Larry King

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Larry King nel 2017

Larry King, pseudonimo di Lawrence Harvey Zeiger (New York, 19 novembre 1933), è un conduttore televisivo, conduttore radiofonico, giornalista e attore statunitense. Per anni ha condotto sulla CNN il Larry King Live, uno dei più longevi talk show statunitensi.

Ha iniziato come giornalista locale e intervistatore radiofonico della Florida negli anni Cinquanta e Sessanta e divenne popolare come speaker radiofonico nazionale in un programma serale a partire dal 1978.[1] Dal 1985 al 2010 ha condotto il talk show notturno Larry King Live sulla CNN. Attualmente conduce il Larry King Now su Hulu e RT America durante la settimana, e giovedì conduce Politicking con Larry King, un talk show politico settimanale che è trasmesso nella stessa serata sui due canali[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

King è nato a Brooklyn, New York, uno dei due figli di Jennie Gitlitz, nata a Vilnius, in Lituania, e Aaron Zeiger, proprietario di un ristorante nato a Kolomyia, Ucraina. I suoi genitori erano ebrei ortodossi.

King è stato educato alla Lafayette High School, una scuola pubblica di Brooklyn. Il padre è morto a 44 anni di un attacco di cuore che ha portato la moglie e i due figli ad essere supportati dai servizi sociali. King fu molto colpito dalla morte di suo padre e perse interesse per la scuola.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Larry King alla CNN

Il suo esordio nel mondo dei mass media è avvenuto nel 1957, quando iniziò a lavorare come disc-jockey presso una stazione radio di Miami Beach, in Florida. È stato in quel periodo che, dietro consiglio del suo manager, ha cambiato il suo cognome in King.

Dopo alcuni problemi legali di ordine finanziario, avvenuti nei primi anni settanta, King ritorna al suo lavoro nel 1978 come commentatore di partite di football americano.

Il successo arriva nel 1985 con la nascita del suo talk show, il Larry King Live, che è andato in onda sulla rete CNN per oltre 25 anni, fino al 16 dicembre 2010.

Il 27 febbraio 1987 è vittima di un attacco di cuore e subisce un intervento per l'installazione di un quintuplo bypass.

Nella sua carriera di giornalista ha effettuato oltre 40 000 interviste.

Opere di beneficenza[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il suo infarto del 1987, King fondò la Larry King Cardiac Foundation, che pagava le procedure cardiache salvavita per le persone meno abbienti [3].

Il 30 agosto 2010 King è stato ospite del trentesimo telethon annuale "To Life" di Chabad, a Los Angeles [4].

Ha donato al Memorial Garden dell'11 settembre a Beverly Hills e il suo nome è stato affisso sul monumento.

Polemiche[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 settembre 1990, durante il Joan Rivers Show, Rivers chiese a King quale concorrente del concorso di Miss America fosse "la più brutta". King rispose: "Miss Pennsylvania". King era un giudice per il concorso dell'8 settembre 1990. In seguito King inviò a Miss Pennsylvania, Marla Wynne, una dozzina di rose a stelo lungo e un telegramma per scusarsi per le sue osservazioni.

Nel 1997, King fu una delle 34 celebrità a firmare una lettera aperta all'allora cancelliere tedesco Helmut Kohl, pubblicata come annuncio pubblicitario sull'International Herald Tribune, che protestava contro il trattamento degli scientologisti in Germania, confrontandolo con l'oppressione dei nazisti negli anni '30. Altri firmatari furono Dustin Hoffman e Goldie Hawn.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Larry King si è sposato otto volte, con sette donne diverse: la prima moglie fu la compagna al liceo Freda Miller (il matrimonio durò dal 1952 al 1953), la seconda Annette Kaye (1960-1961), la terza Mickey Sutphin (solo 3 mesi nel 1963), la quarta Alene Akins (1963-1967 e 1967-1972), la quinta l'insegnante Sharon Lepore (1976–1984), la sesta la donna d'affari Julie Alexander (1989–1992) e la settima Shawn Southwick; sposatisi nel 1997, i due hanno presentato istanza di divorzio nel 2010 ma poi si sono riconciliati.[5]

L'attore è stato anche fidanzato con il ministro Rama Fox dal 1992 al 1995.

Ha cinque figli: Larry Jr. (1962) dalla seconda moglie (Annette Kaye); Andy (1962-2020, adottato) e Chaia (1969-2020) dalla quarta moglie (Alene Akins); Chance (1999) e Cannon (2000) dall'ultima moglie.

Andy e Chaia sono morti nel 2020, rispettivamente a seguito di un attacco cardiaco e per un tumore ai polmoni.[6]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • I Simpson - sitcom animata, 2 episodi (1991-1994)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Larry King Radio, su youtube.com.
  2. ^ RT schedule, su rtd.rt.com.
  3. ^ (EN) Larry King Saves Lives, su lifeextension.com. URL consultato il 18 settembre 2020.
  4. ^ (EN) Larry King to Host Chabad Telethon, su lubavitch.com. URL consultato il 18 settembre 2020.
  5. ^ http://www.tmz.com/2010/04/14/larry-king-divorce-shawn-southwick-live-wife-cnn/
  6. ^ Redazione NN.it, Perde due figli in pochi giorni, il dramma di Larry King: "Nessun genitore dovrebbe mai seppellire un figlio", su NewNotizie.it, 23 agosto 2020. URL consultato il 23 agosto 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62458175 · ISNI (EN0000 0001 2280 8324 · LCCN (ENn82083015 · GND (DE123566223 · BNF (FRcb16523060v (data) · NDL (ENJA00514302 · WorldCat Identities (ENlccn-n82083015