Assalto al Campidoglio degli Stati Uniti d'America del 2021

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Assalto al Campidoglio degli Stati Uniti del 2021
parte delle proteste postelettorali negli Stati Uniti d'America del 2020-2021
DC Capitol Storming IMG 7986.jpg
I manifestanti pro-Trump mentre assaltano il Campidoglio.
Data6 gennaio 2021
LuogoWashington
Causa
Esito
Schieramenti
Comandanti
Nessuna leadership centralizzataSeal of the Vice President of the United States.svg Mike Pence

Seal of the Speaker of the US House of Representatives.svg Nancy Pelosi
Seal of the United States Senate.svg Michael C. Stanger
Seal of the United States House of Representatives.svg Paul D. Irving
Patch of the United States Capitol Police.png Steven Sund


Seal of the District of Columbia.svg Muriel Bowser
Perdite
4 morti[3], 52 arresti[4]1 morto[5]
13 feriti[3]
Voci di sommosse presenti su Wikipedia

L'assalto al Campidoglio degli Stati Uniti è stata una rivolta attuata a Washington il 6 gennaio 2021 da parte dei sostenitori del presidente uscente Donald Trump per contestare il risultato delle elezioni presidenziali del 2020 e sostenere la richiesta di Trump al vicepresidente Mike Pence e al Congresso di rifiutare la proclamazione di Joe Biden alla Casa Bianca.[6][7][8][9][10][11]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Migliaia di partecipanti si sono riuniti a Freedom Plaza martedì 5 gennaio 2021, prima delle proteste previste per la settimana.[12] Martedì sera e fino a mercoledì mattina, almeno dieci persone sono state arrestate, con l'accusa di possesso di armi.[10]

La "Save America March" in Washington D.C.[modifica | modifica wikitesto]

La "Save America March" ("Marcia per salvare l'America") è stata una delle manifestazioni a favore di Donald Trump, organizzata il 6 gennaio 2021 presso l'Ellipse a Washington D.C., a cui hanno partecipato migliaia di persone.[13] In questa giornata era prevista la conferma dell'elezione di Joe Biden dal Congresso.

La mattina del 6 gennaio, i manifestanti circondarono il Monumento a Washington per radunarsi e diverse persone hanno tenuto discorsi nel parco, tra cui il consigliere e avvocato di Trump Rudy Giuliani. L'ex sindaco di New York si rivolse alla folla, ripetendo teorie cospirative secondo cui le macchine per il voto utilizzate nelle elezioni erano "storte" e chiedendo una "prova (di valore) tramite combattimento".[14] Anche il deputato Mo Brooks e Madison Cawthorn sono intervenuti alla manifestazione.[15][16]

Trump ha tenuto un discorso da dietro una barriera di vetro, dichiarando che non avrebbe mai concesso la vittoria a Biden, criticando i media e chiedendo a Mike Pence di ribaltare i risultati elettorali, cosa che non rientra nel potere costituzionale del vicepresidente.[15][17] Trump ha esortato i suoi sostenitori a marciare pacificamente verso il Campidoglio, dove si riunisce il Congresso:

(EN)

«You'll never take back our country with weakness. You have to show strength and you have to be strong. We have come to demand that Congress do the right thing and only count the electors who have been lawfully slated. I know that everyone here will soon be marching over to the Capitol building to peacefully and patriotically make your voices heard today. [...] Fight. We fight like hell. And if you don't fight like hell, you're not going to have a country anymore. [...] We’re going to walk down Pennsylvania Avenue - I love Pennsylvania Avenue - and we’re going to the Capitol and we’re going to try and give [Republicans] the kind of pride and boldness that they need to take back our country.»

(IT)

«Non vi riprenderete mai il nostro paese con la debolezza. Dovete esibire forza e dovete essere forti. Siamo giunti qui per chiedere che il Congresso faccia la cosa giusta e che conti solo gli elettori che sono stati nominati legalmente. So che ognuno di voi presto marcerà sul Campidoglio per far sì che oggi la vostra voce, pacificamente e patriotticamente, venga ascoltata. [...] Combattete. Combattiamo come dannati. E se non combatterete come dannati, per voi non vi sarà più un paese. [...] Cammineremo lungo Pennsylvania Avenue – adoro Pennsylvania Avenue – e andremo al Campidoglio e ci proveremo e daremo [ai Repubblicani] il genere d'orgoglio e ardore di cui hanno bisogno per riprendersi il nostro paese.»

(Donald Trump[18][19])

Durante la manifestazione sono intervenuti anche i figli Donald Trump Jr. ed Eric Trump, attaccando verbalmente i membri del Congresso e i senatori repubblicani che non sostenevano lo sforzo di sfidare il voto del Collegio Elettorale, promettendo di fare campagna contro di loro nelle prossime elezioni primarie.[20]

Inizio della rivolta[modifica | modifica wikitesto]

Proteste dei manifestanti pro-Trump davanti al Campidoglio il 5 gennaio 2021
Manifestanti e gas lacrimogeno della polizia

La programmata manifestazione è culminata in una rivolta, in cui il Campidoglio degli Stati Uniti è stato preso d'assalto e invaso dai sostenitori di Trump. Verso le 13:00, ora locale, centinaia di partecipanti alla "Save American March" hanno lasciato l'evento per avanzare verso l'edificio del Campidoglio.[21] Alcuni sono arrivati sul luogo a seguito di alcuni post pubblicati sui social di destra pro-Trump, tra cui Gab e Parler, che contenevano richieste di azioni violente nei confronti del Congresso. Gruppi di estrema destra come i complottisti di QAnon, l'esercito di Groyper e i Proud Boys hanno partecipato alla rivolta.[22][23]

La folla è diventata violenta subito dopo le 14:00[24] e verso le 14:15, orario d'arrivo di altri manifestanti, le barricate attorno al perimetro dei terreni, presidiate dalla polizia, furono violate. La sicurezza del Campidoglio consigliò ai membri del Congresso di mettersi al riparo.[25][26] Quando i rivoltosi iniziarono ad assaltare la struttura governativa e altri edifici adiacenti, alcuni furono evacuati e bloccati,[27] ma i rivoltosi oltrepassarono i controlli di sicurezza entrando nel Campidoglio, inclusa la National Statuary Hall.[28][29][30][31] Al momento dell'interruzione, la sessione congiunta del Congresso stava votando per accettare i voti elettorali dall'Alabama (9) e dall'Alaska (3). La sessione congiunta si è quindi divisa in modo che ciascuna camera potesse discutere separatamente e quindi votare un'obiezione all'accettazione dei risultati certificati della lista degli elettori dell'Arizona sollevata dal rappresentante Paul Gosar e firmata dal senatore Ted Cruz del Texas.[32][33]

Dopo aver violato il perimetro di sicurezza,[34] la maggior parte dei rivoltosi è semplicemente entrata a piedi nel Campidoglio, altri hanno usato funi e scale improvvisate, rotto le finestre e spruzzato agenti chimici sugli agenti.[24] Alcuni dei rivoltosi erano in possesso di bandiere confederate,[35] emblemi nazisti,[36] e indossavano indumenti antisommossa come elmetti e giubbotti e tenute militari. Fuori dall'edificio la folla si è scagliata contro la polizia, forando le ruote di un veicolo e lasciando un biglietto con scritto "PELOSI IS SATAN" sul parabrezza.[24]

Successivamente gli edifici sono stati bloccati, senza permettere l'ingresso o l'uscita delle persone. Chi era all'interno dell'edificio prima dell'irruzione della folla ha avuto l'obbligo di trasferirsi negli uffici e chiudere a chiave porte e finestre; a coloro che erano fuori fu consigliato di "cercare riparo".[37] Intorno alle 14:15, un ufficiale di polizia armato è entrato nella camera del Senato durante la discussione per il collegio elettorale riguardo all'Arizona e si è posizionato di fronte all'ingresso posteriore. La senatrice Kyrsten Sinema terminò la sua difesa prima che il Senato venisse ritirato alle 14:20 e la camera chiusa.[38] Qualche istante dopo, il vicepresidente Mike Pence è stato scortato fuori dai servizi segreti e dall'esterno si sono sentiti dei colpi mentre le persone tentavano di aprire le porte e altri stavano salendo lungo le scale dell'edificio. In quel momento un poliziotto, Eugene Goodman, inseguito da alcuni manifestanti fino al secondo piano, riuscì a distrarre la folla facendo in modo che continuasse a inseguirlo lungo la scala sviandoli così dalla stanza in cui i senatori si erano rifugiati, evitando in questo modo conseguenze ben più gravi.[39] Alle 14:24 Donald Trump ha twittato che il vicepresidente Pence "non ha avuto il coraggio di fare quello che avrebbe dovuto essere fatto". Il messaggio ha scatenato l'invio di dozzine di risposte dai sostenitori di estrema destra dove chiedevano che il vicepresidente venisse cacciato. All'interno del Campidoglio la folla chiedeva dov'era Pence.[22] Alle 14:25 un agente in borghese spara un singolo colpo in direzione di Ashley Babbitt, una partecipante all'assalto, mentre la stessa stava cercando di scavalcare una finestra, rotta in precedenza, a lato dell'ingresso che portava in un corridoio comunicante con l'aula della Casa dei Rappresentanti. Babbitt ricade indietro e crolla a terra, morendo poco dopo.[40] Alle 14:30, la camera del Senato è stata evacuata[38] e dopo l'evacuazione la folla ha preso brevemente il controllo della camera, con alcuni in posa con i pugni alzati.[24]

Le scatole elettorali contenenti i voti certificati

Ai membri del Congresso all'interno della Camera è stato detto di indossare maschere antigas dopo che le forze dell'ordine hanno iniziato a usare gas lacrimogeni contro la folla.[41] Il personale ha messo in sicurezza le scatole contenenti i certificati di voto elettorale sigillati per evitare che fossero danneggiati.[26][42][43] ABC News ha riferito che alcuni colpi sono stati sparati all'interno del Campidoglio, confermando così la presenza di armi da fuoco all'interno della struttura.[41][44]

I danni causati[modifica | modifica wikitesto]

I rivoltosi hanno causato ingenti danni.[24] Le loro foto sui social hanno mostrato attività criminali come furto e vandalismo.[45] Molteplici manifestanti si sono anche documentati mentre occupavano la struttura[46][47][48] e alcuni hanno preso d'assalto gli uffici del presidente della Camera Nancy Pelosi, capovolgendo tavoli e strappando delle foto dai muri,[49][50] e l'ufficio del parlamentare del Senato, saccheggiandolo.[24] Gli agenti di polizia hanno riferito che l'edificio era stato "distrutto":[51] le finestre di vetro sono state distrutte in tutto l'edificio, lasciando il pavimento disseminato di vetri e detriti.[24] Le apparecchiature di registrazione e di trasmissione dell'Associated Press, presenti fuori dal Campidoglio per documentare l'accaduto, sono state distrutte dopo aver cacciato via i giornalisti.[52]

Almeno sei legislatori statali repubblicani, tra cui il delegato della Virginia Occidentale Derrick Evans, il rappresentante del Tennessee Terri Lynn Weaver, il senatore dello stato della Virginia Amanda Chase, il rappresentante dello stato del Missouri Justin Hill, il senatore dello stato della Pennsylvania Doug Mastriano e il rappresentante dello stato del Michigan Matt Maddock, erano presenti durante l'insurrezione e le attività criminali. Il rappresentante Weaver ha affermato di essere stato presente durante le azioni e il delegato Evans si è filmato mentre entrava nel Campidoglio insieme ai rivoltosi. A tutti è stata negata la partecipazione ad atti di violenza, ma successivamente ad Evans è stato accusato dalle autorità federali di entrare in un'area riservata.[53]

La risposta della sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Video girato all'interno della camera dei Rappresentanti da Dan Kildee che riprende lo scontro a fuoco della sicurezza armata che blocca le porte

Il personale di sicurezza ha estratto le armi all'interno della Camera dei Rappresentanti[13] e le ha indirizzate verso le porte della camera, che erano barricate con mobili.[54] Uno scontro armato ha avuto luogo alle porte della Camera. Una donna che faceva parte dei manifestanti è stata colpita dalle forze dell'ordine all'interno del Campidoglio, per poi in seguito morire a causa delle ferite riportate.[55] Le forze di sicurezza hanno riferito che sono stati rinvenuti un ordigno esplosivo improvvisato sul terreno del Campidoglio, e altri due nelle vicinanze in un edificio contenente gli uffici del Comitato Nazionale Repubblicano e presso la sede del Comitato Nazionale Democratico.[56][57][58]

Ordigni esplosivi e incendiari improvvisati[modifica | modifica wikitesto]

Foto della telecamera di sicurezza del sospetto dietro il tentato attentato

Sono stati trovati ordigni esplosivi improvvisati in diverse località. Un dispositivo sospettato di essere un tubo bomba è stato scoperto adiacente a un edificio contenente gli uffici del Comitato nazionale repubblicano (RNC). Una ricerca effettuata nell'area della prima bomba ha permesso di ritrovare, sotto un cespuglio presso la sede del Comitato Nazionale Democratico (DNC), un altro tubo bomba.[59] Si credeva che i dispositivi fossero stati piantati prima delle rivolte.[60] Le due bombe sono state fatte esplodere in modo sicuro dagli artificieri e la polizia ha successivamente affermato che erano potenzialmente "pericolose" e avrebbero potuto causare "gravi danni".[59] L'FBI ha distribuito una foto della persona che, secondo loro, ha piantato i dispositivi e ha emesso una ricompensa fino a 50 000 $ per delle informazioni.[61] Un'altra sospetta bomba a tubo è stata trovata sul terreno del complesso del Campidoglio.[62]

Nelle vicinanze delle sedi dei comitati è stato trovato anche un veicolo contenente un fucile semiautomatico e una borsa termica piena di undici bottiglie molotov.[63][64] Lonnie Coffman, che aveva portato il fucile e le molotov, è stato arrestato[65] ed è stato scoperto in possesso di tre pistole.[66]

La risposta delle forze dell'ordine[modifica | modifica wikitesto]

Intorno alle 14:31 del pomeriggio il sindaco di Washington Muriel Bowser ha ordinato il coprifuoco alle 18:00.[67] Il governatore della Virginia Ralph Northam ha emesso un coprifuoco per la vicina cittadina di Alexandria e per la contea di Arlington nella Virginia del Nord.[68][69]

Northam ha inviato membri della Virginia National Guard e 200 Virginia State Troopers per supportare le forze dell'ordine di Washington.[70] Il governatore del Maryland Larry Hogan ha anche annunciato che avrebbe inviato la Polizia del suo stato e la Guardia Nazionale.[71][72] Le richieste di Hogan e del sindaco Bowser di autorizzare il dispiegamento delle truppe della Guardia Nazionale al Campidoglio sono state inizialmente negate in più casi:[73] i funzionari del Pentagono hanno limitato il dispiegamento delle truppe, le munizioni e l'equipaggiamento antisommossa. Le truppe sono state inoltre istruite a impegnarsi con i manifestanti solo in situazioni di autodifesa, senza poter condividere attrezzature con la polizia locale o utilizzare attrezzature di sorveglianza senza la conferma del Segretario alla Difesa ad interim Christopher Miller.[74][75] Il segretario dell'esercito Ryan McCarthy e Miller hanno deciso di schierare 1 100 forze della Guardia Nazionale di Washington per reprimere la violenza.[76] Intorno alle 15:45 il Segretario alla Difesa Miller ha parlato con il vicepresidente Pence, Pelosi, McConnell e Schumer per aggiungere alle forze dell'ordine presenti sul luogo dei rinforzi.[77][78] L'ordine di inviare la Guardia Nazionale, a cui Trump inizialmente si è opposto, è stato approvato dal vicepresidente Pence.[78][79][80]

Ci sono volute più di tre ore per riprendere il controllo del Campidoglio, usando equipaggiamento antisommossa, scudi e manganelli.[81] I servizi di sicurezza del Campidoglio sono stati assistiti dalla polizia metropolitana.[81] Granate fumogene sono state schierate sul lato del Senato dalla polizia per allontanare i rivoltosi.[82] Il capo della polizia del Campidoglio, Steven Sund, ha detto che la lenta risposta dei suoi ufficiali ai disordini è dovuta al fatto che sono preoccupati per gli ordigni esplosivi improvvisati.[83] Gli agenti dell'FBI e del Dipartimento per la sicurezza interna che indossavano indumenti antisommossa sono entrati nell'edificio degli uffici del Senato di Dirksen intorno alle 16:30.[84]

Il governatore del New Jersey Phil Murphy ha annunciato alle 16:57 che elementi della Polizia di Stato del New Jersey venivano dispiegati nel Distretto di Columbia su richiesta dei funzionari e che la Guardia Nazionale del New Jersey era preparata per il dispiegamento.[85] Poco prima delle 17:00 i leader del Congresso sarebbero stati evacuati dal complesso del Campidoglio a Fort McNair, una vicina base dell'esercito.[86] Verso le 17:40 è stato annunciato che il Campidoglio era stato messo in sicurezza.[87]

Polizia antisommossa e manifestanti fuori dal Campidoglio la sera del 6 gennaio

Mentre la polizia continuava a cercare di allontanare i rivoltosi, le proteste sono continuate e alcuni si sono spostati fuori dall'area di Capitol Hill. Infatti i rivoltosi si sono dispiegati lungo le strade e sono stati segnalati alcuni attacchi verbali e fisici ai giornalisti, con aggressori che denigrano i media in quanto forniscono "notizie false".[88] Entro le 18:08 la polizia aveva arrestato almeno tredici persone e sequestrato cinque armi da fuoco.[89] Sebbene il sindaco Bowser avesse ordinato il coprifuoco, i rivoltosi lo hanno ignorato e centinaia di manifestanti pro-Trump sono rimasti nell'area di Capitol Hill.[90]

Durante la notte 2 700 truppe della Guardia Nazionale di Washington DC e 650 truppe della Guardia Nazionale della Virginia sarebbero state inviate in città.[91] Il governatore di New York Andrew Cuomo ha inviato un migliaio di membri della Guardia Nazionale di New York, oltre alle risorse promesse da altri stati.[92] Durante la notte il sindaco Bowser ha emesso un'ordinanza che proroga di 15 giorni lo stato di emergenza pubblica a Washington, scrivendo nell'ordinanza che si aspettava che alcune persone "continuassero le loro violente proteste fino all'insediamento di Joe Biden".[93][94] Il 7 gennaio il Segretario dell'Esercito Ryan D. McCarthy annunciò che sarebbe stata costruita una recinzione intorno al Campidoglio e che sarebbe rimasta in posizione per almeno 30 giorni: la costruzione della recinzione è iniziata lo stesso giorno. Il segretario ha anche affermato che le truppe della Guardia Nazionale del New Jersey sarebbero state mobilitate, così come le truppe della Guardia Nazionale del Delaware, di New York e della Pennsylvania.[95]

Completamento del conteggio dei voti elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Il Congresso si è riunito nuovamente dopo che il Campidoglio è stato sgombrato dai rivoltosi, con il Senato che riprese a discutere sui voti dell'Arizona. Alle 21:58 il Senato ha respinto l'obiezione 93-6, con solo sei repubblicani che hanno votato a favore: Ted Cruz, Josh Hawley, Cindy Hyde-Smith, John Neely Kennedy, Roger Marshall e Tommy Tuberville.[96] Alle 23:08 anche la Camera dei Rappresentanti ha respinto la mozione con un margine di 303 favorevoli contro 121. Tutti i "sì" provenivano dai repubblicani mentre i "contrari" provenivano da 83 repubblicani e 220 democratici.[97]

Un'altra obiezione, questa volta all'accettazione dei risultati certificati degli elettori della Pennsylvania, è stata sollevata da Josh Hawley e dal rappresentante repubblicano Scott Perry della Pennsylvania, innescando un'altra divisione di due ore nella sessione congiunta per discutere dell'obiezione.[98] Alle 00:30 EST del 7 gennaio, il Senato ha respinto anche questa obiezione con un voto di 92 favorevoli e 7 contrari: stavolta Cynthia Lummis e Rick Scott hanno votato a favore, mentre John Neely Kennedy ha votato contro.[99] Alle 3:08 la Camera dei Rappresentanti ha analogamente respinto la mozione di sostenere l'obiezione con un margine di 282-138. Ancora una volta, tutti i voti a favore erano repubblicani, mentre questa volta solo 64 repubblicani e 218 democratici hanno votato contro.[100]

Alle 3:41 EST è stato approvato il risultato del voto del Collegio Elettorale, i 306 voti di Biden contro i 232 di Trump: Mike Pence ha dichiarato che Biden e Harris sarebbero entrati in carica il 20 gennaio.[101][102][103][104]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Donald Trump[modifica | modifica wikitesto]

Azioni durante la rivolta[modifica | modifica wikitesto]

Il discorso di Donald Trump, pubblicato sui social dopo la provocazione tv di Joe Biden.
(EN)

«I know your pain. I know you're hurt. We had an election that was stolen from us. It was a landslide election, and everyone knows it, especially the otherside, but you have to go home now. We have to have peace. We have to have law and order. We have to respect our great people in law and order. We don't want anybody hurt. It's a very tough period of time. There's never been a time like this where such a thing happened, where they could take it away from all of us. For me, from you, from our country. This was a fraudulent election, but we can't play into the hands of these people. We have to have peace. So go home. We love you. You're very special. You've seen what happens. You see the way others are treated that are so bad and so evil. I know how you feel. But go home, and go home in peace.»

(IT)

«So della vostra sofferenza. So che siete feriti. Vi è stata un'elezione che ci è stata rubata. Abbiamo avuto una vittoria schiacciante e tutti lo sanno, soprattutto l'altro schieramento, ma ora dovete andare a casa. Dobbiamo avere pace. Dobbiamo avere legge e ordine. Dobbiamo rispettare il nostro grande popolo in legge e ordine. Non vogliamo che qualcuno si faccia male. Questo è un periodo molto duro. Non c'è mai stato un periodo in cui sia accaduta una cosa del genere, in cui hanno potuto togliere la vittoria a noi tutti. A me, a noi e al nostro paese. Questa è un'elezione truccata, ma non possiamo fare il gioco di queste persone. Dobbiamo avere pace, dunque andate a casa. Noi vi vogliamo bene. Siete davvero speciali. Avete visto cosa succede. Voi vedete come vengono trattati gli altri, così cattivi e malvagi, so come vi sentite. Ma andate a casa, e andateci in pace.»

(Discorso di Donald Trump)

Trump, che aveva trascorso le settimane precedenti a promuovere il raduno,[105] inizialmente si dichiarò "soddisfatto" quando i suoi sostenitori fecero breccia nel Campidoglio.[106] Il senatore repubblicano Ben Sasse dichiarò di aver saputo della "felicità" di Trump nel sentire che i rivoltosi stavano entrando nel Campidoglio.[107] Poco dopo le 14:00, mentre la rivolta era in corso e dopo che i senatori erano stati evacuati dall'aula del Senato, Trump ha chiamato i senatori repubblicani (prima Mike Lee dello Stato dello Utah, poi Tommy Tuberville dell'Alabama), chiedendo loro di fare ulteriori obiezioni al conteggio.[108]

Alle 14:47, ora dello scontro tra rivoltosi e polizia, Trump ha twittato: "Per favore, sostieni la nostra polizia del Campidoglio e le forze dell'ordine. Sono davvero dalla parte del nostro Paese. Stai tranquillo!".[109] Verso le 15:10 il Primo ministro stava facendo pressione su Trump perché condannasse i sostenitori coinvolti nelle rivolte; l'ex direttore delle comunicazioni di Trump, Alyssa Farah, lo ha invitato a "Condannare questo ora" e ha scritto "sei l'unico che ascolteranno".[109] Alle 15:25 Trump ha twittato "Chiedo a tutte le persone presenti al Campidoglio degli Stati Uniti di rimanere pacifici. Nessuna violenza! Ricorda, NOI siamo il Partito della Legge e dell'Ordine - rispetta la Legge e i nostri grandi uomini e donne in blu" senza però invitare la folla a cessare l'assalto.[109] Alle 15:40 un certo numero di repubblicani del Congresso ha invitato Trump a condannare più specificamente la violenza e invitare i suoi sostenitori a porre fine all'occupazione: il leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy ha detto di aver parlato telefonicamente con Trump per chiedergli di lanciare un invinto alla calma; Il senatore Marco Rubio ha pubblicato un tweet dicendo a Trump che "è fondamentale che tu aiuti a ristabilire l'ordine inviando risorse per assistere la polizia e chiedere a coloro che lo fanno di dimettersi". Altri politici hanno chiesto a Trump di chiedere che la situazione si calmasse, come il rappresentante Mike Gallagher, che in un videomessaggio, ha invitato Trump ad annullare la rivolta.[109] A differenza di Trump, Mike Pence ha chiesto immediatamente che l'occupazione del Campidoglio cessasse immediatamente.[109]

Entro le 15:50 Il primo ministro e la portavoce della Casa Bianca Kayleigh McEnany hanno detto che la Guardia Nazionale e "altri servizi di protezione federali" erano stati schierati per cessare la rivolta.[109] Alle 16:22 Trump pubblica un video messaggio sui social, successivamente rimosso da Twitter per violazioni delle policy del sito[110][111][112], Facebook e YouTube. Nel video Trump ha espresso un elogio ai suoi sostenitori, riconfermando la sua idea del broglio elettorale[113]: "Questa è stata un'elezione fraudolenta, ma non possiamo giocare nelle mani di queste persone. Dobbiamo avere pace. Quindi andate a casa. Vi vogliamo bene. Siete molto speciali. Avete visto cosa succede. Vedete il modo in cui vengono trattati gli altri che sono così cattivi e così cattivi. So come vi sentite. Ma andate a casa e tornate a casa in pace.".[109][114]

Alle 18:25 Trump ha nuovamente twittato, scrivendo: "Queste sono le cose e gli eventi che accadono quando una sacra vittoria elettorale schiacciante viene spogliata così senza cerimonie e brutalmente dai grandi patrioti che sono stati trattati male e ingiustamente per così tanto tempo", invitando nuovamente le persone a tornare a casa: "Andate a casa con amore e in pace. Ricordate questo giorno per sempre!"[109][115][116][117]

Alle 19 l'avvocato di Trump ed ex sindaco di New York Rudy Giuliani ha fatto una seconda chiamata al numero di Mike Lee e ha lasciato un messaggio vocale destinato a Tommy Tuberville esortandolo a fare più obiezioni alle votazioni elettorali come parte di un tentativo "per cercare solo di rallentare" la ripresa della discussione riguardo ai voti dell'Arizona. Giuliani ha detto: "So che si riuniranno alle 8 di stasera, ma l'unica strategia che possiamo seguire è opporci a numerosi stati e sollevare problemi in modo da entrare nel domani, idealmente fino alla fine di domani."[108]

Azioni successive[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo che il Congresso riprese le sue attività e che certificasse la vittoria e la conferma di Joe Biden come 46º presidente, Dan Scavino, il portavoce di Trump, ha rilasciato una dichiarazione dello stesso Trump: "Anche se sono totalmente in disaccordo con l'esito delle elezioni, e i fatti mi confermano, tuttavia ci sarà una transizione ordinata il 20 gennaio. Ho sempre detto che avremmo continuato la nostra lotta per garantire che venissero conteggiati solo i voti legali. Anche se questo rappresenta la fine del più grande primo mandato nella storia presidenziale, è solo l'inizio della nostra lotta per rendere l'America di nuovo grande!"[118]

Il 7 gennaio Trump ha rilasciato un video in cui condannava le violenze, affermando che verrà inaugurata una nuova amministrazione, che è stata ampiamente vista come una concessione, e che il suo "obiettivo ora si rivolge a garantire una transizione del potere regolare, ordinata e senza soluzione di continuità", riferendosi al governo Biden.[119][120] Kayleigh McEnany ha tentato di prendere le distanze dall'amministrazione e dal comportamento dei rivoltosi in una dichiarazione televisiva all'inizio della giornata.[121]

In seguito anche Facebook ha bloccato il suo account.[112][122] Alcune fonti hanno etichettato l'assalto e l'occupazione del Campidoglio statunitense come un tentativo di colpo di Stato.[123][124][125][126]

Mike Pence[modifica | modifica wikitesto]

Mike Pence, vice di Trump, in un tweet pubblicato alle 15:35 del 6 gennaio, ha condannato la rivolta, sottolineando che i trasgressori saranno puniti.[127] Dopo la ripresa dell'attività del Senato, Pence disse che nonostante la giornata buia, i rivoltosi non sono riusciti a vincere, perché la violenza non vince mai.[127][128] Alcuni aiutanti vicini a Pence hanno ipotizzato che il vicepresidente fosse stato tradito da Trump, Rudy Giuliani e il capo dello staff di Trump Mark Meadows, facendo passare Pence come un "capro espiatorio" visto che Trump non voleva ammettere la sconfitta elettorale.[129]

Joe Biden e Kamala Harris[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 gennaio alle 16:06 il presidente eletto Joe Biden si è rivolto alla nazione in diretta tv dal suo quartier generale a Wilmington, nel Delaware, definendo gli eventi un'insurrezione e una sedizione limite, e ha affermato che la democrazia americana ha subito un attacco mai visto prima.[130][131] Parlando alla nazione circa 20 minuti prima di Trump, Biden ha invitato il presidente uscente ad andare in onda sulla televisione nazionale e chiedere la fine delle proteste.[132][133] Pochi minuti dopo, la vicepresidente eletta Kamala Harris ha ribadito su Twitter i commenti di Biden. Il giorno seguente Biden ha detto che l'attacco costituisce un'azione di terrorismo interno.[134]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Hate Symbols and Extremist Groups At The US Capitol Siege, su businessinsider.com. URL consultato il 9 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  2. ^ Decoding the extremist symbols and groups at the Capitol Hill insurrection, su edition.cnn.com. URL consultato il 9 gennaio 2021 (archiviato il 9 gennaio 2021).
  3. ^ a b Copia archiviata, su tg24.sky.it. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  4. ^ Law Enforcement Draws Criticism After Breach of Capitol Building, su nytimes.com. URL consultato il 20 febbraio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  5. ^ Police Officer Is 5th To Die In US Capitol Riot By Trump Supporters, su ndtv.com. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  6. ^ Trump incendia gli Usa, i suoi sostenitori assaltano il Congresso: quattro morti, su rainews. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  7. ^ (EN) Tom McCarthy Vivian Ho in San Francisco e Joan E. Greve in Washington (earlier), Congress debates challenges to election results after pro-Trump mob invades Capitol – live, in The Guardian, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  8. ^ (EN) Woman dies after shooting in U.S. Capitol; D.C. National Guard activated after mob breaches building, in The Washington Post, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  9. ^ (EN) Michael Levenson, Today’s Rampage at the Capitol, as It Happened, in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  10. ^ a b (EN) Jemima McEvoy, D.C. Protests Live Coverage: Congress Regroups To Certify Electoral Votes After Mob Shuts Down Capitol, su Forbes. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  11. ^ (EN) Meg Wagner, Melissa Macaya, Mike Hayes, Melissa Mahtani, Veronica Rocha and Fernando Alfonso III, Multiple officers injured in the mob violence, su CNN, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  12. ^ (EN) Stephanie Ramirez, Several arrested on gun charges as pro-Trump rallies begin in DC, su FOX 5 DC, 5 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  13. ^ a b (EN) WJLA Staff, 'Save America March' rally draws thousands on day two of demonstrations in DC, su WWMT, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 2 febbraio 2021).
  14. ^ (EN) Did Giuliani Call For 'Trial By Combat' Before Trump Mob Swarmed Capitol?, su Snopes.com. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  15. ^ a b (EN) Mo Brooks: Today patriots start ‘kicking ass’ in fighting vote results, su al, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  16. ^ (EN) Nicholas Fandos e Emily Cochrane, Mob Attack, Incited by Trump, Delays Election Certification, in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  17. ^ (EN) Laura Pellicer, Associated Press, NC Congressional Delegates React To Violence As Pro-Trump Mob Storms US Capitol, su www.bpr.org. URL consultato il 7 gennaio 2021.
  18. ^ (EN) Brandon Conradis, Trump attacks Pence as protesters force their way into Capitol, su TheHill, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  19. ^ (EN) Before mob stormed US Capitol, Trump told them to ‘fight like hell’ -…, su archive.vn, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021.
  20. ^ (EN) Trump’s sons declare war on GOP, su The Independent, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  21. ^ (EN) Ted Barrett, Manu Raju and Peter Nickeas CNN, US Capitol secured, 4 dead after rioters stormed the halls of Congress to block Biden's win, su CNN. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  22. ^ a b (EN) Sheera Frenkel, The storming of Capitol Hill was organized on social media., in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  23. ^ (EN) Telegraph Reporters, Proud Boys and neo-Nazis: Who are the protesters who stormed the US Capitol?, in The Telegraph, 8 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 9 gennaio 2021).
  24. ^ a b c d e f g (EN) Azi Paybarah e Brent Lewis, Stunning Images as a Mob Storms the U.S. Capitol, in The New York Times, 7 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  25. ^ (EN) Nicholas Fandos e Emily Cochrane, Mob Attack, Incited by Trump, Delays Election Certification, in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  26. ^ a b (EN) Zolan Kanno-Youngs, Sabrina Tavernise e Emily Cochrane, As House Was Breached, a Fear ‘We’d Have to Fight’ to Get Out, in The New York Times, 7 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  27. ^ (EN) 4 Deaths Reported Around US Capitol Grounds During Riot, su NBC4 Washington. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  28. ^ (EN) Jemima McEvoy, D.C. Protests Live Coverage: Congress Regroups To Certify Electoral Votes After Mob Shuts Down Capitol, su Forbes. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  29. ^ (EN) Brent Lang,Cynthia Littleton,Gene Maddaus, Brent Lang, Cynthia Littleton, Gene Maddaus, Chaos at U.S. Capitol: Violence Erupts as Pro-Trump Mob Clashes With Police, su Variety, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  30. ^ (EN) Amanda Macias,Dan Mangan, U.S. Capitol secured hours after pro-Trump rioters invade Congress, su CNBC, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  31. ^ (EN) 4 dead, Congress evacuated, National Guard activated after pro-Trump rioters storm Capitol, su NBC News. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  32. ^ (EN) Senate rejects challenge to Biden Arizona win, su PBS NewsHour, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  33. ^ (EN) Ian Swanson, LIVE COVERAGE: Congress certifies Biden win after Pennsylvania, Arizona challenges fail, su TheHill, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  34. ^ (EN) The Latest: Trump promises 'orderly transition' on Jan. 20, su AP NEWS, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  35. ^ (EN) Eliott C. McLaughlin CNN, Before Wednesday, insurgents waving Confederate flags hadn't been within 6 miles of the US Capitol, su CNN. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  36. ^ (EN) Remy Tumin, Jeremiah M. Bogert e Jr, Evening Briefing Special Edition: A Pro-Trump Mob Storms the Capitol, in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  37. ^ (EN) Pro-Trump Mob Storms US Capitol; 4 Dead, su NBC4 Washington. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  38. ^ a b (EN) Associated Press, Associated Press Timeline of events at the Capitol, 4 dead, su https://www.mysuncoast.com. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  39. ^ Andrea Marinelli, Chi è Eugene Goodman, il poliziotto eroe che ha salvato la vita dei senatori americani, su www.corriere.it, 11 gennaio 2021. URL consultato il 21 gennaio 2021 (archiviato il 28 gennaio 2021).
  40. ^ (EN) The Journey of Ashli Babbitt, su www.bellingcat.com, 8 gennaio 2021. URL consultato il 26 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  41. ^ a b (EN) Clint Berge, At least one shot, injured at Capitol, su WQOW, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  42. ^ (EN) Capitol riot: Biden says BLM protest would have been treated 'very differently', su BBC News. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  43. ^ (EN) CNN, Lawmaker says staff were able to remove electoral ballots before rioters breached Senate floor, su CNN, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  44. ^ (EN) A. B. C. News, 4 dead after US Capitol breached by pro-Trump mob during 'failed insurrection', su ABC News. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  45. ^ (EN) Shocking photos show pro-Trump rioters in the Capitol stealing memorabilia and breaking into the desks of lawmakers, su news.yahoo.com. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 10 gennaio 2021).
  46. ^ (EN) Nancy Pelosi's Office Occupied by Pro-Trump Rioters amid Chaos at U.S. Capitol, su PEOPLE.com. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  47. ^ (EN) Timothy B. Lee, Pro-Trump reporter gloats over access to fleeing Hill staffer’s computer, su Ars Technica, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  48. ^ (EN) Arkansas man admits to storming Capitol, sitting at Nancy Pelosi's desk, su thv11.com. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  49. ^ (EN) Michael Levenson, Today’s Rampage at the Capitol, as It Happened, in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  50. ^ (EN) Erin Schaff e Sabrina Tavernise, Marauding protesters vandalize Speaker Pelosi’s office., in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  51. ^ (EN) CNN, Smoke grenades being deployed on Senate side of the US Capitol, su CNN, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  52. ^ (EN) Mob swarms media outside Capitol, damages equipment, su NBC News. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  53. ^ Joe Buchanan, W.Va. Delegate Derrick Evans has been federally charged, WDTV. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  54. ^ (EN) Police draw guns inside the Capitol., in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  55. ^ (EN) Rebecca Tan, Peter Jamison e Meagan Flynn, Trump supporters storm U.S. Capitol, with one woman killed and tear gas fired, in Washington Post. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  56. ^ Copia archiviata, su washingtonpost.com. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  57. ^ (EN) Explosive device ‘discovered and destroyed’ at Republican Party headquarters, su The Independent, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  58. ^ (EN) Meg Wagner, Melissa Macaya, Mike Hayes, Melissa Mahtani, Veronica Rocha and Fernando Alfonso III, At least two real explosive devices in DC rendered safe by law enforcement, su CNN, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  59. ^ a b (EN) Jack Date e Luke Barr, 'Hazardous' suspected explosive devices found outside RNC and DNC, ABC News, 7 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 10 gennaio 2021).
  60. ^ (EN) A. B. C. News, FBI posts photo of person who placed suspected pipe bombs outside DNC, RNC, su ABC News. URL consultato il 9 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  61. ^ (EN) Rosa Sanchez, FBI posts photo of person who placed suspected pipe bombs outside DNC, RNC, ABC News, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  62. ^ (EN) Devlin Barrett e Josh Dawsey, Suspected homemade bombs found near RNC and DNC headquarters, in The Washington Post, 6 gennaio 2021. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  63. ^ (EN) DC Police Chief: Two pipe bombs, cooler with Molotov cocktails found on Capitol grounds, su thedenverchannel.com. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  64. ^ (EN) Copia archiviata, su npr.org. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  65. ^ (EN) One of the Trump supporters who stormed the US Capitol was carrying 11 Molotov cocktails and an assault rifle, prosecutors say, su businessinsider.com. URL consultato il 9 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  66. ^ (EN) Alabama man arrested during Capitol riots had Molotov cocktails in mason jars, police say, in WVTM 13, 8 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato il 9 gennaio 2021).
  67. ^ (EN) DC Curfew In Effect After Chaos Unfolds On Capitol, Request For Additional National Guardsmen Denied By DOD, su CBS Baltimore. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  68. ^ (EN) At least one building near US capitol evacuated due to the unrest, su 8News. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  69. ^ Gov. Northam issues State of Emergency, institutes curfew in Alexandria, Arlington, WFXR-TV, 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  70. ^ (EN) Jeff Williamson, Gov. Northam sending Virginia National Guard and 200 state troopers to Washington, DC, WSLS, 6 gennaio 2021. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  71. ^ (EN) Jacob Pramuk, National Guard will head to the Capitol to tamp down pro-Trump insurrection, CNBC, 6 gennaio 2021. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  72. ^ (EN) Maryland Law Enforcement Officers Heading To DC To Help Quell Riots At US Capitol, su CBS Local. URL consultato il 9 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  73. ^ (EN) Andrew Solender, Maryland Governor Says Pentagon ‘Repeatedly Denied’ Approval To Send National Guard To Capitol, in Forbes. URL consultato il 9 gennaio 2021 (archiviato il 15 gennaio 2021).
  74. ^ (EN) Brian Witte, Gov. Hogan Describes Delayed Permission to Send Maryland National Guard, WRC-TV, 8 gennaio 2021. URL consultato il 9 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  75. ^ (EN) Paul Sonne, Peter Hermann e Missy Ryan, Pentagon placed limits on D.C. Guard ahead of pro-Trump protests due to narrow mission, in The Washington Post, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  76. ^ (EN) Helene Cooper, Army activates D.C. National Guard to deploy troops to the Capitol., in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  77. ^ (EN) Tom McCarthy, Vivian Ho e Joan E Greve, Trump supporters storm Capitol as McConnell warns of democracy 'death spiral', in The Guardian, 6 gennaio 2021. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  78. ^ a b (EN) As the D.C. police clear the Capitol grounds, the mayor extends a public emergency., su nytimes.com, 6 gennaio 2021. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  79. ^ (EN) Reports: Trump Resisted Sending National Guard To Quell Violent Mob At U.S. Capitol, su Forbes. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  80. ^ (EN) Maggie Haberman e Helene Cooper, Trump rebuffed initial requests to deploy the National Guard to the Capitol. Pence gave the go-ahead., in The New York Times, 7 gennaio 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  81. ^ a b (EN) Stunning Images as a Mob Storms the U.S. Capitol, in The New York Times. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  82. ^ Kristin Wilson, Ted Barrett e Manu Raju, Smoke grenades being deployed on Senate side of the US Capitol, CNN, 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  83. ^ Copia archiviata, su theguardian.com. URL consultato il 9 gennaio 2021 (archiviato il 13 gennaio 2021).
  84. ^ Julian E. Barnes e Mark Mazzetti, F.B.I. and Homeland Security make a show of force in Washington, in The New York Times, 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  85. ^ New Jersey Gov. Phil Murphy Deploys State Police To Washington, D.C. After Violent Protesters Storm U.S. Capitol, Philadelphia, KYW-TV, 6 gennaio 2021. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  86. ^ Evan Perez, Congressional leaders are being evacuated from Capitol complex, CNN, 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  87. ^ Kristin Wilson, US Capitol building is now secure, Sergeant-at-Arms says, CNN, 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  88. ^ (EN) Violent pro-Trump mob storms US Capitol, in BBC News. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  89. ^ (EN) Jennifer Steinhauer, Police in Washington seize 5 guns and arrest at least 13 during violent Capitol protest., in The New York Times, 6 gennaio 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  90. ^ (EN) npr.org, https://www.npr.org/sections/congress-electoral-college-tally-live-updates/2021/01/06/954218720/after-chaos-insurrection-and-death-pro-trump-rioters-defy-d-c-curfew. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  91. ^ (EN) Eric Schmitt, The entire D.C. National Guard has been mobilized., in The New York Times, 6 gennaio 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  92. ^ Gov. Cuomo: Capital riots a ‘failed attempt at a coup,’ NY National Guard sent to DC, in WROC-TV, Albany, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  93. ^ Michael Levenson, Washington, D.C. mayor issues order extending emergency for 15 days., in The New York Times, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  94. ^ Copia archiviata (PDF). URL consultato il 9 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  95. ^ npr.org, https://www.npr.org/sections/congress-electoral-college-tally-live-updates/2021/01/07/954469642/army-sec-says-a-temporary-fence-is-going-up-around-u-s-capitol. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  96. ^ senate.gov, https://www.senate.gov/legislative/LIS/roll_call_lists/roll_call_vote_cfm.cfm?congress=117&session=1&vote=00001. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  97. ^ clerk.house.gov, https://clerk.house.gov/evs/2021/roll010.xml. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  98. ^ The Latest: Trump promises ‘orderly transition’ on Jan. 20, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  99. ^ senate.gov, https://www.senate.gov/legislative/LIS/roll_call_lists/roll_call_vote_cfm.cfm?congress=117&session=1&vote=00002. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  100. ^ clerk.house.gov, https://clerk.house.gov/evs/2021/roll011.xml. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  101. ^ Capitol attack: Congress certifies Joe Biden's victory after deadly violence, in BBC News, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  102. ^ King, Ledyard, Groppe, Maureen e Wu, Nicholas, Pence confirms Biden as winner, officially ending electoral count after day of violence at Capitol, in USA Today, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  103. ^ Live Updates: Joe Biden Is Certified as the 46th President of the United States, in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  104. ^ Meg Wagner, Congress finalizes Biden's win after riot disrupts Capitol, CNN, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  105. ^ (EN) Catie Edmondson, Live Updates: Pro-Trump Protesters Storm the Capitol, in The New York Times, 6 gennaio 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  106. ^ (EN) Peter Baker e Maggie Haberman, Capitol Attack Leads Democrats to Demand That Trump Leave Office, in The New York Times, 8 gennaio 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  107. ^ Lexi Lonas, Sasse says Trump was 'delighted' and 'excited' by reports of Capitol riot, in The Hill, 8 gennaio 2021. URL consultato il 10 gennaio 2021 (archiviato l'11 gennaio 2021).
  108. ^ a b As riot raged at Capitol, Trump tried to call senators to overturn election, CNN, 8 gennaio 2021. URL consultato il 10 gennaio 2021 (archiviato il 10 gennaio 2021).
  109. ^ a b c d e f g h Associated Press Timeline of events at the Capitol, 4 dead Archiviato l'8 gennaio 2021 in Internet Archive., Associated Press
  110. ^ (EN) Brian Manzullo, Twitter locks Donald Trump's account for 12 hours, threatens permanent suspension, su Detroit Free Press. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  111. ^ (EN) Annie Karni e Maggie Haberman, Trump openly condones supporters who violently stormed the Capitol, prompting Twitter to lock his account., in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  112. ^ a b I social network, Trump e l'attacco al Congresso, su Il Post, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  113. ^ (EN) Regina Zilbermints, Trump tells rioters to 'go home' while stoking election fury, su TheHill, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  114. ^ The Hill, https://thehill.com/homenews/administration/532976-trump-tells-rioters-go-home-we-love-you. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  115. ^ Alison Durkee, Trump Justifies Supporters Storming Capitol: 'These Are The Things And Events That Happen', in Forbes, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  116. ^ Anne Gearan e Josh Dawsey, Trump issued a call to arms. Then he urged his followers 'to remember this day forever!', in The Washington Post, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  117. ^ (EN) Trump encourages his supporters to 'remember this day.', in The New York Times, 6 gennaio 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  118. ^ Justin Boggs, Joe Biden's win in the Electoral College confirmed, President Trump concedes he is leaving office, in The Denver Channel, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2021).
  119. ^ Jack Durschlag, Trump calls for healing, smooth transition after 'heinous attack' on Capitol, 8 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2021).
  120. ^ politico.com, https://www.politico.com/news/2021/01/07/trump-condemns-capitol-riot-456207. URL consultato l'8 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  121. ^ politico.com, https://www.politico.com/news/2021/01/07/mcenany-press-briefing-capitol-riots-456111. URL consultato il 10 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  122. ^ Trump, Twitter e Facebook bloccano gli account, su Adnkronos. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  123. ^ (EN) District of Columbia 1100 Connecticut Ave NW Suite 1300B Washington, Dc 20036, PolitiFact - Is this a coup? Here’s some history and context to help you decide, su @politifact. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  124. ^ (EN) Paul Musgrave, This Is a Coup. Why Were Experts So Reluctant to See It Coming?, su Foreign Policy. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  125. ^ (EN) David A. Graham, This Is a Coup, su The Atlantic, 6 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  126. ^ È stato un tentato golpe?, su Il Post, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  127. ^ a b (EN) Biden: Black Lives protesters treated very differently, su BBC News. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  128. ^ (EN) Pence to Rioters: ‘You Did Not Win', su NBC4 Washington. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 7 gennaio 2021).
  129. ^ (EN) Jim Acosta, "Trump pressured Pence to engineer a coup, then put the VP in danger, source says", su cnn.com, 7 gennaio 2021. URL consultato il 10 gennaio 2021 (archiviato il 10 gennaio 2021).
  130. ^ 'Our Democracy Is Under Unprecedented Assault,' Biden Says, in The New York Times, 6 gennaio 2021. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  131. ^ (EN) "Watch live: Biden is speaking amid violence at Capitol", su The Boston Globe. URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  132. ^ (EN) President-elect Biden Delivers Remarks in Wilmington, Delaware, su c-span.org. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 6 gennaio 2021).
  133. ^ (EN) Michael D. Shear, Biden calls on Trump to go on national television and 'demand an end to this siege.', in The New York Times, 6 gennaio 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 6 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2021).
  134. ^ (EN) Biden calls Capitol rioters 'domestic terrorists', su aljazeera.com. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]