Nagorno Karabakh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nagorno Karabakh
Azerbaijan topographic map-it.svg
Stati Nagorno Karabakh Nagorno Karabakh
Azerbaigian Azerbaigian
Superficie ca 10 000 km²
Abitanti 150 000
Lingue armeno, azero
Nome abitanti karabakhi

Il Nagorno Karabakh (in italiano talvolta anche Karabakh Montuoso, Alto Karabakh o Karabakh Superiore) è una regione senza sbocco sul mare, sita nel Caucaso meridionale e appartenente geologicamente all'Altopiano armeno. Si sviluppa all'estremità sud orientale della catena montuosa del Caucaso Minore e copre una superficie di 8223 km².

In lingua armena la regione è nota come Լեռնային Ղարաբաղ (traslitterabile con Lernayin Gharabagh) anche se più comunemente identificata come Artsakh (Արցախ). In lingua azera, invece, è nota come Dağlıq Qarabağ o Yuxarı Qarabağ, espressione che significa "giardino montuoso nero" o "giardino nero superiore". La forma russa è Нагорный Карабах (traslitterato con Nagornyj Karabach), mentre quella persiana è قره باغ.[1]

La regione dell'Alto Karabakh si distingue da quella Basso Karabakh (o Karabakh inferiore) che interessa prevalentemente la piana alluvionale che si estende tra i fiumi Kura e Aras.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Montagne del Nagorno Karabakh, Fiumi del Nagorno Karabakh e Laghi del Nagorno Karabakh.

Il territorio è prevalentemente montuoso con un'altezza media di 950 m, ricco di foreste e corsi d'acqua. Il bordo settentrionale è cinto dalla catena dei Monti Mrav, catena secondaria del Caucaso Minore che delimita a ovest l'altopiano del Karabakh. Scendendo verso sud, dal corso del fiume Hakari, a meridione dalla piana dell'Aras e a est da quella del Kura.

Suddivisione politica[modifica | modifica wikitesto]

Il Nagorno Karabakh è quasi interamente occupato dalla Repubblica del Nagorno Karabakh, costituitasi nel 1991, di cui non fa però parte la regione settentrionale di Shahumian (attuale Distretto di Goranboy) sotto controllo dell'Azerbaigian dopo la guerra del Nagorno Karabakh. In precedenza, su una superficie di 4400 km² si sviluppava l'Oblast' Autonoma del Nagorno Karabakh.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Nagorno Karabakh e Guerra del Nagorno Karabakh.

La regione del Nagorno Karabakh fa parte delle terre note agli archeologi come sede della cultura Kura-Araxes, perché si è sviluppata nella zona compresa tra questi due fiumi. Nell'antichità precristiana, quest'area (il cui antico nome armeno è Artsakh) ha fatto parte (in alcuni periodi che oggi è difficile individuare con precisione) dell'Albania caucasica e della Grande Armenia. Nel 95 a.C. la regione fu conquistata da Tigrane II d'Armenia, signore del Regno d'Armenia. Gli antichi albanesi e gli armeni si alternarono al dominio del territorio fino all'inizio del IV secolo d.C. Il Cristianesimo fu introdotto nel Nagorno Karabakh per la prima volta già nel I secolo ad opera di sant'Eliseo. Tra il VII e l'VIII secolo la regione fu invasa e saccheggiata dagli arabi, nel XIII secolo venne invasa da tartari e mongoli, mentre nel secolo successivo fu la volta di tribù turche. Con il Trattato di Gulistan del 1813, il Karabakh passò all'Impero russo.

Dopo la rivoluzione russa del 1917, il Karabakh fu inglobato nella Federazione Transcaucasica, che ben presto si divise tra Armenia, Azerbaigian e Georgia. Il territorio del Nagorno Karabakh venne rivendicato sia dagli armeni (che all'epoca costituivano il 98% della popolazione) sia dagli azeri. Dopo la conquista bolscevica del 1920 il territorio (come pure quello del Nakhchivan) venne assegnato, per volere di Stalin all'Azerbaigian e nel 1923 venne creata l'Oblast' Autonoma del Nagorno Karabakh.

Con la dissoluzione dell'Unione Sovietica tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta, la questione del Nagorno Karabakh riemerse. Lamentando l'azerificazione forzata della regione operata da Baku, la locale popolazione armena, con il supporto ideologico e materiale dell'Armenia stessa, cominciò a mobilitarsi per riunire la regione alle madrepatria.

Nel settembre 1991 il soviet locale, utilizzando la legislazione sovietica dell'epoca, dichiarò la nascita della nuova repubblica dopo che l'Azerbaigian aveva deciso di fuoriuscire dall'Unione Sovietica. Seguirono un referendum ed elezioni ma nel gennaio dell'anno seguente la reazione militare azera accese il conflitto che si concluse con un accordo di cessate il fuoco nel 1993. Da allora sono in corso negoziati di pace sotto l'egida del Gruppo di Minsk.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nagorno Karabakh, lo Stato che non c'è, da karabakh.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN239968712