Kubuntu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kubuntu
Logo
Kubuntu 13.04 "Raring Ringtail"
Kubuntu 13.04 "Raring Ringtail"
Sviluppatore Canonical Ltd, KDE e la comunità di contributori
Famiglia SO Linux
Modello del sorgente Free and Open Source Software
Release iniziale 5.04 "Hoary Hedgehog"[1] (8 aprile 2005)
Release corrente 14.10 "Utopic Unicorn" (22 ottobre 2014)
Tipo di kernel Kernel monolitico
Piattaforme supportate x86, AMD64 ed EM64T
Licenza GNU/GPL
Stadio di sviluppo Attivo
Sito web kubuntu.org

Kubuntu è una distribuzione Linux. Derivata ufficiale di Ubuntu, supportata anche dalle comunità KDE e Kubuntu.org, preferita per il suo ambiente desktop KDE rispetto a Unity.

Il nome Kubuntu deriva dall'associazione tra la "K" di KDE e appunto Ubuntu.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione stabile sia di Ubuntu che di Kubuntu è stata la 5.04 rilasciata l'8 aprile 2005,[1] per cui a differenza di Ubuntu ha una versione in meno, ovvero la 4.10 "Warty Warthog" (Facocero Verrucoso) rilasciata il 20 ottobre 2004, questo perché sebbene anche in Ubuntu questa versione è stata considerata un "misto" tra Debian e nuovi pacchetti, gli sviluppatori preferirono puntare il loro lavoro solo su l'ambiente grafico GNOME.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il rilascio di una nuova versione avviene contestualmente al rilascio di una nuova versione di Ubuntu, e come tale contrassegnata da X.Y aggettivo animale (dove X rappresenta le ultime due cifre dell'anno di rilascio e Y è il mese: 04 (aprile) per le versioni stabili e 10 (ottobre) per quelle di passaggio tra una stabile e la successiva). Finanziato dalle società Canonical Ltd (registrata nell'Isola di Man) e Blue Systems[2] , questo sistema è rilasciato come software libero sotto licenza GNU GPL ed è gratuito e liberamente modificabile.

Kubuntu è disponibile sia come distribuzione Live, sia per installazione per le piattaforme Intel 80x86 ed AMD64, ed il PowerPC fino al 2006. Vi sono anche delle build giornaliere dei CD, e viene sviluppato in modo coordinato con Ubuntu e tutti i pacchetti sono condivisi nello stesso archivio.

Aggiornamenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sistema di gestione dei pacchetti.

I programmi installati vengono gestiti attraverso un sistema centralizzato, detto gestione dei pacchetti, tipica di un sistema operativo GNU/Linux. Nello specifico anche Kubuntu utilizza APT, anch'esso "ereditato" da Debian. Per l'utente questo sistema è trasparente. Esso tiene traccia delle nuove versioni disponibili per ogni programma installato e li aggiorna di conseguenza.

Dopo l'aggiornamento non è necessario riavviare il computer, fatta eccezione per eventuali modifiche al kernel (il cuore del sistema operativo).

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Una caratteristica di Kubuntu, dovuta all'architettura GNU/Linux, è la sua resistenza a programmi dannosi come virus, adware, spyware o malware. L'architettura di un sistema operativo GNU/Linux lascia, infatti, poca o nulla libertà d'azione a un programma nocivo. Anche se un programma nocivo sfruttasse una falla, l'architettura del sistema operativo ne impedirebbe l'utilizzo, almeno nella stragrande maggioranza dei casi.[3]

Inoltre questi programmi dannosi sono generalmente sviluppati per Microsoft Windows, che dispone di una più ampia diffusione.

L'utente utilizza un account con permessi limitati. Questo riduce la pericolosità dei programmi installati.[4] Per eseguire compiti amministrativi viene richiesta la propria password per confermare l'operazione.

Scegliendo applicazioni libere dai repository ufficiali è impossibile trovare applicazioni malware, dato che l'eventuale codice nocivo verrebbe notato e subito eliminato.

Stabilità[modifica | modifica wikitesto]

Kubuntu è basato sul kernel Linux e ciò lo rende molto stabile. Non soffre, ad esempio, di problemi di frammentazione del file system, oppure l'installazione o la disinstallazione di applicazioni non sporcano il sistema o ne rallentano l'avvio o la chiusura.

Il sistema operativo è anche resistente: un eventuale crash di un'applicazione, nella maggior parte dei casi, non blocca l'intero sistema.

I componenti, o repository, ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Tutto il software liberamente installabile su Kubuntu viene diviso in quattro grandi componenti (anche detti repository, in pratica una divisione in categorie). Questi componenti sono gestiti dagli sviluppatori e permettono l'installazione di software partendo da un unico sito sicuro, senza dover cercare su internet.

Vengono anche chiamati Sorgenti Software e servono anche a evidenziare le differenze a livello di licenze e supporto disponibili. I componenti ufficiali di Ubuntu sono Main, Restricted, Universe e Multiverse (rispettivamente Principale, Ristretto, Universo e Multiverso).

Una installazione classica include pacchetti appartenenti solo ai componenti Main e Restricted. Per installare gli altri componenti basta selezionarli nelle preferenze delle Sorgenti Software.

Main[modifica | modifica wikitesto]

In questo componente è incluso solo software libero ed è pienamente supportato dal team di sviluppo.

Il software incluso risponde ai requisiti di licenza di Ubuntu; usano quindi una licenza libera approvata dalla Free Software Foundation. Viene garantito il supporto tecnico e gli aggiornamenti di sicurezza per tutto il periodo di supporto della versione.

I componente Main può comunque contenere firmware e font, utilizzati dai software liberi di Main, che non possono essere modificati senza il permesso dei loro autori. Viene comunque garantita la redistribuzione di ciò che è compreso in Main.

Restricted[modifica | modifica wikitesto]

Nel componente sono presenti programmi e funzionalità molto usate ma non disponibili con una licenza pienamente libera. Nella maggior parte dei casi si tratta di software proprietario, come i driver per schede video o per altro tipo di hardware. Il team di sviluppo può non fornire un pieno supporto data l'assenza del codice sorgente.

Universe[modifica | modifica wikitesto]

Questo componente include la maggior parte dei programmi liberi in circolazione, con diversi tipi di licenza, che però non viene supportato direttamente dal team di Kubuntu. Lo scopo di questo componente è fornire un facile accesso al software libero senza costringere l'utente a eseguire ricerche su Internet o compilare il codice sorgente.

Se un programma trova gradimento presso l'utenza il team può decidere di spostarlo e supportarlo nel componente Main nella versione successiva di Ubuntu.

Multiverse[modifica | modifica wikitesto]

Componente che raccoglie software non libero, detto non-free, come il plugin per Adobe Flash o il supporto MP3, che non viene supportato dal team di sviluppo.

Dato che questi plugin sono sviluppati senza il regolare pagamento delle licenze dei produttori che detengono i diritti dei relativi formati (come nel caso del plugin mp3, che viene sviluppato gratuitamente, violando quindi la licenza commerciale Fraunhofer sul formato mp3), all'installazione di uno di tali plugin l'utente viene avvisato dell'eventualità che la legislazione del proprio paese possa proibire l'uso di tale software, in quanto formalmente illegale causa violazione di licenze proprietarie.

Non esistono immagini iso ufficiali già provviste dei componenti non liberi, quindi usando i dischi masterizzati in modalità live non sarà possibile riprodurre i file multimediali che richiedono tali codec, e la visualizzazione dei siti web mancherà della visualizzazione delle parti in Flash.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Kubuntu Feisty Fawn

Hoary Hedgehog[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione di Kubuntu, la 5.04, è stata pubblicata l'8 aprile 2005. Chiamata "Hoary Hedgehog" ("Riccio Veterano"), include KDE 3.4 e una selezione dei programmi più utili per KDE, come: amaroK, Kaffeine e Gwenview.

Breezy Badger[modifica | modifica wikitesto]

"Breezy Badger" ("Tasso Arioso") è il nome in codice della versione 5.10, che comprende KDE 3.4.3. È stata rilasciata il 13 ottobre 2005. Alcune delle novità di questa versione sono: Adept, KDE System Settings, Guidance Configuration Tools, KDE Bluetooth Framework, Katapult, OpenOffice.org 2, GStreamer, Krita, KOffice 1.4, Kexi, X.Org 6.8.2, kernel Linux 2.6.12.6, supporto ai PowerPC a 64-bit,

Dapper Drake[modifica | modifica wikitesto]

La versione denominata "Dapper Drake" ("Papero Signorile") è diventata ufficiale il 1º giugno 2006. Le novità di questo rilascio includono l'ambiente desktop KDE 3.5.2 e amaroK 1.3.9 per la gestione dei file musicali. Novità interessanti di quest'ultima release sono anche il modulo di configurazione per la rete e Kerry, l'interfaccia per KDE del tool di ricerca Beagle.

Edgy Eft[modifica | modifica wikitesto]

Questa è la versione 6.10 di Ubuntu (nome in codice: "Tritone Tagliente") ed è stata rilasciata il 26 ottobre 2006. Le novità di questo rilascio includono l'ambiente desktop KDE 3.5.5 e il nuovo sistema di avvio Upstart. Tra le modifiche minori, il nuovo Usplash all'avvio, una nuova veste grafica con una migliorata leggibilità dei caratteri e l'inclusione di OpenOffice.org 2.0.4.

Feisty Fawn[modifica | modifica wikitesto]

La versione 7.04 (nome in codice: "Cerbiatto Esuberante") è stata rilasciata il 19 aprile 2007. La novità principale di questo rilascio è l'ambiente desktop KDE 3.5.6. Tra le modifiche minori, il nuovo Usplash all'avvio, una nuova veste grafica, una nuova versione di Adept, OpenOffice.org 2.2, K3b 1.0 e KNetworkManager, il gestore delle reti di KDE.

Gutsy Gibbon[modifica | modifica wikitesto]

La versione 7.10 di Kubuntu denominata Gutsy Gibbon ("Gibbone Coraggioso") è stata rilasciata il 18 ottobre 2007 e presenta ulteriori novità rispetto alla 7.04: KDE 3.5.8 (penultima versione della serie 3, prima del rilascio di KDE 4 avvenuto l'11 gennaio 2008) e maggior supporto hardware grazie al nuovissimo kernel 2.6.22. Questa versione in particolare, amplia la compatibilità con moltissime schede wi-fi,schede video e schede audio.

Hardy Heron[modifica | modifica wikitesto]

Kubuntu 8.04 con KDE 4

La versione 8.04 ("Airone Ardito") è stata rilasciata il 24 aprile 2008. Questa versione si è fatta subito notare per essere stata rilasciata in due versioni, una comprendendo ancora il ramo di KDE 3.5 ritenuto ancora più stabile di KDE 4, l'altra versione include già KDE 4 precisamente la 4.0.1 tuttavia già dagli stessi sviluppatori, questa versione è ritenuta "limitata" anche perché la versione inclusa sebbene sia comunque più "matura" della 4.0, non è assolutamente paragonabile a KDE 3.5.9. Proprio per questo motivo si è scelto di non rendere Kubuntu 8.04 una versione LTS (Long Term Support) e cioè una versione a "lungo supporto" a differenza della "sorella" Ubuntu che è una versione LTS. Tra le principali novità di questa versione ci sono:

  • Un aspetto grafico modificato e cambiato, puntando sempre sul ormai confermato tema "Crystal" che raggiunge la versione 1.0.5 (rilasciato l'11 marzo 2008). Con questa versione, rispetto alla precedente, si nota subito un colore più acceso della barra del titolo delle finestre, i pulsanti chiudi, ripristina, minimizza hanno un aspetto più integrato nella barra. Con questo cambia anche aspetto la barra di scorrimento e l'aspetto dei caratteri delle finestre;
  • Vengono aggiunti strumenti di utilità come il gestore driver con restrizioni per installare i driver di periferiche non supportate dalla prima installazione come schede video, audio, ecc. È stato anche incluso un programma per rendere semplice l'installazione di effetti visivi come il rinomato Compiz;

Questa versione si differenzia dalle precedenti per aver fatto un grande passo avanti nel riconoscimento e gestione delle periferiche, per stabilità e per rendere ancora più semplice il suo utilizzo.

Importante da sottolineare è che questa versione è la prima a includere nel CD di installazione il programma Wubi che consente ad un utente Microsoft Windows di installare Kubuntu come un normalissimo programma all'interno di Windows, sfruttando un disco rigido virtuale e senza bisogno di creare partizioni e modificare il disco fisso (il resto del sistema è comunque eseguito normalmente). Ovviamente i tempi di accesso al disco saranno maggiori rispetto a quelli di un'installazione su una partizione inoltre non può essere supportata l'ibernazione del sistema. I requisiti sono 256 MB di RAM, 5 GB di spazio libero sulla partizione di Windows ed avere una versione di Windows tra: Windows 98, ME, 2000, XP, Vista.

Intrepid Ibex[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche principali di Intrepid Ibex (Stambecco Intrepido): integra l'ambiente desktop KDE 4.1.2 di default, Kernel 2.6.27, Xserver 1.5, Adept Manager 3, KNetworkManager 0.7, effetti desktop di default KWin, varie integrazioni degli strumenti Kubuntu.

Jaunty Jackalope[modifica | modifica wikitesto]

La versione di Kubuntu (comprese Ubuntu e altre versioni derivate) denominata "Jaunty Jackalope" (Lepricorno Vivace) è stata rilasciata il 23 aprile 2009, include KDE 4.2 di default. Tra le varie novità ci sono il sostituto di Adept e cioè KPackageKit molto più facile da usare meno esigente in termini di risorse hardware e già integrato con le Qt 4 di KDE, inoltre utilizza il kernel 2.6.28, xorg 1.6 e il nuovo filesystem ext4 anche se quest'ultimo in fase di installazione è opzionale infatti il file system di default rimane per scelta degli sviluppatori Ext3.

Kubuntu 10.04 Netbook Edition

Per utilizzarla sono necessari almeno 256 Mb di RAM, se si decide di installarla occorrono almeno 4 Gb di spazio sul disco rigido.

Karmic Koala[modifica | modifica wikitesto]

Karmic Koala (Koala Carmico) è stata rilasciata giovedì 29 ottobre 2009. In dotazione il nuovo kernel nella versione 2.6.30, KDE 4.3.2 e un boot del sistema più rapido.

Lucid Lynx[modifica | modifica wikitesto]

Kubuntu 10.04 "Lucid Lynx" ("Lince Lucida") è la prima versione di Kubuntu ad essere una LTS (Long Term Support) che integra KDE 4, ormai arrivato alla versione 4.4.2. Le principali novità sono il nuovo logo, Kubuntu Netbook Remix, Amarok 2.3, una migliorata integrazione delle notifiche, l'installer a slide come in ubuntu 9.10 e l'integrazione dell'interfaccia utente di Firefox in KDE, kernel 2.6.32 e l'introduzione del boot grafico animato plymouth.

Maverick Meerkat[modifica | modifica wikitesto]

Rispettando le linee guida di una nuova versione ogni 6 mesi, ad ottobre 2010 è stata rilasciata Maverick Meerkat ("Suricato Indipendente").

Natty Narwhal[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 aprile 2011, dopo 2 versioni beta, è uscita la versione 11.04 di Kubuntu Natty Narwhal ("Narvalo Elegante").

Oneiric Ocelot[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 ottobre 2011 è stata rilasciata la versione 11.10 di Kubuntu Oneric Ocelot ("Ocelot Onirico"), che potrebbe essere l'ultima versione "derivata ufficiale" di Kubuntu.[5]

Precise Pangolin[modifica | modifica wikitesto]

Rilasciata il 26 aprile 2012, kubuntu 12.04 LTS (supporto di 5 anni per versione desktop e server) è l'ultima versione ufficialmente supportata da Canonical. Include KDE 4.8.2, il kernel Linux 3.2, Amarok 2.5 e il browser Rekonq.

Trusty Tahr[modifica | modifica wikitesto]

Rilasciata il 17 aprile 2014, kubuntu 14.04 LTS avrà il supporto di 5 anni per versione desktop e server. Include KDE 4.13.0, il kernel Linux 3.13, Amarok 2.8, il Software Center Muon Discover 2.2, e da questa versione il browser preinstallato è Firefox.

Differenze da Ubuntu[modifica | modifica wikitesto]

Software Ubuntu Kubuntu
Kernel & Core Ubuntu Kernel & Core
Sistema grafico X.Org
Window manager Compiz KWin
Multimedia GStreamer Phonon
Audio PulseAudio
Desktop Unity Plasma
Toolkit primario GTK+ Qt
Gestione pacchetti Synaptic Muon
Browser Firefox Rekonq
Ufficio OpenOffice/LibreOffice
Email & PIM Evolution KMail
Legenda
Verde In entrambi
Arancione Default in Ubuntu
Azzurro Default in Kubuntu

Una tipica installazione di Ubuntu avrà il desktop Gnome più altre applicazioni Gnome (ad esempio Evolution) più i tool amministrativi basati su Gnome/GTK+ (come Synaptic). Una tipica installazione di Kubuntu invece possiede il desktop KDE con le sue applicazioni (come KMail) più gli strumenti amministrativi basati su KDE/Qt (come Adept). La tabella a fianco riporta le varie differenze tra i due sistemi operativi.

Comunque queste sono solo le impostazioni predefinite dell'installazione. Per esempio, si può installare Ubuntu e successivamente KDE, oppure installare su di essa il metapacchetto kubuntu-desktop. In ogni caso, non si è obbligati a usare una singola raccolta di applicazioni, ma si può avere una miscela di diverse applicazioni e preferenze. Gli svantaggi di far ciò sono un maggior spazio occupato in memoria e sul filesystem dovuto alle diverse librerie (GTK/Qt), che però è pressoché trascurabile sui computer moderni, e la differente impronta estetica delle due soluzioni.

Requisiti di sistema[modifica | modifica wikitesto]

Computer desktop
Minimo Consigliato
Processore 1 GHz (x86) 1 GHz (x86)
Memoria RAM 512 MB 1 GB
Disco rigido 5 GB 15 GB
Scheda video VGA 1024x768 VGA 1024x768

Kubuntu supporta le architetture x86 e AMD64.

I requisiti minimi di sistema per un'installazione su computer desktop sono: processore x86 da un GHz, 512 MB di RAM, 5 GB di disco fisso, scheda video con risoluzione 1024x768 px e lettore CD/DVD o porta USB.[6]

I requisiti minimi per un'installazione su netbook sono: processore Intel Atom da 1.6 GHz, 512 MB di memoria RAM, 4 GB di disco fisso e scheda video con risoluzione 1024x600 px con supporto per effetti grafici.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Kubuntu Preview Announcement - First Kubuntu Preview Released (17 March 2005), Kubuntu.org. URL consultato il 6 maggio 2008.
  2. ^ (EN) Kubuntu to be Sponsored by Blue Systems, [1]. URL consultato il 13 aprile 2012.
  3. ^ Keir Thomas, Beginning Ubuntu Linux, Apress, 2007.
  4. ^ (EN) Bliss: The Facts. URL consultato il 18 marzo 2008. È anche vero però che la maggior parte dei malware e spyware moderni non hanno bisogno dei privilegi di root per eseguire le loro azioni, come ad esempio autoavviarsi inserendosi nel file .bashrc dell'utente, leggere e scrivere file sui file personali, aprire connessioni verso l'esterno e altro. Per eseguire operazioni come queste sono infatti sufficienti i previgenti di un normale utente. Il fatto che questo tipo di malware, per ora, non sia ancora presente sui sistemi basati su Linux è dovuto unicamente alla sua scarsa diffusione in ambito desktop. Uno dei primi trojan per GNU/Linux, Bliss, doveva infatti essere installato ed essere eseguito in modalità superutente. Alan Cox lo definì "un giocattolo".
  5. ^ Kubuntu non è più ufficiale, Punto Informatico. URL consultato il 17 febbraio 2012.
  6. ^ a b (EN) Ubuntu System Requirements. URL consultato il 19 dicembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Software libero Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Software libero