Maurizio Costantini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maurizio Costantini
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1995 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1979-1981Conegliano33 (0)
1981-1991Triestina309 (5)
1991-1995Pro Gorizia76 (1)
Carriera da allenatore
1995-1996 San Sergio
1996-1998 Pievigina
1998-1999 Giorgione
1999-2000 Triestina
2000-2001 Mestre
2002 Mestre
2002-2004 Acireale
2004 Catania
2005 Salernitana
2006-2007 Torres
2008 Juve Stabia
2009 Juve Stabia
2009-2010 Colligiana
2010-2011 Sacilese
2012-2013 Triestina
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Maurizio Costantini (San Donà di Piave, 15 aprile 1962) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Conegliano, nel 1981 passa alla Triestina, formazione di cui diventa una bandiera, militandovi per 10 stagioni consecutive, 7 delle quali in Serie B e tre in Serie C1.

Nella stagione 1991-1992 abbandona la formazione giuliana per chiudere la carriera di calciatore giocando per quattro anni nei dilettanti della Pro Gorizia.

In carriera ha totalizzato complessivamente 220 presenze e 3 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia ad allenare nel 1995 al San Sergio (Eccellenza), per poi passare alla Pievigina (Campionato Nazionale Dilettanti) nel 1998 al Giorgione (Serie C2, girone B), classificandosi 11º (11 vittorie, 9 pareggi, 14 sconfitte).

Nel 1999 passa alla Triestina (sempre C2-B), giungendo al 3º posto (19 vittorie, 7 pareggi, 8 sconfitte), ma perdendo i play-off per la promozione con la Vis Pesaro.

Nel 2000 va al Mestre (C2-A), arrivando 2º (16 vittorie, 7 pareggi, 5 sconfitte), ma fallendo ancora la promozione nella finale dei play-off proprio con la sua ex-squadra, la Triestina. Rimane al Mestre nel 2001-2002 (C2-B), viene esonerato e poi richiamato (2 vittorie, 2 pareggi, 7 sconfitte), terminando al 12º posto.

Nel 2002-2003 subentra a stagione in corso all'Acireale (C2-C), dove finalmente centra la promozione dopo il 5º posto (6 vittorie, 6 pareggi, 3 sconfitte) e la vittoria nei play-off contro il Catanzaro. Confermato dall'Acireale nel 2003-2004 (C1-B), ottiene un 4º posto (16 vittorie, 12 pareggi, 6 sconfitte), con sconfitta nei play-off per la B con la Viterbese.

Nel 2004-2005 ha l'occasione di allenare in Serie B il Catania, ma è esonerato dopo 11 giornate (4 vittorie, 3 pareggi, 4 sconfitte), con i siciliani che alla fine terminano all'11º posto.

Nel 2005-2006 inizia alla Salernitana (C1-A), ma è esonerato dopo la 12a giornata (3 vittorie, 4 pareggi, 5 sconfitte), in una stagione in cui i campani concludono al 6º posto, perdendo poi i play-off per la B con il Genoa.

Nel 2006-2007 va alla Sassari Torres (C2-A), dove viene ancora esonerato dopo 30 partite (10 vittorie, 8 pareggi, 12 sconfitte). I sardi terminano al 12º posto.

Nel 2007-2008 subentra a stagione in corso sulla panchina della Juve Stabia (C1-B), portandola alla salvezza dopo il 15º posto (2 vittorie e 2 sconfitte) e la vittoria ai play-out con il Lanciano. Confermato nel 2008-2009 alla Juve Stabia (Lega Pro Prima Divisione, girone B), viene prima esonerato e poi richiamato, terminando al 17º posto, ma retrocedendo dopo i play-out, disputati ancora con il Lanciano.

Nella stagione 2009-2010 passa alla guida della Colligiana che milita in Lega Pro Seconda Divisione, ma viene esonerato dopo la nona di campionato il 19 ottobre 2009, per poi essere richiamato dopo la quattordicesima giornata ed essere di nuovo esonerato per il subentrante Rodolfo Vanoli.

Con la retrocessione della Colligiana dopo i play-out, dal 1º luglio 2010 diventa nuovo allenatore della Sacilese, sempre in Lega Pro Seconda Divisione.

Dalla stagione 2012-2013 allena la Triestina in Eccellenza dopo le dimissioni di Fabio Sambaldi. Sotto la sua guida i giuliani perdono gli spareggi nazionali per la promozione contro la Pro Dronero, ma accedono comunque alla Serie D 2013-2014 tramite ripescaggio. Viene esonerato il 1º ottobre 2013, a seguito della sconfitta col Montebelluna[1].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Triestina: 1982-1983

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Pro Gorizia: 1992-93

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]