Elezioni regionali in Sardegna del 1953

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale della Sardegna si sono volte il 14 giugno 1953. L'affluenza è stata dell'86,6%.

In queste consultazioni si stabilizzò la scelta bipolarre degli elettori sardi: la DC infatti guadagnò il 7% in più rispetto alle precedenti elezioni (fallendo però l'obiettivo di avere la maggioranza assoluta dei seggi) ed anche il PCI riuscì a raggranellare praticamente un 3% in più. La destra, sia quella radicale sia quella estrema, mantenne le sue posizioni; perse molto il Partito Sardo d'Azione mentre avanzarono i socialisti.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Partiti voti voti (%) seggi
Democrazia Cristiana (DC) 254.614 41,0% 30
Partito Comunista Italiano (PCI) 138.134 22,3% 15
Partito Socialista Italiano (PSI) 54.565 8,8% 5
Partito Nazionale Monarchico (PNM) 53.352 8,6% 5
Movimento Sociale Italiano (MSI) 47.898 7,7% 4
Partito Sardo d'Azione (PSd'Az) 43.215 7,0% 4
Partito Liberale Italiano (PLI) 12.359 2,0% 1
Partito Socialista Democratico Italiano (PSDI) 11.231 1,8% 1
PSDI-PLI 3.591 0,6% -
Altre liste 1303 0,2% -
Totale 620.262 100,00 65