Società Sportiva Dilettantistica Unione Triestina 2012 2012-2013

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Unione Triestina 2012 S.S.D.
Stagione 2012-2013
AllenatoreItalia Fabio Sambaldi, poi Italia Maurizio Costantini
Eccellenza Friuli-Venezia Giulia2º (finalista ai play-off nazionali)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Unione Triestina 2012 Società Sportiva Dilettantistica nelle competizioni ufficiali della stagione 2012-2013.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione Triestina 2012 viene ammessa in Eccellenza in sovrannumero dopo il fallimento dell'Unione Sportiva Triestina Calcio. Nell'agosto 2012, in forza dei 74 campionati professionistici a cui partecipò il sodalizio alabardato, e in applicazione dell'articolo 52 comma 10 delle N.O.I.F., la F.I.G.C. ha consentito l'iscrizione alla città di Trieste del nuovo sodalizio.

A metà del girone di andata, dopo una serie di pareggi, è stato esonerato l'allenatore Fabio Sambaldi per assumere Maurizio Costantini. La squadra, dopo la sconfitta interna con l'Azzanese nel recupero dell'ultima d'andata, si è trovata appaiata agli stessi azzanesi al secondo posto a 10 punti dalla capolista Monfalcone.

Nel girone di ritorno la Triestina ottiene la testa della classifica alla 23ª giornata, complice anche lo scontro diretto risolto a favore degli alabardati; il Monfalcone ritorna poi in testa con 2 punti di vantaggio. Alla 30ª giornata il Monfalcone riposa ma la Triestina spreca l'occasione del sorpasso perdendo in casa con il San Daniele. I biancazzurri mantengono la vetta, e con una giornata d'anticipo conquistano la promozione diretta.

Il secondo posto consente agli alabardati di disputare i play-off nazionali. Il primo avversario sono gli altoatesini del Sankt Martin in Passeier che vengono superati con un doppio 2-1. Il secondo avversario è invece la piemontese la Pro Dronero: dopo l'1-1 ottenuto in trasferta, in casa la Triestina si trova inizialmente sotto per 0-3 e la rimonta fino al 3-3 non serve poiché, grazie alla regola dei gol fuori casa, sono gli avversari a garantirsi la promozione in Serie D.

La società fa quindi richiesta di ripescaggio, e il 6 agosto 2013 viene ammessa in Serie D.[1]

Problemi di logistica[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi dieci anni era capitato già due volte (2003-2004 con il Pordenone, 2010-2011 con l'ISM Gradisca) di aver il campionato di Eccellenza friulana a 17 squadre. La presenza della Triestina ha causato problemi logistici per via della rivalità fra tifosi friulani e giuliani e la mancanza di impianti adatti (cioè con il settore ospiti diviso da quello di casa) ad accogliere una tifoseria numerosa, evento non frequente nei campionati regionali friulani.

Per esempio Tolmezzo-Triestina è stata disputata a Tolmezzo allo stesso orario di Udinese-Genoa facendo alloggiare i tifosi ospiti sotto la tribuna coperta e quelli di casa dalla parte opposta sotto la pioggia e permettendo l'accesso al chiosco prima agli uni e poi agli altri per evitare il contatto fra le tifoserie.

Il doppio scontro fra le prime due della classe, Monfalcone e Triestina, è stato disputato sempre allo Stadio Nereo Rocco di Trieste.

Giornata Partita Note
San Luigi-Triestina 0-4 disputata allo Stadio Nereo Rocco, casa della Triestina
Tolmezzo-Triestina 1-0 disputata alle 12:30 (in contemporanea con Udinese-Genoa) su ordine della Questura di Udine per evitare contatti fra tifosi udinesi e triestini.
11ª Triestina-Gemonese 2-0 la partita era da giocare a Gemona del Friuli, inversione dei campi su richiesta della Questura di Udine
13ª San Daniele-Triestina 0-3 disputata a Majano su ordine della Questura di Udine che non ha ritenuto idoneo ad ospitare l'alto numero di tifosi giuliani l'impianto di San Daniele del Friuli
21ª U.F.Monfalcone-Triestina 0-2 Partita in calendario il 3 febbraio, sospesa al 9' per campo impraticabile. Recupero disputato il 13 febbraio allo Stadio Nereo Rocco (casa della Triestina)
23ª Maranese-Triestina 0-1 disputata lunedì 18 febbraio a Lignano Sabbiadoro su ordine della Questura di Udine che non ha ritenuto idoneo ad ospitare l'alto numero di tifosi giuliani l'impianto di Marano Lagunare
25ª Lumignacco-Triestina 0-1 disputata sabato 2 febbraio a Lignano Sabbiadoro su ordine della Questura di Udine che non ha ritenuto idoneo ad ospitare l'alto numero di tifosi giuliani l'impianto di Lumignacco

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Eccellenza Friuli-Venezia Giulia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Eccellenza Friuli-Venezia Giulia 2012-2013.
  • Essendo il campionato a 17 squadre, era previsto il riposo di una di esse ad ogni giornata, alla Triestina è toccato all'ultima giornata (17ª e 34ª).

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Trieste
9 settembre 2012
1ª giornata
Triestina1 – 0
referto
I.S.M. GradiscaStadio Nereo Rocco (1.800 spett.)
Arbitro:  Copat (Pordenone)

Trieste
16 settembre 2012
2ª giornata
San Luigi0 – 4
referto
TriestinaStadio Nereo Rocco (3.500 spett.)
Arbitro:  Bernardi (Ravenna)

Trieste
23 settembre 2012
3ª giornata
Triestina1 – 0
referto
TorviscosaStadio Nereo Rocco (2.000 spett.)
Arbitro:  Lazzaroni (Udine)

Trieste
26 settembre 2012
4ª giornata
Triestina2 – 2
referto
UF MonfalconeStadio Nereo Rocco (3.000 spett.)
Arbitro:  Donda (Cormons)

Tolmezzo
30 settembre 2012
5ª giornata
Tolmezzo Carnia1 – 0
referto
TriestinaStadio F.lli Ermanno (1.000 spett.)
Arbitro:  Cortinovis (Bergamo)

Trieste
7 ottobre 2012
6ª giornata
Triestina1 – 0
referto
Maranese MaruzzellaStadio Nereo Rocco (2.500 spett.)
Arbitro:  Santarossa (Pordenone)

Manzano
14 ottobre 2012
6ª giornata
Manzanese1 – 1
referto
TriestinaStadio Comunale di via Olivo (1.500 spett.)
Arbitro:  Marinescu (Pordenone)

Trieste
21 ottobre 2012
8ª giornata
Triestina1 – 1
referto
LumignaccoStadio Nereo Rocco (2.000 spett.)
Arbitro:  Ferro (Latisana)

Fontanafredda
28 ottobre 2012
9ª giornata
Fontanafredda1 – 1
referto
TriestinaStadio O. Tognon (600 spett.)
Arbitro:  Lorenzin (Castelfranco Veneto)

Trieste
1º novembre 2012
10ª giornata
Triestina3 – 0
referto
LignanoStadio Nereo Rocco (2.000 spett.)
Arbitro:  Gallas (Udine)

Trieste
4 novembre 2012
11ª giornata
Triestina2 – 0
referto
GemoneseStadio Nereo Rocco (2.500 spett.)
Arbitro:  Copat (Pordenone)

Trieste
11 novembre 2012
12ª giornata
Triestina1 – 0
referto
Pro CervignanoStadio Nereo Rocco (2.500 spett.)
Arbitro:  Valeri (Majano)

Majano
18 novembre 2012
13ª giornata
San Daniele0 – 3
referto
TriestinaCentro Sportivo Comunale (1.500 spett.)
Arbitro:  Gariglio (Pinerolo)

Trieste
25 novembre 2012
14ª giornata
Triestina3 – 0
referto
Cjarlins MuzaneStadio Nereo Rocco
Arbitro:  Marcuzzi (Udine)

Corno di Rosazzo
2 dicembre 2012
15ª giornata
Virtus Corno1 – 1
referto
TriestinaStadio G.A. Cudiz (500 spett.)
Arbitro:  Donda (Cormons)

Trieste
22 dicembre 2012
16ª giornata
Triestina1 – 2
referto
AzzaneseStadio Nereo Rocco (2.000 spett.)
Arbitro:  Ayroldi (Molfetta)

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Gradisca d'Isonzo
13 gennaio 2013
18ª giornata
I.S.M. Gradisca1 – 3
referto
TriestinaStadio Gino Colaussi (500 spett.)
Arbitro:  Kapidani (Pordenone)

Trieste
20 gennaio 2013
19ª giornata
Triestina1 – 0
referto
San LuigiStadio Nereo Rocco (2.500 spett.)
Arbitro:  Copat (Pordenone)

Torviscosa
27 gennaio 2013
20ª giornata
Torviscosa0 – 4
referto
TriestinaStadio di via Fornelli di Sotto (500 spett.)
Arbitro:  Martino (Latisana)

Monfalcone
2 febbraio 2013
21ª giornata[2]
UF Monfalcone – TriestinaStadio Cosulich

Trieste
10 febbraio 2013
22ª giornata
Triestina0 – 0
referto
Tolmezzo CarniaStadio Nereo Rocco (2.000 spett.)
Arbitro:  Marinescu (Pordenone)

Trieste
13 febbraio 2013
21ª giornata
UF Monfalcone0 – 2
referto
TriestinaStadio Nereo Rocco (2.500 spett.)
Arbitro:  Bariola (Piacenza)

Lignano Sabbiadoro
18 febbraio 2013
23ª giornata
Maranese Maruzzella0 – 1
referto
TriestinaStadio G. Teghil (500 spett.)
Arbitro:  Lazzaroni (Udine)

Trieste
24 febbraio 2013
24ª giornata
Triestina1 – 1
referto
ManzaneseStadio Nereo Rocco (2.500 spett.)
Arbitro:  Bertelli (Busto Arsizio)

Lignano Sabbiadoro
2 marzo 2013
23ª giornata
Lumignacco0 – 1
referto
TriestinaStadio G. Teghil (800 spett.)
Arbitro:  Santarossa (Udine)

Trieste
10 marzo 2013
19ª giornata
Triestina1 – 0
referto
FontanafreddaStadio Nereo Rocco (2.500 spett.)
Arbitro:  Lamannis (Udine)

Lignano Sabbiadoro
17 marzo 2013
23ª giornata
Lignano1 – 2
referto
TriestinaStadio G. Teghil (1.500 spett.)
Arbitro:  Copat (Pordenone)

Gemona del Friuli
7 aprile 2013
28ª giornata
Gemonese1 – 1
referto
TriestinaStadio Simonetti (1.000 spett.)
Arbitro:  Cappelletto (Treviso)

Cervignano del Friuli
14 aprile 2013
29ª giornata
Pro Cervignano1 – 3
referto
TriestinaStadio Pierino Dissabo (800 spett.)
Arbitro:  Kapidani (Pordenone)

Trieste
21 aprile 2013
30ª giornata
Triestina0 – 2
referto
San DanieleStadio Nereo Rocco (2.000 spett.)
Arbitro:  Donda (Cormons)

Carlino
25 aprile 2013
31ª giornata
Cjarlins Muzane0 – 2
referto
TriestinaStadio Eros Della Ricca (500 spett.)
Arbitro:  Capovilla (Verona)

Trieste
28 aprile 2013
32ª giornata
Triestina2 – 1
referto
Virtus CornoStadio Nereo Rocco (2.000 spett.)
Arbitro:  Marinescu (Pordenone)

Azzano Decimo
5 maggio 2013
33ª giornata
Azzanese2 – 2
referto
TriestinaStadio Vinicio Facca (700 spett.)
Arbitro:  Azzaro (Ragusa)

Play-off nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Eccellenza 2012-2013 § Play-off nazionali.
Trieste
26 maggio 2013
1º turno - andata
Triestina2 – 1
referto
600px Blu e Bianco (Strisce)2.png Sankt Martin in PasseierStadio Nereo Rocco (3.000 spett.)
Arbitro:  Capelli (Bergamo)

San Martino in Passiria
2 giugno 2013
1º turno - ritorno
Sankt Martin in Passeier 600px Blu e Bianco (Strisce)2.png1 – 2
referto
TriestinaStadio Comunale Prantago (800 spett.)
Arbitro:  Meocci (Siena)

Dronero
9 giugno 2013
2º turno - andata
Pro Dronero1 – 1
referto
TriestinaStadio Filippo Drago (700 spett.)
Arbitro:  Pashuku (Albano Laziale)

Trieste
16 giugno 2013
2º turno - ritorno
Triestina3 – 3
referto
Pro DroneroStadio Nereo Rocco (5.000 spett.)
Arbitro:  Vigile (Cosenza)

Coppa Eccellenza Friuli-Venezia Giulia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ufficiale: la Triestina ripescata in Serie D Mediagol.it
  2. ^ Partita sospesa dopo 9 minuti sullo 0-0 per campo impraticabile

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su triestinacalcio.it. URL consultato il 1º giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2008).