Pavel Durov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pavel Durov nel 2012

Pavel Valer'evič Durov, in russo: Па́вел Вале́рьевич Ду́ров? (San Pietroburgo, 10 ottobre 1984), è un imprenditore russo. È noto per essere il fondatore del social network russo VK e del servizio di messaggistica istantanea Telegram, quest'ultimo mantenuto assieme al fratello Nikolai.[1]

Дуров, Павел Валерьевич.jpg
TechCrunch Disrupt Europe Berlin 2013 (10536888854).jpg

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha trascorso la maggior parte della sua infanzia a Torino dove suo padre Valery, un dottore in filologia, era impiegato. Frequentò le scuole elementari in Italia prima di rientrare in Russia ed iscriversi al ginnasio.[2] Durov ha una visione libertaria della politica e dell'economia, asserisce di essere vegetariano e si definisce un taoista.[3] Ha pubblicato manifesti anarco-capitalistici descrivendo le sue idee su come migliorare la Russia.[4] Il giorno del suo 27º compleanno, ha donato un milione di dollari alla Wikimedia Foundation.[5][6]

Chi ha voluto comparare il successo fra Facebook e VK ha definito Pavel Durov «il Mark Zuckerberg della Russia».[7][8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Domande Frequenti, su telegram.org. URL consultato il 5 marzo 2016.
  2. ^ (EN) Olga Pigareva, Prominent Russians: Pavel Durov, Russia Today. URL consultato l'8 marzo 2013.
  3. ^ (EN) Pavel Durov, su vk.com. URL consultato il 5 marzo 2016.
  4. ^ (RU) Музыканты, писатели, журналисты, поэты и другие жители страны о том, что делать: Павел Дуров, основатель «ВКонтакте», su www.afisha.ru. URL consultato il 5 marzo 2016.
  5. ^ (EN) Benefactors/2011–2012, wikimediafoundation.org. URL consultato il 5 marzo 2016.
  6. ^ (EN) Founder of Facebook for Russia donates $1M to Wikipedia at DLD, su venturebeat.com, 24 gennaio 2012. URL consultato il 5 marzo 2016.
  7. ^ (EN) Russia’s Zuckerberg, 27, su www.dailymail.co.uk, 30 maggio 2012. URL consultato il 5 marzo 2016.
  8. ^ (EN) Pavel Durov, Russian Millionaire, Throws Money Paper Planes Onto Passersby In St Petersburg, su huffingtonpost.com, 30 maggio 2012. URL consultato il 5 marzo 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Pavel Durov, su facebook.com. URL consultato il 5 marzo 2016.
  • Pavel Durov, su twitter.com. URL consultato il 5 marzo 2016.