Telegram

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Telegram (disambigua).
Telegram
software
Logo
Schermata di esempio
GenereMessaggistica istantanea
SviluppatoreTelegram LLC
Data prima versione14 agosto 2013
Ultima versioneAndroid: 8.0.0 (30 agosto 2021; 20 giorni fa)[1]
iOS, iPadOS, WatchOS: 7.8.4 (15 luglio 2021; 2 mesi fa)[2]
Windows: 3.0.1.0[3]
Linux : 2.9.0[4]
macOS: 2.9.0 (4 agosto 2021; 46 giorni fa)[5]

(vedere la tabella in fondo per maggiori informazioni)

Sistema operativoMultipiattaforma (Android, iOS, iPadOS, WatchOS, macOS, GNU/Linux, Microsoft Windows, Windows Phone)
LinguaggioSwift
Java
C++
ToolkitQt
Licenzasoftware proprietario (server),


GNU GPL2 (client)
(licenza libera)

LinguaMultilingua
Sito webtelegram.org/

Telegram è un servizio di messaggistica istantanea e broadcasting basato su cloud ed erogato senza fini di lucro dalla società Telegram LLC, una società a responsabilità limitata con sede a Dubai,[6] fondata dall'imprenditore russo Pavel Durov.[7] I client ufficiali di Telegram sono distribuiti come software libero per Android, Linux, iOS, MacOS, Windows 10.[8] Caratteristiche di Telegram sono la possibilità di scambiare messaggi di testo tra due utenti o tra gruppi fino a 200.000 partecipanti, effettuare chiamate vocali e videochiamate cifrate punto-punto, scambiare messaggi vocali, videomessaggi, fotografie, video, sticker e file di qualsiasi tipo fino a 2 GB[9][10]. Attraverso i canali è anche possibile la trasmissione in diretta di audio/video e testo verso i membri che si uniscono. È inoltre possibile impostare un timer per l'autodistruzione dei messaggi che permette l'eliminazione automatica del messaggio una volta visualizzato dal destinatario.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Telegram è stato fondato nel 2013 dai fratelli Nikolaj e Pavel Durov, i fondatori del social network russo VK[10]. I fondatori hanno annunciato che la società Telegram LLC è un'organizzazione non a scopo di lucro non collegata a VK e con sede a Dubai.[11][12] Nikolaj ha creato il nuovo protocollo MTProto sul quale Telegram è basato mentre Pavel ha fornito sostegno finanziario e infrastrutture attraverso il suo fondo denominato Digital Fortress.[13] Il 24 febbraio 2014 un fork FOSS-friendly di Telegram è stato aggiunto su F-Droid.[14][15]

Il 12 maggio 2020, il fondatore Pavel Durov ha annunciato la discontinuità della Blockchain ufficiale di Telegram.[16]

Il 23 dicembre 2020, il fondatore Pavel Durov ha annunciato che la piattaforma ha raggiunto i 500 milioni di utenti attivi mensili, rendendo la gestione dei server molto costosa. Conseguentemente a ciò, a partire dal 2021 verranno inserite inserzioni pubblicitarie all'interno dell'applicazione stessa. A detta del fondatore, esse non saranno inserzioni intrusive e non influiranno sull'esperienza utente.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre del 2013, Telegram ha avuto un picco di 100.000 utenti attivi in un giorno. Il 24 marzo 2014 ha annunciato di aver raggiunto 35 milioni di utenti e 15 milioni di utenti attivi al giorno. Nel dicembre del 2014, Telegram ha annunciato di aver 50 milioni di utenti attivi, generando un miliardo di messaggi giornalieri, e di aver un milione di nuovi iscritti a settimana; il traffico è raddoppiato in cinque mesi con due miliardi di messaggi giornalieri. Nel settembre 2015, un annuncio riferiva che l'applicazione aveva raggiunto 60 milioni di utenti e che aveva inviato 12 miliardi di messaggi al giorno.[17] Nel mese di febbraio 2016 si sono raggiunti i 100 milioni di utenti attivi mensili, 350.000 nuovi utenti al giorno e 15 miliardi di messaggi scambiati giornalmente.[18] A febbraio 2018 i download giornalieri dell'app su Android e iOS si assestavano rispettivamente a oltre 500.000 e circa 100.000.[19] Nel marzo 2018, l'applicazione ha raggiunto 200 milioni di utenti attivi al mese. Il 14 marzo 2019, Pavel Durov ha affermato: "3 milioni di nuovi utenti si sono iscritti nelle ultime 24 ore". Durov non ha specificato cosa avesse indotto questo nuovo aumento di nuove iscrizioni; tuttavia nello stesso periodo si è verificata una prolungata interruzione di Facebook, WhatsApp e Instagram, causando probabilmente tale incremento. Il 24 aprile 2020, Durov ha annunciato il raggiungimento di più di 400 milioni attivi mensili nella piattaforma, ottenendo un record per Telegram. Il 12 gennaio 2021 l'applicazione ha raggiunto i 500 milioni di utenti attivi al mese, traguardo che Pavel Durov ha associato al fatto che 25 milioni di nuovi utenti si siano iscritti durante le precedenti 72 ore a causa dei nuovi termini e condizioni di WhatsApp[20].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I client ufficiali di Telegram sono software libero. Il codice sorgente del lato server invece non è stato reso pubblico. Ciò significa che è possibile mantenere la segretezza delle conversazioni effettuate sul cloud. Non è possibile fornire in proprio questo servizio di messaggistica (ad esempio da un proprio server), perché il server non è stato progettato per questo scopo e l'installazione di nuovi server richiederebbe interi duplicati della rete Telegram e dei suoi contenuti[21].

I messaggi e l'utente[modifica | modifica wikitesto]

I messaggi inviati sono salvati sul cloud di Telegram e non in locale sul dispositivo, questo garantisce una maggiore sicurezza poiché il backup che viene automaticamente creato sulla piattaforma viene criptato e salvato sul Cloud Telegram anch'esso criptato senza dover essere caricato su altri Cloud come per esempio Google Drive come accade per le app tradizionali (infatti quando si fanno i backup delle chat con altre applicazioni di messaggistica come WhatsApp questi vengono creati in chiaro quindi senza cifratura e possono essere letti da chiunque). Inoltre, così facendo si garantisce un risparmio di tempo per quanto riguarda le operazioni backup, upload di questo sul Cloud e il successivo download su un dispositivo diverso. Il risultato consente all'utente di accedere ai messaggi da diversi dispositivi contemporaneamente, inclusi tablet e computer. A partire dal 24 marzo 2019, è stata introdotta una nuova funzionalità che permette di eliminare messaggi inviati e ricevuti senza limiti di tempo e senza lasciare traccia per entrambi i membri di una chat.[22]

Quando si registra, l'utente può scegliere se permettere ad altri di cercarlo inserendo il nickname scelto durante la registrazione preceduto da @ nella barra di ricerca. Questa funzione facoltativa consente ad altri di cercare l'utente su Telegram senza conoscere necessariamente il suo numero di telefono.

Dalla versione 3.9, i messaggi inviati si possono modificare fino a due giorni dall'invio.[23]

A partire dalla versione 6.0, è possibile organizzare le chat secondo ordine personalizzato dall'utente o a seconda della categoria a cui appartengono utilizzando la funzionalità denominata "Cartelle".

Le chat[modifica | modifica wikitesto]

Un invito a partecipare ad una chat segreta.
Un invito a partecipare ad una chat segreta.

Le chat sono di due tipi:

  • Chat cloud (classiche): la chat utilizza una cifratura client-server, ovvero è cifrata dal dispositivo fino ai server di Telegram e viceversa. Quindi la conversazione dovrebbe restare salvata in maniera cifrata sui server[24] di Telegram per poter essere sincronizzata fra più dispositivi (es. smartphone, tablet, PC). La chat classica permette l'invio di messaggi di testo, messaggi vocali, videomessaggi, posizione GPS attuale, coordinate GPS sulla mappa, contatti e qualsiasi tipo di file di dimensione massima di 2,0 GB.
  • Chat segrete: la chat utilizza una cifratura end-to-end (o detta punto-punto), ossia è cifrata fra i due dispositivi coinvolti nella conversazione. Di conseguenza la conversazione non rimane salvata sui server di Telegram. Se da un lato queste conversazioni sono notevolmente più sicure dal punto di vista della privacy, da un lato occorre sapere che di conseguenza la chat non può essere sincronizzata fra più dispositivi ma si può visualizzare solo dal dispositivo dal quale è stata avviata[25][26][27][28]. Le chat segrete utilizzano lo scambio di chiavi Diffie-Hellman e permettono di impostare un "timer di autodistruzione", ossia un determinato intervallo di tempo trascorso il quale un messaggio, dopo che è stato visualizzato dal destinatario, viene cancellato. Le chat segrete attualmente non funzionano sulla versione Web e su Telegram Desktop, mentre sono fruibili sui client mobile, vari client alternativi e su Telegram per Mac.[29] Nelle Chat Segrete non si possono fare screenshots, ma se ci si riesce, verrà inviata una notifica all'altro utente[30].

I gruppi[modifica | modifica wikitesto]

I gruppi di Telegram possono contenere fino a 200.000 membri, è possibile impostare amministratori con permessi selezionabili (cambiare le info del gruppo, eliminare messaggi di altri utenti, bloccare/limitare utenti, invitare utenti tramite link, aggiungere amministratori) e cambiare i permessi degli utenti (inviare messaggi, inviare media, inviare sticker e GIF, inviare link con anteprima, inviare sondaggi, aggiungere membri, cambiare le info del gruppo, fissare messaggi). Di default nei gruppi i nuovi membri non possono vedere tutta la cronologia dei messaggi, a meno che non venga abilitata dalle impostazioni o il gruppo non sia reso pubblico,[31] e la stessa è condivisa per tutti gli utenti, di conseguenza i messaggi cancellati dall'utente stesso o da un admin scompaiono anche per tutti gli altri (gli admin possono eliminare tutti i messaggi, gli utenti solo i propri, i messaggi eliminati e modificati sono accessibili per due giorni dagli admin nel registro delle "Azioni recenti"). Si possono modificare i propri messaggi entro due giorni dall'invio. La lista degli utenti è ordinata per l'ultima attività piuttosto che per l'ultimo accesso.[32] I gruppi possono essere resi pubblici impostando un username, in tal modo sarà possibile trovarli dalla ricerca e leggere i messaggi senza unirsi. Se un membro lascia un gruppo, può essere riaggiunto solo da un contatto reciproco.

I canali[modifica | modifica wikitesto]

Autodistruzione dell'account
Autodistruzione dell'account

I canali, nati a settembre 2015,[33] sono chat in cui chiunque sia amministratore può inviare messaggi e, se associato ad un gruppo, i membri del canale possono commentare. Un canale può contenere un numero illimitato di iscritti e può essere pubblico o privato; al canale pubblico si può associare un indirizzo link e un username, ricercabile dalla funzione di ricerca dell'app,[34] mentre per quello privato viene generato un link con 22 caratteri alfanumerici casuali.

Dopo l'aggiornamento di luglio 2017 gli amministratori hanno accesso a singole funzioni abilitabili e disabilitabili singolarmente come l'invio, la modifica e la cancellazione dei messaggi, la modifica della descrizione del canale o l'aggiunta di nuovi utenti/amministratori.

Verifica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 2020, con l'acuirsi della necessità di arginare il fenomeno delle fake-news nel corso della pandemia di COVID-19, sono stati introdotti i canali verificati, i quali sono stati utilizzati dai ministeri della salute di diversi paese per comunicare con i propri cittadini, fra cui quello italiano.[35]

Al tempo stesso è stata introdotta la possibilità di richiedere la verifica di un bot, gruppo o canale per coloro che soddisfino i requisiti minimi imposti dalle linee guida dettate da Telegram.[36]

I profili verificati sono riconoscibili da tutti gli utenti grazie a uno speciale badge, come avviene nei principali social che offrono questo genere di servizio.

Chat vocali[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal dicembre 2020[37], all'interno di gruppi e canali si possono avviare delle sessioni di chat vocali, attraverso le quali gli utenti possono interagire mediante un meccanismo del tipo push-to-talk, e rimanere in ascolto quando navigano all'interno o all'esterno dell'applicazione.

In seguito alla grande ascesa di Clubhouse[38], il 19 marzo 2021 viene rilasciato un importante aggiornamento, con quelle che Telegram chiama Chat vocali 2.0.[39] A differenza della prima versione, gli utenti possono ora registrare le conversazioni avute, e fare richiesta del permesso di parlare alzando la mano virtualmente. Inoltre gli utenti hanno la possibilità di nascondere l'identità del proprio profilo privato all'interno delle Chat vocali, utilizzando un canale pubblico o il gruppo di cui sono amministratori come profilo tramite cui parlare, senza così invalidare la propria privacy.

I bot[modifica | modifica wikitesto]

Un bot
Un bot

Da giugno 2015 Telegram ha introdotto una piattaforma per permettere, a sviluppatori terzi, di creare i bot. I Bot sono degli account Telegram, gestiti da un programma, che offrono molteplici funzionalità con risposte immediate e completamente automatizzate[40].

Dal 4 gennaio 2016 è disponibile una nuova modalità inline per i bot, che permette di utilizzare un bot semplicemente citandolo con il proprio username in qualsiasi chat (chat cloud, canali e gruppi)[41][42].

I bot inline ufficiali sono i seguenti:

  • @gif – Per cercare e mandare GIF;
  • @vid – Per condividere video da YouTube;
  • @bing – Per condividere immagini con Bing;
  • @pic – Per condividere immagini con Yandex;
  • @wiki – Per condividere voci di Wikipedia in tutte le lingue;
  • @Imdb – Per condividere informazioni sui film;
  • @bold – Per formattare parti del testo.

In seguito sono stati introdotti altri inline bot, @youtube, @music, @foursquare, @sticker, @gamee e @gamebot[43].

Per creare e gestire i propri bot è stato creato Botfather (@BotFather).[44]

Gli sticker[modifica | modifica wikitesto]

Gli Sticker (o adesivi) sono immagini ad alta definizione salvate sul cloud. Hanno lo scopo di rendere più espressive e convincenti le emoji e i messaggi. Gli Sticker sono raggruppati nei set, chiamati "Sticker Pack" che si possono aggiungere alla propria libreria tramite un link oppure cliccando sopra uno sticker mandato da un altro utente e successivamente cliccando "Aggiungi Sticker". Ogni set può contenere al massimo 120 Sticker. Telegram offre un pacchetto di Sticker preinstallato, con la possibilità per gli utenti di crearne altri tramite il bot ufficiale @Stickers[45][46].

Nel giugno del 2019 la funzionalità è stata aggiornata con l'introduzione degli stickers animati.[47]

Telegraph[modifica | modifica wikitesto]

Telegraph è uno strumento offerto da Telegram per la pubblicazione di post formattati con foto, video, e contenuti multimediali, quali video da YouTube e Vimeo o tweet.[48]

Telegraph è progettato con un design minimalista. Ogni articolo sul sito web è isolato dagli altri, non è possibile unire gli articoli in gruppi o gerarchie. Per ogni articolo, l'autore specifica un titolo e il nome dell'autore. Inoltre, il titolo dell'articolo indica la data della prima pubblicazione, non modificabile dall'autore.

Le stesse opzioni di formattazione rispecchiano lo stile minimalista: sono supportati solo due livelli di intestazioni, elenchi a livello singolo, grassetto, corsivo, virgolettati e collegamenti ipertestuali. Gli autori degli articoli possono carica sulla pagina immagini e video con una dimensione massima di 5 MB.[49]

Quando un articolo viene pubblicato per la prima volta, l'URL viene generato automaticamente dal titolo. I caratteri non latini vengono traslitterati, gli spazi vengono sostituiti da trattini e la data di pubblicazione viene aggiunta all'indirizzo. Ad esempio, un articolo intitolato "Telegraph (piattaforma blog)" pubblicato il 17 novembre riceverebbe l'URL / Telegraph-piattaforma-blog-11-17.

Instant view[modifica | modifica wikitesto]

Dal novembre del 2016, grazie al servizio di Instant view, Telegram permette di aprire alcuni link attraverso un browser nativo con una tempo di caricamento pari a zero e riducendo il consumo di dati.[48]

Con l'introduzione nel dicembre del 2018 del servizio di Instant view 2.0, Telegram ha allargato il servizio a siti con formattazioni e contenuti più complessi, come ad esempio articoli in lingue con scrittura da destra a sinistra o pagine da scrollare in orizzontale. L'obiettivo di Telegram è rendere il servizio disponibile per gran parte delle pagine web.[50]

Importazione cronologia chat[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'impennata di iscrizioni avvenuta nel gennaio del 2021, è stata introdotta la possibilità di importare i messaggi da alcune delle principali applicazioni di messagistica come WhatsApp, Line e KakaoTalk. Tramite questo servizio, gli utenti possono visualizzare i messaggi precedentemente scambiati utilizzando queste app, all'interno della conversazione presente su Telegram, convogliando l'intera cronologia in un'unica app.[51]

Sondaggi[modifica | modifica wikitesto]

All'interno di gruppi e canali è possibile condividere dei sondaggi a risposta multipla. Le risposte dei sondaggi possono essere impostate sia in forma, sia rendendo visibile a tutti le risposte dei singoli utenti. Inoltre si può rendere selezionabile più di una singola risposta.[52]

I sondaggi possono essere creati in modalità quiz, selezionando in fase di creazione la risposta da considerare esatta. Attraverso il bot @Quizbot è possibile creare e modificare un elenco di domande da condividere in gruppi e canali, il bot è in grado di creare una vera e propria classifica dei partecipanti a seconda del numero di risposte giusto e dei tempi di risposta. Oggi non è possibile cancellare un quiz creato.

Persone e gruppi vicini[modifica | modifica wikitesto]

Dal giugno del 2020, Su Telegram è possibile consultare un elenco delle persone nelle vicinanze che decidono di rendere visibile il proprio profilo e così contattarle.[53] Si può in ogni momento disattivare la condivisione del proprio profilo all'interno dell'elenco, senza non potere poi più visualizzare gli altri contatti. Alle stesso modo è possibile creare dei gruppi locali, ovvero dei gruppi pubblici legati ad una posizione, e consultare un elenco dei gruppi legati a posizioni nei pressi della propria.[54][55]

Chiamate e videochiamate[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 marzo 2017 Telegram ha annunciato l'introduzione delle chiamate vocali cifrate punto-punto, promettendo un'elevata qualità.[56][57] Il supporto venne inizialmente dato per i sistemi Android ed iOS.

Il 15 agosto 2020, Telegram ha aggiunto la videochiamata con crittografia end-to-end come Signal e WhatsApp.[58] Attualmente offre videochiamate one-to-one e ha in programma di introdurre videochiamate di gruppo sicure più avanti.

Telegram offre agli utenti uno strumento di verifica dell'efficacia della crittografia semplifico e immediato. Entrambi gli utenti visualizzano un set di 4 emoji sullo schermo nel corso delle chiamate e videochiamate, nel caso le emoji visibili dai due utenti corrispondano la chiamata risulta protetta al 100%.[59]

È disponibile anche la modalità Picture-in-picture in modo che gli utenti abbiano la possibilità di utilizzare contemporaneamente le altre funzioni dell'app pur rimanendo nella chiamata e sono persino in grado di disattivare il video.[60]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Un'illustrazione semplificata dello schema di crittografia MTProto.
Un'illustrazione semplificata dello schema di crittografia MTProto.

Le API di Telegram[modifica | modifica wikitesto]

Le API di Telegram sono disponibili per gli sviluppatori indipendenti, ci sono le API per creare i bot e quelle per creare versioni alternative del client Telegram; entrambe sono gratis.[61] Per esempio, Plus Messenger è un client alternativo che usa le API di Telegram[62]. Di recente è stata introdotta la cosiddetta API 2.0 per sviluppare Bot su Telegram, che ha introdotto nuove funzionalità.[63]

Inoltre, Telegram rende disponibile un'API per effettuare pagamenti direttamente all'interno delle piattaforma, affiancando l'API ad un servizio di pagamenti esterno, come Stripe.

Tabella client noti[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alle API aperte di Telegram sono stati sviluppati numerosi client alternativi da parte di sviluppatori indipendenti, in aggiunta a quelli ufficiali per le più svariate piattaforme:[64]

Nome Piattaforme Ufficiale Licenza codice sorgente Supporto alle chat segrete Note
Telegram Android 2.3 e successive Si GPLv2 o successiva[65][66] Si Supporta anche tablet[67] e smart watch Android Wear.[68]
Telegram Messenger iOS 6 e successive Si GPLv2 o successiva[65][69] Si Lanciata nell'agosto 2013 per iPhone e iPod touch e rilanciata nel luglio 2014 con il supporto per iPad.[70]
Telegram X iOS 8.0 e successive, Android[71] Si[72] Proprietari Si Un client alternativo per Telegram scritto da zero studiato per essere performante. La versione iOS è scritta in Swift.
Telegram Messenger Windows Phone Si GPLv2 o successiva[65] Si
Telegram Firefox OS Si GPLv3[73] No Basata su Telegram Web.
Telegram Desktop Windows NT, macOS, e Linux Si GPLv3 with OpenSSL exception[74] No Client desktop basato su Qt
Telegram macOS Si GPLv2[75] Si
Telegram Google Chrome e Chrome OS Si GPLv3[73] No
Telegram CLI[76] Linux, FreeBSD e macOS No[65] GPLv2[76] Si Interfaccia a linea di comando per Telegram.
MadelineProto[77] Linux, FreeBSD, Windows e macOS No[65] AGPLv3[77] Si Libreria telegram con supporto a chat segrete e chiamate
Unigram[78][79] Windows 10, Windows 10 Mobile No[65] GPLv3 Si Una Universal Windows Platform app pubblicata sul Microsoft Store
Telegram Ubuntu Touch No GPLv2[80] Si Basata su TelegramQML.[81]
Cutegram[82] Windows, macOS, e Linux No GPLv3[83] Si Basata su Qt.[84]
Sailorgram Sailfish OS No GPLv3[85] Si Basata su Cutegram.
Telegram-Purple[86] Windows, macOS, e Linux No GPLv2 Si Plugin per Pidgin, Adium, Finch e altri programmi di messaggistica basati su Libpurple
Plus Android 2.2 e versioni successive No GPLv2 Si

Versione web[modifica | modifica wikitesto]

Telegram può essere utilizzato senza alcun client collegandosi all'apposita pagina del sito web di Telegram da qualsiasi browser, compresi quelli per dispositivi mobili, ed accedendo col proprio account. Questa versione è chiamata Telegram Web.[87] Alcune funzioni, però, su Telegram Web non sono disponibili, ad esempio: sticker animati, sondaggi, inviare contatti, inviare la posizione, chat segrete.

Inoltre, ad aprile 2020 sono state introdotte due nuove versioni web: Webk E Webz [1]

Monetizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene Telegram avesse in passato annunciato che non avrebbe mai inserito pubblicità all'interno della propria applicazione[88], limitando le loro fonti di guadagno alle donazioni, alla fine del 2020 Pavel Durov ha annunciato che Telegram sta lavorando a come inserire degli annunci pubblicitari nell'applicazione in maniera non invasiva.[89]

Gli annunci pubblicitari non saranno mai visibili nelle chat con gli utenti, né quelle private né nei gruppi, ma verranno sfruttati i canali pubblici. Telegram ha annunciato che gli annunci pubblicitari saranno però facilmente riconoscibili rispetto agli altri messaggi presenti nei canali, così da arginare il fenomeno degli annunci ingannevoli già presenti nei canali, e nel rispetto della privacy degli utenti.[90]

Inoltre Telegram vuole introdurre nel 2021 alcune funzionalità a pagamento per utenti premium, come ad esempio profili aziendali, mantenendo però i servizi oggi disponibili fruibili per tutti gli utenti in maniera totalmente gratuita.

Grazie queste nuove funzionalità, Telegram potrà coprire i costi dei server e del traffico dati, difficilmente sostenibili con le sole donazioni.

Il 23 marzo 2021, Pavel Durov ha annunciato di avere raccolto un miliardo di dollari vendendo obbligazioni, allo scopo di sostenere il sistema di annunci precedentemente annunciato e sottolineando l'obiettivo di trasformare Telegram in un'azienda finanziariamente sostenibile.[91]

Usi controversi[modifica | modifica wikitesto]

Jihadisti[modifica | modifica wikitesto]

Le politiche stringenti sulla privacy e l'utilizzo di chat criptate, hanno fatto sì che Telegram sia diventato uno degli strumenti di propaganda più utilizzati dai jihadisti e in particolare dall'ISIS[92].

Nel settembre del 2015 Pavel Durov ha dichiarato che la privacy e il diritto alla privacy fossero più importanti della privacy stessa, dicendo in modo provocatorio che bisognerebbe bandire anche le parole poiché utilizzate dai terroristi per comunicare.[93] Nel novembre del 2015 Telegram ha annunciato il blocco di 78 canali legati all'ISIS.[94]

A dicembre 2016 il team ha annunciato il canale ISIS Watch (@ISISwatch) per segnalare il numero di canali, gruppi e bot rimossi per la loro natura terroristica ogni giorno.[95]

Gruppi di estrema destra[modifica | modifica wikitesto]

Nel tempo Telegram è diventato di raccolta di alcuni movimenti razzisti, misogini e antisemiti sparsi in diverse zone del mondo.[96][97]

Il gruppo neo-nazista The Base, in seguito ai blocchi di altre grandi piattaforme, ha utilizzato Telegram come uno dei principali mezzi di comunicazione. In seguito ad alcuni arresti avvenuti nel 2020, è apparsa una nota sul profilo ufficiale di Telegram che intimava il gruppo a smettere di postare.[98]

Telegram è stato individuato come uno dei mezzi di comunicazione più largamente utilizzati dai Proud Boys in seguito ai blocchi avvenuti da piattaforme come Facebook e Twitter dopo l'assalto al Campidoglio degli Stati Uniti d'America del 2021.[99]

Nel gennaio 2021, Telegram ha confermato di aver bloccato "dozzine" di canali neonazisti e suprematisti bianchi con decine di migliaia di seguaci per incitamento alla violenza.[100]

Pedopornografia e vendetta porno[modifica | modifica wikitesto]

L'applicazione è spesso utilizzata per la condivisione di materiale porno, ciò include anche materiale pedopornografico e di revenge porn.[101] Questo fenomeno, diffuso globalmente, è presente anche in Italia, ed è stato motivo di aspra critica verso le politiche della piattaforma e alle mancate risposte da parte di Telegram alle segnalazioni degli utenti e della Polizia di Stato.[102]

Pirateria[modifica | modifica wikitesto]

I canali di Telegram sono spesso veicolo di condivisione di contenuti piratati, quali film, musica o copie dei maggiori quotidiani, al punto che in seguito a un forte crescita di quest'ultimo fenomeno nel corso della pandemia di COVID-19 in Italia la Federazione italiana editori giornali ha richiesto all'autorità per le garanzie nelle comunicazioni di sospendere il servizio, senza alcun successo.[103]

Il fenomeno della pirateria ha portato Telegram a essere inserito nel dicembre del 2020 in una watchlist dell'Unione europea per il controllo della contraffazione e della pirateria, risultando insieme a VK il primo social-media a comparire nella lista.[104][105]

Bot per la vendita di dati[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2021 è stato rilevato un bot su Telegram capace di vendere i numeri telefonici di 533 milioni di utenti Facebook, di cui 35 milioni italiani.[106]

Censura[modifica | modifica wikitesto]

Un mappa delle nazioni nelle quali Telegram è totalmente o parzialmente bloccato

     Completamente bloccato

     Parzialmente bloccato (alcuni ISP o il traffico audio)

Azerbaigian[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 27 ottobre 2020, a causa del conflitto armato nel Nagorno Karabakh, il Ministero dei trasporti, delle comunicazioni e delle alte tecnologie dell'Azerbaigian ha imposto la temporanea sospensione dell'uso di molti social-media all'interno del paese. Tale restrizione ha portato al totale blocco dei servizi offerti da Telegram, Facebook, WhatsApp, YouTube, Instagram, TikTok, LinkedIn, Twitter, Zoom, Skype. Le limitazioni imposte sono state revocate il 10 novembre.[107]

Bahrein[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 2017 è stato bloccato l'uso di Telegram nei territori del Bahrein.[108]

Bielorussia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso delle proteste in Bielorussia del 2020 i manifestanti hanno utilizzato Telegram come piattaforma per il coordinamento delle proteste.[109] Telegram infatti è stata una delle poche piattaforme per la comunicazione disponibili nel corso dei tre giorni di oscuramento di internet nel tre giorni successivi alle elezioni.[110] Nonostante gli sforzi da parte del governo di bloccare l'utilizzo dell'applicazione, il pomeriggio dell'11 agosto il 45% delle persone che usavano l'applicazione per il coordinamento delle proteste si è connessa al servizio.[111]

Cina[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 2015 la Cina ha bloccato l'uso dell'applicazione.[112] Sono diversi i servizi di messagistica e social media banditi in Cina, tra questi vi sono anche WhatsApp e Signal.[113]

Hong Kong[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante Telegram fosse già stata bloccata dal governo cinese, nel corso delle proteste a Hong Kong del 2019-2020 l'applicazione ha svolto un ruolo chiave, permettendo ai manifestanti di coordinare le proprie azioni grazie all'utilizzo di canali e super gruppi.[114] L'11 giugno 2019 viene arrestato Ivan Ip, l'amministratore di un super gruppo su Telegram con un numero di membri compreso tra i 20.000 e i 30.000, con l'accusa di cospirare al fine di danneggiare la comunità. L'uomo ha affermato di essere stato costretto dalla polizia a sbloccare l'accesso al proprio telefono e condividere la lista dei membri del gruppo.[115][116] Nei giorni successivi all'arresto di Ivan Ip, Telegram ha subito degli attacchi informatici DDos ai propri server che ne hanno mandato in tilt i servizi. Telegram ha poi indicato il governo cinese come mandante di questi attacchi. Pavel Durov ha affermato che non fosse il primo episodio del genere nel corso delle proteste.[117]

Il 28 agosto del 2019 l'Hong Kong Internet Service Providers Association ha annunciata la volontà da parte del governo di Hong Kong di bloccare l'uso di Telegram.[118]

India[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 2019 è stato rilevato che alcune piattaforme web, tra cui Telegram, erano state bloccate dagli internet service provider indiani venendo meno alle regole di neutralità della rete.[119] La probabile causa di questa censura è la reperibilità di contenuti pornografici.[120] Il 9 febbraio del 2019 l'Internet Freedom Foundation, un'organizzazione indiana non governativa per la tutale dei diritti e delle libertà digitali, ha richiesto chiarimenti sul coinvolgimento del dipartimento delle telecomunicazioni indiano nel blocco di Telegram, il quale ha dichiarato di non avere informazioni a riguardo.[121]

Indonesia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 l'Indonesia ha bloccato l'utilizzo di Telegram a causa della propaganda terrorista presente sull'applicazione. Successivamente il governo indonesiano e la società di Pavel Durov hanno sottoscritto un accordo per arginare il fenomeno, con la conseguente revoca del divieto di utilizzo dell'applicazione.[122]

Iran[modifica | modifica wikitesto]

Il blocco del governo iraniano a utilizzare Viber[123] e Line ha portato a una grande crescita dell'utenza nel paese che usa Telegram.[124] Poiché divenuta l'applicazione di messagistica di riferimento, nell'agosto del 2015 il governo iraniano ha imposto a Telegram di eliminare alcuni contenuti denigratori verso di loro.[125] L'eliminazione di questi contenuti da parte di Telegram è stato motivo di critica, l'azienda si è difesa affermando che i contenuti all'interno delle chat erano assolutamente al sicuro e fuori da questo intervento, il quale si è limitato a cancellare alcuni pacchetti di stickers e bot dalla piattaforma. Il 20 ottobre 2015 Pavel Durov ha affermato che il governo iraniano avesse fatto richiesta a Telegram di accedere ai dati riguardanti le conversazioni private, in seguito alla risposta negativa di Telegram i loro servizi sono stati interrotti per alcune ore.[126][126]

Nel maggio del 2016 il governo iraniano ha fatto richiesta a Telegram di spostare i propri dati relativi alle chat dei suoi cittadini su server di proprietà del governo stesso.

Il 20 aprile del 2017 viene totalmente bloccata la possibilità di effettuare chiamate su Telegram.[127] Il 30 dicembre Telegram ha chiuso un canale che nel corso di alcune proteste incentivava l'uso di molotov contro la polizia iraniana. Successivamente Telegram ha dichiarato che il canale andasse contro alle linee guida dell'applicazione e le politiche di divieto alla violenza.[128] Il canale è stato ripristinato in seguito alle promesse dei suoi amministratori di non infrangere le regole di Telegram e ha raggiunto 700,000 iscritti in meno di un giorno.[129] Il 31 dicembre il governo iraniano ha annunciato delle restrizioni temporanee al fine di garantire la calma e la sicurezza nel paese, dopo che la società si era rifiutata di oscurare i canali di protesta pacifici.[130] Il 13 gennaio del 2018 sono stati ripristinati i servizi di Telegram, anche in seguito ai danni economici al paese che l'interruzione di questi aveva comportato.[130]

Nel marzo del 2018 il presidente del comitato per politica estera e la sicurezza nazionale ha annunciato la necessità di bloccare Telegram entro il 20 aprile 2018[131], in seguito al ruolo chiave avuto nel corso delle proteste, e sottolinando la necessità di finanziare app locali.[132] Nonostante fosse stato osservato che nel corso del blocco di Telegram del gennaio del 2018 il 75% dei cittadini avessero preferito adoperare servizi di VPN per eludere il divieto piuttosto che usare app locali[133], il 1 maggio 2018 l'uso dell'applicazione è stato impedito dal governo iraniano.[134]

Il 27 aprile 2018 è stata revocata la licenza a Telegram di tenere i propri server CDN nel paese, i quali sono dovuti essere mossi fuori di esso.[135]

Pakistan[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 novembre 2017 il governo pakistano ha bloccato l'utilizzo dei servizi di Telegram.[136]

Russia[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 maggio 2018 i media russi hanno riportato che il Roskomnadzor minacciasse di bloccare Telegram. Il 13 aprile del 2018 Telegram viene bandito in Russia in seguito ai rifiuti di cedere al Servizio federale per la sicurezza della Federazione russa le chiavi di crittografia utilizzate dalle chat, come imposto dalla legge anti-terrorismo.[137][138]

Il blocco di Telegram è stato applicato bloccando oltre 19 milioni di indirizzi IP associati al servizio[139], tale pratica ha però portato a importanti danni collaterali che hanno coinvolto servizi terzi, risultando così un fallimento.[140]

L'8 aprile 2018 le autorità russe hanno fatto richiesta ad Apple e Google di rimuover Telegram dai propri app store, tuttavia le due aziende si sono rifiutate.[141] Il 28 marzo 2018 attraverso un lettera legale è stato nuovamente richiesto ad Apple di rimuovere l'app dalla versione russa dell'App Store e di bloccare l'arrivo di nuove notifiche agli utenti che già avevano installato l'applicazione sul proprio dispositivo.[142] Il 27 dicembre 2018 il motore di ricerca Yandex, il più usato in Russia, ha rimosso dai propri risultati i link di telegram.org.[143]

Il 18 giugno 2019 è stato rimosso il blocco a Telegram dopo che questa ha accettato di "aiutare nella lotta all'estremismo".[144]

Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 2021, un ex-ambasciatore degli Stati Uniti d'America ha intentato una causa contro Google e Apple poiché ospitavano Telegram nei loro app store, con l'accusa di essere uno strumento usato per intimidire, minacciare e ricattare i membri del governo.[145]

Thailandia[modifica | modifica wikitesto]

A causa delle proteste in Thailandia del 2020-2021 e dell'uso fatto da parte dei manifestanti per l'organizzazione delle proteste, il 19 ottobre 2020 la Commissione nazionale per la radiodiffusione e le telecomunicazioni ha ordinato il blocco dei servizi offerti da Telegram nel paese.[146]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina di descrizione dell'applicazione su Google Play
  2. ^ Pagina di descrizione dell'applicazione su Apple App Store
  3. ^ Pagina di descrizione dell'applicazione su Microsoft Store
  4. ^ Pagina di descrizione dell'applicazione su GNU/Linux
  5. ^ Pagina di descrizione dell'applicazione su Apple App Store
  6. ^ Telegram F.A.Q., su Telegram. URL consultato il 22 marzo 2020.
  7. ^ Telegram FAQ, su telegram.org, 9 agosto 2015.
  8. ^ applicazioni ufficiali di Telegram, su telegram.org, 6 febbraio 2014.
  9. ^ (EN) FAQ for the Technical Inclined, su core.telegram.org. URL consultato il 25 settembre 2016.
    «such as photos, large videos and files up to 1,5 GB».
  10. ^ a b Telegram F.A.Q., su Telegram. URL consultato il 25 settembre 2016.
  11. ^ (EN) Tweet by Telegram, su Twitter, 21 febbraio 2014. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  12. ^ (EN) Tweet by Telegram, su Twitter, 21 febbraio 2014. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  13. ^ (EN) Russia’s Zuckerberg launches Telegram, a new instant messenger service, su reuters.com, Reuters, 30 agosto 2013. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  14. ^ (EN) Telegram, su F-Droid. URL consultato il 25 settembre 2016.
  15. ^ (EN) org.telegram.messenger, su F-Droid Wiki, 24 febbraio 2014. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  16. ^ Pavel Durov, What Was TON And Why It Is Over, su Telegraph – Pavel Durov, 12 maggio 2020. URL consultato il 13 maggio 2020.
  17. ^ (EN) Natasha Lomas, Telegram Now Seeing 12BN Daily Messages, Up From 1BN In February, in TechCrunch, 21 settembre 2015. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  18. ^ (EN) Encrypted Messaging App Telegram Hits 100M Monthly Active Users, 350k New Users Each Day, su social.techcrunch.com, 23 febbraio 2016. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  19. ^ (EN) Tweet di Pavel Durov, su Twitter, 1º febbraio 2018. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  20. ^ ANSA, Con cambio privacy Whatsapp boom Telegram, +25 mln utenti, in ANSA, 13 gennaio 2021.
  21. ^ Telegram F.A.Q., su Telegram. URL consultato il 21 dicembre 2014.
    «La nostra architettura attualmente non supporta i federation server. Telegram è un servizio unificato di cloud, quindi creare una biforcazione nella quale due utenti potrebbero finire con due diversi cloud di Telegram è inaccettabile. Permetterti di avviare il tuo server di Telegram mantenendo elevate performance sia di velocità sia di sicurezza è già di per sé una sfida. Al momento siamo indecisi se far intraprendere a Telegram questa direzione.».
  22. ^ Telegram: come cancellare tutti i messaggi e chat da qualunque dispositivo, su money.it.
  23. ^ Edit Messages, New Mentions and More, su telegram.org.
  24. ^ Telegram Privacy Policy, su Telegram. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  25. ^ (EN) New instant messenger Telegram protected even from spy intrusions, su venturebeat.com, VentureBeat, 12 novembre 2013. URL consultato il 2 marzo 2016.
  26. ^ Telegram F.A.Q.: Quanto è sicuro Telegram?, su Telegram. URL consultato il 2 marzo 2016.
  27. ^ (EN) MTProto Mobile Protocol, su Telegram. URL consultato il 2 marzo 2016.
  28. ^ (EN) $300,000 for Cracking Telegram Encryption, su Telegram. URL consultato il 2 marzo 2016.
  29. ^ (EN) Telegram for Mac, su iTunes. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  30. ^ 400 milioni di utenti, 20,000 sticker, quiz 2.0 e 400K € per i creatori di quiz didattici, su Telegram, 24 aprile 2020. URL consultato il 13 maggio 2020.
  31. ^ Ecco le novità di Telegram 4.4, in Spazio Telegram, 10 ottobre 2017. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  32. ^ Q: What's the difference between groups, supergroups, and channels?, su telegram.org. URL consultato il 29 febbraio 2016.
  33. ^ (EN) Channels: Broadcasting Done Right, su Telegram. URL consultato il 2 marzo 2016.
  34. ^ GugliElmo, Canali Telegram: cosa sono, le differenze con i bot e come si crea un canale Telegram, su Guglielmo Crotti (a cura di), appelmo.com, 11 ottobre 2015. URL consultato il 16 gennaio 2017 (archiviato il 5 maggio 2016; seconda copia archiviata il 15 gennaio 2017).
    «Un canale Telegram permette di inviare direttamente agli utenti messaggi e file multimediali, di controllare il numero di utenti e di visualizzazioni di ogni singolo post e di e di recapitare una notifica ogni qualvolta che un contenuto venga condiviso.».
  35. ^ Notizie sul Coronavirus e canali verificati, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  36. ^ Linee guida per la verifica delle pagine, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  37. ^ Chat vocali fatte come si deve, su Telegram. URL consultato il 20 marzo 2021.
  38. ^ Telegram supera tutti e lancia il suo Clubhouse, su MobileWorld, 19 marzo 2021. URL consultato il 20 marzo 2021.
  39. ^ Chat vocali 2.0: Canali, Milioni di ascoltatori, Chat registrate, Strumenti per gli amministratori, su Telegram. URL consultato il 20 marzo 2021.
  40. ^ Telegram Bot Platform, su telegram.org. URL consultato il 17 aprile 2016.
  41. ^ Inline Bots, su core.telegram.org. URL consultato il 17 aprile 2016.
  42. ^ Introducing Inline Bots, su telegram.org. URL consultato il 17 aprile 2016.
  43. ^ Bot Platform 2.0, su telegram.org. URL consultato il 17 aprile 2016.
  44. ^ BotFather, su core.telegram.org. URL consultato il 19 marzo 2016.
  45. ^ Telegram Stickers, Telegram, 2 gennaio 2015. URL consultato il 5 gennaio 2016.
  46. ^ Telegram Bots, in Telegram.
  47. ^ Animated Stickers Done Right, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  48. ^ a b Instant View, Telegraph, and Other Goodies, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  49. ^ (EN) Telegram launches Telegraph, a long-form publishing platform, su VentureBeat, 22 novembre 2016. URL consultato il 21 marzo 2021.
  50. ^ Custom Languages, Instant View 2.0 and More, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  51. ^ Spostamento cronologia chat da altre app, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  52. ^ Sondaggi 2.0: voti visibili, risposte multiple e modalità quiz, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  53. ^ Location-Based Chats, Adding Contacts Without Phone Numbers and More, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  54. ^ Telegram, ora puoi chattare con le persone nelle vicinanze, su Wired, 24 giugno 2019. URL consultato il 21 marzo 2021.
  55. ^ Nuovi profili, visualizzazione rapida dei media e Persone vicine 2.0, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  56. ^ (EN) Voice Calls: Secure, Crystal-Clear, AI-Powered, su telegram.org, 30 marzo 2017. URL consultato il 30 marzo 2017.
  57. ^ Chiamate con Telegram, sicure e di qualità superiore, in Navigaweb.net. URL consultato il 3 aprile 2017.
  58. ^ (EN) Telegram Lanciata una nuova importante funzionalità per battere Zoom, su forbes.com, Forbes. URL consultato il 3 settembre 2020.
  59. ^ Videochiamate e sette anni di Telegram, su Telegram. URL consultato il 21 marzo 2021.
  60. ^ (EN) Telegram lancia videochiamate one-to-one su iOS e Android, su The Verge, 15 agosto 2020. URL consultato il 3 settembre 2020.
  61. ^ Telegram APIs, su core.telegram.org. URL consultato il 29 febbraio 2016.
  62. ^ Plus Messenger: un client alternativo di Telegram per Android con tante personalizzazioni, su android.hdblog.it. URL consultato il 19 aprile 2016.
  63. ^ Introducing Bot API 2.0, su core.telegram.org. URL consultato il 17 aprile 2016.
  64. ^ Telegram Apps, su Telegram. URL consultato il 25 settembre 2016.
  65. ^ a b c d e f Telegram Apps, su Telegram.org. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  66. ^ DrKLO, DrKLO/Telegram, su GitHub. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  67. ^ (DE) Telegram-Anleitung: So benutzt man den Messenger, su newsslash.com, Newsslash.
  68. ^ (ES) Telegram se actualiza con compatibilidad para Android Wear [Telegram updated with Android Wear compatibility], su sevilla.abc.es, Sevilla, ABC. URL consultato il 7 dicembre 2014.
  69. ^ peter-iakovlev, peter-iakovlev/Telegram, su GitHub, 18 novembre 2015. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  70. ^ (ES) Telegram se actualiza para la pantalla del iPad [Telegram updated for the iPad screen], su cnet.com, Cnet.
  71. ^ (EN) Mujeeb cpy, Telegram X for Android Released – What’s New, su IB Computing, IB Computing, 23 gennaio 2018. URL consultato il 23 gennaio 2018.
  72. ^ Telegram X: Progress through Competition, su telegram.org, Telegram LLC.
  73. ^ a b Igor Zhukov, zhukov/webogram, su GitHub. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  74. ^ telegramdesktop, telegramdesktop/tdesktop, su GitHub. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  75. ^ overtake, overtake/telegram, su GitHub, 1º dicembre 2015. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  76. ^ a b vysheng, vysheng/tg, su GitHub. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  77. ^ a b danog, danog/MadelineProto, su GitHub. URL consultato il 25 agosto 2017.
  78. ^ (EN) Unigram Preview - Microsoft Store, su Microsoft Store. URL consultato il 20 aprile 2017.
  79. ^ (EN) UnigramDev/Unigram, su GitHub. URL consultato il 20 aprile 2017.
  80. ^ Telegram app, su Launchpad.
  81. ^ Telegram App in Launchpad, su launchpad.net.
  82. ^ (DE) Andreas Sauerland, Cutegram: So verwenden Sie die Chat-App am PC, su Computer Bild, Axel Springer, 21 marzo 2015. URL consultato il 25 aprile 2016.
  83. ^ Aseman Land, Aseman-Land/Cutegram, su GitHub. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  84. ^ Aseman Land, Cutegram, su aseman.co, Aseman. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2015).
  85. ^ Telegram app, su OpenRepos.
  86. ^ majn/telegram-purple, su GitHub. URL consultato il 30 settembre 2016.
  87. ^ pagina di accesso a Telegram Web, su web.telegram.org.
  88. ^ (EN) Tao Ming Hui, How Does WhatsApp, Telegram And Snapchat Make Money? (And Why You Should Care), su DollarsAndSense.sg, 16 novembre 2017. URL consultato il 21 marzo 2021.
  89. ^ Telegram ora vuole fare soldi: nel 2021 adesivi premium e la pubblicità, su DDay.it. URL consultato il 21 marzo 2021.
  90. ^ HDblog.it, La svolta di Telegram: utenti premium e pubblicità dal 2021. Cosa cambia, su HDblog.it, 23 dicembre 2020. URL consultato il 21 marzo 2021.
  91. ^ Telegram raccoglie un miliardo di dollari in obbligazioni per crescere, su Wired, 24 marzo 2021. URL consultato il 24 marzo 2021.
  92. ^ Telegram è l'app più utilizzata dall'Isis per fare propaganda, su Wired, 15 luglio 2019. URL consultato il 21 marzo 2021.
  93. ^ (EN) Telegram Now Seeing 12BN Daily Messages, Up From 1BN In February, su TechCrunch. URL consultato il 21 marzo 2021.
  94. ^ (EN) Encrypted messaging app Telegram shuts down Islamic State propaganda channels, su The Telegraph. URL consultato il 21 marzo 2021.
  95. ^ https://twitter.com/telegram/status/813772688691003392, su Twitter. URL consultato il 4 giugno 2021.
  96. ^ Così Telegram è diventato il rifugio della destra eversiva, su www.editorialedomani.it. URL consultato il 21 marzo 2021.
  97. ^ Germania, ecco il gruppo Telegram di militari di estrema destra che progetta la guerra civile e il colpo di Stato, su Open, 24 luglio 2020. URL consultato il 21 marzo 2021.
  98. ^ (EN) Neil MacFarquhar e Adam Goldman, A New Face of White Supremacy: Plots Expose Danger of the ‘Base’, in The New York Times, 22 gennaio 2020. URL consultato il 21 marzo 2021.
  99. ^ (EN) E. J. Dickson, E. J. Dickson, Proud Boys Channels Are Exploding on Telegram, su Rolling Stone, 14 gennaio 2021. URL consultato il 21 marzo 2021.
  100. ^ (EN) Telegram blocks ‘dozens’ of hardcore hate channels threatening violence, su TechCrunch. URL consultato il 21 marzo 2021.
  101. ^ (EN) Rachel Kraus, When their nudes were shared online, they got angry and fought back, su Mashable. URL consultato il 21 marzo 2021.
  102. ^ "Telegram covo di pornografia non consensuale e revenge porn", in la Repubblica, 25 novembre 2020. URL consultato il 21 marzo 2021.
  103. ^ Coronavirus, la richiesta degli Editori (Fieg): l’Agcom fermi Telegram, basta ai quotidiani “piratati” nelle chat, su lastampa.it, 14 aprile 2020. URL consultato il 21 marzo 2021.
  104. ^ Michele Rocco d'Angelo, Telegram finisce nella watchlist sulla pirateria dell'Unione Europea, su Twister Android, 17 dicembre 2020. URL consultato il 21 marzo 2021.
  105. ^ Counterfeit and Piracy Watch List (PDF), su trade.ec.europa.eu.
  106. ^ Scoperto un bot di Telegram che vende i numeri telefonici di 533 milioni di utenti Facebook. Gli italiani sono 35 milioni, su DDay.it. URL consultato il 21 marzo 2021.
  107. ^ (EN) Social media restricted in Azerbaijan amid clashes with Armenia over Nagorno-Karabakh, su NetBlocks, 27 settembre 2020. URL consultato il 21 marzo 2021.
  108. ^ (EN) 10 Best VPN Providers to Use When You Are in Bahrain [Updated], su CoolTechZone, 4 maggio 2020. URL consultato il 22 marzo 2021.
  109. ^ Benas Gerdžiūnas, Bielorussia: le proteste si organizzano su Telegram, su euractiv.it, 19 settembre 2020. URL consultato il 22 marzo 2021.
  110. ^ (EN) How Telegram Users Found A Way Through Belarus's Internet Lockdown, su RadioFreeEurope/RadioLiberty. URL consultato il 23 marzo 2021.
  111. ^ (EN) Aliaksandr Herasimenka, Tetyana Lokot e Olga Onuch, Analysis | There’s more to Belarus’s ‘Telegram Revolution’ than a cellphone app, in Washington Post. URL consultato il 23 marzo 2021.
  112. ^ (EN) Ryan Ho Kilpatrick, China blocks Telegram messenger, blamed for aiding human rights lawyers, su Hong Kong Free Press HKFP, 13 luglio 2015. URL consultato il 22 marzo 2021.
  113. ^ Cina, dopo Whatsapp e Telegram bloccata anche Signal, su Askanews, 16 marzo 2021. URL consultato il 22 marzo 2021.
  114. ^ L'importanza di Telegram a Hong Kong per l'organizzazione delle proteste, su AppElmo - Le App di Guglielmo, 1º settembre 2019. URL consultato il 23 marzo 2021.
  115. ^ (EN) Paul Mozur e Alexandra Stevenson, Chinese Cyberattack Hits Telegram, App Used by Hong Kong Protesters, in The New York Times, 13 giugno 2019. URL consultato il 23 marzo 2021.
  116. ^ (EN) In Hong Kong, authorities arrest the administrator of a Telegram protest group—and force him to hand over a list of its members, su Global Voices, 14 giugno 2019. URL consultato il 23 marzo 2021.
  117. ^ Telegram ha registrato attacchi dalla Cina durante le proteste di Hong Kong, su Wired, 13 giugno 2019. URL consultato il 23 marzo 2021.
  118. ^ Urgent Statement of HKISPA on Selective Blocking of Internet Services, su www.hkispa.org.hk. URL consultato il 23 marzo 2021.
  119. ^ (EN) Sai Sachin Ravikumar, Reddit, Telegram among websites blocked in India: internet groups, in Reuters, 3 aprile 2019. URL consultato il 23 marzo 2021.
  120. ^ (EN) Shweta Ganjoo New DelhiFebruary 12, 2019UPDATED: February 13, 2019 10:16 Ist, Not just porn, users reveal Airtel, Jio, others also banning Telegram, VPNs and proxy sites in India, su India Today. URL consultato il 23 marzo 2021.
  121. ^ (EN) Internet freedom foundation: banning-telegram-vpns-and-proxy-sites-in-india, su Twitter. URL consultato il 23 marzo 2021.
  122. ^ (EN) Reuters Staff, Indonesia to lift ban on Telegram message service over security, in Reuters, 1º agosto 2017. URL consultato il 23 marzo 2021.
  123. ^ (FA) www.entekhab.ir, https://www.entekhab.ir/fa/news/161368/وایبر-هم-بالاخره-فیلتر-شد. URL consultato il 23 marzo 2021.
  124. ^ (FA) موسسه فرهنگی و اطلاع رسانی تبیان, از وایبر به تلگرام, su article.tebyan.net. URL consultato il 23 marzo 2021.
  125. ^ (EN) Is Telegram's Compliance with Iran Compromising the Digital Security of Its Users?, su Global Voices Advox, 28 agosto 2015. URL consultato il 23 marzo 2021.
  126. ^ a b (FA) تلگرام 'پس از عدم همکاری با دولت ایران موقتا مسدود شد', su BBC News فارسی, 20 ottobre 2015. URL consultato il 23 marzo 2021.
  127. ^ واعظی خبر داد: ممنوعیت پرداخت در شبکه‌های اجتماعی خارجی /اگر می‌خواهید مخابرات و 3 اپراتور ورشکست شوند تلگرام صوتی رفع فیلتر شود - ایستنا | اخبار فناوری و مخابرات, su www.ictna.ir. URL consultato il 23 marzo 2021.
  128. ^ (EN) Iran forces messaging apps to move data to Iranian servers, su TechCrunch. URL consultato il 23 marzo 2021.
  129. ^ https://twitter.com/durov/status/947422726322565121, su Twitter. URL consultato il 23 marzo 2021.
  130. ^ a b Marilia Brocchetto and Dakin Andone CNN, Iran restricts social media as protests enter 4th day, su CNN. URL consultato il 23 marzo 2021.
  131. ^ (FA) پایگاه اطلاع رسانی شبکه خبر صدا و سیمای جمهوری اسلامی ایران, بروجردی: تلگرام به زودی فیلتر می شود, su fa, ۱۳۹۷/۰۱/۱۱ - ۱۴:۴۹. URL consultato il 23 marzo 2021.
  132. ^ (EN) The Telegram app logo is seen on a smartphone in this photo illustration taken Sept. 15, 2017., Is Iran ready to block Telegram?, su Al Monitor: The Pulse of the Middle East. URL consultato il 23 marzo 2021.
  133. ^ (EN) Iranian President Hassan Rouhani speaks during a meeting with Muslim leaders, scholars in Hyderabad, India, Feb. 15, 2018., Rouhani administration pushes back against Telegram blocking, su Al Monitor: The Pulse of the Middle East. URL consultato il 23 marzo 2021.
  134. ^ (EN) Thomas Erdbrink, Iran, Like Russia Before It, Tries to Block Telegram App, in The New York Times, 1º maggio 2018. URL consultato il 23 marzo 2021.
  135. ^ (EN) Iran starts restricting Telegram messenger, su Tehran Times, 27 aprile 2018. URL consultato il 23 marzo 2021.
  136. ^ (EN) ProPK Staff, Telegram Blocked in Pakistan!, su propakistani.pk. URL consultato il 23 marzo 2021.
  137. ^ (EN) Moscow court bans Telegram messaging app, su the Guardian, 13 aprile 2018. URL consultato il 23 marzo 2021.
  138. ^ (EN) Neil MacFarquhar, Russian Court Bans Telegram App After 18-Minute Hearing, in The New York Times, 13 aprile 2018. URL consultato il 23 marzo 2021.
  139. ^ (EN) Russia’s game of Telegram whack-a-mole grows to 19M blocked IPs, hitting Twitch, Spotify and more, su TechCrunch. URL consultato il 23 marzo 2021.
  140. ^ (EN) Russia’s Telegram Ban Is a Fiasco, and It's Rendering Millions of IP Addresses Inaccessible, su Privacy News Online by Private Internet Access VPN, 18 aprile 2018. URL consultato il 23 marzo 2021.
  141. ^ (EN) Benjamin Mayo, Russia asks Apple to remove Telegram from App Store after banning the encrypted messaging service, su 9to5Mac, 17 aprile 2018. URL consultato il 23 marzo 2021.
  142. ^ Роскомнадзор требует от Apple прекратить распространение в России приложения Telegram и рассылку его push-уведомлений, su Роскомнадзор. URL consultato il 23 marzo 2021.
  143. ^ «Яндекс» удалил из поиска сайт Telegram, su lenta.ru. URL consultato il 23 marzo 2021.
  144. ^ (EN) Russia lifts ban on private messaging app Telegram, su The Independent, 18 giugno 2020. URL consultato il 23 marzo 2021.
  145. ^ Martin Coulter, A former US ambassador is taking Google and Apple to court for hosting messaging service Telegram on their app stores, su Business Insider. URL consultato il 23 marzo 2021.
  146. ^ Embattled Thai PM recalls parliament as thousands protest | Thailand | Al Jazeera, su web.archive.org, 20 ottobre 2020. URL consultato il 23 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2020).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]