Elezioni regionali italiane del 2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le elezioni regionali italiane del 2018 si si sono tenute in sei regioni: Lombardia e Lazio (il 4 marzo, contestualmente alle elezioni politiche), Molise (22 aprile), Friuli-Venezia Giulia (29 aprile), Valle d'Aosta (20 maggio), Trentino-Alto Adige (21 ottobre).

Elezioni dei presidenti di regione[modifica | modifica wikitesto]

Regione Candidati Presidenti uscenti
Centro-sinistra Centro-destra Movimento 5 Stelle Altri
Lombardia
(4 marzo)
Giorgio Gori (PD)
29,09%
Attilio Fontana (Lega)
49,75%
Dario Violi
17,36%
  • Onorio Rosati (LeU)
    1,93%
  • Altri 1,85%
Roberto Maroni
(LN)
Lazio
(4 marzo)
Nicola Zingaretti (PD)
32,92%
Stefano Parisi (EpI)
31,17%
Roberta Lombardi
26,98%
  • Sergio Pirozzi
    (Lista Pirozzi Presidente)
    4,89%
  • Altri 4%
Nicola Zingaretti
(PD)
Molise
(22 aprile)
Carlo Veneziale (PD)
17,10%
Donato Toma (FI)
43,46%
Andrea Greco
38,50%
Agostino di Giacomo (CPI)
0,42%
Paolo Di Laura Frattura
(PD)
Friuli-Venezia Giulia
(29 aprile)
Sergio Bolzonello (PD)
26,84%
Massimiliano Fedriga (Lega)
57,09%
Alessandro Fraleoni Morgera
11,67%
Sergio Cecotti
(Patto per l'Autonomia)
4,40%
Debora Serracchiani
(PD)
Provincia autonoma di Trento
(21 ottobre)
Giorgio Tonini (PD)
25,40%
Maurizio Fugatti (Lega)
46,74%
Filippo Degasperi
7,10%
Ugo Rossi
(PATT)
L'elezione diretta del presidente non è prevista in Valle d'Aosta (risultati) e nella Provincia autonoma di Bolzano

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]