Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Invasione russa dell'Ucraina del 2022

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Crisi russo-ucraina.

Invasione russa dell'Ucraina del 2022
parte della crisi russo-ucraina
Russian bombardment of telecommunications antennas in Kiev (3to4).jpg
Bombardamento russo alle antenne di telecomunicazioni di Kiev
Data24 febbraio 2022 – in corso
LuogoUcraina
Causa
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Russia Russia

RP di Doneck RP di Doneck

RP di Lugansk RP di Lugansk

Totale:

  • ~ 234 000 uomini, con 1 200 carri armati e 550 aerei
Ucraina Ucraina
  • 209 000 (forze armate dell'Ucraina)
  • 102 000 (forze paramilitari)
  • ~ 800 carri armati
  • ~ 200 aerei
  • Voci di guerre presenti su Wikipedia
    Progressione dell’invasione dal 24 febbraio.

    L'invasione russa dell'Ucraina del 2022 è l'offensiva militare iniziata dalle Forze armate della Federazione Russa il 24 febbraio 2022, invadendo il territorio ucraino e segnando così una brusca escalation della crisi russo-ucraina in corso dal 2014.

    La guerra ha provocato la maggiore crisi per l'accoglienza di rifugiati in Europa dopo la fine della seconda guerra mondiale, tanto che si è ritenuto necessario invocare la Direttiva di protezione temporanea.[7][8]

    L'intervento armato è stato preceduto da un prolungato ammassamento sul confine delle forze russe iniziato nella primavera 2021, motivato dal presidente russo Vladimir Putin sulla base del timore di un'adesione dell'Ucraina alla NATO[9][10][11] e seguito da esercitazioni militari.[12] Pochi giorni prima dell'invasione, la Russia ha riconosciuto l'indipendenza di due stati autoproclamatisi nella regione del Donbass, all'interno dei confini dell'Ucraina, la Repubblica Popolare di Doneck e la Repubblica Popolare di Lugansk, e il 20 febbraio, in violazione del Memorandum di Budapest sulle garanzie di sicurezza dell'Ucraina,[13] vi ha inviato le proprie forze armate a presidiarne il territorio. L'indomani il Consiglio della Federazione ha autorizzato all'unanimità il presidente Vladimir Putin a usare la forza militare fuori confine.

    Numerosi avvertimenti su un'imminente invasione erano già stati diramati dai media a partire dall'ottobre 2021, ma gli alti funzionari russi avevano costantemente negato di starla pianificando.[14]

    Cause

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Crisi russo-ucraina, Rivoluzione arancione, Euromaidan e Guerra del Donbass.

    La guerra scoppiata fra Russia e Ucraina ha le sue radici in una lunga crisi diplomatica e militare fra i due Paesi. Secondo Kissinger, la situazione geografica della Russia, senza confini naturali eccetto l'Artico e l'oceano Pacifico, le ha permesso di sviluppare per molti secoli una politica estera, consistente nell'espandere lo stato in ogni direzione, come fu descritta da Afanasy Ordin-Nashchokin ministro di Alessio I;[15] questa ha alimentato negli anni la volontà di riguadagnare la sfera di influenza persa con lo scioglimento dell'Unione Sovietica e di assicurarsi posizioni strategiche come la Crimea,[16][17] che affaccia sul mar Nero.

    La rivoluzione ucraina del 2014, conclusasi il 23 febbraio con la fuga a Sebastopoli di Viktor Janukovyč e la sua esautorazione e il conseguente il passaggio da un esecutivo filorusso a uno filoccidentale, aveva determinato due fatti fondamentali: l'avvicinamento dell'Ucraina ai Paesi occidentali (UE, NATO), tramite una sempre più stretta cooperazione militare[18] come l'adesione all'EOP program[19][20] nel 2020 che ha esasperato la "sindrome di accerchiamento" della Russia[21] e, a partire dal 28 febbraio, l'occupazione militare della Crimea inizialmente con forze non identificate e la veloce annessione della penisola alla Russia a cui seguì il 6 aprile la secessione armata della regione del Donbass e numerosi scontri nell'Ucraina orientale tra le comunità russofone e ucraine. I contrasti più gravi sono avvenuti il 2 maggio nella città di Odessa tra filorussi, gruppi nazionalisti ucraini appartenenti al partito Pravyj Sektor e neonazisti legati anche ai gruppi ultras del Metalist, e culminati nell'incendio alla Casa dei sindacati, con la morte di 42 persone tra militanti filorussi e presenti nell'edificio.[22]

    Antefatti

    Ammassamento delle forze russe

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Crisi russo-ucraina.

    Il conflitto è iniziato con un grande ammassamento militare, inizialmente nella primavera 2021 e poi da ottobre 2021 a febbraio 2022. Durante questo secondo periodo, la Russia ha inoltrato richieste agli Stati Uniti e alla NATO, avanzando due progetti di trattati che contenevano richieste per quelle che definiva «garanzie di sicurezza», tra cui una promessa legalmente vincolante che l'Ucraina non avrebbe mai aderito alla NATO, nonché una riduzione delle truppe e dei mezzi della NATO stanziati nell'Europa orientale,[23] e ha minacciato una risposta militare non specificata se l'Alleanza Atlantica avesse continuato a puntare su una linea che definiva aggressiva.[24]

    Accuse russe

    Manifestazione filoccidentale a Odessa (9 febbraio 2014)

    Da tempo la Russia denunciava i supposti tentativi del governo ucraino di mettere in atto processi per l'assimilazione forzata della minoranza russa.[25][26][27]

    Nell'aprile 2014, dopo l'annessione della Crimea, venne vietata l'importazione in Ucraina di film russi prodotti dopo il gennaio 2014 e di quei film post-1991 in cui i soldati russi erano positivamente rappresentati, e nell'agosto dello stesso anno venne proibita l'importazione di 38 libri, e compilata una lista di persone, contenente inizialmente cantanti e attori russi ed estesa nel settembre a blogger e giornalisti anche di altre nazionalità, a cui è stato vietato l'ingresso nel Paese causa la loro posizione verso la guerra del Donbass. A giugno fu messa fuorilegge anche la simbologia nazista e comunista, e aumentato il sostegno ai movimenti LGBT e per l'identità di genere.[28]

    Nell'aprile del 2019 il parlamento ucraino ha approvato una legge per conferire esclusivamente alla lingua ucraina lo status di lingua ufficiale anche nelle regioni a maggioranza russofona.[29] Il giorno precedente l'approvazione di tale legge, il presidente Putin ha approvato la semplificazione delle procedure per l'ottenimento del passaporto russo da parte dei residenti ucraini nelle regioni secessioniste del Donbass[30] dov'è in corso una guerra dal 2014.

    Nelle settimane precedenti l'invasione, Putin ha più volte dichiarato che, in particolare nella regione del Donbass, i russofoni erano vittime di una discriminazione che assumeva sempre più la forma del genocidio.[31][32][33] Tali dichiarazioni non trovavano conferma nei report delle organizzazioni internazionali, tra le quali l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani,[34][35] la missione speciale di osservazione dell'OSCE in Ucraina[36] e il Consiglio d'Europa[37] né nei fact checking dei principali organi di stampa.[38] Le affermazioni di Putin sul genocidio dei russofoni non hanno trovato credito negli Stati Uniti, che le ha ritenute una «falsità riprovevole»[39] pretestuosamente agitata per preparare l'invasione dell'Ucraina.[33]

    Il 21 febbraio, in un discorso televisivo dalle forti tinte nazionalistiche, Putin ha dichiarato che la società ucraina fosse neonazista e che pertanto la Russia si era posta l'obiettivo di «smilitarizzare e denazificare» il Paese:[40][41][42][nota 1] in realtà, nelle elezioni parlamentari del 2019, i partiti di destra ultranazionalisti non sono riusciti a conquistare alcun seggio nel parlamento ucraino.[42][48] Secondo le testate giornalistiche occidentali, la denuncia russa della politica nazista in atto in Ucraina è «infondata» e «falsa».[49][50]

    Guerra

    Primi scontri

    I combattimenti nel Donbass sono aumentati in modo significativo il 17 febbraio 2022. Mentre il numero giornaliero di attacchi nelle prime sei settimane del 2022 era variato da due a cinque,[51] l'esercito ucraino ha riportato 60 attacchi il 17 febbraio. I media statali russi hanno anche riferito di oltre 20 attacchi di artiglieria a posizioni secessioniste lo stesso giorno.[51] Il governo ucraino ha accusato i secessionisti russofoni di aver bombardato un asilo nido a Stanytsia Luhanska usando l'artiglieria, ferendo tre civili.

    Il giorno successivo, la Repubbliche Popolare di Doneck e di Lugansk hanno ordinato l'evacuazione obbligatoria dei civili dalle rispettive capitali, il cui completamento avrebbe però richiesto alcuni mesi.[52][53][54][55] I media ucraini hanno riportato un forte aumento dei bombardamenti di artiglieria da parte dei militanti a guida russa nel Donbass come tentativi di provocare l'esercito ucraino.[56][57]

    Escalation (21-23 febbraio)

    Mosca, 21 febbraio 2022: Vladimir Putin firma i decreti presidenziali di riconoscimento delle Repubbliche Popolari di Doneck e Lugansk e relativi trattati d'amicizia, cooperazione e assistenza reciproca.
    Vladimir Putin annuncia, la sera del 21 febbraio 2022 in un discorso alla TV di Stato, il riconoscimento delle Repubbliche Popolari di Doneck e Lugansk.
    Primo giorno dell'invasione: bus in fiamme tra Charkiv e Kiev

    Il 15 febbraio la Duma aveva approvato una risoluzione richiedente al presidente Putin il riconoscimento delle repubbliche secessioniste di Doneck e Lugansk; la risoluzione, proposta dal Partito Comunista della Federazione Russa, era stata approvata con 351 voti favorevoli, 16 contrari (14 parlamentari di Nuova Gente e 2 su 325 di Russia Unita) e un astenuto, mentre 82 deputati non avevano partecipato al voto.[58] Il 21 febbraio successivo Putin ha quindi riconosciuto formalmente l'indipendenza delle due repubbliche e ordinato l'invio di truppe (comprese le forze meccanizzate) nel Donbass, annunciando l'avvio di una "missione di mantenimento della pace".[59][60]

    Nello stesso giorno, il Servizio di sicurezza federale russo (FSB) ha dichiarato che i bombardamenti ucraini avevano distrutto una struttura di confine dell'FSB a 150 m dal confine tra Russia e Ucraina nell'oblast' di Rostov.[61] Inoltre, il distretto militare meridionale russo ha denunciato l'incursione di cinque sabotatori ucraini, annunciandone l'uccisione presso il villaggio di Mityakinskaya (oblast' di Rostov) e la distruzione dei loro veicoli da combattimento di fanteria.[62] Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha smentito entrambi gli incidenti, definendoli false flag.[63][64]

    Più tardi, sempre il 21 febbraio, diversi media indipendenti hanno confermato che le forze russe stavano entrando nel Donbass.[65][66][67][68] Quest'intervento militare è stato condannato dal Consiglio di sicurezza dell'Onu.[69]

    Il 23 febbraio, il parlamento ucraino ha proclamato lo stato di emergenza nazionale di 30 giorni (entrato in vigore a mezzanotte), con esclusione dei territori occupati nel Donbass, e ha ordinato la mobilitazione di tutti i riservisti delle forze armate ucraine.[70][71][72] Lo stesso giorno, la Russia ha iniziato a evacuare la sua ambasciata a Kiev.[73] I siti web del parlamento e del governo ucraini, insieme ai siti web bancari, sono stati colpiti da attacchi DDoS.[74]

    24 febbraio

    Il 24 febbraio 2022, in un discorso alla nazione, Vladimir Putin[75] ha ribadito l'accusa agli Stati Uniti e all'Occidente di perseguire l'espansione aggressiva della NATO fino ai confini della Russia. Questa tesi è considerata un argomento essenziale di sicurezza geostrategica dalla Russia, che da tempo percepiva un senso di accerchiamento e ridimensionamento dei propri spazi a seguito della caduta dell'Unione Sovietica.[21] Nelle settimane precedenti all'attacco, la Russia aveva richiesto garanzie scritte di un non allargamento della NATO in Ucraina, senza tuttavia raggiungere alcuna forma di accordo.[76] La Russia, nel febbraio 2022, deteneva la presidenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con Vasilij Nebenzja.[77][78]

    Nelle prime ore del 24 febbraio, il presidente ucraino Volodymyr Zelens'kyj ha tenuto un discorso televisivo, rivolgendosi ai cittadini russi in lingua russa e supplicandoli di evitare la guerra,[79][80][81] unendosi in questo modo all'appello del segretario generale dell'ONU António Guterres che aveva dichiarato: «Date una possibilità alla pace».[77]

    Invasione

    All'alba del 24 febbraio, Putin ha annunciato un'"operazione militare speciale" nell'Ucraina orientale finalizzata a garantire la sicurezza dei cittadini russi e minacciando che i Paesi che fossero intervenuti avrebbero fronteggiato conseguenze mai viste prima;[82] la dichiarazione è stata immediatamente seguita da attacchi aerei e missilistici verso obiettivi strategici[83] che hanno colpito località in tutta l'Ucraina, inclusa la capitale Kiev e i posti di frontiera ucraini con Russia e Bielorussia.[84][85] Due ore dopo, le forze di terra russe sono entrate nel Paese.[11] Durante le prime 24 ore del conflitto, la Russia ha effettuato contro l'Ucraina 160 lanci di missili (balistici e da crociera) e 75 incursioni aeree.[83]

    Il presidente Zelens'kyj ha risposto promulgando la legge marziale,[86] interrompendo i rapporti diplomatici con la Russia e annunciando la mobilitazione generale.[87] Poco dopo sono iniziate le operazioni belliche. L'esercito russo è penetrato in territorio ucraino da nord, da est e da sud.

    Da nord l'ingresso nel Paese è avvenuto sia dal confine russo-ucraino sia da quello tra l'Ucraina e la Bielorussia. Il 24 febbraio le truppe russe hanno preso controllo delle città fantasma di Černobyl' e Pryp"jat', compresa la centrale nucleare,[11][88][89] per poi puntare verso la capitale Kiev con l'obiettivo di accerchiarla. L'avanzata è stata però rallentata dalla resistenza delle truppe ucraine,[78] che non sono tuttavia riuscite a difendere l'aeroporto Antonov di Hostomel', perso tra il 24 e il 25 febbraio a causa dell'intervento di paracadutisti russi elitrasportati.[90][91]

    Struttura a Kiev distrutta da un attacco missilistico
    Scene nell'Ucraina orientale durante l'invasione (video del 24 febbraio)
    Condominio a Kiev colpito da un missile il 26 febbraio

    A est, l'esercito russo è inoltre avanzato nel territorio delle autoproclamate repubbliche di Lugansk e Donetsk, nel Donbass.

    A sud, il 24 febbraio la marina russa ha preso il controllo della strategica isola dei Serpenti, a circa 45 km dalle coste di Odessa e della Romania.[92] Il maggior avanzamento delle forze russe si è però registrato a partire dalla Crimea[77] e ha consentito loro di prendere il controllo del canale della Crimea settentrionale, della città di Cherson[93][94] e dell'importante centrale nucleare di Zaporižžja, conquistata il 4 marzo.[95] Sempre dalla Crimea, le truppe russe si sono spinte verso est seguendo la costa, fino a ricongiungersi con quelle penetrate dal Donbass e ad accerchiare Mariupol'.[96]

    Il 27 febbraio Putin ha ordinato l'attivazione dei sistemi di allerta nucleare, corrispondente allo stato di preallarme difensivo basato sui missili nucleari.[97]

    L'invasione russa ha ricevuto un'ampia condanna internazionale e pesanti sanzioni economico-finanziarie, oltre a scatenare una serie di proteste della popolazione russa nelle principali città, conclusesi con arresti di massa.[98][99]

    Il 6 marzo l'azione di Putin ha ricevuto il sostegno della Chiesa ortodossa russa, il cui patriarca Cirillo I, nella recita del sermone della Domenica del Perdono, si è espresso violentemente contro lo svolgersi dei gay pride nei Paesi occidentali sostenendo che «Stiamo parlando di qualcosa di molto più importante della politica. Parliamo della salvezza umana... siamo entrati in una guerra che non ha significato fisico ma metafisico. Per otto anni si è cercato di distruggere quanto esisteva nel Donbass, dove vi è un fondamentale rifiuto dei cosiddetti valori offerti da chi rivendica il potere mondiale», giudicando l'appoggio all'invasione "un test della fedeltà al Signore".[100]

    Il 20 marzo il Consiglio di sicurezza ucraino, in vigenza della legge marziale, ha sospeso l'attività di 11 partiti politici considerati filorussi, compresi i due rappresentati in parlamento: Piattaforma di Opposizione - Per la Vita, con 43 deputati, e Blocco di Opposizione, con 6 deputati.[101][102] Nello stesso tempo sono state bloccate le trasmissioni di televisioni che non accettano di trasmettere attraverso un'unica piattaforma. Le due decisioni hanno suscitato polemiche in Ucraina, sia con l'accusa al governo di voler raccontare gli eventi con una sola voce e sia comprendendola nella logica della legge marziale e della lotta alla disinformazione, ma riaffermando l'importanza della libertà di parola e della necessità dello Stato di diritto.[103]

    Dal 25 marzo le truppe ucraine lanciano una serie di contrattacchi nelle aree vicine alla capitale[104] riottenendo nei giorni successivi il controllo di diversi centri, tra cui Irpin' e Buča e accusando nel contempo le forze russe di aver perpetrato uccisioni di massa di civili e torture nel corso dell'occupazione di tali aree.[105][106]

    Il ruolo delle altre nazioni

         Russia

         Ucraina

         Paesi che forniscono armi all'Ucraina

         Russia

         Ucraina

         Paesi che inviano aiuti, inclusi gli aiuti umanitari all'Ucraina

    Dal 2014, Regno Unito, Stati Uniti, UE e NATO hanno fornito all'Ucraina aiuti militari perlopiù non letali.[107] Il supporto militare letale è stato limitato, con gli Stati Uniti che hanno iniziato a vendere armi tra cui missili anticarro Javelin a partire dal 2018,[107] e l'Ucraina che ha accettato di acquistare droni da combattimento TB2 dalla Turchia nel 2019.[108] Dopo che la Russia ha iniziato ad ammassare equipaggiamenti e truppe ai confini dell'Ucraina, nel gennaio 2022 gli Stati Uniti hanno approvato il trasferimento di armi prodotte dagli Stati Uniti in Ucraina da parte alcuni degli stati membri della NATO.[109] Il Regno Unito iniziò anche a fornire armi anticarro NLAW e Javelin. Dopo l'invasione, gli stati membri della NATO, inclusa la Germania, hanno accettato di fornire armi, ma la NATO come organizzazione no.[110][111][112] La NATO, con i suoi stati membri, ha rifiutato l'invio di truppe in Ucraina per evitare il rischio di una guerra su larga scala,[113][114] una decisione che alcuni esperti hanno etichettato come una politica di appeasement.[115][116]

    Il 26 febbraio, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha annunciato di aver autorizzato 350 milioni di dollari in assistenza militare letale, compresi i sistemi anti-corazzati e antiaerei.[117][118] Il giorno successivo l'UE ha dichiarato che avrebbe acquistato 450 milioni di euro in assistenza letale e altri 50 milioni di euro in forniture non letali da fornire all'Ucraina, con la Polonia che funge da centro di distribuzione.[119][120][121] Durante la prima settimana dell'invasione, gli stati membri della NATO hanno fornito più di 17.000 armi anticarro all'Ucraina;[122] a metà marzo si stimava che il numero fosse più di 20.000.[123]

    Anatolij Bibilov, presidente dello stato separatista georgiano dell'Ossezia del Sud, ha annunciato il 26 marzo che le truppe dell'Ossezia meridionale sono state inviate in Ucraina.[124][125] Successivamente, è stato chiarito che si trattasse di osseti con cittadinanza russa o che prestano servizio nell'esercito russo presso la quarta base militare della 58ª armata russa, dispiegata nell'Ossezia meridionale.[126][127] Il 16 marzo è iniziata la ridistribuzione delle truppe dalla base.[128][129] Gli iraniani hanno fornito alla Russia alcune delle armi sviluppate internamente tra cui i sistemi terra-aria Bavar 373, utilizzati per supportare lo sforzo bellico russo contro i droni forniti agli ucraini.[130]

    Volontari stranieri

    L'Ucraina ha cercato attivamente volontari da altri Paesi. Il 1º marzo, l'Ucraina ha temporaneamente revocato l'obbligo del visto per i volontari stranieri che desideravano unirsi alla lotta contro le forze russe. La mossa è arrivata dopo che Zelens'kyj ha creato la Legione internazionale di difesa territoriale dell'Ucraina e ha invitato i volontari a "unirsi nella difesa dell'Ucraina, dell'Europa e del mondo".[131] Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha dichiarato che al 6 marzo circa 20.000 cittadini stranieri provenienti da 52 Paesi si sono offerti volontari per combattere.[132] Tra i volontari stranieri combattenti nelle file ucraine sono presenti inoltre numerose unità provenienti dalla Georgia raggruppate nella Legione Georgiana, diverse delle quali sono attive nei combattimenti sin dall'inizio delle ostilità nel Donbass nel 2014.[133] Il 15 marzo il ministero della difesa ucraino crea inoltre la Legione "Libertà alla Russia", formata principalmente da oppositori politici, ex prigionieri di guerra catturati dagli ucraini e disertori russi.[134]

    Il 3 marzo, il portavoce del ministero della Difesa russo Igor' Konašenkov ha avvertito che i mercenari non hanno diritto alla protezione ai sensi delle Convenzioni di Ginevra e che i combattenti stranieri catturati non sarebbero stati considerati prigionieri di guerra, ma perseguiti come criminali.[135] L'11 marzo Mosca annunciò che 16.000 volontari provenienti dal Medio Oriente erano pronti a unirsi ad altri combattenti stranieri filorussi insieme ai separatisti del Donbass.[136] Un video caricato online mostrava paramilitari armati dell'Africa centrale che chiamavano alle armi per combattere in Ucraina con le truppe russe.[137]

    Oltre 66.200 uomini ucraini sono tornati in Ucraina dall'estero per combattere.[138]

    Conseguenze dell'invasione

    Sfollati

    Situazione degli sfollati in Ucraina ad aprile 2022 (IOM)

    Le operazioni militari all'interno dell'Ucraina hanno prodotto un numero notevole di sfollati, ammassati per lo più nelle regioni dell'ovest. Secondo un rapporto dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni del 17 aprile 2022, è sfollata una persona su sei, 7,7 milioni di persone, 17% del totale della popolazione ucraina.[139]

    Rifugiati

    Rifugiati ucraini che lasciano Užhorod per la Slovacchia, il 10 marzo 2022

    Secondo i dati dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, dal 24 febbraio al 15 marzo oltre 3 milioni di ucraini hanno lasciato il proprio Paese.[140] La maggior parte (1,86 milioni) ha raggiunto la Polonia, mentre gli altri sono transitati in Romania (468 000), Moldavia (344 000), Ungheria (273 000), Slovacchia (221 000) e altri Paesi, inclusa la Russia (156 000).[140] Per poter gestire velocemente l'imponente afflusso di rifugiati e garantirne la protezione, il 3 marzo 2022 i ministri dell'UE hanno approvato all'unanimità[141] la proposta del commissario europeo per gli affari interni Ylva Johansson di applicare la direttiva di protezione temporanea dei rifugiati, in vigore dal 2001 ma mai attivata.[142] Molti Paesi dell'area Schengen, tra i quali Polonia, Germania e Svizzera, hanno annunciato che non avrebbero richiesto più il passaporto per gli ucraini provenienti dalla zona di guerra.[143]

    In risposta all'elevata necessità di alloggi per i rifugiati, l'organizzazione internazionale Global Citizen, così come altre organizzazioni e iniziative (tra cui Airbnb, UkraineTakeShelter.com, Host A Sister, Accommodation, Help & Shelter for Ukraine, Ukraine Now, Welcome.US, Homes for Ukraine, Refugees at Home) hanno messo in atto delle attività di informazione e facilitazione affinché chi abbia a disposizione un alloggio libero possa ospitare i rifugiati in fuga dall'Ucraina.[144]

    Reazioni

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sanzioni internazionali durante la crisi russo-ucraina e Aspetti legali dell'invasione russa dell'Ucraina del 2022.

    ONU

    Il 25 febbraio 2022 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è stato convocato per votare una proposta di deplorazione dell'invasione, ma la Russia ha posto il veto.[145] Il 2 marzo l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, riunitasi in sessione di emergenza, ha discusso e approvato a larga maggioranza[nota 2] la risoluzione ES‑11/1 di condanna dell'invasione.[146][147][148]

    Il 16 marzo la Corte internazionale di giustizia ha condannato le operazioni militari russe, ordinandone l'immediata cessazione.[149][150] Nell'ambito dello stesso pronunciamento la Corte ha ritenuto infondate e pretestuose le affermazioni russe - poste a giustificazione dell'invasione - circa un presunto genocidio in atto nelle repubbliche secessioniste del Donbass.[151]

    Unione europea

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: § Rifugiati.

    Il 28 febbraio il Consiglio dell'UE ha adottato due misure di assistenza per rafforzare le capacità militari dell’Ucraina,[152][153] queste, per un valore totale di 500 milioni di euro, finanziano la fornitura di attrezzature alle forze armate ucraine, includendo, per la prima volta nella storia dell'Unione europea, armamenti letali.[154][155] La UE per la prima volta è stata applicata la direttiva di protezione temporanea per accogliere i rifugiati ucraini.

    Il 22 aprile l'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, rispondendo a una domanda sul rischio che i Paesi dell'UE siano considerati cobelligeranti per via delle consegne di armamenti all'Ucraina ha affermato: «È un equilibrio delicato. Sosteniamo una delle parti in guerra senza volerne far parte. Noi forniamo armi, loro subiscono le conseguenze della guerra. Continueremo a fare questo sforzo e ad aumentarlo, senza diventare belligeranti. Vogliamo solo che gli ucraini siano in grado di difendersi».[156]

    Consiglio d'Europa e Corte europea dei diritti dell'uomo

    Il 25 febbraio il Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa, organizzazione non appartenente all'Unione europea, ha sospeso la Federazione Russa.[157][158] Con questa decisione la Russia, pur rimanendo membro del Consiglio d'Europa e parte della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, non può votare o associarsi nella presa di decisioni nel Comitato dei ministri e nell'Assemblea parlamentare di quell'organizzazione. Nei giorni seguenti la Corte europea dei diritti dell'uomo ha adottato alcune misure provvisorie nei confronti della Russia, chiedendo al governo russo di astenersi dal lanciare attacchi militari contro i civili e di garantire l'accesso della popolazione civile ai corridoi di evacuazione, alle cure mediche, alle risorse essenziali e agli aiuti umanitari.[159] La federazione russa ha risposto annunciando il ritiro dal Consiglio d'Europa[159] confermato ufficialmente il 15 marzo dal ministro degli esteri russo Lavrov assieme alla recessione dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo.[160]

    OSCE

    Nell'ambito dell'OSCE, su richiesta di 45 Stati partecipanti, con il sostegno dell’Ucraina è stato attivato il Meccanismo di Mosca sulla base del quale è stata istituita una missione di esperti indipendenti su violazioni e abusi commessi nell'ambito della guerra della Federazione Russa, sostenuta dalla Bielorussia, contro il popolo ucraino.[161][162] Gli esperti hanno presentato il loro Rapporto al Consiglio Permanente dell'OSCE del 13 aprile 2022 affermando chiari schemi di violazioni del Diritto internazionale umanitario da parte delle forze russe nella loro condotta delle ostilità. Gli esperti hanno indicato anche violazioni del diritto internazionale dei diritti umani principalmente nelle aree sotto il controllo effettivo della Russia o entità sotto il controllo della Russia.[163]

    Censura e propaganda

    25 febbraio Roskomnadzor ha limitato l'utilizzo di Facebook in Russia[164] e il 4 marzo ha chiuso la radio Eco di Mosca per i suoi servizi sull'invasione dell'Ucraina,[165] minacciando anche di bloccare l'accesso alla Wikipedia russa in Russia che nella sua voce sull'invasione ha riportato vittime tra il personale militare russo e i civili ucraini.[166] Due giorni dopo la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen annuncia il blocco delle trasmissioni del canale RT (già Russia Today) e dell’agenzia di stampa Sputnik,[167] e il blocco ai contenuti di RT è stato applicato anche dalle piattaforme Youtube, Facebook e altre.[168] Il 5 marzo è entrata in vigore in Russia una legge che punisce fino a 15 anni di carcere chi viene giudicato colpevole di aver diffuso notizie false sulle attività militari russe, causando il ritiro dal Paese di corrispondenti di media occidentali.[169] In particolare nella nazione diviene proibito riferirsi all'operazione speciale russa con il termine invasione.[170] L'11 marzo Meta annuncia un cambio temporaneo delle politiche consentendo agli utenti di Facebook e Instagram abitanti nelle nazioni in conflitto e circostanti[171] di inserire contenuti contro l'esercito russo e ha allentato la censura dei post che incitano all'uccisione degli invasori e dei loro capi; la Russia ha definito questa decisione un "incitamento all'odio razziale".[172] Il 12 marzo anche YouTube ha annunciato il blocco di media sostenuti dallo stato russo, in base alla sua politica sugli eventi violenti.[173]

    Impatto sul mercato globale delle materie prime

    La guerra in Ucraina e le sanzioni su larga scala contro la Russia hanno portato a una riduzione del volume del commercio mondiale e a un forte aumento dei prezzi dei generi alimentari e dell'energia.[174]

    C'è stato un forte aumento dei prezzi del gas e del petrolio. Il 2 marzo i prezzi del gas nell'UE hanno raggiunto un massimo storico.[175] Gli esperti rilevano l'elevato grado di dipendenza dell'UE dalle forniture di energia dalla Russia e l'impatto negativo sulla sua economia di un forte aumento dei prezzi del petrolio e del gas.[176][177]

    I prezzi del grano sono saliti al livello più alto dal 2008.[178] L'Ucraina è il quarto maggiore esportatore di mais e grano e il più grande esportatore mondiale di olio di girasole, con Russia e Ucraina che insieme esportano il 29% della fornitura mondiale di grano e il 75% delle esportazioni mondiali di olio di girasole. Il 25 febbraio, il contratto future di riferimento per il grano sul Chicago Mercantile Exchange ha raggiunto il prezzo più alto dal 2012, mentre anche i prezzi del mais e della soia sono aumentati notevolmente. Il ripristino della capacità di produzione delle colture può richiedere anni anche dopo la cessazione delle ostilità.[179] L'aumento dei prezzi del grano causato dal conflitto ha accresciuto le tensioni in Paesi come l'Egitto, che dipendono fortemente dalle esportazioni di grano dalla Russia e dall'Ucraina, e ha provocato timori di disordini sociali.[180] Nel frattempo, il 24 febbraio, la Cina ha annunciato che avrebbe revocato tutte le restrizioni sul grano russo, che, secondo il South China Morning Post, potrebbe essere una "ancora di salvezza" per l'economia russa.[181]

    Il 3 marzo è stato interrotto il pompaggio di gas dalla Russia alla Germania attraverso il gasdotto Yamal-Europa, su iniziativa della Polonia, la sua sezione polacco-tedesca è stata commutata in modalità inversa.[182] Di conseguenza, i prezzi del gas in Germania hanno iniziato a salire rapidamente a livelli inaccettabili per i consumatori industriali. Un rappresentante della compagnia petrolifera e del gas statale polacca PGNiG ha rifiutato di commentare la situazione, affermando che le informazioni sul gas inverso dalla Germania sono un segreto commerciale.[183] Poche ore dopo, il ministero dell'Energia ucraino ha vietato l'esportazione di gas dagli impianti di stoccaggio del gas ucraino.[184]

    Implicazioni macroeconomiche

    Kristalina Georgieva, amministratrice delegata del Fondo Monetario Internazionale, ha avvertito che il conflitto rappresenta un rischio economico sostanziale per la regione e a livello internazionale. Ha aggiunto che il Fondo potrebbe aiutare altri Paesi colpiti dal conflitto, in aggiunta a un pacchetto di prestiti da 2,2 miliardi di dollari in preparazione per assistere l'Ucraina. David Malpass, presidente del Gruppo della Banca Mondiale, ha affermato che il conflitto avrebbe effetti economici e sociali di vasta portata e ha riferito che la banca stava preparando opzioni per un significativo sostegno economico e fiscale agli ucraini e alla regione.[185]

    Nonostante le sanzioni internazionali senza precedenti contro la Russia, i pagamenti per le materie prime energetiche sono stati ampiamente risparmiati da queste misure, così come le forniture alimentari a causa del potenziale impatto sui prezzi alimentari mondiali. Russia e Ucraina sono i principali produttori di grano che viene esportato attraverso il Bosforo nei Paesi del Mediterraneo e del Nord Africa.[186][187] Si prevede che l'espulsione di alcune banche russe dallo SWIFT influirà sulle esportazioni del Paese.[188] Poiché la Russia è il principale partner commerciale ed economico per gli stati post-sovietici dell'Asia centrale e una delle principali destinazioni per milioni di lavoratori migranti della CSI, l'Asia centrale è stata particolarmente colpita indirettamente dall'effetto delle sanzioni a cui la Russia è stata sottoposta.[189] I principali produttori di armi hanno registrato forti aumenti dei ricavi e dei profitti intermedi.[190][191][192]

    Russia

    Le sanzioni economiche hanno colpito duramente il mercato finanziario russo nei primi giorni dell'invasione, con il mercato azionario in calo fino al 39% (indice RTS). Il rublo russo scese ai minimi storici, poiché i russi si affrettarono a cambiare valuta.[193][194] Le borse di Mosca e di San Pietroburgo furono sospese almeno fino al 18 marzo,[195] rendendo tale chiusura la più lunga nella storia della Russia.[196]

    Per lenire le iniziali conseguenze delle sanzioni e della crisi di liquidità derivante, la banca centrale russa guidata da Ėl'vira Nabiullina intraprese azioni straordinarie a sostegno dell'economia e del rublo, oltre alla pretesa dei pagamenti delle esportazioni di gas dai paesi ostili in rubli[197] e il forte aumento dei tassi di interesse, introdusse la convertibilità fissa dell'oro[198] comprandolo ad un prezzo poco inferiore a quello di mercato,[199] con l'obiettivo da parte della banca centrale di drenare tale metallo dal sistema interbancario russo e creare i presupposti per un nuovo sistema monetario similare a quello che era presente negli Stati Uniti prima della fine degli accordi di Bretton Woods.

    A seguito di tali azioni nelle settimane successive il rublo riuscì a recuperare valore tornando ai livelli pre-invasione,[200] inoltre il primo trimestre del 2022 segnò un surplus commerciale che raggiunse i livelli del 1994, grazie alla drastica riduzione delle importazioni a causa delle sanzioni e alla sostituzione con produzioni locali di beni e servizi.[201]

    A seguito della violazioni dei contratti sul debito estero sottoscritto in dollari e la pretesa dei pagamenti in rubli, il 26 febbraio, S&P Global Ratings declassò il rating del debito pubblico russo a livello "spazzatura", facendo sì che i fondi internazionali che richiedevano obbligazioni investment grade vendessero i titoli di debito russo, rendendo molto difficile per la Russia rifinanziarsi sui mercati internazionali e chiedere ulteriori prestiti in valuta forte.[202] A causa di tali violazioni contrattuali, l'11 aprile, S&P Global dichiarò la Russia in "default selettivo" sul suo debito estero.[203]

    Implicazioni geopolitiche

    A causa dell'invasione, i rapporti amichevoli verso la Russia esistenti nei Balcani e nei Paesi dell'Europa centrale (tra cui Ungheria e Repubblica Ceca) sono stati notevolmente indeboliti. Ad esempio, il presidente ceco Miloš Zeman, che è stato a lungo uno dei più fedeli sostenitori di Vladimir Putin, lo ha definito "pazzo" a seguito dell'invasione e ha supportato la decisione di tagliare fuori la Russia dal sistema SWIFT.[204]

    In risposta all'invasione, l'Unione Europea ha annunciato una maggiore integrazione con la NATO, dei piani per rafforzare significativamente la difesa comunitaria[205] e aiutare la sicurezza e la difesa di quei Paesi come Ucraina, Moldavia e gli altri partner orientali che sono decisi a muoversi verso un cammino europeo.[206] In particolare, il 3 marzo l'UE ha accolto le domande ufficiali di adesione di Ucraina, Moldavia e Georgia.[207] L'UE ha inoltre annunciato il varo di un piano per rendere gli Stati membri completamente indipendenti dalle forniture russe di combustibili fossili entro il 2030.[208]

    Diverse nazioni europee hanno annunciato il potenziamento del proprio bilancio militare per portarlo fino al 2% del proprio PIL, seguendo in tal modo la norma prevista originariamente dagli accordi della NATO ma spesso non rispettata dagli Stati membri, soprattutto in seguito alla notevole espansione delle economie nazionali.[209][210][211] Contestualmente sono stati accelerati anche i piani per la transizione delle economie verso le fonti rinnovabili e sono stati stretti nuovi accordi per incrementare le importazioni di materie prime da altre nazioni extraeuropee[212] al fine di ridurre la dipendenza dall'importazione di gas russo.[213]

    In Svezia e Finlandia, Paesi neutrali verso la Russia per decenni e non aderenti alla NATO, l'invasione ha portato al rafforzamento dei sostenitori della NATO. Per la prima volta dal 1939, la Svezia ha deciso di intervenire in un conflitto militare fornendo armi all'Ucraina;[214] lo stesso è avvenuto in Finlandia e in Norvegia, che ha abolito la politica di non fornitura di armi ai Paesi non NATO in guerra che era in vigore sin dagli anni '50.[215] Anche la Svizzera, tradizionalmente neutrale, che in precedenza aveva evitato conflitti con la Russia, si è schierata a sostegno dell'Ucraina e, per la prima volta dalla dichiarazione di neutralità al Congresso di Vienna, ha aderito alle sanzioni[216] militari, rimanendo tuttavia, insieme anche a Austria, Ungheria, Bosnia-Erzegovina e Bulgaria,[217][218] tra le nazioni europee non fornitrici di armi all'Ucraina.

    In sede ONU e nelle dichiarazioni ufficiali l'India si è astenuta dal condannare l'invasione russa distaccandosi dalle posizioni occidentali[219] così come la Cina, la quale si è mantenuta formalmente neutrale ritenendo ambiguamente "legittime tutte le preoccupazioni in materia di sicurezza dietro al conflitto", comprese quelle della Russia, e offrendosi come mediatore,[220] pur tuttavia spedendo in Europa forniture militari per la Serbia, nazione che storicamente ha sempre mantenuto posizioni fortemente filorusse.[221]

    Note

    Annotazioni

    1. ^ Il Battaglione Azov è una milizia della Guardia nazionale dell'Ucraina ideologicamente prossima all'estrema destra.[43] e con molti elementi neonazisti[44][45][46][47]
    2. ^ Con 141 voti favorevoli, 5 contrari (Corea del Nord, Bielorussia, Eritrea, Russia e Siria), 35 astenuti e 12 assenti.

    Fonti

    1. ^ Scintille nel Donbass tra Mosca e Kiev. L'Ucraina chiede di aderire alla Nato, su repubblica.it. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 14 febbraio 2022).
    2. ^ Zelensky chiede di far entrare l'Ucraina nell'Unione europea: cosa cambierebbe se dovesse succedere, su fanpage.it. URL consultato il 26 febbraio 2022 (archiviato il 26 febbraio 2022).
    3. ^ Zelensky: è ora di chiudere la lunga discussione sull'adesione dell'Ucraina all'Ue, su tgcom24.mediaset.it. URL consultato il 26 febbraio 2022 (archiviato il 26 febbraio 2022).
    4. ^ (EN) Russia Positioning Helicopters, in Possible Sign of Ukraine Plans, su nytimes.com. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 22 gennaio 2022).
    5. ^ (EN) Biden to Confer With Allies As Ukraine Tensions Rise, su nytimes.com (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2022).
    6. ^ a b The military balance 2021. Abingdon, Oxon: International Institute for Strategic Studies. 2021. ISBN 978-1032012278.
    7. ^ (EN) Daniel Keane e Elly Blake, What is the Homes for Ukraine refugees scheme and how do you apply?, in Evening Standard, 15 marzo 2022. URL consultato il 15 marzo 2022.
    8. ^ (EN) Antonio Pita e Raúl Sánchez Costa, Ukrainian exodus could be Europe's biggest refugee crisis since World War II, in El País, Gruppo PRISA, 3 marzo 2022. URL consultato il 16 marzo 2022.
    9. ^ Ucraina, Putin: Usa e alleati hanno ignorato le nostre richieste, su ilsole24ore.com.
    10. ^ (EN) Klaus Wiegrefe, NATO's Eastward Expansion: Is Vladimir Putin Right?, in Der Spiegel, 15 February 2022, ISSN 2195-1349 (WC · ACNP). URL consultato il 28 February 2022.
    11. ^ a b c (EN) Why is Russia invading Ukraine and what does Putin want?, in BBC News, 24 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2021).
    12. ^ Giulia Belardelli, La Russia continua a mostrare i muscoli: esercitazioni militari in Bielorussia. Mosca e Londra si vedono ma non s'intendono, su huffingtonpost.it, 18 febbraio 2022.
    13. ^ Quando l'Ucraina consegnò le sue armi nucleari alla Russia in cambio di protezione, su Today. URL consultato il 16 marzo 2022.
    14. ^ Коваль И., Путин врал, что войны с Украиной не будет. Хронология обмана президента РФ, su Deutsche Welle, 24 febbraio 2022 (archiviato il 25 febbraio 2022).
    15. ^ (EN) The Russian Enigma, in World Order, Penguin press, 2014.
    16. ^ Laura Canali, Carta: L'importanza strategica della Crimea, su Limes, 30 settembre 2016. URL consultato il 16 marzo 2022.
    17. ^ Aldo Ferrari, La Crimea fuori dall’orbita della Russia è impensabile, su Limes, 16 aprile 2014. URL consultato il 16 marzo 2022.
    18. ^ Relations with Ukraine, su nato.int.
    19. ^ How do you join NATO and how close is Ukraine to becoming a member?, su euronews.com.
    20. ^ NATO’s Enhanced Opportunities Program for Ukraine, su mil.gov.ua.
    21. ^ a b Laura Canali, Il senso di accerchiamento della Russia, su Limes, 22 ottobre 2019. URL consultato il 7 marzo 2022.
    22. ^ (EN) Office of the United Nations - High Commissioner for Human Rights - Accountability for killings in Ukraine from January 2014 to May 2016 (PDF), su ohchr.org, p. 26. URL consultato il 29 marzo 2022.
    23. ^ (EN) Russia demands NATO roll back from East Europe and stay out of Ukraine, in Reuters, 17 dicembre 2021. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2022).
    24. ^ (EN) Putin warns of unspecified military response if U.S. and NATO continue 'aggressive line', in The Globe and Mail, 21 dicembre 2021. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2022).
    25. ^ New law stokes Ukraine language tensions, in France 24, 1º aprile 2021. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    26. ^ The Ukrainian language is having a moment. To Putin's ears, it's a shot against Russian speakers, in The Washington Post, 8 febbraio 2022. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2022).
    27. ^ Ukraine's star author Kurkov says his native Russian should be curbed, in France 24, 13 febbraio 2022. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2022).
    28. ^ (EN) Human Rights Watch, Ukraine: Events of 2015, 5 gennaio 2016. URL consultato il 18 marzo 2022.
    29. ^ (EN) Ukraine: Legislature Adopts Language Law, su loc.gov, Biblioteca del Congresso, 13 maggio 2019.
    30. ^ (EN) Ukraine passes language law, irritating president-elect and Russia, in Reuters, 25 aprile 2019. URL consultato il 5 marzo 2022.
    31. ^ (EN) Putin Says Conflict in Eastern Ukraine 'Looks Like Genocide', in AFP, The Moscow Times, 10 dicembre 2021. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2022).
    32. ^ (RU) Путин заявил о геноциде на Донбассе, in Rossijskaja Gazeta, 9 dicembre 2021. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2022).
    33. ^ a b US accuses Moscow of creating Ukraine invasion pretext with 'genocide' claims, in AFP, France 24, 15 febbraio 2021. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    34. ^ Report on the human rights situation in Ukraine (PDF), su ohchr.org. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato il 14 febbraio 2022).
    35. ^ Report on the human rights situation in Ukraine (PDF), su ohchr.org, 15 giugno 2014. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato il 9 dicembre 2021).
    36. ^ (EN) Daily and spot reports from the Special Monitoring Mission to Ukraine, su osce.org. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 22 febbraio 2022).
    37. ^ Ad hoc Report on the situation of national minorities in Ukraine adopted on 1 April 2014, su rm.coe.int. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 4 febbraio 2022).
    38. ^ Ukraine crisis: Vladimir Putin address fact-checked, in BBC News, 22 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2022).
    39. ^ United States: Russia's claim of 'genocide in Ukraine' is reprehensible falsehood, in Ukrinform, 17 febbraio 2022. URL consultato il 22 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2022).
    40. ^ Word by Word and Between the Lines: A Close Look at Putin's Speech, in The New York Times, 23 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2022).
    41. ^ Putin justifies war in menacing speech as Zelensky appeals for peace, in Financial Times, 24 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    42. ^ a b Putin says he is fighting a resurgence of Nazism. That's not true, in NBC News, 24 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    43. ^ Alessandro Pompei, Ucraina. Il Battaglione Azov: La legione straniera neonazista ucraina di cui tanti hanno perso memoria, in Notizie Geopolitiche. URL consultato il 18 marzo 2022.
    44. ^ Vito Califano, Cos’è il Battaglione Azov, la brigata neonazista ucraina usata da Putin nella propaganda sulla guerra, in Il riformista, 8 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    45. ^ Fausto Biloslavo, Ucraina: il camerata italiano sul fronte dell'Est, in Panorama, 7 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    46. ^ (FR) Carla Monaco e Alexandre Horn, Quelle est l’importance du régiment Azov, cette unité ukrainienne fondée par des proches de la mouvance néonazie?, in Libération, 8 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    47. ^ Battaglione Azov: cos’è e perché è importante per Putin, su Money.it, 14 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    48. ^ David K. Li, Jonathan Allen e Corky Siemaszko, Putin using false 'Nazi' narrative to justify Russia's attack on Ukraine, experts say, in NBC News, 24 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2022).
    49. ^ (EN) Ukraine vows defiance as Russia launches major invasion, in CNN, 24 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    50. ^ (EN) David K. Li, Jonathan Allen e Corky Siemaszko, Putin using false 'Nazi' narrative to justify Russia's attack on Ukraine, experts say, in NBC News, 24 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2022).
    51. ^ a b Putin orders snap nuclear drill, in The Globe and Mail, p. A3.
    52. ^ (EN) Felix Light, In the Closest Russian City to Ukraine’s Separatist Region, There Are Few Signs of Refugees, su The Moscow Times, 20 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 20 febbraio 2022).
    53. ^ (EN) Russian-backed separatists to evacuate civilians from eastern Ukraine, stoking invasion fears, su NBC News. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 23 febbraio 2022).
    54. ^ (EN) Warning siren sounds in rebel-held capital in east Ukraine -Reuters witness, su MSN. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 19 febbraio 2022).
    55. ^ (EN) Ukraine conflict: Rebels declare general mobilisation as fighting grows, in BBC News, 19 febbraio 2022. URL consultato il 19 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2022).
    56. ^ (EN) Illia Ponomarenko, 47 shelling incidents leave 5 injured in Donbas, su The Kyiv Independent, 17 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 17 febbraio 2022).
    57. ^ (EN) How Russian proxy forces are attempting to provoke the Ukrainian army and are lying about a new Ukrainian offensive, su english.nv.ua. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 18 febbraio 2022).
    58. ^ Duma di Stato, progetto di risoluzione n. 58243-8
    59. ^ Putin orders troops into separatist-held parts of Ukraine, CNN, 21 febbraio 2022. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2022).
    60. ^ (EN) Putin sends Russian tanks into Ukraine, in The Times, 22 febbraio 2022. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2022).
    61. ^ (RU) ФСБ сообщила о попадании снаряда в погранпункт на границе с ДНР, in RBK Daily, RBK Group, 21 febbraio 2022, ISSN 1991-0703 (WC · ACNP). URL consultato il 22 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2022).
    62. ^ Russia claims to kill 5 Ukrainian 'saboteurs' who crossed border, in The Times of Israel. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2022).
    63. ^ Russia Says Border Facility Near Ukraine Destroyed in Shell Attack, The Moscow Times, 21 febbraio 2022. URL consultato il 21 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2022).
    64. ^ Russia says it prevented border breach from Ukraine, Kyiv calls it fake news, in Reuters, 21 febbraio 2022. URL consultato il 21 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2022).
    65. ^ (EN) Putin orders troops into eastern Ukraine on ‘peacekeeping duties’, su the Guardian, 21 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 23 febbraio 2022).
    66. ^ Ucraina, i primi soldati russi nel Donbass, su Repubblica, 22 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 21 febbraio 2022).
    67. ^ (EN) Putin's Ukraine peacekeepers "aren't fooling anyone," US warns, su Newsweek, 21 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 23 febbraio 2022).
    68. ^ (EN) Tyrone Clarke, WATCH: The chilling moment Russian military enters Ukraine, su skynews, 22 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    69. ^ (EN) Putin gets no support from UN Security Council over Ukraine, su ABC News. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 23 febbraio 2022).
    70. ^ Ukraine to introduce a state of emergency and tells its citizens to leave Russia immediately, in The Independent, 23 febbraio 2022. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    71. ^ (EN) Ukraine calls up reservists, declares national emergency as U.S. and allies hit Russia with new sanctions, su cbsnews.com. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    72. ^ (EN) Ukraine's Parliament approves state of emergency, in Reuters, 23 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 23 febbraio 2022).
      «"The state of emergency comes into force at midnight local time (1000 GMT). It will last 30 days and can be extended for another 30 days."»
    73. ^ Russia evacuates embassy in Ukraine as crisis escalates, in Associated Press, 23 febbraio 2022. URL consultato il 23 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2022).
    74. ^ (EN) Ukraine hit by more cyberattacks, destructive malware, in Associated Press, 23 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    75. ^ Filmato audio Discorso integrale del Presidente Putin in merito all'attacco all'Ucraina. URL consultato il 7 marzo 2022.
    76. ^ Ucraina. Mosca chiede garanzie scritte: «Poi si tratta», su avvenire.it, 22 gennaio 2022. URL consultato il 7 marzo 2022.
    77. ^ a b c (EN) 'It's too late': Russian move roils UN meeting on Ukraine, su AP NEWS, 23 febbraio 2022. URL consultato il 1º marzo 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    78. ^ a b (EN) U.S. Says Russia Will Face U.N. Security Council Resolution, su WSJ. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    79. ^ Ukraine's Zelensky to Russians: 'What are you fighting for and with whom?', in The Washington Post, 24 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    80. ^ (EN) Ukraine Live Updates: Russia Begins Invasion From Land and Sea, in The New York Times, 23 febbraio 2022, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    81. ^ (EN) Zelensky’s Last-Ditch Plea for Peace, su Foreign Policy. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    82. ^ (EN) Russian President Vladimir Putin announces military assault against Ukraine in surprise speech, su MSN. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    83. ^ a b Pietro Batacchi, Andrea Mottola e Eugenio Po, Una prima analisi sulla guerra in Ucraina, in Rivista italiana difesa, n. 4, Giornalistica riviera, aprile 2022, pp. 24-25a.
    84. ^ (EN) Jessie Yeung, Adam Renton, Rob Picheta, Ed Upright, Aditi Sangal, Adrienne Vogt, Melissa Macaya and Maureen Chowdhury, Russian military vehicles enter Ukraine from Crimea, su edition.cnn.com, 23 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    85. ^ (RU) Украинские пограничники сообщили об атаке границы со стороны России и Белоруссии, su interfax.ru. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    86. ^ (EN) Samantha Lock (now); Maanvi Singh, Gloria Oladipo e Chris Michael, Markets shaken after Putin announces special military operation – as it happened, in The Guardian, 24 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    87. ^ (EN) Ukrainian president signs decree on general mobilisation of population -Interfax, in Reuters, 24 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2022).
    88. ^ (EN) Russian Forces Capture Chernobyl Nuclear Power Plant, Says Ukrainian PM, su rferl.org. URL consultato il 1º marzo 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    89. ^ (EN) Fighting breaks out near Chernobyl, says Ukrainian president, su The Independent, 24 febbraio 2022. URL consultato il 1º marzo 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    90. ^ (EN) On the ground: Russian forces take control of an air base near Kyiv, Ukraine, in CNN, 24 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    91. ^ (EN) Sebastien Roblin, Pictures: In Battle for Hostomel, Ukraine Drove Back Russia’s Attack Helicopters and Elite Paratroopers, su 19fortyfive.com, 25 febbraio 2022. URL consultato il 1º marzo 2022 (archiviato il 26 febbraio 2022).
    92. ^ L'Isola dei Serpenti è nelle mani dei russi. Perché è strategica, su ilgiornale.it. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    93. ^ Russian troops enter Ukraine's Kherson Oblast: Defense Ministry, su aa.com.tr. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    94. ^ Российские войска вышли к Херсону и восстановили подачу воды в Крым, 24 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2022).
    95. ^ Ukraine nuclear plant: Russia in control after shelling, su bbc.com.
    96. ^ (EN) Mariupol attende l’arrivo dei tank e marines russi. Sarà guerriglia urbana, su video.corriere.it, 26 febbraio 2022. URL consultato il 27 febbraio 2022 (archiviato il 26 febbraio 2022).
    97. ^ Putin attiva il sistema di allerta nucleare. Kiev: "Pronti a incontro coi russi", su ilGiornale.it, 27 febbraio 2022. URL consultato il 16 marzo 2022.
    98. ^ (EN) Courtney Subramanian, Michael Collins, Rebecca Morin, Joey Garrison, Maureen Groppe, Biden details new Russian sanctions as death toll climbs in Ukraine, su usatoday.com. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    99. ^ (EN) More than 1,700 people detained in widespread Russian protests against Ukraine, su cbc.ca, 24 febbraio 2022. URL consultato il 26 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
    100. ^ Ucraina, chiesa Russia giustifica guerra: "Contro chi sostiene gay", su adnkronos.com, 7 marzo 2022. URL consultato il 24 marzo 2022.
    101. ^ Zelensky: "Sospese le attività dei partiti politici filo russi", su rainews.it. URL consultato il 22 marzo 2022.
    102. ^ La sospensione dei partiti filorussi in Ucraina, su ilpost.it, 23 marzo 2022.
    103. ^ Ucraina, polemiche per la narrazione a stampa unificata imposta da Zelensky: "Nessuno riuscirà a spegnere la nostra voce", su Il Fatto Quotidiano, 23 marzo 2022. URL consultato il 23 marzo 2022.
    104. ^ (EN) Mariano Zafra, Kiko Llaneras, Daniele Grasso, Javier Galán e José A. Álvarez, The war in Ukraine as of March 25: Kyiv’s defenders launch counterattacks, in El País, Gruppo PRISA, 25 marzo 2022.
    105. ^ (EN) Bucha killings: Satellite image of bodies site contradicts Russian claims, su bbc.com, 5 aprile 2022.
    106. ^ (EN) Bucha Body Count Tops 300 With Dead Locals Found 'Brutally Tortured': Mayor, su msn.com, 8 aprile 2022.
    107. ^ a b House of Commons Library, Military assistance to Ukraine (PDF).
    108. ^ (EN) A. B. C. News, Turkey, Ukraine sign military cooperation agreements, su ABC News. URL consultato il 12 aprile 2022.
    109. ^ U.S. and NATO to surge lethal weaponry to Ukraine to help shore up defenses against Russia - CBS News, su ghostarchive.org. URL consultato il 12 aprile 2022.
    110. ^ NATO to deploy thousands of commandos to nations near Ukraine | Russia-Ukraine crisis News | Al Jazeera, su ghostarchive.org. URL consultato il 12 aprile 2022.
    111. ^ (EN) Germany to ship anti-aircraft missiles to Ukraine — reports, in Deutsche Welle, 3 marzo 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
    112. ^ (EN) Defence Secretary statement to the House of Commons on Ukraine: 9 March 2022, su gov.uk. URL consultato il 12 aprile 2022.
    113. ^ (EN) NATO has no plans to send troops into Ukraine, Stoltenberg says, in Reuters, 24 febbraio 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
    114. ^ (EN) How the response to Russia’s invasion would be different if Ukraine was a Nato member, su inews.co.uk, 25 febbraio 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
    115. ^ (EN) The west knows the cost of appeasement. We can’t rule out any option for stopping Putin | Ian Bond, su the Guardian, 22 febbraio 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
    116. ^ (EN) Simon Lewis e Ingrid Melander, NATO rejects Ukraine no-fly zone, unhappy Zelenskiy says this means more bombing, in Reuters, 4 marzo 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
    117. ^ February 26, 2022 Russia-Ukraine news, su ghostarchive.org. URL consultato il 13 aprile 2022.
    118. ^ February 26, 2022 Russia-Ukraine news, su ghostarchive.org. URL consultato il 13 aprile 2022.
    119. ^ (EN) EU shuts airspace to Russian airlines, will buy Ukraine arms, su AP NEWS, 27 febbraio 2022. URL consultato il 13 aprile 2022.
    120. ^ (EN) 'Watershed moment': EU to buy and deliver weapons to Ukraine, su euronews.com, 27 febbraio 2022. URL consultato il 13 aprile 2022.
    121. ^ (EN) EU tightens Russian sanctions and buys weapons for Ukraine, in Reuters, 27 febbraio 2022. URL consultato il 13 aprile 2022.
    122. ^ (EN) Eric Schmitt, The White House approves $200 million in arms and equipment for Ukraine., in The New York Times, 12 marzo 2022. URL consultato il 13 aprile 2022.
    123. ^ (EN) Robin Emmott e Ingrid Melander, NATO vows more help for Ukraine, begins planning to adapt to 'new reality', in Reuters, 16 marzo 2022. URL consultato il 13 aprile 2022.
    124. ^ (EN) Georgian breakaway region says it sent troops to Ukraine to ‘help protect Russia’, su timesofisrael.com. URL consultato il 14 aprile 2022.
    125. ^ (EN) AFP, Georgia's Breakaway Region Sends Troops to Ukraine, su The Moscow Times, 26 marzo 2022. URL consultato il 14 aprile 2022.
    126. ^ (RU) Военных из Южной Осетии отправили в зону спецоперации на Украине, su РБК. URL consultato il 14 aprile 2022.
    127. ^ (EN) More S. Ossetian Servicemen Sent to Ukraine, su civil.ge, 28 marzo 2022. URL consultato il 14 aprile 2022.
    128. ^ (EN) Russia-Ukraine conflict: South Ossetian soldiers go to war "to finish off nazis", su English Jamnews, 16 marzo 2022. URL consultato il 14 aprile 2022.
    129. ^ (EN) Reports: Russia’s Tskhinvali Base Units Sent to Ukraine, su civil.ge, 16 marzo 2022. URL consultato il 14 aprile 2022.
    130. ^ (EN) Russia using weapons 'smuggled by Iran' in Ukraine | First Thing, su the Guardian, 12 aprile 2022. URL consultato il 14 aprile 2022.
    131. ^ Ukraine is asking foreigners to help fight Russia. Some are heeding the call, despite enormous risks., in The Washington Post, 1º marzo 2022.
    132. ^ (EN) Meet the Foreign Fighters Risking Their Lives in Ukraine, su Time. URL consultato il 14 aprile 2022.
    133. ^ US veterans head to Ukraine to fight, but Zelenskyy’s legion faces hurdles, su militarytimes.com, 14 marzo 2022.
    134. ^ (UK) Російські військові з легіону "Вільна Росія", які воюють за Україну, дали брифінг (відео) [Russian servicemen from the Free Russia Legion, who are fighting for Ukraine, gave a briefing (video)], su unian.ua. URL consultato il 6 aprile 2022.
    135. ^ (EN) Jason Lemon, Russia vows prosecution of foreign fighters after 16K join Ukraine, su Newsweek, 3 marzo 2022. URL consultato il 14 aprile 2022.
    136. ^ (EN) Ukraine war: Putin seeks foreign volunteers to fight in Ukraine, in BBC News, 11 marzo 2022. URL consultato il 14 aprile 2022.
    137. ^ (EN) Tom Ball, African fighters prepare to join Russian troops. URL consultato il 14 aprile 2022.
    138. ^ (EN) Over 66,200 Ukrainian men have returned from abroad to fight, says defence minister, in Reuters, 5 marzo 2022. URL consultato il 14 aprile 2022.
    139. ^ Ukraine — Internal Displacement Report — General Population Survey Round 3 (11 — 17 April 2022) | Displacement, su displacement.iom.int. URL consultato il 7 maggio 2022.
    140. ^ a b (EN) Ukraine Refugee Situation, su Operational Data Portal dell'Alto Commissariato dell'ONU per i rifugiati. URL consultato il 15 marzo 2022.
    141. ^ EU countries agree to host Ukrainian refugees under exceptional protection scheme, in euronews.
    142. ^ (EN) Jorge Liboreiro, Brussels will apply a never-used EU law to host Ukrainian refugees, su euronews.com, 28 febbraio 2022. URL consultato il 2 marzo 2022 (archiviato il 1º marzo 2022).
    143. ^ (EN) Adele Peters, Where Ukrainian refugees are likely to find help and safety, su Fast Company, 25 febbraio 2022. URL consultato il 2 marzo 2022 (archiviato il 1º marzo 2022).
    144. ^ (EN) Global Citizen, Can I Host a Refugee From Ukraine?
    145. ^ Alessandra Baldini, Ucraina: CdS; Italia co-sponsor, ma veto russo blocca condanna, in ONUItalia.com - Il giornale italiano delle Nazioni Unite, 25 febbraio 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    146. ^ Il grande voto all’ONU contro la Russia, in Il Post, 3 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    147. ^ Ucraina, Assemblea Onu approva risoluzione: "Fermare ostilità ora", in Vita.it, 2 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    148. ^ ES‑11/1 ONU-GA, su undocs.org.
    149. ^ (EN) International Court orders Russia to ‘immediately suspend’ military operations in Ukraine, su UN News, 16 marzo 2022. URL consultato il 17 marzo 2022.
    150. ^ La Corte internazionale di giustizia dell'Onu condanna la Russia: fermate subito la guerra in Ucraina, su iltempo.it, 16 marzo 2022. URL consultato il 17 marzo 2022.
    151. ^ Paolo Busco e Filippo Fontanelli, Ucraina, la Corte Internazionale di Giustizia ordina alla Russia di fermare la guerra, in Corriere della Sera, 17 marzo 2022. URL consultato il 17 marzo 2022.
    152. ^ DECISIONE (PESC) 2022/338 DEL CONSIGLIO del 28 febbraio 2022.
    153. ^ DECISIONE (PESC) 2022/339 DEL CONSIGLIO del 28 febbraio 2022.
    154. ^ Alessandra Mignolli, L’Unione europea fornirà armamenti letali all’Ucraina. Considerazioni critiche sulla decisione del 28 febbraio 2022, su rivista.eurojus.it, Eurojus.it, 9 marzo 2022. URL consultato il 10 marzo 2022.
    155. ^ (EN) EU adopts new set of measures to respond to Russia’s military aggression against Ukraine, su consilium.europa.eu. URL consultato il 10 marzo 2022.
    156. ^ (EN) Guillermo Abril, Chief of EU diplomacy: ‘Countries can act on their own to cut off Russian oil and gas, in El País, Gruppo PRISA, 22 aprile 2022.
    157. ^ (EN) Council of Europe suspends Russia’s rights of representation, su coe.int. URL consultato il 14 marzo 2022.
    158. ^ (EN) Steven Erlanger, The Council of Europe suspends Russia for its attack on Ukraine., in The New York Times, 3 marzo 2022. URL consultato il 14 marzo 2022.
    159. ^ a b Guido Raimondi, La Federazione russa annuncia il suo ritiro dal Consiglio d’Europa. Quali effetti sul sistema europeo di tutela dei diritti umani?, su Giustizia Insieme. URL consultato il 14 marzo 2022.
    160. ^ (EN) Russia quits Council of Europe rights watchdog, in Reuters, 15 marzo 2022. URL consultato il 16 marzo 2022.
    161. ^ Attivazione del Meccanismo di Mosca dell’OSCE sui diritti umani in relazione all’attacco russo in Ucraina, su delegazioneosce.esteri.it. URL consultato il 14 marzo 2022.
    162. ^ (EN) Global Affairs Canada, Statement by Ambassador Jocelyn Kinnear on the invocation of the Moscow mechanism to address the human rights and humanitarian impacts of Russia’s invasion and acts of war against Ukraine, su GAC, 3 marzo 2022. URL consultato il 14 marzo 2022.
    163. ^ (EN) Report on violations of international humanitarian and human rights law, war crimes and crimes against humanity committed in Ukraine since 24 february 2022 (PDF), su OSCE, 12 aprile 2022. URL consultato il 15 aprile 2022.
    164. ^ Mosca ha ristretto l'accesso a Facebook per i russi, su RaiNews. URL consultato il 18 marzo 2022.
    165. ^ Martina Stefanoni, Il governo russo chiude la radio “Eco di Mosca”, su balcanicaucaso.org, 15 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    166. ^ Mosca minaccia blocco Wikipedia, false informazioni - Tlc, su Agenzia ANSA, 2 marzo 2022. URL consultato il 20 marzo 2022.
    167. ^ RT e Sputnik: UE ferma la propaganda del Cremlino, su punto-informatico.it. URL consultato il 18 marzo 2022.
    168. ^ L’Ue chiude la tv Rt e Sputnik: «Informazione tossica», su il manifesto, 2 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    169. ^ Martina Napolitano, La distopia perversa di Putin, su balcanicaucaso.org, 7 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    170. ^ Russia, Bbc, Cbs, Cnn e Bloomberg sospendono le attività dei loro corrispondenti, su rainews.it, 5 marzo 2022.
    171. ^ Armenia, Azerbaigian, Estonia, Georgia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Russia, Slovacchia e Ucraina
    172. ^ Facebook toglie censura ai post contro Russia, Mosca reagisce - Hi-tech, su Agenzia ANSA, 11 marzo 2022. URL consultato il 18 marzo 2022.
    173. ^ (EN) YouTube blocks Russian state-funded media, including RT and Sputnik, around the world, su France 24, 12 marzo 2022. URL consultato il 20 marzo 2022.
    174. ^ (EN) Andrea Shalal, IMF chief Georgieva says Ukraine war to lower global growth forecast, in Reuters, 10 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    175. ^ (EN) Aditi Sangal, Adrienne Vogt, Meg Wagner, Jessie Yeung, Adam Renton, Maureen Chowdhury, Jason Kurtz and Mike Hayes CNN, Natural gas prices in Europe hit record high, spiking 60% since Tuesday, su CNN, 2 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    176. ^ (EN) Ukraine war: How reliant is the world on Russia for oil and gas?, in BBC News, 25 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    177. ^ (EN) Catherine Clifford, Why Europe is so dependent on Russia for natural gas, su CNBC, 24 febbraio 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    178. ^ (EN) Ana Swanson, Ukraine Invasion Threatens Global Wheat Supply, in The New York Times, 24 febbraio 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    179. ^ (EN) Russia’s invasion of Ukraine will likely ratchet American food prices even higher, experts say, in Washington Post. URL consultato il 25 marzo 2022.
    180. ^ How tensions in Ukraine could rile Egypt, in The Economist, 3 febbraio 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    181. ^ As Ukraine crisis deepens, China lifts all wheat-import restrictions on Russia, su scmp.com.
    182. ^ (EN) Gazprom resumes westbound gas flows via Yamal pipeline to Germany, in Reuters, 3 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    183. ^ (EN) Vladimir Soldatkin, Analysis: Hoping for cheaper gas to come, Europe reverses Russian link to tap storage, in Reuters, 30 dicembre 2021. URL consultato il 25 marzo 2022.
    184. ^ (EN) Ukrtransgaz says Ukraine bans exports of gas from its underground storages, in Financial Post, 3 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    185. ^ IMF, World Bank Chiefs Warn Of Global Impacts From Ukraine War, su barrons.com.
    186. ^ (EN) Patricia Kowsmann and Ian Talley, Russia Sanctions Over Ukraine Largely Spare Energy Sector, Vital to Europe, in Wall Street Journal, 27 febbraio 2022. URL consultato il 31 marzo 2022.
    187. ^ Food is unlikely to be part of sanctions against Russia, says agriculture firm, su cnbc.com.
    188. ^ MENA faces a crisis as the world’s key wheat producers are at war, su aljazeera.com.
    189. ^ (EN) Central Asia Takes Economic Hit From Russian War In Ukraine Sooner Than Expected, su RadioFreeEurope/RadioLiberty. URL consultato il 31 marzo 2022.
    190. ^ Russia's Invasion of Ukraine Bodes Good Business for Arms Manufacturers Worldwide, su The Wire. URL consultato il 31 marzo 2022.
    191. ^ (EN) Dan Grazier, Defense-spending hawks see an opportunity in Russia's war on Ukraine, su Business Insider. URL consultato il 31 marzo 2022.
    192. ^ (EN) Investor's Business Daily, The New Arms Race: What That Means For Defense Stocks, su Investor's Business Daily, 4 marzo 2022. URL consultato il 31 marzo 2022.
    193. ^ Mark Thompson and Chris Liakos, CNN Business, Russian stocks crash 33% and ruble plunges to record low, su CNN. URL consultato il 12 aprile 2022.
    194. ^ Amit Mudgill, Russian stocks nosedive 50% as trading resumes on Moscow Exchange, in The Economic Times. URL consultato il 12 aprile 2022.
    195. ^ (EN) Reuters, Russian central bank decides not to reopen stock market trading next week, in Reuters, 12 marzo 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
    196. ^ Russia Keeps Stock Trading Shut in Nation’s Longest Closure, su bloomberg.com. URL consultato il 12 aprile 2022.
    197. ^ Il nuovo decreto russo sui pagamenti per il gas, spiegato, su ilpost.it.
    198. ^ La Russia torna agli accordi di Bretton Woods. Una manna per il rublo, su milanofinanza.it.
    199. ^ Russia pegs the ruble to gold in game-changing move, su english.pravda.ru.
    200. ^ MF Milano Finanza, Il rublo torna al suo valore pre-bellico, che smacco per l'Occidente - MilanoFinanza.it, su Milano Finanza, 31 marzo 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
    201. ^ Vola il surplus commerciale della Russia. Nel primo trimestre 2022 l'avanzo commerciale russo superò i 58 miliardi di dollari, il doppio dell'anno prima, su Il Fatto Quotidiano, 11 aprile 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
    202. ^ (EN) Russia Cut to Junk Rating by S&P, Ukraine’s Rating Lowered, su WSJ. URL consultato il 12 aprile 2022.
    203. ^ (EN) "Live updates: Russia invades Ukraine, country braces for major Donbas offensive", su CNN, 11 aprile 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
    204. ^ Putin perde pezzi: la guerra in Ucraina fa allontanare dalla Russia i suoi alleati in Est Europa, su la Repubblica, 26 febbraio 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    205. ^ Michele Nones, Il cambio di passo verso la difesa comunitaria, su AffarInternazionali, 23 marzo 2022. URL consultato il 4 aprile 2022.
    206. ^ (EN) Kristi Raik, EU defence facing Russia: Eastern European security after the invasion of Ukraine – European Council on Foreign Relations, su ECFR, 2 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    207. ^ Georgia and Moldova apply to join EU | Financial Times, su archive.ph, 3 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    208. ^ (EN) Climate change: EU unveils plan to end reliance on Russian gas, in BBC News, 8 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    209. ^ Elio Calcagno, Numeri e implicazioni della svolta tedesca sulla difesa, su AffarInternazionali, 30 marzo 2022. URL consultato il 3 aprile 2022.
    210. ^ (EN) The Cost of European Security, su carnegieeurope.eu, 15 settembre 2015.
    211. ^ Italia centrerà obiettivo Nato spesa difesa a 2% Pil in 2028 - Draghi, su msn.com, 31 marzo 2022.
    212. ^ (EN) Italy clinches gas deal with Algeria to temper Russian reliance, su reuters.com, 11 aprile 2022.
    213. ^ (EN) Germany speeds up renewable energy push due to Ukraine invasion, su euronews.com, 28 febbraio 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    214. ^ (EN) The Associated Press, Neutral Finns and Swedes reconsider idea of NATO membership, in NPR, 3 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
    215. ^ Anche Norvegia e Finlandia forniranno armi all'Ucraina, su rainews.it. URL consultato il 25 marzo 2022.
    216. ^ (EN) In one week of war, Russia’s invasion of Ukraine may have veered history in a new direction, in Washington Post. URL consultato il 25 marzo 2022.
    217. ^ (EN) Ukraine war: Austria's chancellor Nehammer is first European leader to visit Putin since invasion, su euronews.com, 11 aprile 2022.
    218. ^ La Svizzera rompe la neutralità e si adatta alle sanzioni contro Mosca, su Agi. URL consultato il 25 marzo 2022.
    219. ^ Perché l’India non condanna le azioni russe in Ucraina - Sicurezza internazionale LUISS, su sicurezzainternazionale.luiss.it, 3 marzo 2022. URL consultato il 28 marzo 2022.
    220. ^ Guerra Russia-Ucraina, ministro esteri Cina: “Deploriamo lo scoppio del conflitto”, su tg24.sky.it, 1º marzo 2022.
    221. ^ Guerra Russia Ucraina, in Serbia arrivano aerei e missili cinesi, su informazione.it, 11 aprile 2022.

    Voci correlate

    Altri progetti