Proud Boys

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Proud Boys
01IMG 9466 (50131760252).jpg
I Proud Boys in una manifestazione nel 2020
IdeologiaSuprematismo bianco
Nazionalismo bianco
Sciovinismo
Neofascismo
Componenti
FondatoriGavin McInnes
Attività
Voci su organizzazioni terroristiche in Wikipedia

The Proud Boys è un'organizzazione di destra [1] per soli uomini che promuove e si impegna nell'attivismo politico negli Stati Uniti e in Canada[2][3]. Anche se il gruppo rifiuta ufficialmente il razzismo, diversi membri sono stati affiliati alla supremazia bianca e i Proud Boys sono stati descritti dalle organizzazioni di intelligence statunitensi come "un pericoloso gruppo della supremazia bianca". Il gruppo è nato nell'estrema destra Taki's Magazine nel 2016 sotto la guida del co-fondatore di Vice Media ed ex commentatore Gavin McInnes, prendendo il nome dalla canzone "Proud of Your Boy" del musical Disney del 2011 Aladdin. Sebbene i Proud Boys siano emersi come parte dell'alt-right, McInnes ha preso le distanze da questo movimento all'inizio del 2017, dicendo che i Proud Boys erano "alt-light" mentre il focus era la razza[4]. Lo sforzo di re-branding si è intensificato in seguito al raduno della supremazia bianca, Unite the Right. Dall'inizio del 2019, Enrique Tarrio, che si identifica come afro-cubano, è stato il presidente dei Proud Boys[5][6].

L'Anti-Defamation League (ADL) ha affermato che "mentre il gruppo può essere descritto come violento, nazionalista, islamofobico, transfobico e misogino, i suoi membri rappresentano una vasta gamma di origini etniche, e i suoi leader protestano con veemenza contro qualsiasi accusa di razzismo[4]." Nonostante neghino di essere un gruppo razzista, i Proud Boys tendono a sposare ideologie razziste e ad attrarre suprematisti bianchi come membri, con il fondatore McInnes che ha detto: "Amo essere bianco e penso che sia qualcosa di cui essere molto orgoglioso. Dobbiamo chiudere i confini ora e lasciare che tutti si assimilino a uno stile di vita occidentale, bianco e anglofono". Il gruppo crede che gli uomini e la cultura occidentale siano sotto assedio, le loro opinioni hanno elementi della teoria della cospirazione del genocidio bianco. I membri hanno partecipato a più eventi razzisti ed eventi incentrati sulla violenza anti-antifa, anti-sinistra e anti-socialismo, con il membro espulso Jason Kessler che ha organizzato il raduno Unite the Right a Charlottesville. I Proud Boys glorificano la violenza e il Southern Poverty Law Center (SPLC) ha definito il gruppo un "fight club di estrema destra".

Alla fine di novembre 2018, un promemoria interno dell'ufficio dello sceriffo della contea di Clark mostrava che l'FBI aveva designato i Proud Boys un gruppo estremista, ma in seguito chiarì che solo alcuni membri erano minacce estremiste legate al nazionalismo bianco. Nel 2019, due Proud Boys sono stati condannati a quattro anni di prigione per tentato assalto di gruppo e accuse per un incidente a New York del 2018 in cui hanno attaccato persone che i pubblici ministeri hanno detto erano membri di antifa. I Proud Boys sono stati banditi da Facebook, Instagram, Twitter e YouTube.

Storia e organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Gavin McInnes ha co-fondato la rivista Vice nel 1994, ma è stato escluso nel 2008 a causa di "differenze creative". Dopo aver lasciato, ha iniziato ad hackerare ostinatamente un percorso frastagliato ma inesorabile verso i margini di estrema destra della cultura americana, secondo un profilo del 2017 sul Canadian Globe and Mail. L'organizzazione Proud Boys è stata lanciata nel settembre 2016, sul sito web di Taki's Magazine, una pubblicazione di estrema destra per la quale un tempo il nazionalista bianco Richard B. Spencer era stato redattore esecutivo. Esisteva informalmente prima di allora come gruppo incentrato su McInnes, e il primo raduno delle persone di Brooklyn nel luglio 2016 ha provocato una rissa nel bar in cui si sono incontrati. Il nome deriva dalla canzone "Proud of Your Boy" originariamente creata per il film Disney del 1992 Aladdin ma tralasciata a seguito dei cambiamenti nella storia in produzione. e successivamente apparso nell'adattamento musicale del 2011. Nella canzone il personaggio Aladdin si scusa con sua madre per essere un figlio cattivo e promette di renderla orgogliosa. McInnes lo interpreta come Aladdin che si scusa per essere un ragazzo. Lo ha sentito per la prima volta mentre frequentava il recital musicale della scuola di sua figlia. I testi della canzone "falsi, umili e self-serving" sono diventati un tema ricorrente nel suo podcast. McInnes ha detto che era la canzone più fastidiosa del mondo, ma che non ne aveva mai abbastanza.

I Proud Boys accanto a Joey Gibson in un raduno del 2017 a Seattle

L'organizzazione è stata descritta come un gruppo di avversione da parte del Southern Poverty Law Center (SPLC). Spencer, McInnes e i Proud Boys sono stati descritti come razzisti hipster da Vox e Media Matters for America. McInnes afferma che la mentalità vittimistica delle donne e di altri gruppi storicamente oppressi è malsana. Vede gli uomini bianchi e la cultura occidentale come "sotto assedio" e ha descritto le critiche alle sue idee come "accuse di vittime". Le loro opinioni hanno elementi della teoria della cospirazione del genocidio bianco. Secondo l'Anti-Defamation League (ADL), il gruppo fa parte dell'alt-lite ed è "apertamente islamofobo". L'ADL riporta che deologicamente, i membri sottoscrivono una serie sparpagliata di tropi libertari e nazionalisti, riferendosi a se stessi come correttezza anticomunista e anti-politica, ma a favore della libertà di parola e dei mercati liberi". Nell'ottobre 2019, i membri della cittadina di Denver dei Proud Boys hanno marciato con membri del Patriot Front ed ex membri del neonazista Partito dei lavoratori tradizionalisti. Secondo l'ADL, queste relazioni mostrano che i Proud Boys sono meno un club di bevitori filo-occidentale e più una banda di estrema destra". All'inizio del 2017, McInnes ha iniziato a prendere le distanze dall'alt-right, dicendo che il loro focus è la razza e il suo focus sono quelli che chiama "valori occidentali". Questo sforzo di rebranding si è intensificato dopo il Rally Unite the Right. Nel 2018, McInnes diceva che i Proud Boys facevano parte della "nuova destra".

L'organizzazione glorifica la violenza politica contro l'antifede e la sinistra, rievocando omicidi politici, indossando magliette che lodano gli omicidi di sinistra di Augusto Pinochet e partecipando direttamente alla violenza politica. Nell'aprile 2016, McInnes, che crede che la violenza sia "un modo davvero efficace per risolvere i problemi", ha detto: "Voglio la violenza, voglio pugni in faccia. Sono deluso dai sostenitori di Trump per la loro poca violenza fisica". Alla fine di novembre 2018, è stato riferito, sulla base di una nota interna dell'ufficio dello sceriffo nella contea di Clark , Washington , che l'FBI aveva classificato i Proud Boys come un gruppo estremista con legami con il nazionalismo bianco.  Due settimane dopo, l'agente speciale in carica dell'ufficio dell'FBI dell'Oregon ha chiarito che l'FBI non intendeva designare l'intero gruppo, ma solo un numero di membri del gruppo, attribuendo l'errore a una cattiva comunicazione. Durante la conferenza, l'FBI ha raccomandato di fare riferimento alle classificazioni sul gruppo da parte dell'SPLC e di altre agenzie esterne.

L'organizzazione si oppone al femminismo e promuove gli stereotipi di genere in cui le donne sono sottomesse agli uomini. L'organizzazione ha un'ala ausiliaria di sole donne chiamata "Proud Boys 'Girls" che sostiene la stessa ideologia. L'ADL afferma che i Proud Boys sono un "gruppo conservatore estremista". Secondo l'ADL, McInnes e i Proud Boys sono misogini che chiamano le donne "pigre" e "meno ambiziose" degli uomini. McInnes ha chiesto "monogamia forzata" e ha criticato il femminismo definendolo "un cancro". Enrique Tarrio, presidente del gruppo e direttore dello stato della Florida dei Latinos per Trump, è unito ai Proud Boys, attirato dalla difesa degli uomini dell'organizzazione, dalla posizione anti-immigrati e dall'abbraccio della violenza. Ufficialmente, i Proud Boys condannano il razzismo, con Tarrio che afferma che il gruppo ha "regolamenti di vecchia data che proibiscono attività razziste, suprematiste bianche o violente". Tuttavia, l'ADL ha ritenuto che il gruppo abbia opinioni antisemite, islamofobiche e razziste, con il gruppo noto per minacciare, intimidire o aggredire violentemente i manifestanti antirazzisti. Il gruppo ha affermato che esiste una "superiorità intrinseca dell'Occidente", facendo di tutto per mascherare i legami dei membri con la supremazia bianca. L'ADL afferma che le "tattiche estreme e provocatorie dei Proud Boys, accoppiate con razzismo palese o implicito, islamofobia, antisemitismo e misoginia e il fatto che il gruppo sia così decentralizzato, incoerente e diffuso, suggerisce il gruppo dovrebbe essere motivo di grave preoccupazione".

I Proud Boys sono stati banditi dalle piattaforme di social media Facebook, Instagram, Twitter e YouTube. Nell'agosto 2018, Twitter ha chiuso l'account ufficiale del gruppo insieme all'account di McInnes in base alla sua politica che vietava i gruppi estremisti violenti. A quel tempo, la foto del profilo del gruppo mostrava un membro che prendeva a pugni un contro-manifestante. Facebook e Instagram hanno bandito il gruppo e McInnes nell'ottobre 2018. Nello stesso anno, YouTube ha bandito il fondatore dei Proud Boys per violazione del copyright nel dicembre 2018. Il 16 giugno 2020, Facebook ha annunciato di aver rimosso 358 account dalla sua piattaforma e 172 da Instagram che teneva legami con l'organizzazione.

Appartenenza[modifica | modifica wikitesto]

I Proud Boys a un raduno del Secondo Emendamento a Richmond

Secondo David Neiwert, i Proud Boys reclutano con enfasi maschi bianchi di destra tra i 15 ei 30 anni che provengono principalmente dai sobborghi e dalle periferie. I Proud Boys dicono di avere un processo di iniziazione che ha quattro fasi e include il nonnismo. La prima fase è un giuramento di fedeltà, sull'ordine di "Sono un orgoglioso sciovinista occidentale, mi rifiuto di chiedere scusa per aver creato il mondo moderno"; il secondo viene preso a pugni finché la persona non recita curiosità sulla cultura pop, come i nomi di cinque cereali per la colazione; il terzo è farsi un tatuaggio e accettare di non masturbarsi; e il quarto è impegnarsi in una grande battaglia "per la causa".

Il Daily Beast ha riferito nel febbraio 2018 che i Proud Boys hanno modificato le loro regole per vietare i pantaloncini cargo e l'uso di oppioidi e crystal meth. Tuttavia, lo stesso articolo menzionava che non erano state imposte restrizioni alla cocaina.

Nel luglio 2018, i Proud Boys LA avevano 160 membri e fino a 300 candidati in sospeso, secondo il presidente non identificato dei Proud Boys LA.

Genere e sessualità[modifica | modifica wikitesto]

Alle donne non è permesso unirsi ai Proud Boys e il presidente senza nome dei Proud Boys LA ha detto al Los Angeles Times che il gruppo ammette solo "uomini biologici".

Secondo l'organizzazione, il loro giuramento di fedeltà include una dichiarazione del tipo "Sono un orgoglioso sciovinista occidentale, mi rifiuto di chiedere scusa per aver creato il mondo moderno" e una promessa di non masturbarsi. La politica sulla masturbazione è stata successivamente modificata: "nessun fratello eterosessuale della Fraternità si masturba più di una volta in un mese".

Comando[modifica | modifica wikitesto]

Gavin McInnes, fondatore dei Proud Boys

Gavin McInnes ha fondato il gruppo e ne è stato il leader. Dopo la designazione di un certo numero di membri dei Proud Boys come estremisti legati al nazionalismo bianco, McInnes disse che i suoi avvocati gli avevano consigliato che smettere di fumare avrebbe potuto aiutare i nove membri dei Proud Boys che sarebbero stati perseguiti per gli incidenti a Ottobre. Durante l'annuncio ha difeso il gruppo, ha attaccato le notizie al riguardo, ha detto che i nazionalisti bianchi non esistono, ea volte ha detto cose che facevano sembrare che non stesse smettendo, come "questo è al 100% un gesto legale, e è al 100% sull'alleviare la condanna".

A partire da novembre 2018, il gruppo ha nominato i suoi leader come Enrique Tarrio, designato come presidente, e "Elder Chapter", che consiste di Harry Fox, Heath Hair, Patrick William Roberts, Joshua Hall, Timothy Kelly, Luke Rofhling e Rufio Panman. Jason Lee Van Dyke, che all'epoca era l'avvocato dell'organizzazione, era stato brevemente nominato presidente per sostituire Gavin McInnes quando lasciò il gruppo, ma l'organizzazione annunciò il 30 novembre che Van Dyke non era più associato con il gruppo a qualsiasi titolo, sebbene il suo studio legale detenga ancora i marchi Proud Boys ed è l'agente registrato per due dei capitoli del gruppo.

Nel dicembre 2018, è stato emesso un mandato di cattura per Van Dyke per la sua minaccia di morte a una persona che aveva precedentemente citato in giudizio. Sebbene McInnes avesse precedentemente affermato che qualsiasi membro di Proud Boy che era noto avesse partecipato al raduno di Unite the Right era stato espulso dall'organizzazione, il nuovo presidente Enrique Tarrio ha ammesso di aver partecipato all'evento, ma "aveva dei dubbi sul fiaccolata e non vi hanno partecipato".

Cause legali[modifica | modifica wikitesto]

Querela SPLC[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene avesse presumibilmente tagliato i suoi legami con i Proud Boys entro novembre 2018, dimettendosi da presidente, McInnes ha intentato una causa per diffamazione nel febbraio 2019 contro il Southern Poverty Law Center (SPLC) presso il tribunale federale in Alabama sulla designazione da parte di SPLC dei Proud Boys come gruppo di "odio generale". L'SPLC ha preso la causa "come un complimento" e un'indicazione che "stiamo facendo il nostro lavoro". Sul suo sito web, SPLC ha detto che "McInnes gioca un gioco retorico duplicato: rifiutare il nazionalismo bianco e, in particolare, il termine 'alt-right' mentre sposa alcuni dei suoi principi centrali" e i leader pubblicano regolarmente meme nazionalisti bianchi e mantengono affiliazioni con noti estremisti. Sono noti per la retorica anti-musulmana e misogina. I Proud Boys sono apparsi insieme ad altri gruppi di odio in raduni estremisti come il raduno a Charlottesville". Oltre alla diffamazione, McInnes ha sostenuto una tortuosa interferenza con vantaggio economico, "falsa invasione della privacy" e "favoreggiamento della discriminazione sul lavoro". Il giorno dopo aver intentato la causa, McInnes annunciò di essere stato riassunto dal gruppo mediatico canadese di estrema destra The Rebel Media. La SPLC ha presentato una mozione per archiviare la causa nel luglio 2019.

Causa federale di maggio 2019[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 maggio 2019, Bill Burke dell'Ohio ha intentato una causa da 3 milioni di dollari contro i Proud Boys, Kessler e molte altre persone e gruppi associati alla manifestazione Unite the Right. Burke è stato gravemente ferito nell'attacco automobilistico di Charlottesville dell'agosto 2017 che ha seguito l'evento. La denuncia iniziale di 64 pagine afferma che le parti citate "hanno cospirato per pianificare, promuovere e realizzare gli eventi violenti a Charlottesville". Secondo Burke, le sue lesioni fisiche e mentali hanno portato a "gravi sofferenze psicologiche ed emotive".

Sottogruppi[modifica | modifica wikitesto]

Ordine fraterno degli Alt-Knights[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017, Kyle Chapman, soprannominato "Based Stickman" dopo le proteste di Berkeley del 2017, ha formato un'ala paramilitare dei Proud Boys chiamata Fraternal Order of the Alt-Knights (FOAK). Augustus Sol Invictus ha agito come secondo in comando del FOAK fino a quando non ha lasciato il gruppo.

Simbolismo[modifica | modifica wikitesto]

I membri dei Proud Boys possono essere identificati dal loro uso di polo Fred Perry nere e gialle, bandiere americane, cappelli Make America Great Again (MAGA) e armature militari. I membri spesso portano pistole o coltelli.

Associazione con l'abbigliamento Fred Perry[modifica | modifica wikitesto]

Due uomini con una polo Fred Perry e un cappello MAGA a un raduno neo-confederato nel 2019

Sin dai primi giorni del gruppo, i Proud Boys hanno indossato polo Fred Perry gialle e nere su suggerimento di McInnes. I responsabili del marchio, che era stato precedentemente associato negativamente agli skinhead e al British National Front negli anni '70, hanno rilasciato diverse dichiarazioni pubbliche prendendo le distanze dalle convinzioni dei Proud Boys e invitando i membri a smettere di indossare i loro vestiti.

Nel 2017, l'amministratore delegato di Fred Perry, John Flynn ha denunciato l'affiliazione con i Proud Boys in una dichiarazione alla CBC Radio, dicendo: "Non sosteniamo gli ideali o il gruppo di cui parli. È contrario alle nostre convinzioni". Le magliette non sono state vendute negli Stati Uniti da settembre 2019. A settembre 2020, il rivenditore ha annunciato che non le venderà negli Stati Uniti fino a quando l'associazione con Proud Boys non sarà terminata.

Cappelli MAGA[modifica | modifica wikitesto]

I Proud Boys indossano comunemente cappelli MAGA rossi alle manifestazioni, spesso insieme alle polo nere di Fred Perry.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Far-Right Group That Trades in Political Violence Gets a Boost, su nytimes.com. URL consultato il 9 novembre 2020.
  2. ^ (EN) 'Proud Boys' back in Canada military after crashing indigenous ceremony, su bbc.com. URL consultato il 9 novembre 2020.
  3. ^ Proud Boys: who are the far-right group that backs Donald Trump?, su theguardian.com. URL consultato il 9 novembre 2020.
  4. ^ a b Proudboys, su adl.org. URL consultato il 9 novembre 2020.
  5. ^ (EN) The Swag Shop of the Far Right, su slate.com. URL consultato il 9 novembre 2020.
  6. ^ (EN) Leader of Proud Boys also leads grassroots group Latinos for Trump, su edition.cnn.com. URL consultato il 9 novembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]