Chris Brown

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'atleta bahamense, vedi Chris Brown (atleta).
Chris Brown
Chris Brown nel 2012
Chris Brown nel 2012
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
(Tappahannock, Virginia)
Genere Contemporary R&B
Dance pop
Pop rap
Periodo di attività 2005 – in attività
Etichetta CBE, Jive Records, RCA Records
Album pubblicati 7
Studio 7
Gruppi e artisti correlati Rihanna, Sevyn Streeter, Lil Wayne, Tyga
Sito web

Christopher Maurice Brown, meglio noto come Chris Brown (Tappahannock, 5 maggio 1989), è un cantante, attore, ballerino e rapper statunitense[1].

Ha debuttato nel 2005 con l'album Chris Brown all'età di 16 anni. Nell'album era contenuto il singolo Run It!, che raggiunse la vetta della classifica Billboard Hot 100,[2] rendendo Brown uno dei pochi ad essere arrivati in vetta alla classifica con il suo singolo di debutto. Il suo primo album ha venduto due milioni di copie soltanto negli Stati Uniti, e più di tre milioni in tutto il mondo.[3][4]

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Chris è nato e cresciuto nella piccola città di Tappahannock in Virginia, dove fin dall'inizio ricevette l'influenza di artisti come Michael Jackson e Sam Cooke. È il primo di due figli di Clinton Brown e Joyce Hawkins. Ballerino sin dall'età di due anni, desiderò dapprima diventare un rapper, ma dagli 11 anni in poi capì che il suo futuro doveva essere nell'R&B.

Chris Brown in concerto nel dicembre del 2005

Nel 2002, all'età di 13 anni, Brown è stato notato alla stazione di servizio di suo padre da un team di produzione, che era alla ricerca di talenti. Nell'agosto del 2004, Brown, che aveva adattato il nome d'arte di "C-Syzle", attirò l'attenzione di Tina Davis, Senior executiveina esecutiva A&R della Def Jam Recordings, e li fece il suo provino per l'Island Def Jam Music Group, davanti ad Antonio L.A. Reid.[5][6]

Successivamente Antonio L.A. Reid gli offrì un contratto, che la Davis gli consigliò di rifiutare. Successivamente la Davis perse il suo lavoro, a causa di una ristrutturazione aziendale, dopo che la Def Jam Recordings e la Roc-A-Fella Records si unirono.[7] Lo stesso giorno, Brown la assunse come suo manager e si trasferì nella sua casa nel New Jersey.[7] Dopo settimane di ricerca per un'etichetta, Brown ebbe un contratto con la Jive Records.[8] Brown abbandonò la scuola per dedicarsi interamente alla sua musica. Brown poi iniziò a registrare l'album a Miami, con Mark Pitts, l'A&R della Jive Records, che fece firmare a Brown con la casa discografica. A quel punto, registrarono circa 50 canzoni per il suo primo album. L'album inizialmente doveva intitolarsi Young Love, ma l'idea è stata scartata poiché venne considerata troppo adolescienziale.

2005–06: Chris Brown: The album[modifica | modifica wikitesto]

L'album, intitolato Chris Brown, uscì il 29 novembre del 2005. Il primo singolo Run It! divenne presto una hit di enorme successo e raggiunse la n. 1 in vari paesi come appunto Stati Uniti, Giappone e Australia. Il secondo fu Yo (Excuse Me Miss), che si piazzò invece alla posizione n. 7 della classifica statunitense e alla n. 13 nel Regno Unito. Il terzo singolo, uscito nel marzo del 2006, fu Gimme That, che si piazzò dapprima alla n. 80 della Billboard Hot 100 e salì poi in classifica (il brano è stato realizzato con Lil' Wayne ma è presente nell'album senza il featuring). Il quarto e ultimo singolo è stato Say Goodbye, ballata presente anche nella colonna sonora del film Step Up.

Il 13 giugno del 2006 Chris pubblica il suo primo DVD Chris Brown Journey, contenente le foto dei viaggi dell'artista a Londra e in Giappone, il dietro-le-quinte dei video, i live, le interviste e le partecipazioni ai Grammy Awards. Il 17 agosto dello stesso anno, Chris Brown e l'artista R&B Ne-Yo hanno intrapreso il loro Up Close and Personal Tour, spopolando e riscuotendo successo in 28 città.

2007–08: Exclusive[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver fatto da spalla a Ne-Yo nei tour, Chris decise di lavorare al suo secondo album Exclusive, programmato per uscire il 28 agosto 2007 ma che è stato poi posticipato al 6 novembre. Il primo nuovo singolo, Wall to Wall, è uscito il 2 maggio del 2007 e si è piazzato sia alla posizione n. 22 della Billboard R&B Chart, sia dapprima alla n. 96 e poi alla n. 72 della Billboard Hot 100. Il secondo singolo è Kiss Kiss, realizzato con T-Pain e prodotto da lui stesso. Il terzo è With You: con il video di questo singolo è riuscito a vincere il suo primo Moonman agli MTV Video Music Awards 2008 nella categoria "Miglior Video maschile". Successivamente sono stati estratti i singoli Take You Down e Forever. La nuova edizione di Exclusive, pubblicata il 3 giugno 2008, ed intitolata Exclusive: The Forever Edition, include quattro nuove tracce, compreso il singolo Forever, che ha raggiunto la seconda posizione della Billboard Hot 100. Per promuovere l'album, Brown ha avviato anche il tour The Exclusive Holiday, con il quale ha toccato venti tappe negli Stati Uniti, partendo da Cincinnati e concludendo ad Honolulu.

Brown, insieme a Hendy Mamoodee, ha collaborato al nuovo album di Nas nel brano Make the World Go Round, co-prodotto dal rapper The Game e Cool & Dre.[9] Inoltre è comparso anche insieme a Sean Garrett nel singolo di Ludacris What Them Girls Like, estratto dall'album Theater of the Mind. Ancora una volta, ha partecipato al terzo singolo di T-Pain Freeze ed al singolo di debutto di Jordin Sparks No Air. La rivista Billboard l'ha nominato "artista dell'anno".[10][11]

2009–10: Graffiti e i mixtapes[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2009 è stato pubblicato il suo nuovo singolo Take You Down in Europa. L'8 dicembre 2009, Brown ha pubblicato il suo terzo album in studio dal titolo Graffiti. Il primo singolo estratto è stato I Can Transform Ya il quale si è piazzato alla posizione numero 20 nella classifica "Billboard Top 100" e ha collezionato più di 300.000 download in rete. Come secondo singolo è stato estratto Crawl il quale non è riuscito a piazzarsi nella top 50, ma pur aggiudicandosi un 73º posto.

Nei mesi successivi all'uscita dell'album Graffiti, Chris ha pubblicato un mixtape, In My Zone.

2011–12: F.A.M.E. e Fortune[modifica | modifica wikitesto]

A un anno e mezzo dalla pubblicazione dell'ultimo album in studio, Chris Brown pubblica F.A.M.E.. L'album nella prima settimana raggiunge la prima posizione della classifica delle vendite con un numero di unità pari a 300.000: è il ritorno della star internazionale di Chris Brown. I due singoli che precedono l'uscita dell'album ottengono ottimi risultati. Il primo singolo è Yeah3x che si aggiudica i primi posti in molti paesi tra cui Australia e Regno Unito. Il secondo singolo è Look at Me Now ottiene ottimi riscontri in classifica posizionandosi sesto nella Billboard Hot 100. L'album diventa viene certificato disco d'oro, dopo il primo mese vendendo oltre 500.000 copie solo negli USA e più di 100.000 nel resto del mondo. Nel 2011 ha collaborato con Justin Bieber al pezzo Next 2 You, Joe Jonas al pezzo See No More, brano contenuto nell'album Fastlife in uscita a settembre 2011 e con Benny Benassi al pezzo Beautiful People. In quest'ultimo singolo, sono spiccate le influenze Progressive house. Nello stesso anno si esibisce ai BET Awards riuscendo a conquistare i più importanti premi tra i quali: "Miglior Artista Maschile R&B", "Migliore Collaborazione" e "Viewer's Choice Award" (er Look at Me Now con Lil Wayne e Busta Rhymes) ed infine "Video dell'anno" con lo stesso singolo estratto. Due mesi dopo a New York riesce a battere il record stabilito da Lady Gaga al Today Show riuscendo a trascinare un pubblico di 18.000 persone causando così la chiusura di 48 strade newyorkesi ed una massiva azione della sicurezza.

Il 7 gennaio 2012 Chris Brown ha rivelato, sul suo account Twitter che Fortune sarà il suo quinto album, che uscirà poi 6 mesi dopo. È il primo album di Brown ad essere stato pubblicato dalla casa discografica RCA Records. Negli Stati Uniti l'album ha debuttato alla prima posizione nella Billboard 200, vendendo 134.000 copie nella prima settimana; ha debuttato al primo posto anche nei Paesi Bassi, Nuova Zelanda e Regno Unito e ha raggiunto la top ten in Australia, Canada, Francia, Irlanda, Giappone e Svizzera .Turn Up the Music è stato il primo brano ad essere stato estratto come singolo dall'album.

2013–14: X[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 pubblica i singoli Fine China, Don't Think They Know, Love More e New Flame, che anticipano l'uscita del suo quinto album. Nello stesso anno, Chris ha anche intrapreso la carriera di direttore di video musicali dirigendo Show Me del rapper Kid Ink e It Won't Stop della cantante Sevyn Streeter.

Il 16 settembre 2014 Chris pubblica il suo quinto album di inediti, intitolato X. Il disco debutta al secondo posto nella Billboard 200, vendendo 146.000 copie nella prima settimana negli Stati Uniti d'America[12] e si aggiudica il Disco d'argento nel Regno Unito e il Disco d'oro in Sudafrica.

2015 – Presente: Fan of a Fan: The Album, Royalty e Heartbreak on a Full Moon[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre dello stesso anno, Chris dichiara durante un'intervista di dover collaborare con il rapper, nonché suo amico, Tyga ad un nuovo singolo. Si tratta di Ayo, pubblicato il 6 gennaio 2015 ed estratto come primo singolo dal loro album Fan of a Fan: The Album, pubblicato il 20 febbraio 2015.

Il 25 giugno 2015, la rivista statunitense Billboard ha annunciato che Chris Brown avrebbe pubblicato un nuovo album nell'autunno dello stesso anno.[13] L'album è stato intitolato Royalty, in onore della sua figlia appena nata. È stato pubblicato il 18 dicembre 2015.[14][15]

Il 27 novembre del 2015, Chris seguendo la tradizione del Black Friday, in cui molti artisti rilasciano musica gratis, concede il download gratuito un mixtape, costituito da ben 34 canzoni. Come ospiti troviamo nomi rilevanti nella scena urban, e non solo: Rihanna, Kelly Rowland, Fetty Wap, Wiz Khalifa, Wale, Tyga, French Montana. Il progetto si chiama “Before The Party”, perché anticipa appunto la release dell'atteso settimo disco solista. Il materiale contenuto è probabilmente costituito da canzoni escluse dagli ultimi dischi.[16] Non è il primo mixtape questo per Chris, il cantante ne ha proposti diversi nel corso delle sua carriera (In My Zone, In My Zone 2, Fan Of A Fan, Boy In Detention, X-Files).

Il 17 Aprile 2016 Chris Brown pubblica sul suo profilo Instagram il trailer di "Welcome to My Life" che è il documentario ufficiale su Chris Brown, che racconta la vita del cantante, di come sia passato da essere uno dei più amati d'America a rappresentare il “nemico pubblicato numero uno”, come riportato sul poster ufficiale.Il documentario, diretto da Andrew Sandlers, non ha ancora una data d'uscita, ma si conosce benissimo il contenuto: la vita di Brown, il suo ruolo nell'industria musicale e quello che poi ha, purtroppo, ricoperto nelle cronache, a causa delle sue violente controversie personali, anche contro la sua ex fidanzata Rihanna. Nella clip, si vede Brown parlare della sua carriera: assieme a lui appaiono, Usher, Jennifer Lopez e Rita Ora, oltre a sua madre Joyce Hawkins e anche diverse altre star, tra cui Mike Tyson e Mary J. Blige. Sul suo canale Instagram, Chris Brown ha condiviso anche il poster del film.[17]

Il 1° maggio 2016, Chris ha annunciato che il prossimo titolo dell'album sarebbe, Heartbreak on a full moon[18]. Il primo singolo dell'album "Grass ain't greener" è stato rilasciato il 5 maggio 2016[19].

Carriera come attore[modifica | modifica wikitesto]

Brown ha fatto alcune apparizioni nelle serie televisive trasmesse One on One e Brandon T. Jackson Show.[20][21] Inoltre, Brown ha avuto un ruolo ricorrente nella popolare serie The O.C. nel 2007.[22] Il suo debutto cinematografico è avvenuto quello stesso anno nel film Stepping - Dalla strada al palcoscenico, in cui ha recitato insieme a Ne-Yo, Meagan Good e Columbus Short,[23] a cui è seguito il film This Christmas - Natale e altri guai.[24] Il 9 luglio 2007, Brown è comparso in un episodio di My Super Sweet 16 (reintitolato per l'occasione: Chris Brown: My Super 18) durante il quale ha festeggiato il suo diciottesimo compleanno.[25] Brown ha partecipato anche in Zack e Cody al Grand Hotel nel ruolo di se stesso.[26] e nel 2009 è stata annunciata la sua partecipazione al film Phenom.[27] Nel 2013 è uscito invece Battle of the Year - La vittoria è in ballo che lo vede come protagonista insieme agli altri attori Josh Peck e Josh Holloway.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Chris Brown è stato impegnato sentimentalmente con la collega Rihanna. Nel 2009 è stato denunciato dalla cantante per maltrattamenti e violenze, a seguito della divulgazione da parte della stessa di fotografie ritraenti sé stessa con ecchimosi e lesioni lacerocontuse al viso e al corpo. Qualche mese dopo, tuttavia, Rihanna ritirò le accuse e abbandonò la causa legale, successivamente Brown ammise che era sotto l'effetto di sostanze stupefacenti quella sera.[28]

Nella notte tra il 26 e il 27 ottobre 2013 Brown viene coinvolto in una rissa fuori da un locale di Washington e quindi viene portato in carcere con la sua guardia del corpo fino al giorno successivo quando il tribunale lo libera.

Nel marzo 2015, il sito TMZ annuncia che Chris Brown è padre di una bambina di 9 mesi di nome Royalty avuta da Nia Amey, ex modella di 31 anni.[29] La notizia ha provocato la rottura con Karrueche Tran, modella con cui Brown aveva una storia da 3 anni.

Carriera stilistica[modifica | modifica wikitesto]

Chris Brown ha anche una sua linea d'abbigliamento chiamata Black Pyramid.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Chris Brown.

Tour[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006: Up Close and Personal Tour
  • 2007: The UCP Exclusive Tour
  • 2009: Fan Appreciation Tour
  • 2011: F.A.M.E. Tour
  • 2012: Carpe Diem Tour
  • 2015: Between The Sheets
  • 2016: One Hell Of A Nite

Filmografia e apparizioni televisive[modifica | modifica wikitesto]

TV[modifica | modifica wikitesto]

  • One on One - serie TV, episodio 5x17 (2006)
  • Christmas in Washington - speciale televisivo (2006)
  • Chris Brown: Journey to South Africa - documentario (2007)
  • The O.C. - serie TV, 3 episodi (2007)
  • My Super Sweet 16 - reality, episodio 5x04 (2007)
  • The Brandon T. Jackson Show - (2006)
  • Sesamo apriti - programma televisivo, episodio 38x4135 (2006)
  • Zack e Cody al Grand Hotel - serie TV, episodio 3x20 (2008)
  • Tosh.0 - serie TV, episodio 3x10 (2011)

Film[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Andy Kellman, Chris Brown Biography, in Allmusic. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  2. ^ Chris Brown - Run It! Chart Track Run It! By Chris Brown. Historic Performance , su acharts.us. URL consultato il 15 ottobre 2015.
  3. ^ RIAA - Gold & Platinum, in RIAA. URL consultato il 12 gennaio 2009.
  4. ^ (EN) Evita Saldanha, Feature: Chris Brown, in MTV India. URL consultato il 12 gennaio 2009.
  5. ^ http://giantlife.com/4812/chris-brown-most-likely-to-succeed/.
  6. ^ http://www.sfgate.com/entertainment/article/Brown-runs-with-it-2550485.php.
  7. ^ a b http://community.seattletimes.nwsource.com/archive/?date=20060324&slug=cbrown24.
  8. ^ http://entertainment.timesonline.co.uk/tol/arts_and_entertainment/music/article728620.ece.
  9. ^ Game explains Chris Brown appearance on Nas album.
  10. ^ (EN) Top Artists - Billboard Year in Music 2008, in Billboard, Nielsen Business Media. URL consultato il 12 dicembre 2008.
  11. ^ (EN) Gail Mitchell, Artist Of The Year: Chris Brown, in Billboard, Nielsen Business Media, Inc, 30 dicembre 2008. URL consultato il 9 gennaio 2009.
  12. ^ (EN) Keith Caulfield, Barbra Streisand Debuts at No. 1 on Billboard 200, Chris Brown at No. 2, su billboard.com, 24 settembre 2014. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  13. ^ (EN) Erika Ramirez, Chris Brown to Release New Album in Fall: Exclusive, in Billboard, 25 giugno 2015. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  14. ^ Twitter, 13 ottobre 2015, https://twitter.com/HOT97/status/654050577769451520?lang=it .
  15. ^ (EN) Chris Brown announces new album 'Royalty', su rap-up.com, 22 agosto 2015. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  16. ^ Chris Brown - Before The Party | Download & Listen [New Mixtape]. URL consultato il 26 giugno 2016.
  17. ^ Foto di Instagram di 1 THE 🐐 • 18 Apr 2016 alle ore 01:44 UTC, su Instagram. URL consultato l'11 giugno 2016.
  18. ^ Chris Brown Announces New Album Title & Single, hotnewhiphop.com. URL consultato il 26 giugno 2016.
  19. ^ Grass Ain't Greener - Single by Chris Brown on iTunes, su iTunes. URL consultato il 26 giugno 2016.
  20. ^ Brandee J. Tecson (January 7, 2006). Chris Brown Switches Over To Acting — And Can't Get A Date MTV. Accessed October 27, 2008.
  21. ^ Brandon T Jackson Show The New York Times. Accessed October 27, 2008.
  22. ^ Jayson Rodriguez (August 31, 2006). Chris Brown Scores Role On 'The O.C.,' Ready To Be 'Geeked Out All The Way' MTV. Accessed October 27, 2008.
  23. ^ Larry Carroll (January 3, 2007). Ne-Yo, Chris Brown Open Up About Stepping Up For 'Stomp The Yard' MTV. Accessed October 27, 2008.
  24. ^ Larry Carroll (February 6, 2007). 'Christmas' Keeps On Giving — Join Chris Brown On Holiday Flick's Set MTV. Accessed October 27, 2008.
  25. ^ My Super Sweet 16 - Chris Brown - Episode Summary MTV. Accessed October 27, 2008.
  26. ^ The Suite Life of Zack & Cody Glam Media. Accessed October 27, 2008.
  27. ^ Shawn Adler, Carroll, Larry, Movie File: Chris Brown, 'Ocean's Thirteen,' Michelle Trachtenberg & More, in MTV, 21 marzo 2007. URL consultato il 26 gennaio 2009.
  28. ^ «Mi ha picchiata ma lo amo» L’intervista choc di Rihanna | La ventisettesima ora.
  29. ^ (EN) Chris Brown: Surprise...I'm a father!, tmz.com, 3 marzo 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN59368194 · LCCN: (ENno2006013516 · ISNI: (EN0000 0001 1816 0449 · GND: (DE135446406 · BNF: (FRcb15039054k (data)