. L'evento è organizzato dal gruppo folcloristico "Federico Angelica" e dalla Pro Loco Aviano

Persone legate ad Aviano[modifica | modifica wikitesto]

  • Beato Marco d'Aviano (1631-1699), frate cappuccino confessore dell'Imperatore Leopoldo I d'Austria, nacque ad Aviano, nella frazione di Villotta
  • Antonio Masutti (1813-1895), pittore, disegnatore, incisore, illustratore, caricaturista formatosi all'Accademia di Belle Arti di Venezia; dopo un biennio cruciale a Roma (1846-48) fu a Torino dal 1849 sino alla morte, entrando in contatto con personalità di rilievo del Risorgimento italiano, in particolare il conte Camillo Benso di Cavour e il re Vittorio Emanuele II. Fu nominato da Umberto I cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia e cavaliere dell'Ordine dei Ss. Maurizio e Lazzaro
  • Giacomo Paronuzzi (1801-1839), scultore formatosi all'Accademia di Belle Arti di Venezia, legò il suo nome al castello di Tersatto presso Fiume dove restaurò integralmente il complesso per volere del generale dell'Impero Austro-ungarico Laval Nugent
  • Pietro Polo Perucchin (1928), ex ciclista italiano naturalizzato francese
  • Fabio Rossitto (1971), ex calciatore di Serie A e della nazionale
  • Amy Adams (1974), attrice statunitense cresciuta per nove anni ad Aviano; dopo questa esperienza chiamerà la figlia Aviana.
  • Max Bertolani (1964), ex giocatore di football americano e personaggio televisivo
  • Maurizio Micheluz (1983), pilota professionista di Enduro. Campione europeo di enduro nella classe E3 nel 2011 in sella al Fantic 300 2T, si riconferma anche nel 2012 nella stessa categoria alla guida dell'Honda 400 4T. Ha ottenuto inoltre molti altri ottimi piazzamenti ai campionati del mondo della stessa specialità, concludendo quasi sempre tra i primi 10 (migliore piazzamento 5º posto nel 2006 e nel 2008). I migliori risultati a livello mondiale arrivano però dal Six Days World Trophy, che assegna il titolo iridato a squadre. 1° nel 2005 (cat. junior), 1° nel 2007, e 2° nel 2008.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione di Aviano.

Aviano ha una propria stazione ferroviaria che si trova sulla ferrovia Sacile-Pinzano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16 ottobre 1985 1º luglio 1990 Giovanni Tassan Zanin DC sindaco [7]
1º luglio 1990 8 maggio 1995 Giovanni Tassan Zanin DC sindaco [8]
8 maggio 1995 28 giugno 1999 Gianluigi Rellini PDS (poi DS) sindaco [9]
28 giugno 1999 14 giugno 2004 Gianluigi Rellini DS sindaco [10]
15 giugno 2004 7 febbraio 2007 Riccardo Berto Forza Italia sindaco [11]
7 febbraio 2007 21 febbraio 2007 Dusolina Marcolin AN vicesindaco [12]
21 febbraio 2007 29 maggio 2007 Antonio Castelli - commissario straordinario
29 maggio 2007 8 maggio 2012 Stefano Del Cont Bernard centro-sinistra (liste civiche) sindaco [13]
8 maggio 2012 in carica Stefano Del Cont Bernard PD sindaco [14]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 30 maggio 1998 la 14ª tappa del Giro d'Italia 1998 si è conclusa a Piancavallo con la vittoria di Marco Pantani.
  • Ogni anno nella località Piancavallo si svolge la maratona di sci di fondo denominata 6 ore di fondo, che richiama atleti dalle regioni circostanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Aviano: Centri abitati.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana.
  5. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ lista ufficiale Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana, Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.
  7. ^ Eletto il 12 maggio.
  8. ^ Eletto il 6 maggio.
  9. ^ Eletto il 23 aprile.
  10. ^ Eletto il 13 giugno.
  11. ^ Eletto il 13 giugno.
  12. ^ Eletta il 13 giugno 2004 e nominata vicesindaco, ha sostituito il sindaco Riccardo Berto dopo le sue dimissioni.
  13. ^ Eletto il 27 maggio.
  14. ^ Eletto il 6 maggio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Friuli-Venezia Giulia Portale Friuli-Venezia Giulia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Friuli-Venezia Giulia