Elezioni regionali in Piemonte del 2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni regionali del 2014
Stato Italia Italia
Regione Piemonte Piemonte
Data 25 maggio 2014
Sergio Chiamparino 2014.JPG Gilberto Pichetto Fratin datisenato 2018.jpg DavideBono2.jpg
Candidati Sergio Chiamparino[1] Gilberto Pichetto Fratin[2] Davide Bono[3]
Partito Partito
Democratico
Forza Italia Movimento 5 Stelle
Coalizione Centro-sinistra Centro-destra Nessuna
Voti 1 057 031
47,09 %
495 993
22,09 %
481 453
21,45 %
Seggi
32 / 50
9 / 50
8 / 50
Differenza % Green Arrow Up.svg0,18 Red Arrow Down.svg25,24 Green Arrow Up.svg17,36
Differenza seggi Green Arrow Up.svg 10 Red Arrow Down.svg 27 Green Arrow Up.svg 6
Piemonte 2014 Partiti.png
Piemonte 2014 Coalizioni.png
Presidente uscente
Roberto Cota (LN)
Left arrow.svg 2010 2019 Right arrow.svg

Le elezioni regionali piemontesi del 2014 si sono tenute il 25 maggio 2014, in concomitanza con le Elezioni europee del 2014.[4]

Sono le prime elezioni regionali anticipate nella storia della Regione Piemonte, nonché le terze, in Italia, dovute ad annullamento del precedente risultato elettorale, dopo i due casi del Molise.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni regionali in Piemonte del 2010 § L'annullamento delle elezioni regionali.

Il 10 gennaio 2014 il TAR del Piemonte ha annullato le precedenti elezioni del 2010 a causa di irregolarità riscontrate nelle firme raccolte a sostegno della lista "Pensionati per Cota" i cui voti, come lista collegata al candidato, furono decisivi per la vittoria di Roberto Cota.[5]

Il 22 gennaio 2014 la regione Piemonte ha presentato ricorso[6][7]; tale ricorso viene però rigettato dal Consiglio di Stato l'11 febbraio 2014, che conferma così il giudizio di irregolarità delle elezioni del 2010 per la partecipazione di una lista (Pensionati per Cota) presentata con l'uso di firme false.[8][9]

Il 6 marzo 2014 il TAR del Piemonte, accogliendo un ricorso del Movimento 5 Stelle che chiedeva un giudizio di ottemperanza della precedente sentenza del Consiglio di Stato, impone a Cota di indire le consultazioni elettorali regionali entro una settimana dalla notificazione del provvedimento[10] e, contestualmente, nomina commissario ad acta il Prefetto di Torino in caso di inadempimento di Cota.[11][12]

Alla base del ricorso, cui ha preso parte anche Mercedes Bresso[10][13], vi è la convinzione, accolta dal TAR, che Cota abbia manifestato «la concreta volontà di non dare esecuzione alla sentenza di annullamento delle elezioni regionali».[12][14]

Il 12 marzo 2014, giusto in tempo per evitare il commissariamento, Cota decide di firmare il decreto di indizione delle elezioni regionali, fissandole il 25 maggio.[15][16][17]

Candidati alla presidenza[modifica | modifica wikitesto]

I candidati alla presidenza sono stati (in ordine alfabetico)[18]:

Affluenza[modifica | modifica wikitesto]

Hanno partecipato alle votazioni 2 405 228 elettori, pari al 66,43% dei 3 620 349 aventi diritto.[22]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Candidati e Liste Voti % Seggi
Sergio Chiamparino 1.057.031 47,09 10
Partito Democratico 704.541 36,17 17
Chiamparino per il Piemonte 94.615 4,85 2
Moderati per Chiamparino 47.901 2,45 1
Sinistra Ecologia Libertà 40.873 2,09 1
Scelta Civica 29.313 1,50 1
Italia dei Valori 13.658 0,70 -
Gilberto Pichetto 495.993 22,09 1
Forza Italia 302.743 15,57 6
Lega Nord 141.741 7,27 2
Partito Pensionati 13.837 0,71 -
Civica per il Piemonte 8.853 0,45 -
Verdi Verdi 5.435 0,27 -
Destre Unite 5.004 0,25 -
Grande Sud - Azzurri italiani 1.676 0,08 -
Davide Bono 481.453 21,45 -
Movimento 5 Stelle 396.295 20,34 8
Guido Crosetto 117.807 5,24 -
Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale 72.776 3,73 1
Enrico Costa 67.025 2,98 -
Nuovo Centrodestra - Unione di Centro 49.059 2,51 -
Mauro Filingeri 25.193 1,12 -
L'Altro Piemonte a Sinistra 19.467 0,99 -
Totale alle liste 1.947.787 39
TOTALE 2.244.502 50

Consiglieri eletti[modifica | modifica wikitesto]

Collegio Lista Eletto
Collegio regionale Chiamparino Presidente Sergio Chiamparino
Chiamparino Presidente Aldo Reschigna
Chiamparino Presidente Enrica Baricco
Chiamparino Presidente Maria Carla Chiapello
Chiamparino Presidente Marco Grimaldi
Chiamparino Presidente Gabriele Molinari
Chiamparino Presidente Silvana Accossato
Chiamparino Presidente Valentina Giuseppina Caputo
Chiamparino Presidente Nadia Conticelli
Chiamparino Presidente Antonio Ferrentino
Chiamparino Presidente Giorgio Ferrero
Centro Destra per Pichetto Gilberto Pichetto Fratin
Torino Partito Democratico Davide Gariglio
Partito Democratico Giovanna Pentenero
Partito Democratico Mauro Laus
Partito Democratico Antonino Boeti
Partito Democratico Raffaele Gallo
Partito Democratico Daniele Valle
Partito Democratico Andrea Appiano
Partito Democratico Elvio Rostagno
Movimento 5 Stelle Davide Bono
Movimento 5 Stelle Giorgio Bertola
Movimento 5 Stelle Francesca Frediani
Movimento 5 Stelle Stefania Batzella
Movimento 5 Stelle Federico Valetti
Forza Italia Daniela Ruffino
Forza Italia Claudia Porchietto
Forza Italia Gian Luca Vignale
Chiamparino per il Piemonte Mario Giaccone
Lega Nord Alessandro Manuel Benvenuto
Fratelli d'Italia Maurizio Marrone
Moderati per Chiamparino Giovanni Maria Ferraris
Sinistra Ecologia Libertà Monica Cerutti
Scelta Civica Alfredo Monaco
Alessandria Partito Democratico Domenico Ravetti
Partito Democratico Domenico Ottria
Movimento 5 Stelle Paolo Domenico Mighetti
Forza Italia Massimo Vittorio Berutti
Asti Partito Democratico Angela Motta
Biella Partito Democratico Vittorio Barazzotto
Cuneo Partito Democratico Francesco Balocco
Partito Democratico Paolo Allemano
Movimento 5 Stelle Mauro Willem Campo
Forza Italia Francesco Graglia
Chiamparino per il Piemonte Alberto Valmaggia
Lega Nord Gianna Gancia
Novara Partito Democratico Augusto Ferrari
Forza Italia Diego Sozzani
Movimento 5 Stelle Gianpaolo Andrissi
Verbano-Cusio-Ossola Partito Democratico Aldo Reschigna
Vercelli Partito Democratico Giovanni Corgnati

Controversia sulle firme false[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla scoperta della presenza nel listino del governatore Chiamparino di possibili firme false, un esponente della Lega Nord ha fatto ricorso al Tar del Piemonte chiedendo l'annullamento delle elezioni.[23]

Nonostante sia stata appurata la presenza di firme false, nel luglio 2015 il Tar del Piemonte ha dichiarato valide le elezioni con la motivazione che le firme regolari fossero comunque sufficienti a garantire il numero necessario per la validità delle elezioni. Poiché lo stesso Tar aveva annullato le precedenti elezioni in base alla presenza di firme irregolari collegate alle liste, l'ex governatore Cota ha commentato la sentenza dicendo che «se le firme false sono del Pd, va bene così».[24]

Il 16 luglio Matteo Salvini ha commentato la sentenza dicendo che «Non si capisce perché se c'è di mezzo la Lega i tribunali si comportano in un modo e se c'è il Pd in un altro. È palese che la vittoria di Chiamparino è stata irregolare».[25]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piemonte: Monviso simbolo di Chiamparino, in ANSA (Torino), 15 marzo 2014. URL consultato il 27 marzo 2014 (archiviato il 27 marzo 2014).
  2. ^ Forza Italia: "Alle Regionali in Piemonte correremo da soli", in la Repubblica (Torino), 25 marzo 2014. URL consultato il 27 marzo 2014 (archiviato il 27 marzo 2014).
  3. ^ Maurizio Tropeano, Bono candidato dei Cinquestelle “Batterà la destra e Chiamparino”, in La Stampa (Torino), 19 marzo 2014. URL consultato il 27 marzo 2014 (archiviato il 27 marzo 2014).
  4. ^ Indizione delle elezioni
  5. ^ Dispositivo della sentenza Archiviato il 19 marzo 2014 in Internet Archive.
  6. ^ Piemonte, c'è ricorso al Consiglio Stato, in ANSA, 22 gennaio 2014. URL consultato il 22 gennaio 2014 (archiviato il 22 gennaio 2014).
  7. ^ Piemonte e elezioni annullate: la Regione ha presentato il ricorso al Consiglio di Stato, in Il Secolo XIX, 22 gennaio 2014. URL consultato il 22 gennaio 2014 (archiviato il 22 gennaio 2014).
  8. ^ Ottavia Giustetti e Sarah Martinenghi, Il Piemonte torna alle urne: annullate le regionali 2010, in la Repubblica, 11 febbraio 2014. URL consultato l'11 febbraio 2014 (archiviato l'11 febbraio 2014).
  9. ^ Andrea Giambartolomei, Piemonte, Consiglio di Stato boccia ricorso di Cota: si torna al voto, in Il Fatto Quotidiano, 11 febbraio 2014. URL consultato l'11 febbraio 2014 (archiviato l'11 febbraio 2014).
  10. ^ a b Tar dà i 7 giorni a Cota: "Elezioni o commissario", in la Repubblica, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 marzo 2014 (archiviato il 6 marzo 2014).
  11. ^ Piemonte, Tar: «Indire voto entro sette giorni», in Lettera 43, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 marzo 2014 (archiviato il 6 marzo 2014).
  12. ^ a b Massimiliano Peggio, Piemonte, ultimatum del Tar a Cota: "Indica il voto o commissariamento", in La Stampa, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 marzo 2014 (archiviato il 6 marzo 2014).
  13. ^ Piemonte, Tar: "Voto il 7 giorni o commissariamento", in RaiNews, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 marzo 2014 (archiviato il 6 marzo 2014).
  14. ^ Diego Longhin, "Cota fa melina, si vada alle urne", in la Repubblica, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 marzo 2014 (archiviato il 6 marzo 2014).
  15. ^ Regione, Cota firma il decreto si vota il 25 maggio, in la Repubblica, 12 marzo 2014. URL consultato il 12 marzo 2014 (archiviato il 12 marzo 2014).
  16. ^ In Piemonte si vota il 25 maggio, in Il Post, 12 marzo 2014. URL consultato il 12 marzo 2014 (archiviato il 12 marzo 2014).
  17. ^ Cota firma decreto, il 25 maggio elezioni in Piemonte, in ANSA, 12 marzo 2014. URL consultato il 12 marzo 2014 (archiviato il 12 marzo 2014).
  18. ^ Elezioni regionali 2014 Archiviato l'8 maggio 2014 in Internet Archive.
  19. ^ Maurizio Tropeano, Bono candidato dei Cinquestelle “Batterà la destra e Chiamparino”, in La Stampa (Torino), 19 marzo 2014. URL consultato il 27 marzo 2014 (archiviato il 27 marzo 2014).
  20. ^ Piemonte: Monviso simbolo di Chiamparino, in ANSA (Torino), 15 marzo 2014. URL consultato il 27 marzo 2014 (archiviato il 27 marzo 2014).
  21. ^ Forza Italia: "Alle Regionali in Piemonte correremo da soli", in la Repubblica (Torino), 25 marzo 2014. URL consultato il 27 marzo 2014 (archiviato il 27 marzo 2014).
  22. ^ Ministero dell'Interno, su elezioni.interno.it.
  23. ^ Il pasticcio delle firme false nel Pd paralizza il Piemonte di Chiamparino
  24. ^ Le motivazioni del Tar: "In Piemonte elezioni valide, ampio scarto tra le liste"
  25. ^ Salvini: irregolare la vittoria di Chiamparino

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]