Jordin Sparks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jordin Sparks
Battlefield Tour.jpg
Jordin Sparks durante il Battlefield Tour
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop
Contemporary R&B
Periodo di attività musicale2007 – in attività
Album pubblicati3
Studio3
Sito ufficiale

Jordin Brianna Sparks (Phoenix, 22 dicembre 1989) è una cantante e attrice statunitense.

Il 23 maggio 2007 è stata proclamata vincitrice del reality show americano American Idol e successivamente ha pubblicato il suo album di debutto, Jordin Sparks, che ha avuto un ottimo successo negli USA: in seguito ha prodotto alcuni singoli di successo a livello mondiale, come il duetto con Chris Brown No Air. Nella sua carriera ha ottenuto 4 top 10 nella Billboard Hot 100 e pubblicato 3 album e 3 EP.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jordin è nata a Phoenix, Arizona, da Philippi Sparks, giocatore di football nella NFL e Jodi Wiedmanne. È cresciuta nella città di Glendale, subito a ovest della capitale. Ha un fratello più piccolo, PJ.

Ha frequentato la Sandra Day O'Connor High School fino al 2006, anno in cui ha iniziato a studiare a casa, al fine di prestare maggiore attenzione alle sue notevoli doti canore. È di fede cristiana evangelica, come da lei stessa dichiarato in un'intervista al settimanale italiano Panorama.

American Idol[modifica | modifica wikitesto]

Jordin ha partecipato e vinto la sesta edizione di American Idol. Dalle prime audizioni a Seattle, Washington, il suo percorso è stato lineare, con giudizi dei giudici per la maggior parte positivi.

Top # Canzone scelta Interprete originale Esito
Top 24 "Give Me One Reason" Tracy Chapman Salva
Top 20 "Reflection" Christina Aguilera Salva
Top 16 "Heartbreaker" Pat Benatar Salva
Top 12 "If We Hold On Together" Diana Ross Salva
Top 11 "I (Who Have Nothing)" Ben E. King Salva
Top 10 "Hey Baby" No Doubt Salva
Top 9 "On a Clear Day" Tony Bennett Salva
Top 3
Top 8 "Rhythm Is Gonna Get You" Gloria Estefan Salva
Top 7 "A Broken Wing" Martina McBride Salva
Top 6 "You'll Never Walk Alone" Rodgers and Hammerstein Salva
Settimana no eliminazioni
Top 6 "Livin' on a Prayer" Bon Jovi Salva
Top 4 "To Love Somebody"
"Woman in Love"
Bee Gees
Barbra Streisand / Bee Gees
Salva
Top 3 "Wishing On A Star"
"She Works Hard for the Money"
"I (Who Have Nothing)" (Ripresa)
Rose Royce
Donna Summer
Ben E. King
Salva
Finale "Fighter"
"A Broken Wing" (Ripresa)
"This Is My Now"
Christina Aguilera
Martina McBride
Jordin Sparks
Vincitrice

Primo Album: Jordin Sparks (2007-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la breve parentesi di un mini-album per iTunes, il primo album di Jordin è stato pubblicato negli Stati Uniti il 20 novembre 2007, dall'etichetta discografica della giovane, la 19 Recordings/Jive Records. L'album si intitola Jordin Sparks e contiene il singolo Tattoo, vero e proprio successo negli States e la hit a livello mondiale, No Air in collaborazione con la stella dell'hip-hop-R'n'B Chris Brown è il secondo singolo, ed è un altro grande successo. L'album debutta nella top ten americana e finora ha venduto poco più di 1 milione di copie. Segue il terzo singolo One Step At Time, che dona a Jordin la sua terza top 10 consecutiva in USA.[1] In seguito a questi grandi successi, Jordin Sparks viene premiata come "Best New Artist" agli MTV Video Music Awards.[2] Nel 2008 la cantante ha inoltre l'opportunità di esibirsi al Super Bowl con l'inno nazionale statunitense. Nel 2009 inoltre apre il The Circus: Starring Britney Spears, tour di Britney Spears. Precedentemente aveva aperto anche l'As I Am Tour di Alicia Keys e portato avanti un joint tour in compagnia di Jesse McCartney.[3] Sempre nel 2009, Jordin Sparks ha l'opportunità di esibirsi davanti all'allora presidente degli USA Barack Obama.[4]

Secondo album Battlefield, duetti con Jason Derulo, cambio casa discografica (2009 - 2014)[modifica | modifica wikitesto]

Sempre nel 2009, Jordin Sparks pubblica il singolo Battlefield e riesce ad ottenere la quarta top 10 consecutiva in USA, piazzandosi alla numero 10 della Billboard Hot 100. Nelle settimane successive viene pubblicato l'album omonimo, il secondo nella carriera dell'artista. Il singolo ottiene un ottimo successo internazionale, tuttavia l'album non riesce ad ottenere alcuna certificazione.[5] Seguono altri singoli ed un tour intitolato per l'appunto "Battlefield Tour". In questo stesso periodo, Jordin Sparks apre il Jonas Brothers World Tour 2009 dei Jonas Brothers[6] e collabora con il cantante australiano Guy Sebastian nel brano "Like It Like That", che ottiene un buon successo in Nuova Zelanda e Australia.[7] Successivamente, Jordin Sparks incide una cover del classico "Beauty And The Beast" e pubblica i singoli "The World I Knew", "Count On You" con i Big Time Rush e "I Am A Woman".

Nel 2011, Jordin Sparks passa sotto il controllo della RCA Records a causa del fallimento della casa discografica precedente.[8] Nello stesso periodo, la Sparks prende parte al remix ufficiale di It Girl, singolo dell'allora fidanzato Jason Derulo.[9] Successivamente, al debutto come attrice di Jordin nel film Sparkle viene associata la pubblicazione di musica inedita della cantante per la colonna sonora del film. Nel 2012 l'artista prende parte all'evento VH1 Divas 2012.[10]

Nel 2013 Jordin torna a collaborare con Jason Derulo nel brano Vertigo ed appare inoltre nel video di Marry Me: Derulo dichiara di aver scritto sia questo brano che The Other Side dedicandole proprio alla Sparks.[11] Nel medesimo anno, Jordin Sparks annuncia su Twitter la fine dei rapporti fra lei e la RCA Records: per tale ragione, il terzo album di Jordin Sparks non verrà mai rilasciato sebbene la cantante avesse annunciato che il progetto fosse stato ultimato.[12][13] Viene successivamente annunciato che Jordin Sparks sarebbe entrata a far parte della casa discografica fondata dal produttore Salaam Remi, restando dunque all'interno della Sony Music.[14]

Left Felicia, Right Here Right Now, Sounds Like Me (2014 - presente)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver pubblicato il brano I Wish We'd All Been Ready per la colonna sonora del film "Left Behind", [15]a cui partecipa come attrice, Jordin Sparks pubblica un mixtape intitolato Left Felicia sulla piattaforma Soundcloud.[16] Il 25 novembre 2014 viene annunciata la pubblicazione dell'album Right Here Right Now, prevista per il 2015; vengono estratti i primi due singoli: Double Tap in collaborazione con 2 Chainz, dedicata all'ormai ex fidanzato Jason Derulo,[17] e la title track.

L'album viene accolto tiepidamente dalle classifiche, e successivamente alla sua pubblicazione Jordin Sparks lascia anche la casa discografica di Remi. Nonostante gli insuccessi commerciali, nel 2018 Jordin Sparks conferma di essere al lavoro su un nuovo album[18] Nel 2019 viene pubblicato 1990 Forever, joint EP in cui Jordin collabora con Elijah Blake,[19] dopo di che la Sparks si dà al musical partecipando allo spettacolo di Broadway Waitress.[20]

Nel 2020 Jordin Sparks riprende a pubblicare singoli: l'artista partecipa alla grande collaborazione House Party insieme a New Kids On The Block, Naughty By Nature, Big Freedia, Boyz II Men; [21]successivamente vengono pubblicati i singoli da solista Unknown e Red Sangria. Il 14 agosto 2020 viene pubblicato l'EP Sounds Like Me, che include i due singoli precedenti.[22] Il 2 ottobre 2020 pubblica il singolo Homebody.[23]

Attrice: Sparkle, Left Behind[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno del 2011, Jordin Sparks ricopre il ruolo da protagonista nella sua prima pellicola cinematografica Sparkle - La luce del successo, diretta da Salim Akil, ispirata alla storia delle The Supremes; nel film, il ruolo della madre delle protagoniste è interpretato da Whitney Houston, nella sua ultima apparizione cinematografica. Nel 2014 escono due film in cui Jordin è tra i protagonisti, The Inevitable Defeat of Mister and Pete e il film fantastico Left Behind - La profezia con Nicolas Cage.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Al debutto, Jordin Sparks indossava l'anello della verginità. Questa sua scelta diede adito a polemiche in seguito ad una sua dichiarazione pronunciata nel 2009, in cui giustificò la questa scelta affermando che "non tutte le ragazze sono delle prostitute", in risposta ad una battuta pronunciata da Russel Crowe sui Jonas Brothers durante i VMAs.[24] Successivamente la cantante ha chiesto scusa per il modo in cui si era espressa.[25] La Sparks ha poi tolto l'anello della verginità in seguito al fidanzamento con Jason Derulo, affermando che è stato doloroso per una famiglia religiosa come la sua ma che "ormai è successo ed è stato meraviglioso".[26]

Nel 2017, Jordin Sparks ha sposato il modello Dana Isaiah. I due hanno luce al loro primo figlio, Dana Isaiah Thomas Jr., nel 2018.[27][28]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Jordin Sparks.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

No Air ft. Chris Brown

In featuring[modifica | modifica wikitesto]

Count On You - Big Time Rush ft. Jordin Sparks

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Jordin Sparks, su Billboard. URL consultato il 31 luglio 2020.
  2. ^ (EN) Singersroom, Jordin Sparks Snaps Up Best New Artist VMA, Plus Ne-Yo and Chris Brown Earn New VMA Nominations, su Singersroom.com, 11 agosto 2008. URL consultato il 31 luglio 2020.
  3. ^ AEG Presents | Jesse McCartney and Jordin Sparks Summer Tour 2008, su www.aegpresents.com. URL consultato il 31 luglio 2020.
  4. ^ Inaugural Ball Will Be Broadcast Live To Troops, Obama's Commander In…, su archive.vn, 24 gennaio 2009. URL consultato il 31 luglio 2020.
  5. ^ Your Random Weekend Memo, su USATODAY.COM. URL consultato il 31 luglio 2020.
  6. ^ (EN) Jonas Brothers take show on the road, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 31 luglio 2020.
  7. ^ WebCite query result, su www.webcitation.org. URL consultato il 31 luglio 2020.
  8. ^ Billboard Business, su Billboard. URL consultato il 31 luglio 2020.
  9. ^ Jason Derulo "It Girl" Remix Official Video Ft Jordin Sparks (AMAZING!) | Jason derulo, Jordin sparks, Remix, su Pinterest. URL consultato il 31 luglio 2020.
  10. ^ VH1 Divas 2012. URL consultato il 31 luglio 2020.
  11. ^ (EN) A. B. C. News, Why Jason Derulo Wrote 'Marry Me' for Jordin Sparks, su ABC News. URL consultato il 31 luglio 2020.
  12. ^ Jordin Sparks Talks Album Delay, Label Woes & New Material: Watch, su idolator, 12 dicembre 2013. URL consultato il 31 luglio 2020.
  13. ^ (EN) Videos, su www.huffpost.com. URL consultato il 31 luglio 2020.
  14. ^ (EN) Producer Crosstalk: Salaam Remi, su Music Connection Magazine, 5 maggio 2014. URL consultato il 31 luglio 2020.
  15. ^ (EN) Jordin Sparks - I Wish We'd All Been Ready, su Singersroom.com, 1º ottobre 2014. URL consultato il 31 luglio 2020.
  16. ^ Jordin Sparks To Release ‘#ByeFelicia’ Mixtape: Morning Mix, su idolator, 24 novembre 2014. URL consultato il 31 luglio 2020.
  17. ^ Jordin Sparks To Release ‘#ByeFelicia’ Mixtape: Morning Mix, su idolator, 24 novembre 2014. URL consultato il 31 luglio 2020.
  18. ^ (EN) Jordin Sparks Says New Music Is Different Than Her 'American Idol' Days, su OK! Magazine, 12 febbraio 2018. URL consultato il 31 luglio 2020.
  19. ^ (EN) Jordin Sparks, Elijah Blake want it to be ‘1990 Forever’, su lab.fm, 9 aprile 2019. URL consultato il 31 luglio 2020.
  20. ^ (EN) Ryan McPhee, Jordin Sparks Returns to Broadway in Waitress September 16, su Playbill, Mon Sep 16 00:01:00 EDT 2019. URL consultato il 31 luglio 2020.
  21. ^ (PT) New Kids On The Block - House Party (Feat. Jordin Sparks, Naughty By Nature, Big Freedia & Boyz 2 Men), su Vagalume. URL consultato il 31 luglio 2020.
  22. ^ (EN) Jordin Sparks Announces New EP, Drops Song ‘Red Sangria’ – Listen Now!, su Just Jared. URL consultato il 31 luglio 2020.
  23. ^ (EN) Jordin Sparks – Homebody. URL consultato il 2 ottobre 2020.
  24. ^ (EN) Opinion, in The Telegraph, 16 marzo 2016. URL consultato il 31 luglio 2020.
  25. ^ Jordin Sparks doesn't regret promise ring remarks at VMAs | Music, Music Biz, Television | Hollywood Insider | EW.com, su web.archive.org, 1º ottobre 2008. URL consultato il 31 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2008).
  26. ^ (EN) Kidd Kraddick Morning Show, Jordin Sparks May Lose Her Purity Ring…Among Other Things, su K945. URL consultato il 31 luglio 2020.
  27. ^ (EN) Surprise! American Idol Winner Jordin Sparks Is Married — with a Baby on the Way, su PEOPLE.com. URL consultato il 31 luglio 2020.
  28. ^ (EN) It’s a boy! Jordin Sparks and Dana Isaiah welcome first child — see the pic!, su TODAY.com. URL consultato il 31 luglio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14566619 · ISNI (EN0000 0000 7142 125X · Europeana agent/base/80543 · LCCN (ENno2007155020 · GND (DE135604206 · BNF (FRcb16144729m (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2007155020
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica