Musica underground

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Musica underground
Origini stilistiche Beat
Origini culturali anni sessanta
Strumenti tipici Voce
Chitarra
Basso
batteria
Moog
Organo Hammond
Popolarità Sviluppatasi negli anni sessanta
Generi correlati
Beat
Categorie correlate

Gruppi musicali musica underground · Musicisti musica underground · Album musica underground · EP musica underground · Singoli musica underground · Album video musica underground

Con il termine musica underground, a cui ci si riferisce anche con il termine inglese underground music, si intendono tutti quei generi musicali che si pongono programmaticamente in antitesi e/o in alternativa alla cultura di massa o al sistema dell'industria della musica tipico delle multinazionali o delle culture dominanti. Il termine fu utilizzato per la prima volta da Marcel Duchamp, in una famosa conferenza del 1961 tenutasi a Filadelfia, nella quale dichiarò programmaticamente che l'Arte dovesse diventare sotterranea ("will go underground"), indicando la via per l'utilizzo del termine underground[1]

La musica underground può tendere ad esprimere idee comuni, come l'alto rispetto per la sincerità e l'intimità, la libertà di espressione creativa in contrapposizione alla composizione altamente formulaica della musica commerciale e l'apprezzamento dell'individualità artistica in contrapposizione alla conformità alle attuali tendenze. A parte forse le scene del rock underground nell'Unione Sovietica pre-Mikhail Gorbachev o la moderna scena metal anti-islamica degli stati teocratici della Penisola arabica, pochissimi tipi di musica underground sono completamente sotterranei, sebbene performance e registrazioni possano essere di difficile reperibilità per i neofiti.

Storia del termine[modifica | modifica wikitesto]

Il termine inglese underground (sottosuolo) appare agli inizi degli anni cinquanta negli USA ed è collegata alla nascita e allo sviluppo della Beat Generation (di cui un esempio è I sotterranei di Jack Kerouac, scritto nel 1952 e pubblicato nel 1958). Il termine è inteso come via esistenziale e culturale che superi gli schemi della società contemporanea.

L'uso si evolve ed estende negli anni sessanta: inizialmente nei paesi anglosassoni, in seguito in quelli dell'Europa continentale. Dagli inizi degli anni settanta viene menzionato in Italia per individuare degli stili di vita e dei modelli creativi non facilmente riconducibili alle norme della cultura di massa.

In musica[modifica | modifica wikitesto]

In ambito musicale l'underground dovrebbe individuare una proposta con uno spirito creativo estremo, non affiancata alle major, oltreché allo stesso concetto di musica indipendente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giulio Brusi, La questione sperimentale (dalle origini agli anni '60 - contenuto in AA.VV. Fuori norma. La via sperimentale del cinema italiano, Marsilio Editori 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rizzi, Cesare. Progressive & Underground '67 - '76. Firenze: Giunti Editore (2003), ISBN 88-09-03230-6.
  • Bruno Casini, Ribelli nello spazio - Culture Underground Anni Settanta, ZONA, 2013, ISBN 978-88-6438-335-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica