Elezioni regionali in Valle d'Aosta del 2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni regionali del 2008
Stato Italia Italia
Regione Valle d'Aosta Valle d'Aosta
Data 25 maggio 2008
Candidati Augusto
Rollandin
Roberto
Louvin
Partito Union
Valdôtaine
Vallée d'Aoste
Vive
Coalizione Vallée d'Aoste Autonomie
Liberté
Démocratie
Voti 45.520
61.95 %
20.131
27.40 %
Seggi 23 8
Valle d'Aosta 2008.png
Valle d'Aosta 2008 Coalizioni.png
Left arrow.svg 2003 2013 Right arrow.svg

Le elezioni per il rinnovo del XIII Consiglio della Valle della Regione Autonoma Valle d'Aosta si sono svolte il 25 maggio 2008. Sette le liste, 245 i candidati, tre i programmi in lizza: due comuni con da una parte le forze autonomiste, Union Valdôtaine, Stella Alpina e Fédération Autonomiste, e dall'altra i partiti di centro sinistra, cioè Arcobaleno, Partito Democratico, Vallée d'Aoste Vive/Renouveau Valdôtain, e uno individuale, quello del Popolo della Libertà. In pratica ai nastri di partenza si sono ripresentate quasi le stesse forze che già hanno animato le elezioni politiche del 13 e 14 aprile 2008.

La nuova legge elettorale[modifica | modifica wikitesto]

La tornata elettorale si è svolta sulla base della nuova legge elettorale approvata il 7 agosto 2007, e che sostituisce la precedente normativa in vigore dal 1997.

Il nuovo impianto, oltre a confermare la soglia di sbarramento del 5,71% (o meglio, i due trentacinquesimi) dei voti validi stabilita dalla previgente legge, introduce un premio di maggioranza per la coalizione di liste più votata. In particolare, è previsto che alla coalizione che ottenga la maggioranza assoluta dei suffragi, vengano garantiti il 60% dei seggi consiliari, mentre se la miglior coalizione si attestasse solamente su una maggioranza relativa, i seggi garantiti sarebbero pari al 51% degli stessi. Tale ultima evenienza deve però verificarsi in maniera matematicamente naturale ripartendo i seggi, col metodo Hare-Niemeyer dei quozienti interi e dei più alti resti, fra le liste superanti lo sbarramento, e se così operando il computo non avesse sortito un numero di seggi inferiore alla maggioranza consiliare assoluta, i cittadini sarebbero stati chiamati l'8 giugno ad un turno di ballottaggio fra le due coalizioni più votate: la vincente si sarebbe a quel punto vista comunque assegnati 18 seggi.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Partiti    voti       voti (%)      seggi     differ.  
Union Valdôtaine 32.614 44,39% 17 -1
Stella Alpina 8.370 11,39% 4 -1
Fédération Autonomiste 4.536 6,17% 2 =
Coalizione Vallée d'Aoste 45.520 61,95% 23 -2
Vallée d'Aoste Vive-Renouveau Valdôtain 9.170 12,48% 5 +5
Partito Democratico 6.841 9,31% 3 -1
Arcobaleno Vallée d'Aoste 4.120 5,61% 0 -3
Coalizione Autonomie Liberté Démocratie 20.131 27,40% 8 +1
Il Popolo della Libertà 7.826 10,65% 4 +1
Centro-Destra 7.826 10,65% 4 +1
Totale 73.477 100% 35 =

21 seggi garantiti alla coalizione ottenente la maggioranza assoluta.

Gli eletti[modifica | modifica wikitesto]

Union Valdôtaine: Augusto Rollandin, Aurelio Marguerettaz, Giuseppe Isabellon, Laurent Viérin, Albert Lanièce, Alberto Cerise (sostituito, causa decesso, da Renato Praduroux il 19/09/2012), Luciano Caveri, Emily Rini, Ennio Pastoret, Andrea Rosset, Alberto Crétaz, Mauro Bieler, Salvatore Agostino, Carlo Norbiato, Diego Empereur, Hélène Impérial e Manuela Zublena.
Stella Alpina: Marco Viérin, André Lanièce, Francesco Salzone e Dario Comé.
Fédération Autonomiste: Claudio Lavoyer e Leonardo La Torre.
Vallée d'Aoste Vive - Renouveau Valdôtain (dal 10 marzo 2010 ALPE): Roberto Louvin, Albert Chatrian, Giuseppe Cerise, Patrizia Morelli e Alberto Bertin.
Partito Democratico: Raimondo Donzel, Carmela Fontana e Gianni Rigo.
Popolo della Libertà: Massimo Lattanzi, Enrico Tibaldi, Alberto Zucchi e Cleto Benin.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]