Step'anakert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Step'anakert
comunità
(HY) Ստեփանակերտ
Step'anakert – Stemma
Step'anakert – Veduta
Localizzazione
StatoArtsakh/Azerbaigian Artsakh[1]
RegioneNon presente
Amministrazione
SindacoDavit Sargsyan (Identità e Unità) dal 9 settembre 2019
Territorio
Coordinate39°48′55″N 46°45′07″E / 39.815278°N 46.751944°E39.815278; 46.751944 (Step'anakert)Coordinate: 39°48′55″N 46°45′07″E / 39.815278°N 46.751944°E39.815278; 46.751944 (Step'anakert)
Altitudine823 m s.l.m.
Superficie29,12 km²
Abitanti55 200 (2015)
Densità1 895,6 ab./km²
Altre informazioni
Prefisso+374 97
Fuso orarioUTC+4
ISO 3166-2AZ-XA
Targa22 e 90
Cartografia
Mappa di localizzazione: Nagorno Karabakh
Step'anakert
Step'anakert
Sito istituzionale

Step'anakert (in armeno: Ստեփանակերտ?, in azero Xankəndi?) è una comunità urbana a statuto speciale, capitale dell'autoproclamata Repubblica dell'Artsakh. La città, come l'intera Repubblica, è reclamata dall'Azerbaigian, che la riconosce con il nome di Xankəndi, a volte traslitterato in Khankendi. Nel 2015 la città contava circa 55 200 abitanti[2].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La città sorge in una conca nell'altopiano del Karabakh ad un'altezza di circa 813 m s.l.m., al centro della Repubblica dell'Artsakh.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Step'anakert, letteralmente: Creata da Step'an o Città di Step'an, deve il suo nome al politico e rivoluzionario armeno bolscevico Step'an Šahowmyan, commissario della Comune di Baku.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondazione ed epoca sovietica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcune fonti medievali armene il villaggio si sarebbe chiamato inizialmente Vararakn, nome mantenuto fino al 1847, quando fu cambiato in Xankəndi o Khankendi, letteralmente: villaggio del Khan.[4] Secondo fonti azere invece la città sarebbe stata fondata nel XVIII secolo con il nome di Xanın kəndi, poi abbreviato in Xankəndi, per fungere da residenza per i khan del Khanato del Karabakh.[5] Durante la guerra russo-persiana tra il 1804 e il 1813 il khanato fu conquistato dall'Impero russo, anche se la cessione ufficiale avvenne in seguito al trattato di Golestan.

L'insediamento fu ricostruito nel 1917 dopo la rivoluzione d'ottobre e nel 1923 fu intitolato al rivoluzionario bolscevico di etnia armena Step'an Šahowmyan, commissario della Comune di Baku, giustiziato nel 1918 con gli altri 25 commissari dall'Armata Bianca a Krasnovodsk (oggi Türkmenbaşy). Nello stesso anno, in seguito al pogrom di Šowši, che risultò nella quasi totale distruzione della città, allora capoluogo dell'oblast' Autonoma del Nagorno Karabakh (NKAO), il capoluogo fu spostato a Step'anakert.

Tra gli anni '20 e '30 la città cambio radicalmente il suo aspetto sia grazie ad un nuovo piano urbanistico, disegnato dall'architetto armeno Aleksandr Tamanian, che alla crescita demografica ed economica del centro abitato.[4][6]

Guerra del Nagorno Karabakh[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988 in piazza Lenin (oggi piazza della Rinascita) si riunirono diversi manifestanti che chiedevano l'unificazione della NKAO nella RSS Armena, fortemente osteggiata dagli azeri a cui l'oblast' era stata assegnata nel 1923. Il 20 febbraio il soviet supremo dell'oblast' approvò l'unione, tuttavia questo causò forti scontri tra azeri e armeni in città, tanto da costringere le autorità sovietiche ad imporre un coprifuoco.

Con la dichiarazione d'indipendenza dell'Azerbaigian, proclamata il 30 agosto 1991, il governo della neonata repubblica restaurò il nome Xankəndi perseguendo una politica strettamente anticomunista e di azerificazione del territorio dell'ex oblast' autonoma, a maggioranza armena. La Corte suprema sovietica dichiarò inammissibili le decisioni azere e l'oblast' autonoma si dichiarò indipendente proclamando la nascita della Repubblica del Nagorno Karabakh, con capitale Step'anakert, il 2 settembre 1991.

Il 31 gennaio 1992 l'Azerbaigian attaccò quindi la Repubblica del Nagorno Karabakh, dando inizio ad un conflitto con l'Armenia che si protrarrà fino al 1994. Utilizzando come base la vicina città di Şuşa, le forze azere assedieranno e bombarderanno la capitale fino alla conquista della città il 9 maggio 1992. Secondo un reportage del settimanale statunitense Time dell'aprile 1992, i bombardamenti furono così violenti che "praticamente pochissimi edifici non avevano subito danni".[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

La via principale di Step'anakert.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti (migliaia)

Religione[modifica | modifica wikitesto]

L'unica chiesa precedente all'epoca sovietica di cui si hanno informazioni sembra che risalisse al XIX secolo e fosse stata intitolata a san Giorgio, tuttavia fu demolita nel 1936 e durante il periodo sovietico non rimase in funzione alcuna chiesa in tutta Step'anakert, nonostante gran parte della popolazione fosse di religione armena ortodossa.

La costruzione della prima chiesa cristiana iniziò nel 2006, concludendosi l'anno successivo grazie al finanziamento da parte di un filantropo armenoamericano, Nerses Yepremian. La chiesa, intitolata a san Giacomo, è stata consacrata il 9 maggio 2007 in occasione dell'anniversario della battaglia di Shusha dall'arcivescovo Pargev Martirosyan.[8]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

La sede del rettorato dell'Università statale dell'Artsakh

Università[modifica | modifica wikitesto]

La città è il centro dell'istruzione dell'Artsakh ed è sede di cinque università di cui due statali e tre private:

  • Università statali:
  • Università private:
    • Università Grigor Narekatsi;
    • Università Mesrop Mashtots;
    • Istituto Gyurjyan per le arti applicate.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

L'ingresso al Museo Artsakh

La città ospita diversi musei: il Museo statale Artsakh, il Museo dei soldati caduti e il Museo dei soldati dispersi, che contengono immagini, documenti e reperti della guerra del Nagorno Karabakh.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Stampa e teleradiodiffusione[modifica | modifica wikitesto]

La città ospita la sede del quotidiano nazionale, Azat Artsakh, fondato nel 1923, e della radiotelevisione statale.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Dalla centrale e circolare piazza Šahowmyan (al centro giradino con scenografica fontana) si dipartono verso nord piazza della Rinascita (con il palazzo presidenziale e il parlamento), verso est il lungo viale dei Martiri della Libertà (sulla quale si affacciano molte sedi istituzionali); dalla parte opposta si sviluppa il più elegante viale V. Sargsyan con numerosi negozi. Negli ultimi anni sono sorte nuove zone residenziali intorno al centro ed è stato avviato un progetto di riqualificazione edilizia che ha interessato soprattutto la zona intorno a via Toumanyan (alle spalle del parlamento). Poco fuori al centro abitato, verso est, sorge il celebre monumento Siamo le nostre montagne, mentre alla periferia occidentale, di fronte all'ospedale repubblicano, sorge il Memoriale di Stepanakert.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Prima della guerra l'economia di Step'anakert si basava principalmente sull'industria alimentare, lavorazione della seta e sulla coltivazione della vite.[9] Dopo la guerra l'economia locale subì pesantissimi danni ma negli ultimi anni, in particolare grazie al supporto economico della diaspora armena, è tornata a registrare qualche miglioramento. Negli ultimi anni la città ha puntato molto sul turismo e sono sorte numerose nuove strutture alberghiere.[10]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La città è servita dall'aeroporto di Step'anakert, nel vicino comune di Xocalı.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Ministero degli affari esteri dell'Artsakh

A causa del riconoscimento limitato dello Stato, sono scoppiate alcune polemiche attorno ai gemellaggi stretti dalla capitale con altre città. Ad esempio nel 2005 quando la città californiana di Montebello ha stabilito un gemellaggio con la capitale dell'Artsakh, l'ambasciatore azero negli Stati Uniti, Hafiz Paşayev, ha scritto una lettera, indirizzata al governatore della California Arnold Schwarzenegger e al sindaco di Montebello Bill Molinari, sostenendo che tale gemellaggio avrebbe potuto acuire le tensioni già presenti nel territorio, vista la delicatezza del processo di pacificazione con l'Armenia.[11] Il sindaco tuttavia ha sostenuto la continuazione del programma di gemellaggio.

Nel 2018 la città brasiliana di Mairiporã ha instaurato un programma di gemellaggio con Step'anakert, ricevendo tuttavia un avviso dal Ministero degli affari esteri, condiviso con la vicina Pilar do Sul, in quanto il Brasile non riconosce l'indipendenza dell'Artsakh.[12]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dichiaratosi unilateralmente Repubblica indipendente dal 6 gennaio 1992 col nome di Nagorno Karabakh, secessionista dall'Azerbaigian secondo cui è parte integrante dello Stato. Non è riconosciuto a livello internazionale, ma è de facto indipendente. Dal referendum costituzionale del 20 febbraio 2017 ha assunto il nome ufficiale di Artsakh.
  2. ^ Ufficio di Statistica della NKR, Report 2015
  3. ^ Stepanakert, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 16 febbraio 2020.
  4. ^ a b Shahen Mkrtchyan, Ստեփանակերտ (Step'anakert), in Enciclopedia sovietica armena, vol. 11, Erevan, Accademia nazionale armena delle scienze, 1985, pp. 124-124.
  5. ^ (AZ) Dağlıq Qarabağ münaqişəsi (PDF), Libreria presidenziale azera, 2005, p. 123-125. URL consultato il 16 febbraio 2020.
  6. ^ Robert Hewsen, Armenia: A Historical Atlas, University Chigago Press, 2001, pag. 265, ISBN 0-226-33228-4
  7. ^ (EN) James Carney, Former Soviet Union Carnage in Karabakh, in Time, 13 aprile 1992. URL consultato il 16 febbraio 2020.
  8. ^ (EN) Laura Grigorian, St James Church was opened in Stepanakert, in Armtown.com, 10 maggio 2007. URL consultato il 16 febbraio 2020 (archiviato dall'originale il 4 aprile 2012).
  9. ^ Mkrtchyan S. «Ստեփանակերտ» (Step'anakert). Soviet Armenian Encyclopedia. vol. xi. Yerevan, Armenian SSR: Armenian Academy of Sciences, 1985 p. 124
  10. ^ sito italiano con informazioni turistiche
  11. ^ (EN) Sister City plan runs into snag, in Pasadena Star-News, 20 novembre 2005. URL consultato il 16 febbraio 2020.
  12. ^ (PT) Lucas Vidigal, Leis aprovadas em SP levam Itamaraty a alertar cidades sobre mal-estar com o Azerbaijão, in G1, 1º febbraio 2019. URL consultato il 16 febbraio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN127962587 · LCCN (ENn89151511 · GND (DE7547009-3