Cherson (Ucraina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cherson
comune
(UK) Херсон
Cherson – Stemma
Cherson – Bandiera
Cherson – Veduta
Cherson – Veduta
Localizzazione
StatoUcraina Ucraina
Oblast'Flag of Kherson Oblast.svg Cherson
DistrettoCherson
Amministrazione
SindacoIhor Viktorovyč Kolychajev (Ind.) dal 15-11-2020
Data di istituzione18 giugno 1778
Territorio
Coordinate46°38′N 32°35′E / 46.633333°N 32.583333°E46.633333; 32.583333 (Cherson)
Altitudine41 m s.l.m.
Superficie68,7 km²
Abitanti291 428[1] (2018)
Densità4 242,04 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleda 73000 a 73480
Prefisso+380-552
Fuso orarioUTC+2
TargaBT e НТ / 22
Cartografia
Mappa di localizzazione: Ucraina
Cherson
Cherson
Sito istituzionale

Cherson[2] (in ucraino: Херсóн?, AFI: [xerˈsɔn]) è una città dell'Ucraina meridionale, capoluogo dell'omonima oblast'. La città sorge in prossimità dell'estuario del fiume Dnepr.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Cherson è situata sulla sponda destra dell'estuario del Dnepr, a una trentina di km dalla foce di questo nel mar Nero. Sorge nell'Ucraina meridionale, a 550 km a sud-est della capitale Kiev.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Cherson
(1991-2020)
Fonte:[3]
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 1,43,18,816,522,927,530,330,123,716,18,43,32,616,129,316,116,0
T. mediaC) −1,6−0,64,110,616,721,223,823,317,510,94,70,4−0,610,522,811,010,9
T. min. mediaC) −4,4−3,80,05,010,615,317,516,711,86,31,6−2,2−3,55,216,56,66,2
T. max. assolutaC) 15,2
(2013)
18,6
(1989)
22,7
(2014)
32,0
(2012)
37,7
(2007)
39,5
(2009)
40,5
(2002)
40,7
(2010)
36,4
(2018)
32,0
(1999)
21,8
(2010)
17,2
(1961)
18,637,740,736,440,7
T. min. assolutaC) −26,3
(2006)
−24,4
(1985)
−20,2
(1987)
−7,9
(2004)
−1,5
(2010)
5,5
(2016)
9,2
(1993)
6,6
(1984)
−5,0
(1977)
−7,6
(2003)
−16,2
(1993)
−22,2
(1969)
−26,3−20,25,5−16,2−26,3
Nuvolosità (okta al giorno) 7,36,86,66,15,25,24,33,74,45,37,17,67,26,04,45,65,8
Precipitazioni (mm) 33283032435944293836343899105132108444
Giorni di pioggia 9791211119699121026322630114
Nevicate (cm) 23100000000161007
Giorni di neve 111060000000,34,08,029,06,00,04,339,3
Giorni di nebbia 765432113578211241552
Umidità relativa media (%) 86837869666663626977858785,37163,77774,3
Vento (direzione-m/s) W
3,7
E
3,8
NE
3,8
E
3,4
N
2,9
N
2,8
N
2,7
N
2,7
N
2,8
N
3,0
E
3,4
E
3,6
3,73,42,73,13,2

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della città proviene da quello della colonia greca di Chersoneso (abbreviato in Cherson), non lontano da Sebastopoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cherson venne fondata il 1778 dal maresciallo Grigorij Aleksandrovič Potëmkin su ordine della zarina Caterina la Grande. L'insediamento venne edificato sul sito dove sorgeva precedentemente una piccola fortezza chiamata Alexanderschantz, costruita durante la guerra russo-turca del 1735-1739. Il toponimo richiama l'antica colonia greca di Cherson, in Crimea. Grazie alla sua posizione strategica alla foce del Dnepr, Cherson riuscì ad affermarsi rapidamente sia come scalo portuale sia come centro commerciale. La fortuna della città iniziò ad arrestarsi verso la fine del XVIII secolo con l'istituzione dell'arsenale di Mykolaïv e la fondazione del porto di Odessa[4].

Nei decenni successivi, grazie all'escavazione di nuovi canali per le navi di grosso tonnellaggio nella foce del Dnepr, le attività portuali di Cherson registrarono una notevole ripresa. All'epoca dell'Impero russo fu capoluogo del governatorato omonimo. Durante la Rivoluzione russa del 1905 Cherson fu teatro di un primo pogrom contro gli ebrei, che allora costituivano il 30% della popolazione totale[5].

Nel 1918, fu occupata dalle truppe tedesche. Una volta terminata la prima guerra mondiale, mentre infuriava la guerra civile russa, vi sbarcò un contingente franco-greco per contenere le milizie filo-bolsceviche[4]. Passata nelle mani dell'Armata Bianca Cherson fu teatro di un secondo pogrom nel 1919.

Nel corso della seconda guerra mondiale la città venne occupata dai tedeschi il 19 agosto 1941[5]. Una decina di giorni dopo vennero massacrati un centinaio di ebrei di Cherson, mentre il 7 settembre successivo venne istituito dai nazisti il ghetto. Tra il 24 e il 25 settembre 1941 l'11º Sonderkommando delle Einsatzgruppen, guidato da Paul Zapp, massacrò con raffiche di mitra i circa 8 000 ebrei della città in un fossato anticarro[5][6]. Il 13 marzo 1944 Cherson fu occupata dall'Armata Rossa.

Dal 2014, in seguito all'occupazione russa della Crimea, è sede del governo in esilio della Repubblica autonoma di Crimea.

Il 2 marzo 2022, nell'ambito dell'invasione russa, il sindaco di Cherson ha confermato l'occupazione militare della città da parte dell'esercito russo e della Rosgvardija. L'11 novembre 2022 le truppe russe hanno abbandonato la città, ritirandosi oltre il fiume Dnipro.[7]

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingua 1897[8] 2001[9]
Ucraino 19,6% 53,4%
Russo 47,2% 45,3%
Yiddish 29,1%
Polacco 1,7%
Tedesco 0,7%

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Piazze[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Scuola di musica di Cherson

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo Regionale, ospita al suo interno alcuni reperti rinvenuti sul sito della città greca di Olbia Pontica.
  • Museo Regionale d'Arte

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

La città è suddivisa in tre distretti (rajon): Suvorov, Dnepr e Korabel'nyj.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

La città è situata all'intersezione tra l'autostrada M14 Odessa-Mariupol' e l'autostrada M17 per la Crimea.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La stazione ferroviaria di Cherson

La città è collegata alla rete ferroviaria nazionale tramite la stazione di Cherson. Ci sono servizi giornalieri a lunga distanza per Kiev, Leopoli e altre città. Altre stazioni ferroviarie sono: Cherson-Porto, Cherson-Est, Kindyjka e Putejs'ka.

Porti[modifica | modifica wikitesto]

La città è nota per il porto marittimo situato presso il delta del Dnepr, gestito dall'Autorità portuale ucraina.

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

Cherson è servita dall'omonimo aeroporto, diventato internazionale nel 2006.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Cherson è gemellata con:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La principale società calcistica della città è il Krystal Cherson.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Città Eroina dell'Ucraina - nastrino per uniforme ordinaria Città Eroina dell'Ucraina
— 2022

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (UK) Censimento ucraino 2018 (PDF), su ukrstat.gov.ua, 1º gennaio 2018. URL consultato il 23 aprile 2019.
  2. ^ Cherson, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 7 settembre 2022.
  3. ^ (RU) Климатические таблицы. Данные для Херсона.
  4. ^ a b CHERSON in "Enciclopedia Italiana", su treccani.it. URL consultato il 16 marzo 2022.
  5. ^ a b c Kherson, su jewishvirtuallibrary.org. URL consultato il 16 marzo 2022.
  6. ^ Richard David Breitman, Himmler. Il burocrate dello sterminio.
  7. ^ Su Kherson liberata sventola la bandiera gialla e blu: gli abitanti escono dagli scantinati con le lacrime agli occhi, in La Repubblica, 11 novembre 2022.
  8. ^ Национальный состав населения городов (по языку) Archiviato il 13 agosto 2015 in Internet Archive. Всероссийская перепись населения 1897
  9. ^ Ukrainian census in Kherson Oblast[collegamento interrotto]. State Statistics Service.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN237260343 · GND (DE4085238-6
  Portale Ucraina: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Ucraina