Scontri di Martakert del 2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La zona degli scontri

Con l'espressione Scontri di Martakert del 2008 ci si riferisce a gravi incidenti avvenuti a partire dal 4 marzo 2008 nei pressi dell'abitato di Levonarkh nella regione di Martakert lungo la linea di demarcazione tra Nagorno Karabakh ed Azerbaigian.[1]

Antefatto[modifica | modifica sorgente]

Il villaggio di Levonarkh si trova quasi a ridosso della linea di demarcazione tra le due parti ed è stato frequentemente teatro di violazioni del regime di cessate il fuoco dopo la fine della guerra del Nagorno-Karabakh.[2] Gli incidenti avvengono mentre in Armenia si registrano gravi disordini di piazza dopo le contestate elezioni presidenziali del primo marzo, circa tre settimane dopo la Dichiarazione di indipendenza del Kosovo [3] [4] ed a pochi giorni dal voto di una risoluzione ONU dedicata alla questione dei territori contesi tra armeni ed azeri.[5]

Versioni dei fatti[modifica | modifica sorgente]

Secondo la parte armena forze azere hanno attaccato violentemente le posizioni armene facendo anche uso di artiglieria pesante.[6] Il tentativo di incursione, motivato dal desiderio di saggiare la tenuta delle linee di difesa armene in un momento di crisi politica interna, avrebbe provocato la morte di otto soldati azeri e il ferimento di altri sette mentre la difesa armena avrebbe avuto solo due feriti.[7] [8]

Secondo la parte azera gli armeni avrebbero provocato gli scontri per distogliere l'opinione pubblica dalla grave situazione interna. Il bilancio sarebbe stato di otto soldati azeri uccisi a fronte di dodici armeni uccisi e quattro feriti.[9]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ BBC, 5.03.08
  2. ^ E.Aliprandi, Le ragioni del Karabakh, AndMyBook (2010), pag. 89
  3. ^ La Dichiarazione è del 17 febbraio; per protesta contro il nuovo stato il Parlamento dell'Azerbaigian votò il ritiro del contigente di soldati in missione di peacekeeping.
  4. ^ Reuters 4.03.08
  5. ^ La Risoluzione 62/243 del 14 marzo
  6. ^ Today.az, 5.03.08
  7. ^ Panarmenian, 5.03.08
  8. ^ Panarmenian, 5.03.08
  9. ^ Today.az, 5.03.08

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]