Windows Server 2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Windows Server 2012
Logo
Schermata Start di Windows Server 2012
Schermata Start di Windows Server 2012
Sviluppatore Microsoft Corporation
Famiglia SO Windows NT
Modello del sorgente Closed source
Release corrente 6.2.9200 RTM (GA: 4 settembre 2012[1])
Tipo di kernel Kernel ibrido, 64 bit
Piattaforme supportate x86-64
Licenza Proprietario (MS-EULA)
Stadio di sviluppo Release to Manufacturing
Predecessore Windows Server 2008 R2
Successore Windows Server 2012 R2[2]
Sito web technet.microsoft.com/it-it/windowsserver/hh534429

Windows Server 2012[3] (precedentemente noto con il nome in codice Windows Server 8) è l'attuale versione server del sistema operativo Windows di Microsoft, disponibile dal 4 settembre 2012.[1] È la versione server di Windows 8 e il successore di Windows Server 2008 R2.

Introduce una nuova interfaccia grafica nel linguaggio di design Microsoft. Windows Server 2012 è la prima versione di Windows Server a non avere il supporto per i computer basati su Itanium a partire da Windows NT 4.0.[4]

Nuove funzionalità[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Windows 8#Nuove funzionalità.

ReFS[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi ReFS.

ReFS (acronimo di Resilient File System), precedentemente noto con il nome in codice Protogon,[5] è un file system che apporta alcuni miglioramenti a NTFS.[6][7]

Trapelato per la prima volta nella build 7955 di Windows 8[8] e introdotto ufficialmente a partire da Windows Server "8" Beta, è attualmente supportato in sola lettura da Windows 8 e anche in scrittura da Windows Server 2012.

Opzioni di installazione[modifica | modifica sorgente]

Windows Server 2012, come Windows 8, utilizza l'interfaccia grafica nel linguaggio di design Microsoft quando non installato in modalità Server Core. A differenza di Windows Server 2008 R2, Windows Server 2012 può passare dall'opzione di installazione Server Core a quella Server con una GUI e viceversa senza una reinstallazione completa. Server Core è ora la configurazione consigliata.

È anche presente una terza opzione di installazione che consente l'esecuzione di alcuni programmi con interfaccia grafica come Microsoft Management Console e di Server Manager, ma senza il normale desktop, la shell o programmi predefiniti come Esplora risorse.[9]

Active Directory[modifica | modifica sorgente]

La versione di Active Directory inclusa in Windows Server 2012 introduce alcuni cambiamenti rispetto a quella fornita con Windows Server 2008 R2. L'installazione guidata di Servizi di dominio Active Directory è stata sostituita da una nuova sezione in Server Manager, ed è stata aggiunta una interfaccia grafica al Cestino per Active Directory.[10] Possono essere impostati più criteri sulle password all'interno dello stesso dominio.[11] Active Directory in Windows Server 2012 ora conosce tutti i cambiamenti che risultano dalla virtualizzazione, ed è possibile clonare in sicurezza i controller di dominio virtualizzati. Sono stati semplificati gli aggiornamenti del livello funzionale di dominio a Windows Server 2012: è possibile infatti effettuarli interamente in Server Manager. Non è più richiesto il download di Active Directory Federation Services quando installato come ruolo, e nel token Kerberos sono stati introdotti i claim che possono essere usati da Active Directory Federation Services. I comandi di Windows PowerShell utilizzati da Centro di amministrazione di Active Directory possono essere visualizzati in un Visualizzatore della cronologia di PowerShell.[12][13]

Hyper-V[modifica | modifica sorgente]

Il software di virtualizzazione Hyper-V, precedentemente offerto solo in Windows Server, verrà introdotto per la prima volta in una versione client di Windows.[14] Alla conferenza BUILD è stata presentata ufficialmente la nuova versione 3.0 di Hyper-V.[15]

Nuove funzionalità[modifica | modifica sorgente]

Sono state aggiunte molte nuove funzionalità a Hyper-V, tra cui la virtualizzazione di rete,[16] il multitenancy, i pool di risorse di archiviazione, la connettività cross-premise, il backup in cloud, gli switch virtuali estensibili, il Fibre Channel virtuale, il trasferimento di dati di cui è stato effettuato l'offload, e Hyper-V Replica (HVR).[17] Il NIC teaming è parte di Windows Server 2012.

Limiti[modifica | modifica sorgente]

Sono state ampiamente superate le precedenti restrizioni sul consumo delle risorse. Ogni macchina virtuale può accedere fino a 64 processori virtuali, fino a 1 TB di RAM, e fino a 64 TB di spazio su disco virtuale per ogni disco fisso virtuale con resilienza da problemi di alimentazione (utilizzando il nuovo formato .vhdx).[18] Possono essere attive fino a 8000 macchine virtuali per ogni cluster HA, e fino a 1024 con al massimo 1024 processori virtuali per ogni host.[16][19] Ogni istanza di hypervisor può accedere fino a 160 processori logici e fino a 2 TB di memoria.

Requisiti di sistema[modifica | modifica sorgente]

I requisiti di sistema per Hyper-V sono un processore a 64 bit, una versione a 64 bit di Windows 8 e un minimo di 4 GB di RAM.[20] La versione di Hyper-V in Windows Server 2012 richiede solo che sia installato il ruolo RemoteFX, mentre quella in Windows 8 richiede il supporto da parte del processore a 64 bit e l'attivazione di Second Level Address Translation (SLAT),[21] una funzionalità che aiuta la gestione della memoria supportata da molti processori recenti di Intel e AMD, compresi molti dei processori i-Series di Intel (con Extended Page Table) e dei processori della famiglia 10h di AMD.[22]

Altro[modifica | modifica sorgente]

  • Server Manager è stato riprogettato per facilitare la gestione di più server.
  • La nuova versione 3 di Windows PowerShell in Windows Server 2012 ha oltre 2300 cmdlet, in confronto ai circa 200 in Windows Server 2008 R2. È anche presente la funzione di auto-completamento dei comandi.[23]
  • È presente un nuovo ruolo per la gestione indirizzi IP (IPAM) per la scoperta, il monitoraggio, la revisione e la gestione dello spazio di indirizzi IP usato in una rete aziendale. L'IPAM è usato per la gestione e il monitoraggio dei server Domain Name System (DNS) e Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP). Sono pienamente supportati sia IPv4 sia IPv6.[24][25][9]
  • Windows Server 2012 include la versione 8.0 di Internet Information Services (IIS). La nuova versione contiene nuove funzionalità, come la possibilità di limitare l'utilizzo della CPU per siti Web particolari,[26] la gestione centralizzata dei certificati SSL, e un supporto migliorato per NUMA.[27]
  • Windows 8 e Windows Server 2012 introducono SMB 3.0 (precedentemente chiamato SMB 2.2).[28] Apporta diversi cambiamenti significativi che hanno l'obiettivo di aggiungere funzionalità e migliorare le prestazioni di SMB 2, in particolare nei centri di dati virtualizzati come SMB2 RDMA Transport Protocol and multichannel.[29]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il 9 settembre 2011 venne pubblicata su MSDN un'anteprima per gli sviluppatori denominata Windows 8 Server Developer Preview, in concomitanza con la presentazione e la pubblicazione di Windows 8 Developer Preview alla conferenza BUILD in California.[30]
Il 29 febbraio 2012 è stata pubblicata su Microsoft TechNet un'altra versione di anteprima, denominata Windows Server "8" Beta, in concomitanza con la presentazione e la pubblicazione di Windows 8 Consumer Preview al Mobile World Congress di Barcellona.[31]
Il 31 maggio 2012 è stata pubblicata l'ultima versione di anteprima di Windows Server 2012 prima del prodotto finale: Windows Server 2012 Release Candidate.[32]
La versione finale di Windows Server 2012, annunciata il 9 luglio 2012 alla conferenza annuale Worldwide Partner Conference,[33] è stata consegnata agli OEM il 1º agosto[1] insieme alla versione client di Windows 8,[34][35] ed è disponibile dal 4 settembre.

Build di sviluppo note[modifica | modifica sorgente]

██ Build rese pubbliche ufficialmente da Microsoft

██ Build trapelate illegalmente

Fase di sviluppo[nota 1] Numero di build Nome ufficiale Tipo di architettura Compilata il Disponibile dal
principale secondaria
Pre-Milestone 3 Post-Milestone 2 7959 64 bit 7-3-2011 trapelamento:
1-5-2011[36]
Milestone 3 Milestone 3 Final 8102 Windows 8 Server Developer Preview 64 bit 30-8-2011 su MSDN:
9-9-2011[30]
Pre-Beta 8180 64 bit 10-1-2012 screenshot:
13-1-2012[37][38]
Beta Beta Final 8250 Windows Server "8" Beta 64 bit 17-2-2012 su Microsoft TechNet:
29-2-2012[31]
RC Release Candidate Final 8400 Windows Server 2012 Release Candidate 64 bit 18-5-2012 su Microsoft TechNet:
31-5-2012[32]
RTM 9200 64 bit 25-7-2012 OEM:
1-8-2012[1]
trapelamento:
4-8-2012[39]
GA:
4-9-2012[1]
  1. ^ La classificazione segue la tabella riportata da WinUnleaked.tk.

Pre-Milestone 3[modifica | modifica sorgente]

Build 7959 (7 marzo 2011)[modifica | modifica sorgente]

La build 7959, trapelata su Internet il 1º maggio 2011,[36][40] presentava poche novità, tra cui un nuovo stile delle finestre.

Milestone 3[modifica | modifica sorgente]

Windows 8 Server Developer Preview (30 agosto 2011)[modifica | modifica sorgente]

Windows 8 Server Developer Preview (compilato con il numero di build 8102) venne pubblicato solo agli abbonati a MSDN il 9 settembre 2011, in concomitanza con la presentazione di Windows 8 Developer Preview alla conferenza BUILD in California.[30] Includeva l'interfaccia utente nel linguaggio di design Microsoft e una nuova versione di Server Manager, insieme ad altre nuove funzionalità.

Il 16 febbraio 2012, Microsoft posticipò la data di scadenza di Windows 8 Server Developer Preview dall'8 aprile 2012 al 15 gennaio 2013.[41]

Pre-Beta[modifica | modifica sorgente]

Build 8180 (10 gennaio 2012)[modifica | modifica sorgente]

Il 13 gennaio 2012 trapelarono alcuni screenshot della build 8180. Essa conteneva alcune revisioni dell'interfaccia di Server Manager e Spazi di archiviazione.[37][38][42]

Beta[modifica | modifica sorgente]

Windows Server "8" Beta (17 febbraio 2012)[modifica | modifica sorgente]

Windows Server "8" Beta (compilato con il numero di build 8250) venne pubblicato su Microsoft TechNet il 29 febbraio 2012, in concomitanza con la presentazione di Windows 8 Consumer Preview al Mobile World Congress di Barcellona.[31]

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Windows Server 2012 è stato pubblicato in 4 edizioni: Foundation, Essentials, Standard e Datacenter.

Tabella comparativa delle edizioni di Windows Server 2012 in base alle specifiche[43][44]
Specifica Windows Server 2012 Foundation Windows Server 2012 Essentials Windows Server 2012 Standard Windows Server 2012 Datacenter
Distribuzione Solo OEM Al dettaglio, contratto multilicenza, OEM Contratto multilicenza, OEM
Modello di concessione in licenza Ogni server Ogni 2 CPU[nota 1] + CAL[nota 2]
Limite di utenti 15 25 Illimitati
Diritti di virtualizzazione N/A 1 macchina virtuale o 1 server fisico 2 macchine virtuali[nota 1] Illimitati
Limite di chip di processore[45] 1 2 64[nota 3]
Servizi file 1 struttura DFS standalone[nota 4] Illimitati
Criteri di rete e servizi di accesso 50 connessioni RRAS e 10 connessioni IAS 250 connessioni RRAS, 50 connessioni IAS e 2 gruppi server IAS Illimitati
Servizi desktop remoto 20 connessioni 250 connessioni (errato: solo 2 sessioni per scopi amministrativi) Illimitati
Tabella comparativa delle edizioni di Windows Server 2012 in base alle funzionalità[43][44]
Funzionalità Windows Server 2012 Foundation Windows Server 2012 Essentials Windows Server 2012 Standard Windows Server 2012 Datacenter
Active Directory Certificate Services Solo autorità di certificato Solo autorità di certificato[nota 4]
Active Directory Domain Services Deve essere radice di foresta e dominio Deve essere radice di foresta e dominio
Active Directory Federation Services [46] No
Active Directory Lightweight Directory Services
Active Directory Rights Management Services
Hyper-V No No
Modalità Server Core No No
Ruolo DHCP
Ruolo di server d'applicazioni [nota 4]
Ruolo server DNS
Ruolo server fax
Server Manager
Servizi di stampa e documento
Servizi UDDI
Servizi Web (Internet Information Services) [nota 4]
Windows Deployment Services
Windows Powershell
Windows Server Update Services
Funzionalità Windows Server 2012 Foundation Windows Server 2012 Essentials Windows Server 2012 Standard Windows Server 2012 Datacenter
  1. ^ a b Ogni licenza di Windows Server 2012 Standard o Datacenter consente fino a due chip di processore. Ogni licenza di Windows Server 2012 Standard consente fino a due istanze virtuali di Windows Server 2012 Standard su quel server fisico. Se sono necessarie più istanze virtuali di Windows Server 2012 Standard, ogni licenza aggiuntiva di Windows Server 2012 consente fino a 2 istanze virtuali di Windows Server 2012 Standard in più, anche se il server fisico stesso potrebbe avere sufficienti licenze per il suo numero di chip di processore. Poiché Windows Server 2012 Datacenter non ha alcun limite sul numero di istanze virtuali per ogni server concesso in licenza, per qualsiasi numero di istanze virtuali di Windows Server 2012 Datacenter bastano solo le licenze per il server fisico. Se il numero di chip di processore o di istanze virtuali è un numero dispari, il numero di licenze richieste è uguale al «numero pari successivo». Per esempio, un server a singolo chip di processore richiederebbe ancora 1 licenza come se il server fosse a due chip di processore, e un server a cinque chip di processore richiederebbe 3 licenze come se il server fosse a sei chip di processore, e se sono necessarie 15 istanze virtuali di Windows Server 2012 Standard su un unico server, sono necessarie 8 licenze di Windows Server 2012, che possono coprire fino a 16 istanze virtuali (supponendo, in questo esempio, che il numero di chip di processore non sia superiore a 16).
  2. ^ Per le edizioni Standard e Datacenter, ogni utente o dispositivo che accede al software deve avere una client access license (CAL) assegnata (specifica dell'utente o del dispositivo). Pertanto non ci può essere un numero di utenti contemporanei superiore al numero delle client access license, ad eccezione di al più 2 utenti contemporanei esclusivamente per amministrare il software del server, o per l'esecuzione di carichi di lavoro Web o virtualizzazione. Servizi desktop remoto richiede una CAL aggiuntiva separata dalla CAL sopracitata.
  3. ^ Se il numero di processori fisici in un particolare server è inferiore a 64, il limite è determinato dalla quantità di licenze assegnate a tale server. In quel caso, il numero di processori fisici non può eccedere il doppio del numero di licenze assegnate al server.
  4. ^ a b c d Questa funzionalità è installata automaticamente in Windows Server 2012 Essentials.

Requisiti di sistema[modifica | modifica sorgente]

Windows Server 2012 non supporta i processori IA-32 e IA-64.[47] Windows Server 2012 è la prima versione di Windows Server a non avere il supporto per i computer basati su Itanium a partire da Windows NT 4.0.[4]

Il programma di installazione di Windows Server 2012 Release Candidate supporta l'aggiornamento da Windows Server 2008 e da Windows Server 2008 R2.[48]

Requisiti minimi di sistema per Windows Server 2012[48]
Architettura 64 bit
Processore (CPU) x64 da 1,4 GHz
Memoria (RAM) 512 MB
Spazio libero su disco fisso 32 GB
(di più se ci sono più di 16 GB di RAM)
Scalabilità[19][45]
Sistema operativo Windows Server 2008 R2 Windows Server 2012
CPU fisiche[nota 1] 64 64
Processori logici con Hyper-V disattivato 256 640
con Hyper-V attivo 64 320[nota 2]
Memoria (RAM) TB 4 TB
Nodi cluster HA[nota 3] 16 64[49]
  1. ^ Si applica solamente a Windows Server 2008 R2 e 2012 Datacenter e Windows Server 2012 Standard. Le altre edizioni supportano di meno.
  2. ^ Ogni partizione virtualizzata, incluso l'host stesso, può usare fino a 64 processori: (EN) Keith Hill, Logical Processor count changes after enabling Hyper-V role on Windows Server 2012, Ask the Core Team, 28 marzo 2013. URL consultato il 1º aprile 2013 (archiviato il 1º aprile 2013).
  3. ^ in ogni singolo cluster

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Le recensioni su Windows Server 2012 sono state generalmente positive.[50][51][52] Simon Bisson di ZDnet lo ha descritto come «pronto per il datacenter, oggi»,[50] mentre Tim Anderson di The Register ha affermato che «la mossa verso una maggiore modularità, un'automazione più forte e una virtualizzazione migliorata ha perfettamente senso in un mondo di cloud pubbliche e private», ma ha osservato che «non è cambiata la capacità di Windows di offrire errori oscuri e dispendiosi», e ha concluso che «ciononostante, è in generale un forte salto di livello»."[51]

InfoWorld ha notato che Windows Server 2012 ha l'interfaccia nel linguaggio di design Microsoft, che ha portato a recensioni contrastanti per Windows 8, ma ha ricordato che «Microsoft sta spingendo molto per un'installazione con meno GUI rispetto a una schermata basata su Metro», in riferimento all'opzione di installazione Server Core migliorata e ai miglioramenti di Windows PowerShell.[53] Tuttavia, Michael Otey di Windows IT Pro ha espresso un disgusto verso la nuova interfaccia nel linguaggio di design Microsoft e verso l'impossibilità di usare da sola la vecchia interfaccia desktop, dicendo che la maggior parte degli utenti di Windows Server gestiscono i loro server utilizzando un'interfaccia grafica piuttosto che PowerShell.[54] La società di costruzioni australiana Kennards è rimasta colpita dalla stabilità del sistema operativo.[55]

Paul Ferrill ha scritto che «Windows Server 2012 Essentials fornisce tutti i pezzi necessari per fornire l'archiviazione centralizzata dei file, i backup client e l'accesso remoto»,[56] ma Tim Anderson ha sostenuto che «molte aziende che stanno utilizzando SBS2011 e precedenti vorranno rimanere attaccate con quello che hanno», citando l'assenza di Exchange, l'impossibilità di sincronizzare con Active Directory Federation Services e il limite di 25 utenti,[57] mentre Paul Thurott ha scritto che «dovresti scegliere Foundation solo se hai almeno una squadra di informatici some-in-company e/o se vuoi affidare la gestione a un partner Microsoft o a un solution provider», e che «Essentials è, secondo me, ideale per qualsiasi moderna startup composta solo da poche persone».[58]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Jeffrey Snover, Windows Server 2012 released to manufacturing!, Windows Server Blog, 1º agosto 2012. URL consultato il 2 agosto 2012 (archiviato il 2 agosto 2012).
  2. ^ Le evoluzioni di Windows per le imprese, Impresa City, 5 giugno 2013. URL consultato il 5 giugno 2013 (archiviato il 5 giugno 2013).
  3. ^ (EN) Mary Jo Foley, Windows Server 8 officially dubbed Windows Server 2012, ZDNet, 17 aprile 2012. URL consultato il 18 aprile 2012 (archiviato il 18 aprile 2012).
  4. ^ a b (EN) Mary Jo Foley, Microsoft pulls the plug on future Itanium support, ZDNet, 5 aprile 2010. URL consultato il 14 febbraio 2012 (archiviato il 10 maggio 2010).
  5. ^ (EN) Canouna, Good bye Protogon, welcome ReFS, WinUnleaked.tk, 1º dicembre 2011. URL consultato il 4 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2012).
  6. ^ (EN) Surendra, Building the next generation file system for Windows ReFS, Building Windows 8, 16 gennaio 2012. URL consultato il 28 febbraio 2012 (archiviato il 24 febbraio 2012).
  7. ^ (EN) Mary Jo Foley, Microsoft goes public with plans for its new Windows 8 file system, ZDNet, 16 gennaio 2012. URL consultato il 2 marzo 2012 (archiviato il 2 marzo 2012).
  8. ^ Marco Rinaldi, Alla scoperta del nuovo file system Protogon: come utilizzarlo per formattare un drive, WindowsBlogItalia, 14 giugno 2011. URL consultato il 4 marzo 2012 (archiviato il 4 marzo 2012).
  9. ^ a b (EN) Simon Bisson, Windows 8 Server Developer Preview, ZDNet UK, 14 settembre 2011. URL consultato il 15 marzo 2012 (archiviato il 15 marzo 2012).
  10. ^ (EN) Greg Shields, Quick Guide: What's New in Windows Server 2012 Active Directory, Redmondmag, 3 luglio 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  11. ^ (EN) Tamer Mahmoud Sherif, Creating fine grained password policies through GUI Windows server 2012 “Server 8 beta”, Microsoft TechNet, 29 maggio 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  12. ^ (EN) J. Peter Bruzzese, Windows Server 8: The 4 best new Active Directory features, InfoWorld, 26 ottobre 2011. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato il 17 marzo 2012).
  13. ^ (EN) Sean Deuby, What's New in Windows Server 8 Active Directory, Windows IT Pro, 14 settembre 2011. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato il 17 marzo 2012).
  14. ^ (EN) Developing and testing on Windows 8 with Hyper-V, MSDN, 16 settembre 2011. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato il 17 marzo 2012).
  15. ^ (EN) Windows Server 8 (Video and Slides), MSDN, 14 settembre 2011. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato il 17 marzo 2012).
  16. ^ a b (EN) A deep dive into Hyper-V networking, MSDN, 14 settembre 2011. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato il 17 marzo 2012).
  17. ^ (EN) Windows Server “8” Beta – Hyper-V Replica, Virtualization Team Blog, 9 marzo 2012. URL consultato il 18 marzo 2012 (archiviato il 18 marzo 2012).
  18. ^ (EN) Server Virtualization Features, Microsoft. URL consultato il 6 ottobre 2012 (archiviato il 6 ottobre 2012).
  19. ^ a b (EN) Paul Thurrott, Q: What are Windows Server 8’s scalability numbers?, SuperSite for Windows, 28 ottobre 2011. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato il 17 marzo 2012).
  20. ^ (EN) Mathew John, Bringing Hyper-V to “Windows 8”, Building Windows 8, 7 settembre 2011. URL consultato il 15 maggio 2012 (archiviato il 15 maggio 2012).
  21. ^ (EN) Paul Thurrott, Q: Will Windows 8 Server Hyper-V require the processor to support SLAT?, SuperSite for Windows, 21 ottobre 2011. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato il 18 marzo 2012).
  22. ^ (EN) Lance Whitney, Microsoft announces Hyper-V in Windows 8, CNET News, 8 settembre 2011. URL consultato il 24 febbraio 2012 (archiviato il 24 febbraio 2012).
  23. ^ (EN) Paul Thurott, Windows Server "8" Preview (Unedited, Complete Version), SuperSite for Windows, 2 novembre 2011. URL consultato il 15 marzo 2012 (archiviato il 15 marzo 2012).
  24. ^ (EN) IP Address Management (IPAM) overview, Microsoft TechNet, 29 febbraio 2012. URL consultato il 26 marzo 2012 (archiviato il 26 marzo 2012).
  25. ^ (EN) IP Address Management Technical Preview, Microsoft TechNet, 29 febbraio 2012. URL consultato il 26 marzo 2012 (archiviato il 26 marzo 2012).
  26. ^ (EN) Kurt Mackie, Microsoft Touts IIS 8 Improvements, RedmondMag, 16 agosto 2012. URL consultato il 17 agosto 2012 (archiviato il 17 agosto 2012).
  27. ^ (EN) Tim Anderson, Home Topics Enterprise software Microsoft Windows software Windows Server 2012: inside Microsoft's Enterprise Server OS Windows Server 2012: inside Microsoft's Enterprise Server OS, ComputerWeekly.com, 4 settembre 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  28. ^ (EN) Jeffrey Snover, Windows Server Blog: SMB 2.2 is now SMB 3.0, Windows Server Blog, 19 aprile 2012. URL consultato il 24 settembre 2012 (archiviato il 24 settembre 2012).
  29. ^ (EN) Thomas Pfenning, The Future of File Protocols - SMB 2.2 in the Datacenter (PDF), Microsoft, 20 settembre 2011. URL consultato il 24 settembre 2012.
  30. ^ a b c (EN) Bill Laing, Windows Server 8: An Introduction, Microsoft Server and Cloud Platform Blog, 9 settembre 2011. URL consultato il 15 febbraio 2012 (archiviato il 14 febbraio 2012).
  31. ^ a b c (EN) Bill Laing, Windows Server “8” beta available now!, Windows Server Blog, 1º marzo 2012. URL consultato il 2 marzo 2012 (archiviato il 2 marzo 2012).
  32. ^ a b (EN) Jeffrey Snover, Windows Server 2012 Release Candidate available now, Windows Server Blog, 31 maggio 2012. URL consultato il 31 maggio 2012 (archiviato il 31 maggio 2012).
  33. ^ (EN) Jeffrey Snover, Windows Server 2012 final release timing, Windows Server Blog, 9 luglio 2012. URL consultato il 16 luglio 2012 (archiviato il 16 luglio 2012).
  34. ^ (EN) Steven Sinofsky, Releasing Windows 8 - August 1, 2012, Building Windows 8, 1º agosto 2012. URL consultato il 1º agosto 2012 (archiviato il 1º agosto 2012).
  35. ^ (EN) Brandon LeBlanc, Windows 8 has reached the RTM milestone, Blogging Windows, 1º agosto 2012. URL consultato il 1º agosto 2012 (archiviato il 1º agosto 2012).
  36. ^ a b (EN) Andy, [LEAK] Microsoft Windows 8 M3 6.2.7959.0, BetaArchive, 1º maggio 2011. URL consultato il 4 marzo 2012 (archiviato il 4 marzo 2012).
  37. ^ a b (EN) Canouna, Windows Server Code Named ’8′ Beta, WinUnleaked.tk, 13 gennaio 2012. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2012).
  38. ^ a b (ZH) aiby, [分享] Windows 8 Server 更新至Build:8180, PC Beta.com, 13 gennaio 2012, p. 1. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato il 17 marzo 2012).
  39. ^ (EN) Steven Parker, Windows Server 2012 RTM leaks to web, Neowin, 4 agosto 2012. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato il 5 agosto 2012).
  40. ^ (EN) Tom Warren, Windows Server 8 Milestone 3 build 7959 leaked, WinRumors, 1º maggio 2011. URL consultato il 19 marzo 2012 (archiviato il 21 luglio 2011).
  41. ^ (EN) An update that postpones the expiration date of Windows 8 Developer Preview and Windows 8 Server Developer Preview is available, Microsoft Knowledge Base, 16 febbraio 2012. URL consultato il 20 febbraio 2012 (archiviato il 20 febbraio 2012).
  42. ^ (EN) Tim Schiesser, Windows Server 8 hits build 8180, new screenshots emerge, Neowin.net, 13 gennaio 2012. URL consultato il 17 marzo 2012 (archiviato il 17 marzo 2012).
  43. ^ a b (EN) Windows Server 2012 Editions, Microsoft. URL consultato il 5 luglio 2012 (archiviato il 6 luglio 2012).
  44. ^ a b (EN) Mary Jo Foley, Microsoft goes public with Windows Server 2012 versions, licensing, ZDNet, 5 luglio 2012. URL consultato il 5 luglio 2012 (archiviato il 6 luglio 2012).
  45. ^ a b (EN) Matthijs ten Seldam, Windows Server - Sockets, Logical Processors, Symmetric Multi Threading, Matthijs's blog, 14 ottobre 2012. URL consultato il 15 ottobre 2012 (archiviato il 15 ottobre 2012).
  46. ^ (EN) Introduction to Windows Server 2012 Foundation, Microsoft TechNet. URL consultato il 5 novembre 2012 (archiviato il 5 novembre 2012).
  47. ^ (EN) Mary Jo Foley, Microsoft pulls the plug on future Itanium support, ZDNet, 5 aprile 2010. URL consultato il 19 marzo 2012 (archiviato il 10 maggio 2010).
  48. ^ a b Installazione di Windows Server 2012, Microsoft TechNet, 31 maggio 2012. URL consultato il 31 ottobre 2012 (archiviato il 31 ottobre 2012).
  49. ^ (EN) Elden Christensen, Welcome to Windows Server 2012 Failover Clustering, Clustering and High-Availability, 19 marzo 2012. URL consultato il 3 agosto 2012 (archiviato il 3 agosto 2012).
  50. ^ a b (EN) Simon Bisson, Windows Server 2012: RTM review, ZDNet, 13 settembre 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  51. ^ a b (EN) Tim Anderson, Windows Server 2012: Smarter, stronger, frustrating, The Register, 5 settembre 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  52. ^ (EN) Paul Ferrill, Windows Server 2012 Review: The Bottom Line, ServerWatch, 3 ottobre 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  53. ^ (EN) Oliver Rist, Review: Weighing Windows Server 2012, InfoWorld, 27 giugno 2012. URL consultato il 19 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  54. ^ (EN) Michael Otey, Is Microsoft Trying to Kill Windows Server?, Windows IT Pro, 25 luglio 2012. URL consultato il 19 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  55. ^ (EN) Spandas Lui, Kennards adopts Windows Server 2012 for virtualisation, ZDNet, 12 settembre 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  56. ^ (EN) Paul Ferrill, A Hands-on Look at Windows Server 2012 Essentials, ServerWatch, 16 dicembre 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  57. ^ (EN) Tim Anderson, Windows Server 2012 Essentials review, PC Pro, 21 dicembre 2012. URL consultato il 20 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).
  58. ^ (EN) Paul Thurott, Windows Server 2012: Foundation vs. Essentials, Windows IT Pro, 2 ottobre 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato il 24 gennaio 2013).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Versioni di Windows Successore Windows logo.png
Windows Server 2008 R2 2012 Windows Server 2012 R2
Microsoft Portale Microsoft: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microsoft