Sviluppo di Windows Vista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

1leftarrow.pngVoce principale: Windows Vista.

Lo sviluppo di Windows Vista iniziò nel maggio 2001 e terminò nel novembre 2006. Il nome in codice del progetto di sviluppo era Longhorn.[1]

Durante le prime fasi di sviluppo di Windows Vista, caratterizzate da miglioramenti e aggiornamenti di Windows XP, Microsoft mantenne un discreto riserbo sul progetto, rivolgendo l'attenzione per lo più a Windows XP e Windows Server 2003, e solo dopo l'uscita di quest'ultimo, alla WinHEC 2003, ne mostrò per la prima volta al pubblico una build.

Tuttavia, nel 2003 il progetto prese una piega inaspettata: Windows Longhorn iniziò infatti a discostarsi sempre di più da Windows XP, acquisendo delle nuove funzionalità e tecnologie che in realtà erano state previste per Windows Blackcomb. Dopo la "estate dei worm" 2003, Microsoft cambiò le sue priorità di sviluppo, reimpiegando una buona parte del team di sviluppo di Windows Longhorn nello sviluppo di nuovi Service Pack per Windows XP e Windows Server 2003.

Preoccupata per i ritardi e temendo un feature creep, Microsoft annunciò il 27 agosto 2004 di voler apportare importanti cambiamenti a Windows Longhorn. Lo sviluppo di Windows Longhorn ripartì fondamentalmente da zero: basandosi questa volta sul codice di Windows Server 2003, vennero reintrodotte unicamente le funzionalità destinate veramente alla realizzazione del nuovo sistema operativo. Così, alcune delle funzionalità annunciate in precedenza, come WinFS e NGSCB, furono abbandonate o rimandate.

Nel luglio 2005 Microsoft stabilì il nome definitivo del nuovo sistema operativo, Windows Vista. Tra il settembre 2005 e l'ottobre 2006, Microsoft rese disponibili alcune Community Technologies Preview (CTP) per i beta tester, due Release Candidate per gli utenti che si registravano gratuitamente al Customer Preview Program (CPP), e alcune build (Beta 2, Pre-RC1, Pre-RC2) come download pubblici dal proprio sito Web.

Lo sviluppo di Windows Vista si concluse l'8 novembre 2006 con l'annuncio della pubblicazione della Release to manufacturing (RTM) di Windows Vista da parte di James Allchin, il co-presidente del team per lo sviluppo di Windows.[2][3]

Sviluppo RTM: dalle prime fasi al reset di sviluppo[modifica | modifica sorgente]

La scelta del nome in codice Longhorn

Il nome in codice del progetto, Longhorn, fu scelto in riferimento al bar The Longhorn Saloon and Grill ai piedi di due montagne nella Columbia Britannica su cui sorgono le due grandi località sciistiche Whistler e Blackcomb, con l'idea che l'utente, partendo da Whistler (Windows XP), sarebbe passato da Longhorn (Windows Vista) prima di arrivare a Blackcomb (Windows 7).[4][5][6][7]

2001-2002: Le prime fasi di sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il 10 febbraio 2000, Microsoft annunciò di aver pianificato per la fine del 2002, come successore di Windows XP, una nuova major release di Windows dal nome in codice Blackcomb (oggi nota come Windows 7).[8][9] Tuttavia, il 24 luglio 2001 Microsoft rivelò che Windows Blackcomb era stato rimandato al 2005, e che sarebbe stato preceduto da una minor release intermedia prevista per il 2003 dal nome in codice Longhorn.[7][10][11][12][13] Il progetto di sviluppo di Windows Longhorn era già stato avviato nel maggio 2001, ancora prima della pubblicazione di Windows XP.[10][14]

I primi prototipi vennero già dimostrati alla fine di luglio da Steven Guggenheimer al Financial Analysts Meeting 2001: indicandolo ancora con il nome Blackcomb, egli mostrò in anteprima una nuova schermata iniziale, una nuova barra laterale (comparsa poi nella build 3683), una nuova finestra per la gestione delle immagini (la cui interfaccia è simile a quella di Esplora risorse nelle prime build) e un nuovo calendario.[a 1][15][16][17]

  1. ^ Video icon 1.png Presentazione prototipo di Windows Blackcomb

Un primo ritardo venne annunciato da James Allchin il 16 aprile 2002, alla WinHEC 2002: Windows Longhorn venne rinviato alla seconda metà del 2004.[18][19][20] Alla conferenza Microsoft non parlò molto di Windows Longhorn, ma si limitò ad annunciare che avrebbe incluso nuove API gestite, una nuova architettura grafica (allora detta Longhorn Graphics Architecture), tecnologie peer-to-peer e nuove tecnologie di archiviazione basate su SQL Server.[21]

Il 12 novembre 2002, Microsoft annunciò di aver pianificato una versione di Windows Longhorn solo desktop e una versione di Windows Blackcomb solo server.[22][23][24][25]

2003: Una nuova tecnologia[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 2003, Microsoft consegnò privatamente agli sviluppatori del campus di Redmond una versione di anteprima di Windows Longhorn, raccogliendo critiche e consensi.[26][27]

Il 7 maggio 2003, alla WinHEC 2003, Will Poole annunciò un ulteriore rinvio della data di pubblicazione di Windows Longhorn al 2005.[26][28][29][30][31] Microsoft disse che Windows Longhorn avrebbe implementato la nuova architettura Next-Generation Secure Computing Base (NGSCB) (precedentemente nota con il nome in codice Palladium[32]), che avrebbe incrementato la sicurezza e la privacy degli utenti,[33][34][35] e le API Avalon, che avrebbero sostituito le API GDI nella gestione grafica dei controlli nelle finestre. Venne inoltre garantito il supporto alla masterizzazione su tutti i formati di DVD.[36][37][38][39]

Alla conferenza, Microsoft dimostrò per la prima volta pubblicamente una build di Windows Longhorn, la build 4015, concentrando l'attenzione sugli effetti animati e di trasparenza elaborati dal nuovo Desktop Window Manager (DWM), basato sulle API Direct3D anziché su quelle GDI, che avrebbe potuto sfruttare appieno la potenza grafica delle nuove schede video con supporto a DirectX 9 e i nuovi schermi ad elevate densità e risoluzioni.[40][41] Steve Ball, un program manager di Microsoft, mostrò inoltre alcuni prototipi della nuova interfaccia utente Windows Aero: una tile nella barra laterale per il controllo volume specifico per ogni dispositivo audio e per ogni applicazione,[b 1] la nuova interfaccia Hardware e dispositivi con una dettagliata finestra delle proprietà del dispositivo,[b 2][b 3] una finestra migliorata per le opzioni di esecuzione automatica delle periferiche multimediali,[b 4] e i nuovi applet del Pannello di controllo Preferenze audio e video[b 5] e Gestione sincronizzazione.[b 6][27]

  1. ^ Icons-mini-image.gif Controllo volume (fonte)
  2. ^ Icons-mini-image.gif Hardware e dispositivi (fonte)
  3. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà di un lettore multimediale (fonte)
  4. ^ Icons-mini-image.gif Lettore musicale RuSH (fonte)
  5. ^ Icons-mini-image.gif Preferenze audio e video (fonte)
  6. ^ Icons-mini-image.gif Gestione sincronizzazione (fonte)

Il 24 luglio 2003, al Financial Analysts Meeting 2003, Microsoft confermò ufficialmente precedenti voci[42] sull'aggiunta nella roadmap di una versione server di Windows Longhorn,[43][44] che avrebbe seguito di qualche mese la versione desktop.[45]

2004[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio 2004, Microsoft cambiò i suoi piani per includere in Longhorn la tecnologia Next-Generation Secure Computing Base (NGSCB). La tecnologia, meglio nota con il suo nome in codice originale Palladium, ricevette molte critiche da analisti, specialisti della sicurezza e ricercatori, e venne spesso citata da sostenitori di sistemi operativi non Microsoft come un motivo per migrare alla loro piattaforma preferita. Ross J. Anderson, per esempio, pubblicò un documento, raccogliendo molte di queste lamentele e critiche in una analisi più ampia su Trusted Computing.[46] Tenuto conto della grande quantità di reazioni negative non solo da parte degli analisti, ma da parte dei clienti aziendali e dei sviluppatori software, Microsoft abbandonò molti aspetti del progetto NGSCB per un periodo di tempo indefinito.[47] L'unico aspetto di NGSCB che venne incluso nella versione finale del sistema operativo fu BitLocker, che poteva utilizzare un chip Trusted Platform Module per facilitare l'avvio sicuro e la crittografia dell'intera unità.

Build di sviluppo note[modifica | modifica sorgente]

Tabella delle build di sviluppo note di Windows Vista prima del reset di sviluppo.

██ Build trapelate illegalmente

Fase di sviluppo Numero di build[48] Nome ufficiale Compilata il Disponibile dal[49] Nuove funzionalità
Milestone 3 3663 28/07/02 screenshot:
19/10/02[50]
Nuova schermata iniziale, indicazione dello spazio libero su disco in Risorse del computer, nuovo pulsante Start, nuovo sfondo del desktop.
3670 19/08/02 screenshot Nuovo Gestione periferiche, nuovo pannello delle operazioni laterale, MSN Explorer incluso.
3683 23/09/02 screenshot:
20/10/02[51][52]
Nuovo tema Plex, nuova barra laterale, nuovo file system WinFS, nuovo pannello di controllo Proprietà dello schermo, Internet Explorer 6.05 con barra Media, DirectX 9. Esplora risorse: nuova barra breadcrumb, nuova cartella speciale Contatti, barra degli indirizzi migliorata, anteprime contenuto cartelle in visualizzazione Titoli, filtri contenuto cartelle in visualizzazione Dettagli, nuovo slider per modificare la dimensione delle icone, nuovi criteri di raggruppamento, caselle di controllo per selezionare file e cartelle, nuove finestre Apri e Salva con nome.
trapelamento:
19/11/02[53]
3706 29/10/02 trapelamento:
22/05/04[54]
Desktop Composition Engine (DWM), nuovi controlli per le immagini nella barra breadcrumb, effetto di oscillazione miniature singole, gestore di download, Dispositivi audio portatili, raccolte, Gruppo Home, nuovo sfondo del desktop.
3708 08/11/02 screenshot
3713 13/11/02 trapelamento:
26/04/11[55]
Nuova area Filtra per in Esplora risorse, nuova interfaccia per la visualizzazione in gruppi.
3718 19/11/02 trapelamento:
20/04/04[56]
Desktop Composition Engine con piena funzionalità, nuova barra delle applicazioni alternativa più sottile, maggiori informazioni sulle cartelle, Windows Media Player integrato in Esplora risorse e nella barra laterale, importazione guidata contatti.
Milestone 4 4001 04/12/02 screenshot Nuovo programma di installazione più veloce, nuova interfaccia per Installazione guidata della rete.
4002 08/01/03 screenshot:
04/05/08
Nuovo sfondo del desktop.
4005 28/01/03 screenshot
4006 03/02/03 screenshot
4008 19/02/03 trapelamento:
28/02/03[57]
Nuovo tema Plex, nuova interfaccia di ricerca, nuova barra breadcrumb, Controllo genitori, nuova barra degli indirizzi, nuova raccolta Documenti, ricerca nei contatti, disposizione in pila, proprietà integrate in Esplora risorse, nuovo stile notifiche, gestione applicazioni ad esecuzione automatica, nuovo menu contestuale barra delle applicazioni, Esplora risorse in .NET, nuovo salvaschermo.
4011 05/03/03 trapelamento:
21/07/06[58]
Nuova schermata di avvio, effetto di trasparenza, procedura guidata per il layout della barra laterale, nuova modalità di visualizzazione Titoli estesi, finestra esecuzione automatica migliorata, profilo utente portatile, area Filtra per semplificata.
Milestone 5 4015 (main) 28/03/03 screenshot:
13/04/03[59][60]
Nuova schermata iniziale, nuove schede per la modifica del layout delle barre sullo schermo, nuova raccolta Giochi, nuova disposizione delle miniature multiple nella barra breadcrumb, trasferimento rapido immagini da periferiche, testo barra del titolo al centro, nuovo sfondo del desktop.
trapelamento:
25/04/03[61]
4015 (Lab06_n) 03/04/03 mostrata alla WinHEC 2003:
08/05/03
Effetti animati sugli elementi della shell, ridimensionamento dinamico in scala delle finestre.
4018 17/04/03 video[62]
4029 19/06/03 screenshot:
19/08/03[63]
Nuova interfaccia in Esplora risorse e Internet Explorer, anteprime immagini al passaggio del mouse, orologio analogico, nuovo stile notifiche di sistema, Gestione sincronizzazione, nuova versione di Outlook Express, nuova disposizione icone in Gestione periferiche, blocco pop-up in Internet Explorer, possibilità di ordinare file e cartelle dalle colonne.
trapelamento:
14/09/03[64]
Milestone 6 4033 17/07/03 trapelata[65]
4039 27/08/03 trapelamento:
22/08/07
4042 09/09/03 trapelamento:
26/04/11[66]
4050 28/09/03 mostrata al PDC 2003 e al TechEd 2004
4051 Official PDC 2003 01/10/03 trapelamento:
20/10/03
4053 22/10/03 trapelamento:
02/03/04
Milestone 7 4074 Official WinHEC 2004 preview build 25/04/04 trapelamento:
05/04
4083 16/05/04 trapelamento:
10/11/04
4093 19/08/04 trapelata

Milestone 3[modifica | modifica sorgente]

Build 3663 (28 luglio 2002)[modifica | modifica sorgente]

La build 3663 è la prima build nota di Windows Longhorn. Alcuni screenshot trapelati il 19 ottobre 2002[50][67] mostravano:

  • una nuova schermata iniziale, con l'indicazione della data e dell'ora;[c 1]
  • una finestra di Risorse del computer riportante informazioni sull'utilizzo dello spazio su disco;[c 2]
  • un nuovo logo di Windows completamente bianco nel pulsante Start;
  • un nuovo sfondo del desktop.[c 3][68]
  1. ^ Icons-mini-image.gif Schermata iniziale (fonte)
  2. ^ Icons-mini-image.gif Risorse del computer (fonte)
  3. ^ Icons-mini-image.gif Sfondo Bliss (fonte)

Build 3670 (19 agosto 2002)[modifica | modifica sorgente]

Della build 3670 trapelarono alcuni screenshot che mostravano:

  • una nuova finestra di Gestione periferiche implementata in Esplora risorse;[d 1]
  • un nuovo stile per il pannello delle operazioni laterale in Esplora risorse;[d 2]
  • MSN Explorer 5.0 installato come componente di Windows.[d 3]
  1. ^ Icons-mini-image.gif Gestione periferiche
  2. ^ Icons-mini-image.gif Risorse del computer
  3. ^ Icons-mini-image.gif MSN Explorer

Build 3683 (23 settembre 2002)[modifica | modifica sorgente]

La build 3683 fu la prima build di Windows Longhorn a trapelare tramite Internet (il 19 novembre 2002),[53][69][70][71][72] e fu la prima a riportare il nome Longhorn XP Professional. Visivamente molto simile a Windows XP, mostrava per la prima volta:[73][74][75][76]

  • il nuovo tema Plex;[e 1]
  • una nuova barra laterale, in cui era possibile integrare dei componenti basati su XML detti tile (alla fine pubblicati con il nome di gadget nella Windows Sidebar di Windows Vista), tra cui un orologio digitale, una presentazione di immagini, una funzione di ricerca e un gestore di desktop multipli, e facoltativamente anche il pulsante Start disattivando la barra delle applicazioni tradizionale;[e 2][e 3]
  • il nuovo file system Windows Future Storage (WinFS), considerato dai primi beta tester solo uno spreco di memoria e CPU per la sua minima integrazione con l'interfaccia utente;
  • un nuovo pannello di controllo Proprietà dello schermo, creato sulla nuova API Avalon (poi scomparso nella build 3706[54]), con varie opzioni per lo sfondo del desktop e con proprietà avanzate dello schermo;[e 4][e 5][e 6]
  • la nuova versione 6.05 di Internet Explorer, con la nuova barra Media;[e 7]
  • una versione beta di DirectX 9.[e 8]

Diverse nuove funzionalità comparvero in Esplora risorse:

  • un nuovo grande pannello orizzontale sotto le barre degli strumenti di Esplora risorse, chiamato barra breadcrumb, disattivabile dalle Opzioni cartella, con grafica personalizzata per le cartelle speciali Documenti, Immagini e Musica, con effetti animati sulle miniature nel caso di selezioni multiple (poi scomparsi nella build 3718[56]);[e 9][e 10][e 11][e 12][e 13]
  • la nuova cartella speciale Contatti (non ancora funzionale);[e 14]
  • una barra degli indirizzi migliorata;[e 15]
  • le anteprime del contenuto delle cartelle nelle loro icone in modalità di visualizzazione Titoli;[e 16]
  • la possibilità di filtrare il contenuto di una cartella nella modalità di visualizzazione Dettagli di Esplora risorse;[e 17]
  • un nuovo slider per modificare la dimensione delle icone;[e 18]
  • la possibilità di raggruppare il contenuto di una cartella con dei criteri specifici;[e 19]
  • la possibilità di selezionare i file e le cartelle mediante caselle di controllo (poi scomparse nella build 3706[54]);[e 15]
  • una nuova interfaccia per le finestre di dialogo Apri e Salva con nome.[e 20]
  1. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà dello schermo (fonte)
  2. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà della barra delle applicazioni e del menu Start, Gestione periferiche, opzioni tile (fonte)
  3. ^ Icons-mini-image.gif Menu Start integrato nella barra laterale (fonte)
  4. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà dello schermo (Avalon) (fonte)
  5. ^ Icons-mini-image.gif Sfondo del desktop (Avalon)
  6. ^ Icons-mini-image.gif Scala e risoluzione (Avalon)
  7. ^ Icons-mini-image.gif Internet Explorer 6.05 (fonte)
  8. ^ Icons-mini-image.gif Strumento di diagnostica DirectX (fonte)
  9. ^ Icons-mini-image.gif Opzioni cartella (fonte)
  10. ^ Icons-mini-image.gif Documenti (fonte)
  11. ^ Icons-mini-image.gif Immagini (fonte)
  12. ^ Icons-mini-image.gif Musica (fonte)
  13. ^ Video icon 1.png Effetto di rotazione delle miniature multiple (fonte)
  14. ^ Icons-mini-image.gif Contatti
  15. ^ a b Icons-mini-image.gif Riquadro barra degli indirizzi, caselle di controllo per la selezione di file
  16. ^ Icons-mini-image.gif Visualizzazione Titoli
  17. ^ Icons-mini-image.gif Visualizzazione Dettagli con filtri nelle colonne (fonte)
  18. ^ Icons-mini-image.gif Slider per modificare la dimensione delle icone (fonte)
  19. ^ Icons-mini-image.gif Menu per il raggruppamento di file (fonte)
  20. ^ Icons-mini-image.gif Salva con nome (fonte)

Build 3706 (29 ottobre 2002)[modifica | modifica sorgente]

La build 3706, trapelata il 22 maggio 2004, è la prima nota ad includere:[54]

  • il Desktop Composition Engine (DCE), più tardi noto come Desktop Window Manager (DWM) (non ancora funzionale);[f 1]
  • la possibilità di modificare un'immagine e i suoi metadati dalla barra breadcrumb;[f 2][77]
  • un nuovo effetto animato sulle miniature singole visualizzate nella barra breadcrumb (poi scomparso nella build 3718[56]);[f 3]
  • gli abbozzi degli applet del Pannello di controllo Gestore di download e Dispositivi audio portatili;[f 4][f 5]
  • le raccolte Immagini e video e Musica (poi scomparse nella build 5308 e alla fine pubblicate in Windows 7);[f 6]
  • la possibilità di creare un castle (alla fine pubblicato in Windows 7 con il nome di Gruppo Home);[f 7]
  • un nuovo sfondo del desktop.[f 8][78]
  1. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà della scheda video
  2. ^ Icons-mini-image.gif Immagini (fonte)
  3. ^ Video icon 1.png Effetto di ondeggiamento delle miniature singole (fonte)
  4. ^ Icons-mini-image.gif Gestore di download
  5. ^ Icons-mini-image.gif Dispositivi audio portatili
  6. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà delle raccolte
  7. ^ Icons-mini-image.gif Impostazione guidata castle
  8. ^ Icons-mini-image.gif Sfondo Bliss (fonte)

Build 3713 (13 novembre 2002)[modifica | modifica sorgente]

La build 3713, trapelata il 26 aprile 2011, è la prima nota ad includere:[55]

  • una finestra di Esplora risorse con una nuova area Filtra per, al posto del pannello delle operazioni di Windows XP, per filtrare il contenuto della cartella corrente per nome, tipo, commenti e altri filtri specifici della visualizzazione;[g 1]
  • nuova interfaccia per la visualizzazione in gruppi in Esplora risorse.[g 2]
  1. ^ Icons-mini-image.gif Documenti, raccolta Immagini e video, raccolta Musica (fonte)
  2. ^ Icons-mini-image.gif Risorse del computer, Informazioni su Windows (fonte)

Build 3718 (19 novembre 2002)[modifica | modifica sorgente]

La build 3718, trapelata il 20 aprile 2004, è la prima nota ad includere:[56]

  • una versione completamente funzionante del Desktop Composition Engine, attivabile nelle Proprietà dello schermo, con animazioni alla chiusura e alla riduzione a icona delle finestre;[h 1][h 2][h 3]
  • una nuova barra delle applicazioni alternativa più sottile;[h 4]
  • la visualizzazione delle informazioni sulle cartelle nella modalità di visualizzazione Titoli;[h 5]
  • l'integrazione di Windows Media Player all'interno di Esplora risorse e della barra laterale;[h 6][h 7][79]
  • una procedura guidata per l'importazione dei contatti nella cartella speciale Contatti.[h 8]
  1. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà dello schermo
  2. ^ Video icon 1.png Effetto di chiusura delle finestre (fonte)
  3. ^ Video icon 1.png Effetto di riduzione a icona delle finestre (fonte)
  4. ^ Icons-mini-image.gif Barra delle applicazioni alternativa
  5. ^ Icons-mini-image.gif Tutti gli album
  6. ^ Icons-mini-image.gif Windows Media Player in Esplora risorse (fonte)
  7. ^ Video icon 1.png Windows Media Player nella barra laterale (fonte)
  8. ^ Icons-mini-image.gif Importazione guidata contatti

Milestone 4[modifica | modifica sorgente]

Build 4001 (4 dicembre 2002)[modifica | modifica sorgente]

Della build 4001 trapelarono alcuni screenshot che mostravano:

  1. ^ Icons-mini-image.gif Schermata di benvenuto del programma di installazione
  2. ^ Icons-mini-image.gif Installazione guidata della rete

Build 4002 (8 gennaio 2003)[modifica | modifica sorgente]

Della build 4002 trapelarono alcuni screenshot che mostravano un nuovo sfondo del desktop.[j 1] Scomparve temporaneamente il nuovo programma di installazione con interfaccia grafica.[81][82]

  1. ^ Icons-mini-image.gif Sfondo Bliss (fonte)

Build 4008 (19 febbraio 2003)[modifica | modifica sorgente]

La build 4008, consegnata privatamente a un ristretto gruppo di sviluppatori e trapelata il 28 febbraio 2003[57][83][84] dopo qualche mese di discrezione da parte di Microsoft, è la prima nota ad includere:[85][86][87][88][89][90][91][92]

  • un nuovo tema Plex;[k 1]
  • una barra breadcrumb migliorata;[k 2][k 3]
  • una nuova interfaccia di ricerca integrata con il file system WinFS per query in lingua naturale;[k 4]
  • la nuova funzionalità Controllo genitori;[k 5][93]
  • una barra degli indirizzi più simile a quella inclusa nella versione finale di Windows Vista;[k 6]
  • la nuova raccolta Documenti;[k 7][k 8]
  • una funzione di ricerca nei contatti;[k 9]
  • la possibilità di disporre in pila i file nelle raccolte;[k 10]
  • l'abbozzo di una finestra delle proprietà integrata in Esplora risorse;[k 11]
  • un nuovo stile per le notifiche di sistema;[k 12]
  • la possibilità di disattivare le applicazioni ad esecuzione automatica dalle opzioni per le prestazioni;[k 13][94]
  • un nuovo menu contestuale per la barra delle applicazioni alternativa;[k 14]
  • una versione di Esplora risorse convertita in applicazione .NET;
  • un nuovo salvaschermo.[k 15]
  1. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà dello schermo (fonte)
  2. ^ Icons-mini-image.gif Immagini (fonte)
  3. ^ Icons-mini-image.gif Musica
  4. ^ Icons-mini-image.gif Ricerca (fonte)
  5. ^ Icons-mini-image.gif Controllo genitori (fonte)
  6. ^ Icons-mini-image.gif Raccolta Documenti
  7. ^ Icons-mini-image.gif Raccolta Documenti (scheda Posizione)
  8. ^ Icons-mini-image.gif Raccolta Documenti (scheda Generale)
  9. ^ Icons-mini-image.gif Trova persone
  10. ^ Icons-mini-image.gif Raccolta Musica
  11. ^ Icons-mini-image.gif Dettagli di un file
  12. ^ Icons-mini-image.gif Notifica di sistema
  13. ^ Icons-mini-image.gif Opzioni prestazioni (fonte)
  14. ^ Icons-mini-image.gif Menu contestuale barra delle applicazioni
  15. ^ Icons-mini-image.gif Salvaschermo con logo Longhorn

Build 4011 (6 marzo 2003)[modifica | modifica sorgente]

La build 4011, trapelata il 21 luglio 2006,[58] è la prima nota ad includere:[95]

  • un nuovo logo nella schermata di avvio;[l 1]
  • un effetto di trasparenza alle finestre e al menu Start;[l 2]
  • una procedura guidata per la modifica del layout della barra laterale e della barra delle applicazioni sullo schermo, con anteprima in tempo reale;[l 3]
  • la nuova modalità di visualizzazione Titoli estesi (alla fine pubblicata in Windows Vista con il nome Contenuto);[l 4]
  • una finestra migliorata per le opzioni di esecuzione automatica delle periferiche;[l 5]
  • la possibilità di creare un "profilo utente portatile" su un'unità USB in cui sincronizzare file, impostazioni e preferenze dell'utente;[l 6]
  • un'area Filtra per semplificata.[l 4]
  1. ^ Icons-mini-image.gif Schermata di avvio
  2. ^ Video icon 1.png Effetti di trasparenza del Desktop Composition Engine (fonte)
  3. ^ Icons-mini-image.gif Sposta barra laterale e barra delle applicazioni
  4. ^ a b Icons-mini-image.gif Immagini campione
  5. ^ Icons-mini-image.gif Esecuzione automatica disco rimovibile
  6. ^ Icons-mini-image.gif Crea profilo utente portatile

Milestone 5[modifica | modifica sorgente]

Build 4015 main (28 marzo 2003)[modifica | modifica sorgente]

La build 4015 main, trapelata il 25 aprile 2003,[61] è la prima nota ad includere:[96][97][98][99]

  • una nuova schermata iniziale;[m 1]
  • nuove schede nelle proprietà del menu Start per la modifica del layout della barra laterale e della barra delle applicazioni sullo schermo;[m 2][m 3]
  • la nuova raccolta Giochi;[m 4]
  • una nuova disposizione delle miniature nella barra breadcrumb nel caso di selezioni multiple;[m 5]
  • la nuova funzione Trasferimento silenzioso per spostare rapidamente le immagini digitali da un'unità USB nel disco fisso del computer;[m 6][m 7]
  • il nuovo allineamento centrato per il testo nella barra del titolo delle finestre;
  • un nuovo sfondo del desktop.[m 8]

Questa build era afflitta da problemi di uso eccessivo di memoria piuttosto gravi, dovuti soprattutto al file system WinFS.

  1. ^ Icons-mini-image.gif Schermata iniziale (fonte)
  2. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà menu Start (scheda 1)
  3. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà menu Start (scheda 2) (fonte)
  4. ^ Icons-mini-image.gif Raccolta Giochi
  5. ^ Icons-mini-image.gif Raccolta Immagini e video
  6. ^ Icons-mini-image.gif Trasferimento silenzioso (finestra di input)
  7. ^ Icons-mini-image.gif Trasferimento silenzioso (tile)
  8. ^ Icons-mini-image.gif Sfondo Bliss (fonte)

Build 4015 Lab06_n (3 aprile 2003)[modifica | modifica sorgente]

La build 4015 Lab06_n fu la prima build di Windows Longhorn ad essere mostrata pubblicamente da Microsoft, alla WinHEC 2003 (6-8 maggio 2003). Alla conferenza, vennero dimostrate le potenzialità del nuovo Desktop Composition Engine (DWM): con l'aiuto di script contenuti in file batch, vennero mostrati in azione numerosi effetti animati applicati su tutti gli elementi della shell di Windows, compresa la barra delle applicazioni, e venne esaminata la funzionalità di ridimensionamento dinamico in scala delle finestre a seconda della densità dello schermo.[n 1][n 2][n 3][100][101]

  1. ^ Icons-mini-image.gif Calcolatrice ridimensionata in scala (fonte)
  2. ^ Video icon 1.png Effetti animati (da PC Watch) (fonte)
  3. ^ Video icon 1.png Effetti animati (da ExtremeTech) (fonte)

Build 4029 (19 giugno 2003)[modifica | modifica sorgente]

La build 4029, trapelata il 14 settembre 2003,[64] è la prima build nota ad includere:[102][103][104][105]

  • una nuova barra nella parte superiore della finestra di Esplora risorse e di Internet Explorer, che comprendeva i controlli per la navigazione, il nome della cartella corrente e la barra degli indirizzi;[o 1][o 2]
  • la visualizzazione delle anteprime di file immagine e video all'interno di riquadri mobili al passaggio del mouse;[o 3]
  • un nuovo stile grafico dell'orologio analogico nella barra laterale;[o 4]
  • un nuovo stile per le notifiche di sistema;[o 5]
  • il nuovo applet del Pannello di controllo Gestione sincronizzazione (alla fine pubblicato con il nome Centro sincronizzazione in Windows Vista);[o 6]
  • una nuova versione di Outlook Express, che si basa sul file system WinFS per l'archiviazione dei messaggi di posta elettronica;[o 7]
  • una nuova modalità di visualizzazione delle icone in Gestione periferiche;[o 8]
  • una funzione per il blocco dei pop-up in Internet Explorer;[o 9]
  • un nuovo sistema di ordinamento di file e cartelle a livello delle colonne.[o 10]

Diverse stringhe di testo relative alle informazioni sul sistema operativo apparivano scherzosamente convertite nel linguaggio pig latin: ad esempio, la finestra delle proprietà del sistema visualizzava il testo icrosoftMay onghornLay omeHay ditionEay ersionVay 2003, che stava per Microsoft Longhorn Home Edition Version 2003.[o 11] Microsoft più tardi spiegò che si trattava semplicemente di un codice di prova per rendere più semplice e veloce la modifica del nome del prodotto e del numero di versione in tutte le aree del sistema operativo.[106]

  1. ^ Icons-mini-image.gif Risorse del computer (fonte)
  2. ^ Icons-mini-image.gif Internet Explorer (fonte)
  3. ^ Icons-mini-image.gif Immagini (fonte)
  4. ^ Icons-mini-image.gif Tile Orologio
  5. ^ Icons-mini-image.gif Notifica di sistema (fonte)
  6. ^ Icons-mini-image.gif Gestione sincronizzazione
  7. ^ Icons-mini-image.gif Outlook Express
  8. ^ Icons-mini-image.gif Gestione periferiche (fonte)
  9. ^ Icons-mini-image.gif Opzioni blocco pop-up di Internet Explorer (fonte)
  10. ^ Icons-mini-image.gif Documenti (fonte)
  11. ^ Icons-mini-image.gif Proprietà del sistema (fonte)

Milestone 6[modifica | modifica sorgente]

La build 4033 (compilata il 17 luglio 2003) era simile alla 4029, ma conteneva alcuni miglioramenti della interfaccia utente, compreso un tema Plex aggiornato.

La build 4039 (compilata il 27 agosto 2003) trapelò il 22 agosto 2007. Questa build includeva Phodeo, una visualizzazione 3D per le foto, una versione completa del Desktop Composition Engine (DWM) e un effetto vetro. Questa fu l'ultima build ad includere lo stile visivo Plex.

La build 4042 (compilata il 9 settembre 2003) fu probabilmente la prima build ad avere il tema Slate (Lab06) anziché il tema Plex (winmain) visto nelle build precedenti. Tuttavia, era ancora presente l'effetto vetro di Aero della build 4039. La parola "My" fu rimossa da My Computer (Risorse del computer) e da My Network Places (Risorse di rete).

La build 4050 (compilata il 28 settembre 2003) venne mostrata al TechEd 2004 in Israele e fu una delle molte build numerate con 4050 utilizzate nelle demo di Microsoft, in particolare alla Professional Developers Conference 2003.

La build Official PDC 2003 (compilata il 1º ottobre 2003 con il numero di build 4051) non venne resa disponibile al pubblico generale, ma trapelò il 20 ottobre 2003. Includeva il tema Slate, che aveva debuttato nella 4042.Lab06. I critici notarono delle nuove funzioni in Internet Explorer 6.05, tra cui una funzione per la gestione dei componenti aggiuntivi e uno strumento per svuotare la cronologia di navigazione.[107] Inoltre il pulsante di avvio era privo del testo Start.

La build 4053 (compilata il 22 ottobre 2003) trapelò il 2 marzo 2004 e presentava alcuni cambiamenti minori.

Milestone 7[modifica | modifica sorgente]

La build 4074 (compilata il 25 aprile 2004), detta Official WinHEC 2004 preview build, trapelò nel maggio 2004. Questa build introdusse un nuovo tema Jade, e sostituì molte icone in stile XP con nuove icone in stile Longhorn. Inoltre, fu introdotto il tipo di carattere Segoe UI per il tema Jade.

La build 4083 (compilata il 16 maggio 2004) trapelò il 20 novembre 2004. A partire da questa versione vennero abbandonati sia la barra laterale sia WinFS. È considerata altamente instabile, in particolare per l'assenza di programmi nel menu Start e per problemi connessi ai driver e all'installazione.

La build 4093 (compilata il 29 agosto 2004) fu una delle ultime build compilate prima del reset di sviluppo. Considerata altamente instabile, includeva la barra laterale, WinFS e una versione di Windows Movie Maker basata su Avalon. Nascosto nella cartella System32 vi era l'applet del Pannello di controllo Proprietà dello schermo basato su Avalon, simile a quello della build 3683.

Sviluppo RTM: dal reset di sviluppo alla versione finale[modifica | modifica sorgente]

Entro la fine del 2003, divenne ovvio al team di sviluppo che si stava perdendo di vista quello che era necessario fare per completare la successiva versione di Windows e venderla ai clienti. Internamente, alcuni impiegati Microsoft iniziarono a descrivere il progetto Longhorn come «un altro Cairo», riferendosi al progetto di sviluppo Cairo che la società aveva intrapreso nella prima metà degli anni '90, che non sarebbe mai risultato nella vendita di un sistema operativo (anche se quasi tutte le tecnologie sviluppate al tempo sarebbero finite in Windows 95 e NT[108]).

In un articolo da prima pagina del 23 settembre 2005 su The Wall Street Journal,[109] il co-presidente di Microsoft Jim Allchin, che aveva la responsabilità generale per lo sviluppo e la distribuzione di Windows, spiegò come lo sviluppo di Longhorn si stesse «schiantando al suolo», a causa in gran parte dei metodi disordinati con i quali le funzionalità venivano introdotte e integrate nel core del sistema operativo, senza concentrarsi chiaramente su un prodotto finale. Un membro del team di sviluppo del progetto Longhorn avrebbe ricordato diversi anni più tardi:

(EN)
« Longhorn was depressing because it was clearly not going to work, but upper management was so blinded by the vision that they ignored the engineering realities and pressed on. The lower down you got in the organization the less people believed in Longhorn. Individual developers and testers knew the product was unshippable months before Allchin admitted it. […] there was no-one driving WinFS performance – all that work was scheduled for 'later'. In general, all the signs that things were completely broken (bugs, performance, build issues) were ignored or postponed in the hope that we could somehow finish the project before it imploded. […] It was fascinating because Longhorn was so incredibly expensive and disastrous. Keeping an engineer employed for a year costs ~$200K-$250K so developing the pre-reset Longhorn code (which was thrown away) cost at least tens of millions of dollars. »
(IT)
« Longhorn era deprimente perché non avrebbe chiaramente funzionato, ma gli alti dirigenti erano così accecati dalla visione che ignorarono la realtà ingegneristica e premevano per andare avanti. Più si scendeva nella società e meno persone credevano in Longhorn. I singoli sviluppatori e tester sapevano che il prodotto era invendibile mesi prima che lo ammettesse Allchin. […] non c'era nessuno a guidare le prestazioni di WinFS – tutto quel lavoro venne pianificato per "dopo". In generale, tutti i segni che le cose erano completamente a pezzi (bug, prestazioni, problemi di compilazione) vennero ignorati o posticipati nella speranza che potessimo in qualche modo finire il progetto prima che implodessero. […] Era affascinante perché Longhorn fu così incredibilmente costoso e disastroso. Mantenere un ingegnere impiegato per un anno costa ~200-250 mila $, così sviluppare il codice pre-reset di Longhorn (che venne buttato via) costò almeno decine di milioni di dollari. »
(uno sviluppatore del progetto Longhorn, 21 febbraio 2012[110])

Nel dicembre 2003, Allchin chiese aiuto a due altri dirigenti, Brian Valentine e Amitabh Srivastava: il primo aveva avuto esperienza nella vendita di software Microsoft, soprattutto di Windows Server 2003,[111] e il secondo aveva trascorso la sua carriera in Microsoft sviluppando metodi per produrre sistemi di testing ad alta qualità e svolgendo ricerca su di essi.[112] Srivastava assunse un team di architetti del core per mappare visivamente l'intero sistema operativo Windows, e per lavorare attivamente verso un processo di sviluppo che avrebbe imposto elevati livelli di qualità del codice, ridotto le interdipendenze tra i componenti e, in generale, «evitato di peggiorare le cose con Vista».[113] Queste cose, oltre al fatto che molti degli sviluppatori e degli ingegneri più capaci di Microsoft avevano lavorato su Windows Server 2003, portarono alla decisione di effettuare un reset di sviluppo di Longhorn, compilando sullo stesso codice che sarebbe diventato Windows Server 2003 Service Pack 1, anziché su quello del più vecchio Windows XP. Questo cambiamento, annunciato internamente agli impiegati Microsoft il 26 agosto 2004, iniziò ai primi di settembre, anche se sarebbero passati diversi mesi prima che il nuovo processo di sviluppo e la nuova metodologia di compilazione fossero utilizzati da tutti i team di sviluppo. Alcuni sviluppatori interni e lo stesso Bill Gates si lamentarono del fatto che sarebbe diventato eccessivamente difficoltoso lavorare nel nuovo processo di sviluppo. I cambiamenti ai laboratori di compilazione risultarono anche in un certo periodo di tempo durante il quale nessuna build di Longhorn trapelò tramite Internet.

Alla presentazione di apertura della WinHEC 2005, Bill Gates annunciò inoltre che si stava per effettuare il backporting a Windows XP e Server 2003 di molte delle API per gli sviluppatori relative a WinFX che erano state originariamente pianificate esclusivamente per Windows Longhorn, e che l'interfaccia utente finale di Windows Longhorn non si sarebbe vista per un po' di tempo. Furono discusse inoltre altre funzionalità come risoluzioni indipendenti dalla periferica, icone rasterizzate, cartelle virtuali e virtualizzazione del registro.

Entro l'inizio di luglio 2005, essendosi cacciata in un guaio, per così dire, con la scelta di nomi come Windows Me e XP per le precedenti versioni client di Windows, Microsoft doveva trovare un nome ancora più interessante per Longhorn, per evitare la percezione che questa fosse una versione noiosa (supponendo che Windows 2006 sarebbe suonato meno eccitante di Windows XP). La società considerò diversi nomi da semplici a fantasiosi e creativi. Alla fine, Microsoft scelse Windows Vista. John B. Williams, general manager di Windows Communications, dichiarò:

(EN)
« I'm totally psyched about the name. I think it's a great opportunity for us to have a name that reflects that wonderful intersection of what the product really does, what Windows stands for, and what resonates with customers, and their needs. I know that sounds like a marketing response but that's really how I feel. »
(IT)
« Sono del tutto entusiasmato riguardo al nome. Penso che sia una grande opportunità per noi per avere un nome che riflette quella meravigliosa intersezione di che cosa fa veramente il prodotto, di che cosa rappresenta Windows, e di che cosa entra in risonanza con i clienti e con le loro necessità. So che sembra una risposta di marketing ma è come mi sento davvero. »
(John B. Williams, 18 agosto 2005[114])

Greg Sullivan, manager del Group Project, disse:

(EN)
« You want the PC to adapt to you and help you cut through the clutter to focus on what’s important to you. That's what Windows Vista is all about: bringing clarity to your world, so you can focus on what matters to you. »
(IT)
« Vuoi che il PC si adatti a te e ti aiuti ad attirare l'attenzione su di te per concentrarsi su ciò che è importante per te. Questo è che cosa significa Windows Vista: portare chiarezza al tuo mondo[nota 1], in modo che tu possa concentrarti su ciò che ti interessa. »
(Greg Sullivan, 25 luglio 2005[115])
  1. ^ Un riferimento ai tre punti di marketing di Vista: Clear, Connected, Confident (letteralmente "chiaro, connesso, confidente").

Il co-presidente di Microsoft James Allchin commentò:

(EN)
« I love this name. 'Vista' creates the right imagery for the new product capabilities and inspires the imagination with all the possibilities of what can be done with Windows – making people's passions come alive. »
(IT)
« Amo questo nome. "Vista" crea nella mente le giuste immagini per le nuove capacità del prodotto e ispira l'immaginazione con tutte le possibilità di quello che si può fare con Windows – dando vita alle passioni della gente. »
(James Allchin, 25 luglio 2005[115])

A partire dalla September CTP, Microsoft iniziò a pubblicare ai beta tester delle regolari Community Technical Preview (CTP), la cui stabilità era meno curata rispetto a quella delle beta effettive.

Il 9 marzo 2006, all'Intel Developer Forum, Microsoft annunciò un cambio di piani riguardo al supporto ad EFI in Windows Vista. La specifica UEFI 2.0 (che sostituisce EFI 1.10) non fu completata fino all'inizio del 2006, e al tempo dell'annuncio di Microsoft nessun produttore di firmware aveva completato un'implementazione della produzione che potesse essere utilizzata per testing. Di conseguenza, si prese la decisione di posticipare l'introduzione del supporto a UEFI su Windows; il supporto a UEFI sulle piattaforme a 64 bit sarebbe stato posticipato fino al Service Pack 1 di Windows Vista e a Windows Server 2008, e UEFI a 32 bit non sarà supportato, poiché Microsoft non prevede che saranno stati costruiti così tanti sistemi quando il mercato si sposterà ai processori a 64 bit.[116][117]

A giugno, Microsoft apportò due cambiamenti significativi ai piani per Windows Vista. L'inclusione del supporto a XML Paper Specification in Windows Vista e Office 2007 fu un importante oggetto di controversia con Adobe Systems. Quando fu introdotto per la prima volta nel maggio 2005, XPS (noto all'epoca come Metro) venne descritto come un «killer dei PDF», ma un rappresentante di Adobe dichiarò di «non essere minacciati» dalla sua aggiunta in Longhorn.[118] Tuttavia, un anno dopo, Adobe cambiò la propria posizione, e vide l'inclusione di un nuovo formato di documento come un attacco anti-competitivo al loro formato Portable Document Format (PDF). Mentre si rifiutò di rimuovere completamente XPS, facendo notare che si trovava nel core del sistema di spooling di stampa di Windows Vista, Microsoft offrì la possibilità ai costruttori di sistemi e agli OEM di rimuovere dal sistema operativo tutti gli aspetti del formato di documento visibili all'utente.[119] Qualche giorno dopo, fu annunciato che la sincronizzazione da un PC all'altro non sarebbe stata fornita con Windows Vista.[120]

Il 14 giugno 2006, lo sviluppatore di Windows Philip Su pubblicò un intervento in un blog che denunciava il processo di sviluppo di Windows Vista:

(EN)
« Ask any developer in Windows why Vista is plagued by delays, and they'll say that the code is way too complicated, and that the pace of coding has been tremendously slowed down by overbearing process. »
(IT)
« Chiedi a qualsiasi sviluppatore di Windows il motivo per cui Vista è afflitto da ritardi, e diranno che il codice è veramente troppo complicato, e che il ritmo di scrittura del codice è stato tremendamente rallentato da un processo opprimente. »
(Philip Su, 14 giugno 2006[121])

Lo stesso post descrisse inoltre Windows Vista come composto approssimativamente da 50 milioni di righe di codice, con circa 2.000 sviluppatori al lavoro sul prodotto.

Durante una dimostrazione della funzionalità di riconoscimento vocale introdotta in Windows Vista al Financial Analyst Meeting il 27 luglio 2006, il software riconobbe la frase «Dear mom» come «Dear aunt». Dopo diversi tentativi falliti per correggere l'errore, la frase alla fine divenne: «Dear aunt, let's set so double the killer delete select all».[122] Uno sviluppatore appartenente al team di riconoscimento vocale di Windows Vista in seguito spiegò che c'era un bug con la build di Vista che aveva fatto sì che il livello di guadagno del microfono fosse impostato molto alto, causando una ricezione «incredibilmente distorta» dell'audio da parte del software di riconoscimento vocale.[123]

L'8 agosto 2006 il Microsoft Security Response Center fornì fix di sicurezza "critici" per la beta 2 di Windows Vista, rendendola il primo prodotto di Microsoft a ricevere degli aggiornamenti di sicurezza mentre è ancora in beta.[124][125]

Poiché una build Release to Manufacturing (RTM) è la versione finale del codice fornita ai venditori al dettaglio e ad altri distributori, lo scopo di una build pre-RTM è eliminare tutti gli ultimi bug show-stopper che potrebbero impedire la vendita responsabile del codice ai clienti, oltre a tutto ciò che i clienti potrebbero trovare fastidioso. Così, le build Pre-RTM non introdussero qualche nuova funzionalità principale; invece, il lavoro si concentrò sulla rifinitura di Windows Vista. In solamente qualche giorno, gli sviluppatori riuscirono a far abbassare il numero dei bug di Windows Vista da oltre 2470 del 22 settembre a soli oltre 1400 alla pubblicazione della RC2 ai primi di ottobre. Tuttavia, avevano ancora molto da fare prima che Windows Vista fosse pronto per la RTM. I processi interni di Microsoft richiedevano che il numero di bug di Windows Vista scendesse a 500 o meno prima che il prodotto potesse andare in escrow per la RTM.[126] La maggior parte delle build Pre-RTM furono pubblicate solo in versione a 32 bit.

Build di sviluppo note[modifica | modifica sorgente]

Tabella delle build di sviluppo note di Windows Vista dopo il reset di sviluppo

Fase di sviluppo Numero di build[48] Nome ufficiale Compilata il Disponibile dal[49]
in via ufficiale in via non ufficiale
Longhorn "D1"
o Milestone 8/9
3790.1232 19/08/04 // trapelamento:
14/08/11[127]
5001 12/09/04 //
5048 Longhorn Developer Preview 01/04/05 ai partecipanti al WinHEC 2005 trapelata
5060 17/04/05 //
Beta 1 5112 Windows Vista Beta 1 20/07/05 ai beta tester:
27/07/05
trapelata[65]
CTP 5219 CTP1, September CTP 30/08/05 ai beta tester:
13/09/05
trapelata[65]
5231 CTP2, October 2005 CTP 04/10/05 ai beta tester:
17/10/05
trapelata[65]
5259 17/11/05 ai beta tester:
22/11/05
trapelamento:
07-12-05
5270 December CTP 19/12/05 ai beta tester:
19/12/05[128]
trapelata[65]
5308 February CTP 17/02/06 ai beta tester:
22/02/06
trapelata[65]
5308.60 23/02/06 ai beta tester:
28/02/06
5342 February CTP Refresh 21/03/06 ai beta tester:
24/03/06
trapelata[65]
Beta 2 5365 April EDW 19/04/06 ai beta tester:
21/04/06
trapelata[65]
5381 Windows Vista Beta 2 Preview 01/05/06 ai beta tester:
06/05/06
trapelamento:
03/05/06
5384 Windows Vista Beta 2 18/05/06 ai beta tester:
23/05/06[129]
download pubblico:
06/06/06
Pre-RC1 5456 20/06/06 ai beta tester:
24/06/06[130]
trapelata[65]
5472 13/07/06 ai beta tester:
17/07/06[131]
trapelata[65]
5536 21/08/06 ai beta tester:
24/08/06
100.000 download pubblici:
29/08/06
RC1 5600.16384 Windows Vista Release Candidate 1 29/08/06 ai beta tester:
01/09/06
ai membri CPP:
06/09/06
Pre-RC2 5700 10/08/06 mostrata al TechEd 2006
5728 17/09/06 ai beta tester:
22/09/06
download pubblico versione a 32 bit:
23/09/06
download pubblico versione a 64 bit:
25/09/06
RC2 5744.16384 Windows Vista Release Candidate 2 03/10/06 ai membri CPP:
06/10/06
Pre-RTM 5808 12/10/06 ai beta tester:
19/10/06[132]
5824 17/10/06 //
5840 18/10/06 //
RTM 6000.16386 01/11/06 ai beta tester:
16/11/06
commercializzazione:
30/01/07

Longhorn "D1" o Milestone 8/9[modifica | modifica sorgente]

La build 3790.1232 (compilata il 19 agosto 2004, trapelata il 14 agosto 2011)[133] è importante, poiché fu la prima build di Longhorn basata sul codice di Windows Server 2003, ma con l'interfaccia di Windows XP. Le successive build interne per diversi mesi integrarono gradualmente molto del lavoro di base che era stato fatto durante i tre anni precedenti, ma con regole molto più rigide riguardo al codice che poteva essere portato nelle build principali. Le build di questo periodo erano descritte in vario modo come Longhorn "D1"[senza fonte] e come Milestone 8/9, a seconda se si considera il nuovo o il vecchio albero delle build su cui si stava lavorando.

La build 5001 (compilata il 12 settembre 2004) è un'altra build di Windows Longhorn che ha l'interfaccia di Windows XP. Anche lo sfondo è lo stesso di Windows XP, ma con un toro Longhorn del Texas rappresentato. Anche la schermata di avvio è la stessa di Windows XP, ma invece di xp ha lh, che sta per Longhorn.

La build 5048 (compilata il 1º aprile 2005) fu la build di anteprima ufficiale della WinHEC 2005, descritta come Longhorn Developer Preview, e resa disponibile ai partecipanti della WinHEC il 24 aprile 2005. Fu l'unica build di questo periodo che fu resa disponibile da Microsoft; non fu ufficialmente distribuita al di fuori della WinHEC, ma la build apparve velocemente nelle reti di file sharing. In questa build fece la sua prima apparizione lo stile visivo Aero, e il Desktop Window Manager era presente ma disattivato e nascosto per impostazione predefinita.

La maggiore rassomiglianza della build 5048 a Windows XP rispetto alle precedenti build di Longhorn del 2003 sorprese molti. Paul Thurrott scrisse:

(EN)
« My thoughts are not positive, not positive at all. This is a painful build to have to deal with after a year of waiting, a step back in some ways. I hope Microsoft has surprises up their sleeves. This has the makings of a train wreck. »
(IT)
« I miei pensieri non sono positivi, assolutamente non positivi. Questa è una build dolorosa con cui aver a che fare dopo un anno di attesa, un passo indietro per certi versi. Spero che Microsoft abbia in serbo delle sorprese. Ci sono le premesse per un disastro. »
(Paul Thurrott, 26 aprile 2005[134])

Alcuni mesi dopo, Thurrott dichiarò che il processo di sviluppo di Vista si era rimesso in sesto nelle build più recenti.

La build 5060 (compilata il 17 aprile 2005) non presentava molte differenze dalla build 5048, fatta eccezione per una nuova schermata di avvio.

Beta 1[modifica | modifica sorgente]

Windows Vista Beta 1 (build 5112, compilata il 20 luglio 2005), pubblicata il 27 luglio 2005, fu la prima build di Windows Longhorn ad essere chiamata Windows Vista, e fu resa disponibile agli abbonati a Microsoft Developer Network (MSDN) e TechNet e anche a un gruppo selezionato di beta tester Microsoft.

In confronto alla build della WinHEC pubblicata ad inizio anno, la beta 1 fece grandi progressi introducendo nuove funzionalità relative all'interfaccia utente. La shell di Windows venne ancora una volta modificata drasticamente, con l'introduzione delle cartelle virtuali, di una nuova interfaccia di ricerca, di alcune nuove icone ad alta risoluzione, e di una interfaccia di Esplora risorse rinnovata che abbandonava i menu e la maggior parte dei pulsanti della barra degli strumenti presenti nelle versioni precedenti. La beta 1 introdusse inoltre molte delle tecnologie di base previste per Windows Vista, compresi i nuovi stack audio e di rete, il "Controllo genitori", e una build funzionante abbastanza completa del .NET Framework 3.0, a cui all'epoca ci si riferiva con il termine WinFX.

Community Technology Preview (CTP)[modifica | modifica sorgente]

La build 5219 (compilata il 30 agosto 2005), anche nota come CTP1 e September CTP, venne distribuita tra i partecipanti alla PDC 2005 il 13 settembre 2005, e venne pubblicata ai beta tester Microsoft e agli abbonati MSDN. Fu la prima build Ultimate Edition pubblica, e includeva SuperFetch. Anche se non attivi per impostazione predefinita, questo aggiornamento vide il ritorno della Windows Sidebar, che era stata rimossa nel reset di sviluppo, e l'introduzione dei gadget per il desktop, entrambi parte della linea Microsoft di mini-applicazioni in stile gadget. Microsoft dichiarò che sarebbero stati resi disponibili per il download dei gadget aggiuntivi nel corso del tempo attraverso un sito Web. Questa build includeva inoltre una nuova versione di Windows Media Center dal nome in codice Diamond.

Anche se Microsoft aveva dichiarato che WinFS non avrebbe fatto il suo debutto in Windows Vista, gli utenti della build 5219 notarono che WinFS era di fatto incluso in quella versione. Diversi siti e newsgroup, come Neowin e SuperSite for Windows di Paul Thurrott, ipotizzarono che WinFS sarebbe di fatto stato pronto in tempo per la pubblicazione di Windows Vista.

La build 5231 (compilata il 4 ottobre 2005), anche nota come CTP2 o October 2005 CTP, venne pubblicata agli abbonati di MSDN e ai beta tester di Microsoft il 17 ottobre 2005. Questa build Ultimate introduceva la versione 11 di Windows Media Player.[135] Venne aggiunta l'utilità del Mixer volume, che consente di gestire il livello del volume di ogni programma in esecuzione.[136]

La build 5259 (compilata il 17 novembre 2005) venne pubblicata ai membri del Microsoft Technology Adoption Program (TAP) il 22 novembre 2005. La pubblicazione fu originariamente annunciata per il 18 novembre come November CTP. Tuttavia Microsoft cancellò la November CTP a causa della sua instabilità, e pubblicò questa build solo ai membri TAP. La barra laterale venne temporaneamente rimossa; la build presentava qualche nuovo cambiamento all'interfaccia utente, tra cui la possibilità di modificarne il colore e la chiarezza. Venne integrato Windows AntiSpyware (presto ridenominato Windows Defender). Outlook Express venne rinominato "Windows Mail". Era una build IDW, ovvero non era passata nel processo di testing CTP. Trapelò su Internet il 7 dicembre 2005.

La December CTP (compilata il 14 dicembre 2005 con il numero di build 5270) venne pubblicata ai tester e su MSDN il 19 dicembre 2005, ed era molto vicina al completamento delle funzionalità. Da allora, la build con il completamento delle funzionalità fu ritardata fino alla fine del gennaio 2006.[137] In questa build, Windows AntiSpyware fu rinominato Windows Defender, e Internet Explorer 7 presentava una nuova icona e un nuovo logo. Ci furono alcuni cambiamenti minori all'interfaccia utente.

La December CTP fu anche l'ultima build di Windows Vista a supportare il bypass del requisito del modello per i driver WDDM, consentendo quindi di eseguire il Desktop Window Manager (UXSS al tempo della build) utilizzando l'emulazione vertex software. A causa di questo cambiamento nelle build successive alla 5270, le ben note chiavi UseMachineCheck e EnableMachineCheck non avrebbero più consentito di eseguire il Desktop Window Manager in modalità di emulazione software.

La February CTP (compilata il 17 febbraio 2006 con il numero di build 5308) fu pubblicata il 22 febbraio 2006 e fu la prima CTP dalle funzionalità complete. Questa build era indirizzata alle imprese. Fu anche la prima build a mettere a disposizione durante l'installazione la possibilità di effettuare l'aggiornamento a partire da una versione di Windows precedente. Questa build, secondo Microsoft, includeva tutte le funzionalità che i clienti avrebbero visto nella versione finale, tranne una che sarebbe dovuta comparire nella CTP successiva. Tuttavia, le build successive portarono alcuni miglioramenti in più rispetto a quanto previsto in precedenza. Venne effettuata una revisione non organizzata a questa build che fu pubblicata il 28 febbraio 2006 come build 5308.60 (compilata il 23 febbraio) come il risultato di un Windows Server Longhorn avente molti problemi.

La February CTP Refresh (compilata il 21 marzo 2006 con il numero di build 5342) venne pubblicata il 24 marzo 2006. Questa build fu distribuita ai beta tester tecnici e ad alcuni clienti aziendali di Microsoft e fu usata come banco di prova per l'ampio numero di pareri ricevuti dalla February CTP. Questa versione veniva descritta come una «postazione di lavoro esterna per gli sviluppatori», con l'intento di fornire una build intermedia tra le CTP. Microsoft sostenne che aveva ancora intenzione di distribuire la successiva CTP nel secondo quarto dell'anno, l'ultima nel fork della beta 2. La build includeva cambiamenti minori all'interfaccia utente, in particolare miglioramenti a Windows Media Center, nuovi effetti Aero e Aurora, un processo di installazione più rapido, alcuni nuovi gadget per la barra laterale, e leggeri miglioramenti nelle prestazioni e nella stabilità generali. Includeva inoltre una versione leggermente migliorata di Paint, uno strumento per la cattura e il salvataggio di screenshot e un Centro di rete leggermente ridisegnato. Questa build non soddisfava le misure di qualità CTP, e fu resa disponibile solo nell'edizione Ultimate, per sistemi sia a 32 bit (x86) sia a 64 bit (x64).

Beta 2[modifica | modifica sorgente]

La April EDW (compilata il 19 aprile 2006 con il numero di build 5365), pubblicata il 21 aprile 2006, introdusse alcuni cambiamenti agli elementi visivi dell'interfaccia utente e al comportamento del Controllo account utente. Vennero anche aggiunti alcuni nuovi sfondi e due salvaschermo. Vennero attivate per impostazione predefinita la barra laterale e la deframmentazione automatica del disco fisso. Hold'em, un gioco che era stato fornito insieme ad alcune CTP precedenti, venne abbandonato a causa di apparenti problemi di «sensibilità politica»; Microsoft lo avrebbe offerto come download Web separato per gli utenti di Windows Vista Ultimate.[138]

La Windows Vista Beta 2 Preview (compilata il 1º maggio 2006 con il numero di build 5381) trapelò il 3 maggio 2006 e venne ufficialmente pubblicata il 6 maggio 2006 ai beta tester tecnici di Microsoft. Forniva principalmente miglioramenti alle prestazioni e solo pochi cambiamenti minori in confronto alla build 5365. Con questa build, Microsoft entrò nella escrow della beta 2.

La Windows Vista Beta 2 (compilata il 18 maggio 2006 con il numero di build 5384) fu pubblicata agli abbonati MSDN (la prima dalla 5308) e ai tester Microsoft Connect il 23 maggio 2006 in concomitanza con la presentazione di apertura di Bill Gates alla conferenza WinHEC 2006. Il 6 giugno, Microsoft estese la disponibilità della beta 2 a tutti gli utenti, rendendo Windows Vista disponibile come download gratuito in diverse lingue dal suo sito Web. Alcuni siti Web di tecnologia descrissero questa versione come "il più grande evento di download nella storia del software".[139]

Pre-Release Candidate 1 (Pre-RC1)[modifica | modifica sorgente]

La build 5456 (compilata il 20 giugno 2006) venne pubblicata il 24 giugno 2006. Alcune delle nuove funzionalità comprendevano un sottosistema Aero aggiornato, e un'interfaccia per il Controllo account utente completamente rivista e significativamente meno invadente. Ritornò la visualizzazione Elenco in Esplora risorse, dopo che era stata rimossa nella beta 1. Lo sviluppatore Microsoft Ben Betz in seguito spiegò in un suo intervento in un blog che, mentre era sembrato che rimuovere la modalità Elenco avesse avuto senso sulla base di una ricerca sulla usabilità e della sua incapacità di supportare la nuova funzionalità di "raggruppamento" di Esplora risorse, la funzionalità venne ripristinata sulla base di una grande quantità di pareri provenienti dai beta tester.[140]

Le note di versione per la build dichiararono che era stata fornita una patch per il bug relativo al fuso orario che aveva afflitto quasi tutte le build di Windows Vista, ed erano inoltre stati risolti anche parecchi problemi nelle Impostazioni internazionali e IME. Fu introdotta la nuova combinazione di puntatori del mouse Windows Aero, che introdusse per la prima volta l'antialiasing al puntatore del mouse, e molte delle icone rimanenti in stile Windows XP furono sostituite con nuove icone. Venne inoltre significativamente ridotto lo spazio su disco richiesto da un'installazione da zero.

La build 5472 (compilata il 13 luglio 2006) venne pubblicata il 17 luglio 2006.[141] Oltre a incorporare qualche miglioramento alla localizzazione e qualche correzione di bug, la build introduceva anche un tema Basic rivisitato che sostituiva il tema grigio visto nelle precedenti build con un tema azzurro. Anche il Centro di rete venne significativamente rivisto, riunendo in un unico luogo più informazioni sullo stato, e riducendo il numero di passaggi richiesti per raggiungere la maggior parte delle opzioni di configurazione. Furono introdotti altri sfondi per il desktop e altre icone, e su ottimizzato il layout di Flip3D. La build fu un enorme miglioramento nelle prestazioni rispetto alla beta 2 ed era comparabile a Windows XP, se non anche più veloce.[142][143]

La build 5536 (compilata il 21 agosto 2006) venne pubblicata il 24 agosto 2006, e tra il 29 agosto e il 31 agosto ai primi 100.000 utenti che la scaricarono dal sito di Microsoft. Tra i cambiamenti degni di nota, forniva nuovi collegamenti ai servizi online di Windows Live con nuove icone nel Centro attività iniziali, aggiornamenti minori all'aspetto di Aero con una sfumatura leggermente più azzurrognola nell'effetto vetro, grandi miglioramenti nella velocità (compresa la velocità dell'installazione), molte correzioni di bug e un antialiasing ulteriormente ottimizzato nella funzionalità Flip 3D. Venne resa disponibile pubblicamente il 29 agosto 2006.[144]

Release Candidate 1 (RC1)[modifica | modifica sorgente]

La Release Candidate 1 (RC1) (compilata il 29 agosto 2006 con il numero di build 5600.16384) venne pubblicata a un gruppo selezionato di beta tester il 1º settembre 2006.[145] Il 6 settembre, la RC1 venne pubblicata agli abbonati MSDN e Technet, e anche ai membri registrati del Customer Preview Program (CPP) con i PID della beta 2. Il 14 settembre, Microsoft riaprì il Customer Preview Program (CPP) ai nuovi membri. Il CPP terminò il 26 novembre 2006.

La versione pubblica della Release Candidate 1 portò a una certa quantità di ampie recensioni e analisi su vari siti Web di notizie di tecnologia, sia immediatamente dopo la sua pubblicazione sia nelle settimane seguenti. Ken Fisher di Ars Technica scrisse che le prestazioni erano migliorate significativamente rispetto alla beta 2, suggerendo che su macchine più performanti poteva risultare più veloce di Windows XP; criticò anche l'inutilità di Windows Sidebar e la continua invadenza del Controllo account utente.[146] La recensione di CRN notò cinque specifiche categorie di miglioramento rispetto alla Release Candidate 1: velocità di installazione, supporto ai driver di periferica, miglioramenti nelle prestazioni di diversi componenti, sicurezza e capacità multimediali.[147] L'interfaccia utente di Windows Vista iniziò a subire alcune critiche: Chris Pirillo ne descrisse lo stato quasi finale come «sloppy», letteralmente "tipo una brodaglia".[148]

Pre-Release Candidate 2 (Pre-RC2)[modifica | modifica sorgente]

La build 5700 (compilata il 10 agosto 2006), la prima build del ramo RTM, venne mostrata alla Student Day Presentation del Microsoft Tech-Ed 2006 in Australia. Si presentò più veloce della precedente Pre-RC1 build 5472, con alcuni miglioramenti all'interfaccia utente.[149] Un numero di build più elevato non necessariamente indica una build più recente. Microsoft iniziò a lavorare sul ramo RTM mentre in contemporanea stava completando il ramo RC1, permettendo agli sviluppatori RC1 nel flusso principale di "fluire" più facilmente nella nuova fase di sviluppo. Questo sviluppo parallelo aiuta a spiegare perché la build 5700 è più vecchia anche di alcune build pre-RC1.[150]

La build 5728 (compilata il 17 settembre 2006) fu pubblicata il 22 settembre 2006 ai partecipanti della beta tecnica. Il giorno seguente, Microsoft rese disponibile una versione a 32 bit della build al pubblico, con una versione a 64 bit in arrivo il 25 settembre. Il 1º ottobre, Microsoft raggiunse i suoi obiettivi per la partecipazione al programma e non offrì più la build al pubblico. In risposta alla quantità significativa di pareri dai tester della RC1, la 5728 conteneva molti miglioramenti, tra cui l'inclusione di una casella di controllo nelle proprietà dei suoni che permetteva all'utente di disattivare il suono di avvio di Windows Vista.[151] Anche il Centro attività iniziali venne migliorato con nuove icone, eliminando l'uso di una singola icona per vari elementi differenti, e nella cartella dell'utente furono sostituite tutte le vecchie icone. Con questa build, Microsoft si avvicinò al suo obiettivo di completare un'installazione di Windows Vista in 15 minuti:[152] alcuni critici segnalarono che la 5728 impiegava solo 16 minuti per effettuare un'installazione da zero.[153] Tuttavia, un'installazione di tipo aggiornamento da Windows XP era ancora lenta, e qualche volta richiedeva più di un'ora per il completamento.[154]

Release Candidate 2 (RC2)[modifica | modifica sorgente]

La Release Candidate 2 (RC2) (compilata il 3 ottobre 2006 con il numero di build 5744.16384) venne pubblicata ai membri CPP, ai tester TAP, agli abbonati MSDN/Technet e ad altri beta tester tecnici il 6 ottobre 2006, e fu disponibile per il download fino al 9 ottobre. A causa di un'aggressiva pianificazione di sviluppo, questa sarebbe stata l'ultima build ad essere resa disponibile ufficialmente al pubblico generale per il testing. Tuttavia, tutte le product key di pre-versione avrebbero funzionato fino alla build RTM finale. Diversi tester segnalarono che la RC2 era più veloce e più stabile della build 5728.[155] Tuttavia, poiché sulla RC2, che era una regolare build intermedia, e non una major milestone come suggerisce il nome, non era stato rigorosamente effettuato il testing come sulla RC1, la RC1 poteva essere più stabile in certe situazioni. Questa build correggeva molti problemi di compabilità che affliggevano le build precedenti. L'interfaccia utente di Windows Vista, che continuava ad essere migliorata, conteneva alcune ottimizzazioni minori: tra le più importanti vi era la nuova possibilità di personalizzare il colore, ma non la trasparenza, delle finestre ingrandite. Nelle build precedenti, le finestre diventavano prevalentemente nere quando ingrandite, un effetto che non poteva essere modificato dagli utenti.[156] Fu anche aggiunta una icona del Pannello di controllo per Windows SideShow.

Pre-Release to Manufacturing (Pre-RTM)[modifica | modifica sorgente]

La build 5808 (compilata il 12 ottobre 2006) fu pubblicata ai tester TAP il 19 ottobre 2006.[157] Questa build era degna di nota perché fu la prima build pubblicata ai tester da quando Microsoft entro nella escrow della RTM con la build 5800. Questo spiega perché i numeri di build saltarono da 57xx a 58xx.

La build 5824 (compilata il 17 ottobre 2006) venne pubblicata a un ampio numero di tester interni il giorno stesso nella speranza che questa build diventasse la RTM finale.[senza fonte] Tuttavia, fu individuato un catastrofico bug show-stopper che distruggeva qualsiasi sistema aggiornato da Windows XP. Solo una completa reinstallazione di Windows avrebbe rimesso a posto il computer.

La build 5840 (compilata il 18 ottobre 2006) fu resa disponibile ai tester interni. Secondo Paul Thurrott, nella build era stato rimediato l'importante bug della build 5824, e il testing produsse un giudizio molto positivo. Questa build conteneva molte nuove icone finali e una nuova serie di sfondi finali, tra cui un nuovo sfondo predefinito basato sul "baffo" Aurora visto nelle build precedenti.[158][non chiaro]

Release to Manufacturing (RTM)[modifica | modifica sorgente]

Screenshot di Windows Vista RTM (build 6000)

La Release to Manufacturing (RTM) (compilata il 1º novembre 2006 con il numero di build 6000.16386) è la versione di Windows Vista che è stata venduta ai clienti.[159] Microsoft annunciò che questa build era stata finalizzata l'8 novembre 2006, dopo oltre cinque anni di sviluppo.[160]

Il numero di build della RTM saltò a 6000 per riflettere il numero di versione interno di Windows Vista: Windows NT 6.0.[161] Saltare i numeri di build della RTM era una pratica comune tra le versioni di Windows orientate ai clienti, come Windows 98 (build 1998), Windows 98 SE (build 2222), Windows Me (build 3000) e Windows XP (build 2600), in confronto alle versioni orientate al business come Windows 2000 (build 2195) e Windows Server 2003 (build 3790). Il 17 novembre 2006, Microsoft rese disponibile la build finale agli abbonati a MSDN e TechNet Plus.[162] Un'edizione Enterprise orientata al business fu resa disponibile ai clienti in multilicenza il 30 novembre.[163] Windows Vista fu reso disponibile al pubblico il 30 gennaio 2007.

Post-sviluppo[modifica | modifica sorgente]

2007-2008: Service Pack 1 (SP1)[modifica | modifica sorgente]

Il Service Pack 1 Beta fu pubblicata solo su Microsoft Connect a tester selezionati il 24 settembre 2007. Questa build fu offerta facoltativamente tramite Windows Update attraverso una chiave di registro installata dal tester. Questa chiave trapelò in seguito in rete, determinando la sua disattivazione da parte di Microsoft. Con questa versione il numero di build per Windows Vista saltò a 6001.16659.070916-1443. Questa build rimuoveva anche la Console di gestione delle politiche di gruppo (GPMC) dai computer client, da sostituire con una versione scaricabile in una data successiva. Fu rimossa inoltre l'opzione di menu Cerca dalla barra a destra del menu Start (compresa l'opzione per ri-aggiungerla dall'elenco per la personalizzazione del menu Start). Questa build impediva il funzionamento della famiglia di applicazioni HP Touch smart, provocava dei bug nel ripristino dallo stand-by, e in alcuni casi impediva ad alcuni PC a 64 bit con chip Trusted Platform Module (TPM) di completare l'avvio. Questa build conteneva inoltre dei miglioramenti non specificati nella velocità e nella reattività del sistema operativo.

Il Service Pack 1 Release Candidate Preview venne unicamente pubblicata su Microsoft Connect a tester selezionati il 12 novembre 2007. Con questa versione il numero di build di Windows Vita salì a 6001.17042.071107.1618. I cambiamenti di questa build furono coperti dall'accordo di non divulgazione (NDA) di Microsoft Connect.

Il Service Pack 1 Release Candidate fu per la prima volta pubblicata ai tester di Microsoft Connect il 4 dicembre 2007, con la stessa build pubblicata su MSDN e su TechNet diverse settimane dopo. Qualche giorno dopo ancora, questa build fu resa disponibile ufficialmente al pubblico nel centro download di Microsoft come anteprima pubblica del SP1. Con questa versione il numero di build di Windows Vista salì a 6001.17052.071129.2315. Questa build conteneva una certa quantità di importanti cambiamenti e miglioramenti.

Il Service Pack 1 Release Candidate Refresh fu pubblicata su Microsoft Connect a tester selezionati il 9 gennaio 2008[164] e venne resa disponibile al pubblico l'11 gennaio 2008.[165] Questa versione aveva il numero di build 6001.17128.080101.1935.

Il Service Pack 1 Release Candidate Refresh 2 venne unicamente pubblicata su Microsoft Connect a tester selezionati il 24 gennaio 2008 solo tramite Windows Update. Questa versione aveva il numero di build 6001.18000.[166] I dettagli di questa build furono coperti dall'accordo di non divulgazione (NDA) di Microsoft Connect.

Il Service Pack 1 RTM venne pubblicato il 4 febbraio 2008. La build finale del Service Pack 1 venne pubblicata il 18 marzo 2008 nel centro download di Microsoft e su Windows Update.[167] Fonti Microsoft confermarono che questa build era esattamente lo stesso codice della RC Refresh 2, e aveva inoltre lo stesso numero di build. La stringa di build completa sia di questa versione sia della Refresh 2 è "6001.18000.longhorn_rtm.080118-1840".

Post-Service Pack 1 (Post-SP1)[modifica | modifica sorgente]

La build 6001.18063 (pubblicata il 24 giugno 2008[168]) era importante per due motivi: era il primo aggiornamento reso disponibile pubblicamente che aumentava il numero di build di Windows Vista oltre la build (finale) 6001.18000 del Service Pack 1, e sostituiva la stringa di build 6001.longhorn_rtm.080118-1840 del SP1 con 6001.vistasp1_gdr.080425-1930. La stringa di build longhorn era presente durante le prime fasi dello sviluppo di Windows Vista, ma non si era vista nella build della versione ufficiale né in alcun aggiornamento successivo finché non fu reintrodotta durante la beta del SP1, e venne lasciata alla pubblicazione del SP1; questa build segna la sua rimozione dall'unica versione di Windows Vista che conteneva il nome in codice longhorn in maniera evidente.

2008-2009: Service Pack 2 (SP2)[modifica | modifica sorgente]

Microsoft iniziò a lavorare sul Service Pack 2 subito dopo la pubblicazione del Service Pack 1, mentre Windows Server 2008 utilizzava la stessa base di codice del Service Pack 1 di Windows Vista. Il Service Pack 2 fu il primo service pack pubblicato in contemporanea sia per Windows Server 2008 sia per Windows Vista, che condividevano lo stesso codice binario.

Windows Vista Service Pack 2 Pre-Beta
Numero di build 6002.16489.lh_sp2beta.080924-1740 (versione 105)
Pubblicato nell'ottobre 2008.

Windows Vista Service Pack 2 Beta
Numero di build 6002.16497.081017-1605 (versione 113)
Pubblicato il 4 dicembre 2008.
Il download fu reso disponibile nel centro download di Microsoft.

Windows Vista Service Pack 2 RC Escrow
Numero di build 6002.16659.090114-1728 (versione 275)
Pubblicato nel gennaio 2009.

Windows Vista Service Pack 2 Release Candidate
Numero di build 6002.16670.090130-1715 (versione 286)
Pubblicato nel febbraio 2009.

Windows Vista Service Pack 2 RTM Escrow
Numero di build 6002.17043.090312-1835
Pubblicato nel marzo 2009.
Disponibile tramite Windows Update.

Windows Vista Service Pack 2 RTM Escrow
Numero di build 6002.17506.090313-1730
Pubblicato nel marzo 2009.
Trapelata nei siti Web di condivisione dei file.

Windows Vista Service Pack 2 RTM
Numero di build 6002.18005.090410-1830
Pubblicato il 28 aprile 2009.
Pubblicato ufficialmente da Microsoft tramite Windows Update il 26 maggio 2009.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Per brevità, si farà riferimento alle build di Windows Vista precedenti a luglio 2005 chiamandole Windows Longhorn.
  2. ^ (EN) Q&A: Windows Vista Released to Manufacturing, Microsoft News Center, 8 novembre 2006. URL consultato il 22 luglio 2011.
  3. ^ (EN) Media Alert: Microsoft Announces Conference Call With Jim Allchin, Microsoft News Center, 8 novembre 2006. URL consultato il 23 luglio 2011.
  4. ^ (EN) Paul Thurrott, WinInfo Short Takes: Week of July 30, WinInfo, 27 luglio 2001. (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2001).
  5. ^ (EN) Malcolm Parry, Whistler's Longhorn now famous for something else (PDF), canada.com News, 18 luglio 2003. (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2004).
  6. ^ (EN) Windows Blackcomb, Windows Whistler And Windows Longhorn, Whistler-Vacation-Tips.com. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 20 agosto 2011).
  7. ^ a b (EN) Paul McFedries, 1. An Overview of Windows Vista in Microsoft Windows Vista unleashed, 2ª ed., Sams Publishing, p. 2, ISBN 978-0-672-33013-1. URL consultato il 12 agosto 2011.
  8. ^ (EN) Mary Jo Foley, After Win2000, it's Whistler and Blackcomb, ZDNet, 10 febbraio 2000. URL consultato il 2 gennaio 2012 (archiviato il 2 gennaio 2012).
  9. ^ (EN) Paul Thurrott, Report: Whistler to ship in March 2001; Blackcomb in 2002, WinInfo, 10 febbraio 2000. URL consultato il 2 gennaio 2012 (archiviato il 2 gennaio 2012).
  10. ^ a b (EN) Peter Galli, Microsoft wrestles with new OS, eWeek, 24 luglio 2001. (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2001).
  11. ^ (EN) Nate Mook, Windows 'Longhorn' To Succeed XP?, Betanews, 24 luglio 2001. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 20 agosto 2011).
  12. ^ (EN) Matt Berger, Analysts: Antitrust Concerns Could Delay Future Windows, PC World, 7 agosto 2001. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 20 agosto 2011).
  13. ^ (EN) John Lettice, Gates confirms Windows Longhorn for 2003, Blackcomb MIA?, The Register, 24 ottobre 2001. URL consultato il 22 luglio 2011 (archiviato il 2 maggio 2004).
  14. ^ (EN) Peter Galli, Pushing Forward, eWeek, 30 luglio 2001. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 20 agosto 2011).
  15. ^ (EN) Paul Thurrott, The Road to Windows "Longhorn", SuperSite for Windows, 14 gennaio 2002. (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2009).
  16. ^ (DE) von Hermann Apfelböck, Christian Löbering, Windows Blackcomb: So sieht der XP-Nachfolger aus, PC-WELT. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 23 dicembre 2011).
  17. ^ (EN) BOFH, MSN is Blackcomb? Yep., OSFocus.net, 18 febbraio 2004. (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2004).
  18. ^ (EN) Speech Transcript - Jim Allchin, WinHEC 2002, Microsoft News Center, 16 aprile 2002. URL consultato il 30 agosto 2011.
  19. ^ (EN) Paul Thurrott, WinHEC: Longhorn Slips to Late 2004, WinInfo, 16 aprile 2002. URL consultato il 30 agosto 2011 (archiviato il 7 giugno 2002).
  20. ^ (EN) Peter Galli, Microsoft Pushes Back XP Upgrade Roll Out, eWeek.com, 16 aprile 2002. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 3 gennaio 2012).
  21. ^ (EN) Paul Thurrott, Road to Gold: The Long Road to Windows Vista - Part 1: 2001-2002, SuperSite for Windows, 18 ottobre 2006. (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2009).
  22. ^ (EN) Its Official: No Longhorn Server On Tap, eWeek, 8 novembre 2002. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 20 agosto 2011).
  23. ^ (EN) Joe Wilcox, Microsoft scraps server OS plans, CNET News, 12 novembre 2002. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 20 agosto 2011).
  24. ^ (EN) Paul Thurrott, Microsoft: Longhorn on the Desktop, Blackcomb on the Server, WinInfo, 12 novembre 2002. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 4 febbraio 2003).
  25. ^ (EN) Michael A. Silver, Thomas J. Bittman; John Enck, Microsoft Windows Release Change May Affect Your Upgrade Timetable, Gartner, 19 novembre 2002. URL consultato il 5 gennaio 2012 (archiviato il 4 gennaio 2012).
  26. ^ a b (EN) Speech Transcript - Will Poole, Windows Hardware Engineering Conference (WinHEC) 2003, Microsoft News Center, 7 maggio 2003. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  27. ^ a b (EN) Paul Thurrott, The Road to Windows "Longhorn" Part Two, SuperSite for Windows, 12 maggio 2003. URL consultato il 30 gennaio 2012 (archiviato il 15 maggio 2003).
  28. ^ (EN) Paul Thurrott, WinHEC 2003: Microsoft Details Longhorn Roadmap, WinInfo, 7 maggio 2003. URL consultato il 24 gennaio 2012 (archiviato il 5 giugno 2003).
  29. ^ (EN) Peter Galli, Microsoft Puts Stock in Longhorn, eWeek, 7 maggio 2003. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 3 gennaio 2012).
  30. ^ (EN) Michael Kanellos, Microsoft: Longhorn to arrive in 2005, CNET News, 7 maggio 2003. URL consultato il 29 agosto 2011 (archiviato il 22 settembre 2004).
  31. ^ (EN) Joris Evers, Longhorn to see light in 2005, IDG News Service, 7 maggio 2003. (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2003).
  32. ^ (EN) New Microsoft Program 'Palladium' Next Step in Computer Security, Newsweek, 23 giugno 2002. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato il 3 gennaio 2012).
  33. ^ (EN) At WinHEC, Microsoft Discusses Details of Next-Generation Secure Computing Base, Microsoft News Center, 7 maggio 2003. URL consultato il 23 settembre 2011.
  34. ^ (EN) Next-Generation Secure Computing Base, Microsoft, maggio 2003. (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2003).
  35. ^ (EN) Kevin Zolkiewicz, Next-Generation Secure Computing Base (Palladium), ZolkNetwork.com, 6 maggio 2003. (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2003).
  36. ^ (EN) DVD Writing Support in Windows, Microsoft, 8 maggio 2003. (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2003).
  37. ^ (EN) Microsoft Will Support All Major Writable DVD Formats In Future Versions of Windows, Microsoft News Center, 8 maggio 2003. URL consultato il 24 gennaio 2012 (archiviato il 10 agosto 2005).
  38. ^ (EN) Joris Evers, Longhorn Will Support All DVD-W Formats, IDG News, 12 maggio 2003. URL consultato il 30 settembre 2011 (archiviato il 16 settembre 2010).
  39. ^ (EN) Matt Rosoff, Message to OEMs: Focus on Consumers, Directions on Microsoft, 19 maggio 2003. URL consultato il 29 settembre 2011 (archiviato il 2 giugno 2003).
  40. ^ (EN) Jon Peddie, WinHec 2003, Jon Peddie Research. (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2006).
  41. ^ (EN) Nick Stam, Microsoft's Longhorn 3D UI– More Info Emerges, ExtremeTech, 9 maggio 2003. (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2005).
  42. ^ (EN) John Fontana, Microsoft weighs another about-face on Longhorn, Network World, 19 marzo 2003. URL consultato il 29 dicembre 2011 (archiviato il 22 marzo 2003).
  43. ^ (EN) Ina Fried, Longhorn to round up Microsoft's range, ZDNet, 25 luglio 2003. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato il 12 settembre 2011).
  44. ^ (EN) Joris Evers, New Office, Server Will Accompany Longhorn, PCWorld, 25 luglio 2003. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato il 9 ottobre 2003).
  45. ^ (EN) Paul Thurrott, WinInfo Short Takes: Week of August 11, WinInfo, 8 agosto 2003. URL consultato il 28 gennaio 2012 (archiviato il 19 novembre 2004).
  46. ^ (EN) Ross Anderson, 'Trusted Computing' Frequently Asked Questions, University of Cambridge Computer Laboratory, agosto 2003. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 22 settembre 2010).
  47. ^ (EN) Joris Evers, Microsoft revisits NGSCB security plan, ComputerWorld, 6 maggio 2004. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 15 giugno 2004).
  48. ^ a b La maggior parte delle build di Windows Longhorn e di Windows Vista sono identificabili tramite un'etichetta del tipo Longhorn Build 3663.Lab06_N.020728-1728 posta in basso a destra sul desktop, che indica il numero di build, la data di compilazione e il laboratorio da cui proviene. Le funzionalità più recenti non venivano subito inserite nel ramo di sviluppo principale: solitamente, ogni team di sviluppo al lavoro su una nuova funzionalità generava le proprie build destinate al testing, e solo quando il codice veniva ritenuto stabile poteva ricompilare l'intero sistema operativo. Alcune build (come la Beta 1 e la Beta 2) non hanno l'etichetta sul desktop, ma mostrano il numero di versione solo tramite il comando winver.
  49. ^ a b Le prime build non vennero furono pubblicate ufficialmente da Microsoft, ma trapelarono tramite le reti di file sharing. Diverse build più tarde furono pubblicate ufficialmente da Microsoft agli sviluppatori iscritti a Microsoft Developer Network (MSDN), Microsoft TechNet, Microsoft Connect e Technology Adoption Program (TAP), e ai membri registrati nel Customer Preview Program (CPP).
  50. ^ a b (ZH) Zhang Garvey, Windows 产品族, Windows Expert Center, ottobre 2002. (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2002).
  51. ^ (EN) bLaCKcOmB, Exclusive New Longhorn Screenshot!, xBetas.com, 20 ottobre 2002. (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2002).
  52. ^ (EN) Kevin Zolkiewicz, A Note on Longhorn Shot Leaks, ZolkNetwork.com, 21 ottobre 2002. (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2005).
  53. ^ a b (EN) thunderriver, World's Exclusive!!! Longhorn Alpha 3683 has being leaked!!!, xBetas.com, 19 ottobre 2002. (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2002).
  54. ^ a b c d (RU) Sergei Tkachenko, Microsoft Windows Longhorn. Сборка 6.0.3706, Winreview.ru, 23 dicembre 2009. (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2010).
  55. ^ a b (EN) Thomas Hounsell, 6.0.3713.0.Lab06_N.021113-1841, UXUnleaked v2, 26 aprile 2011. URL consultato l'11 agosto 2011 (archiviato il 18 agosto 2011).
  56. ^ a b c d (RU) Sergei Tkachenko, Microsoft Windows Longhorn.Сборка 6.0.3718, Winreview.ru, 29 dicembre 2009. (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2010).
  57. ^ a b (EN) Kevin Zolkiewicz, Longhorn Build 4008 Leaked, ZolkNetwork.com, 28 febbraio 2003. (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2005).
  58. ^ a b (EN) Koptor, Longhorn 4011 Leaked, winJade, 21 luglio 2006. URL consultato il 27 agosto 2011 (archiviato il 27 agosto 2011).
  59. ^ (EN) butterfry, Longhorn starts filling out. Exposed 4015 M5, WinBeta, 13 aprile 2003. (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2003).
  60. ^ (EN) Kevin Zolkiewicz, Longhorn Alpha Build 4015 Leaks, ZolkNetwork.com, 15 aprile 2003. (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2005).
  61. ^ a b (EN) CloudyBay, Longhorn M5, build #4015 Released, WinBeta, 25 aprile 2003. (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2003).
  62. ^  (EN) lh4018_1.flv. YouTube, 20 dicembre 2009. URL consultato in data 1º settembre 2011.
  63. ^ (EN) BOFH, Microsoft Codename Longhorn 4029 *EXCLUSIVE*, MSBetas.net, 19 agosto 2003. (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2003).
  64. ^ a b (EN) BOFH, Longhorn 4029 Apparently Leaked, MSBetas.net, 14 settembre 2003. (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2003).
  65. ^ a b c d e f g h i j (EN) Windows:Longhorn, ClassicBeta, 6 agosto 2006. (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2006).
  66. ^ (EN) jaidev66, Windows 7 6.10.6469 leaked???, BetaArchive, 26 aprile 2011. URL consultato il 15 agosto 2011 (archiviato il 15 agosto 2011).
  67. ^ (EN) bLaCKcOmB, Possibly Real Longhorn Screenshots Build 3663, xBetas.com, 19 ottobre 2002. (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2002).
  68. ^ (EN) Paul Thurrott, Road to Gold: The Long Road to Windows Vista - Part 1: 2001-2002, SuperSite for Windows, 18 ottobre 2006. (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2009).
  69. ^ (EN) Steven Parker, Longhorn no longer a Tall story, Neowin.net, 19 novembre 2002. URL consultato il 5 settembre 2011 (archiviato il 14 dicembre 2002).
  70. ^ (EN) Nate Mook, Windows Longhorn Alpha Leaks to the Web, eWeek, 19 novembre 2002. URL consultato il 4 gennaio 2012 (archiviato il 3 gennaio 2012).
  71. ^ (EN) Nick Farrell, Microsoft plays down Longhorn leak, vnunet.com, 20 novembre 2002. (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2002).
  72. ^ (EN) 2002-11-19 20:10:30, MSBetas.net, 19 novembre 2002. (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2002).
  73. ^ (EN) Paul Thurrott, "Longhorn" Alpha Preview, SuperSite for Windows, 13 novembre 2002. URL consultato il 28 luglio 2011 (archiviato il 16 novembre 2002).
  74. ^ (EN) Colin Walker, Longhorn pre-alpha M3 - a user perspective....., Tech-Critic, 24 novembre 2002. (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2004).
  75. ^ (RU) Sergei Tkachenko, Microsoft Windows Longhorn. Сборка 6.0.3683, Winreview.ru, 21 dicembre 2009. (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2010).
  76. ^ (EN) Paul Thurrott, Longhorn Leaks to the Web, WinInfo, 22 ottobre 2002. URL consultato il 4 gennaio 2012 (archiviato il 20 gennaio 2003).
  77. ^ (EN) Screenshots Gallery, BetaArchive. URL consultato l'11 marzo 2012.
  78. ^ (EN) Paul Thurrott, Road to Gold: The Long Road to Windows Vista - Part 2: 2003, SuperSite for Windows, 19 ottobre 2006. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2009).
  79. ^ (EN) BOFH, Longhorn 3718 Screenshots, OSFocus.net, 28 aprile 2004. (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2004).
  80. ^ (EN) Grabberslasher, HowTo: Longhorn WinPE (Windows Preinstallation Environment), UX.Unleaked, 13 maggio 2008. URL consultato il 31 luglio 2011 (archiviato il 31 maggio 2008).
  81. ^ (EN) Grabberslasher, 6.0.4002.Lab06_N(ntvbl06).030108-1926, UX.Unleaked, 4 maggio 2008. URL consultato l'11 agosto 2011 (archiviato il 28 giugno 2008).
  82. ^ (EN) ayiteddybear, Longhorn 4002 lab06_N (ntvbl06) Screenshots, BetaArchive, 6 giugno 2012. URL consultato il 7 giugno 2012 (archiviato il 7 giugno 2012).
  83. ^ (EN) ThunderRiver, Windows Longhorn Build 4008 shots ;), xBetas.com, 28 febbraio 2003. (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2003).
  84. ^ (EN) Paul Thurrott, Leaked Longhorn Build Shows Little Progress, WinInfo, 3 marzo 2003. URL consultato l'8 gennaio 2012 (archiviato il 2 aprile 2003).
  85. ^ (EN) Paul Thurrott, Longhorn Alpha Preview 2: Build 4008, SuperSite for Windows, 3 marzo 2003. (archiviato l'8 marzo 2003).
  86. ^ (EN) Kevin Zolkiewicz, Windows "Longhorn" Alpha Build 4008 Review, ZolkNetwork.com. (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2004).
  87. ^ (EN) Nate Mook, Longhorn Leak Offers Peek at Windows Future, BetaNews, 4 marzo 2003. URL consultato il 28 settembre 2011 (archiviato il 24 giugno 2003).
  88. ^ (EN) Gsurface, Longhorn M4 Build - Page 1, Flexbeta, 2 marzo 2003. (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2003).
  89. ^ (RU) Sergei Tkachenko, Microsoft Windows Longhorn. Сборка 6.0.4008, Winreview.ru, 16 gennaio 2010. (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2010).
  90. ^ (EN) Joe Wilcox, Next Windows leaks onto Net, CNET News, 4 marzo 2003. URL consultato il 13 agosto 2011 (archiviato il 6 giugno 2003).
  91. ^ (EN) Robert Lemos, Psst... Want a sneak preview of the new Windows?, silicon.com, 4 marzo 2003. URL consultato l'8 gennaio 2012 (archiviato il 15 aprile 2003).
  92. ^ (EN) Molly Wood, Windows Longhorn: OS of the future, CNET Asia, 1º aprile 2003. URL consultato il 12 gennaio 2012 (archiviato il 12 gennaio 2012).
  93. ^ (EN) Chris Holmes, Nighthawk, The Ultimate Guide to Longhorn Build 4008, Chris123NT, 14 maggio 2003. URL consultato l'11 marzo 2012 (archiviato il 14 novembre 2004).
  94. ^ (EN) Windows Longhorn/Blackcomb Screenshots, ET Planet. (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2003).
  95. ^ (RU) Sergei Tkachenko, Microsoft Windows Longhorn. Сборка 6.0.4011, Winreview.ru, 18 gennaio 2010. (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2010).
  96. ^ (EN) Paul Thurrott, Longhorn Alpha Preview 3: Build 4015, SuperSite for Windows, 30 aprile 2003. URL consultato il 28 agosto 2011 (archiviato il 1º maggio 2003).
  97. ^ (EN) Molly Wood, Windows Longhorn: build M5, ZDNet, 8 maggio 2003. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato il 7 maggio 2005).
  98. ^ (RU) Sergei Tkachenko, Microsoft Windows Longhorn. Сборка 6.0.4015, Winreview.ru, 9 febbraio 2010. (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2010).
  99. ^ (EN) Joe Wilcox, Microsoft makes strides on new Windows, CNET News, 14 agosto 2004. URL consultato il 29 agosto 2011 (archiviato il 14 agosto 2004).
  100. ^ (EN) Paul Thurrott, WinHEC 2003: First Look at Longhorn Graphics, WinInfo, 5 maggio 2003. URL consultato il 23 gennaio 2012 (archiviato il 2 giugno 2003).
  101. ^ (JA) Hiroshige Goto, MicrosoftがLonghornの3Dユーザーインターフェイスを明らかにDirectX9 GPUが必須, PC Watch, 8 maggio 2003. URL consultato il 31 agosto 2011 (archiviato il 12 maggio 2003).
  102. ^ (RU) Sergei Tkachenko, Microsoft Windows Longhorn. Сборка 6.0.4029, Winreview.ru, 21 marzo 2010. (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2010).
  103. ^ (EN) Chris Holmes, Windows Codename Longhorn Build 4029 Tweak Guide, Chris123NT, 20 novembre 2004. URL consultato il 24 ottobre 2011 (archiviato il 20 novembre 2004).
  104. ^ (EN) Paul Thurrott, Windows Longhorn Build 4029 Gallery, SuperSite for Windows, 2 settembre 2003. (archiviato l'8 ottobre 2003).
  105. ^ (EN) Paul Thurrott, Windows Longhorn Build 4029 Gallery 2, SuperSite for Windows, 25 settembre 2003. (archiviato il 28 settembre 2003).
  106. ^ (EN) Paul Thurrott, WinInfo Short Takes: Week of September 29, WinInfo, 26 settembre 2003. URL consultato il 22 ottobre 2011 (archiviato il 26 maggio 2011).
  107. ^ (EN) Matt Brewer, New Internet Explorer on Longhorn 4051, OSNews, 12 dicembre 2003. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 2 agosto 2008).
  108. ^ (EN) Michael Kaplan, A reset does not mean everything was thrown away, Sorting It All Out, 16 ottobre 2005. URL consultato il 4 febbraio 2012 (archiviato il 6 gennaio 2006).
  109. ^ (EN) Robert Guth, Battling Google, Microsoft Changes How It Builds Software in The Wall Street Journal (Washington), 23 settembre 2005, p. A1. (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2005).
  110. ^ (EN) Stephen Chapman, Windows Neptune, Odyssey, Longhorn, and more, BetaArchive, 21 febbraio 2012. URL consultato il 3 marzo 2012 (archiviato il 21 febbraio 2012).
  111. ^ (EN) Paul Thurrott, Brian Valentine talks Windows Server 2003, SuperSite for Windows, 16 aprile 2003. URL consultato il 4 febbraio 2012 (archiviato il 18 aprile 2003).
  112. ^ (EN) Victoria Murphy, The Exterminator, Forbes, 26 maggio 2003. URL consultato il 4 febbraio 2012 (archiviato il 2 gennaio 2004).
  113. ^ (EN) scobleizer, Rob Short (and kernel team) - Going deep inside Windows Vista's kernel architecture, Microsoft, 23 dicembre 2005. URL consultato il 4 dicembre 2012 (archiviato il 3 giugno 2008).
  114. ^ (EN) Mauricio Freitas, Q&A: The Naming of Windows Vista, Geekzone, 18 agosto 2005. URL consultato il 6 febbraio 2012 (archiviato il 26 ottobre 2005).
  115. ^ a b (EN) Paul Thurrott, Windows Vista FAQ, SuperSite for Windows, 25 luglio 2005. URL consultato il 6 febbraio 2012 (archiviato il 27 luglio 2005).
  116. ^ (EN) John G. Spooner, Microsoft Shuts Windows on New PC Firmware, eWeek, 14 marzo 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato l'8 febbraio 2012).
  117. ^ (EN) EFI and Windows Vista in WHDC, Microsoft, 20 aprile 2006. (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2008).
  118. ^ Ina Fried, Microsoft gunning for Adobe's PDF format?, CNET News lingua=en, 3 maggio 2005. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 5 maggio 2005).
  119. ^ (EN) Andy Simonds, XPS, PDF and Adobe, Andy Simonds Blog, 2 giugno 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 13 giugno 2006).
  120. ^ (EN) Gregg Keizer, Microsoft Pulls PC-to-PC Sync From Vista, CRN, 7 giugno 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2007).
  121. ^ (EN) Broken Windows Theory, The World As Best As I Remember It, 14 giugno 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 17 giugno 2006).
  122. ^ (EN) Glitch in voice-recognition software foils Microsoft demo, The City Herald, 28 luglio 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 9 febbraio 2012).
  123. ^ (EN) Rob Chambers, FAM: Vista SR Demo failure -- And now you know the rest of the story ..., Rob's Rhapsody, 29 luglio 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 12 ottobre 2007).
  124. ^ (EN) Joris Evers, Patch Tuesday comes for Vista, too, CNET News, 17 agosto 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 20 agosto 2006).
  125. ^ Alex Heaton, Security Update Policy for Windows Vista, Windows Vista Security, 15 agosto 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 20 gennaio 2007).
  126. ^ (EN) Paul Thurrott, Exclusive: Here Comes Windows Vista RC2, WinInfo, 23 ottobre 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 26 ottobre 2006).
  127. ^ (EN) KiTTY, The Build 3790 Leak Topic, BetaArchive, 14 agosto 2011. [collegamento interrotto]
  128. ^ (EN) Chris Holmes, December CTP Out to Testers, Chris123NT's Blog, 19 dicembre 2005. (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2006).
  129. ^ (EN) Chris Holmes, Vista and Office 2007 Beta 2 Released, Chris123NT's Blog, 23 maggio 2006. (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2008).
  130. ^ (EN) Utakz, Windows Vista Post-Beta 2 Interim Build 5456.winmain_idx03 to be released today!, Utakz' Blog, 24 giugno 2006. (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2006).
  131. ^ (EN) Windows Vista Build Number 5472, Windows Vista Team Blog, 18 luglio 2006. URL consultato il 25 luglio 2011.
  132. ^ (EN) Steven Parker, Windows Vista build 5808 Released to TAP, Neowin.net, 20 ottobre 2006. URL consultato il 26 luglio 2011.
  133. ^ (EN) mrpijey, MS Windows Server 2003 (.NET Server 5.2.3790.1232) Pro, BetaArchive, 14 agosto 2011. (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2012).
  134. ^ (EN) Paul Thurrott, WinHEC 2005: Day Two Blog, SuperSite for Windows, 26 aprile 2005. URL consultato il 4 febbraio 2012 (archiviato il 28 aprile 2005).
  135. ^ (EN) Microsoft Windows Vista October Community Technology Preview Fact Sheet, Microsoft News Center, ottobre 2005. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 3 novembre 2005).
  136. ^ (EN) Paul Thurrott, Microsoft Windows Vista Build 5231 (Community Technical Preview 2) Review, SuperSite for Windows, 11-18 ottobre 2005. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 24 ottobre 2005).
  137. ^ (EN) Microsoft Windows Vista December Community Technology Preview, Microsoft News Center, 2005. URL consultato il 9 febbraio 2012.
  138. ^ (EN) Paul Thurrott, Windows Vista Build 5365 Review, SuperSite for Windows, 24 aprile 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 2 maggio 2006).
  139. ^ (EN) Matt Mondok, Windows Vista Beta 2: largest download event in software history, Ars Technica, 11 giugno 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 13 giugno 2006).
  140. ^ (EN) Ben Betz, The Story of List Mode, Shell Blog, 19 settembre 2006. (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2006).
  141. ^ (EN) Nick White, Windows Vista Build Number 5472, Windows Vista Team Blog, 18 luglio 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 13 agosto 2006).
  142. ^ (EN) Ryan Hoffman, Windows Vista Build 5472 Impressions and Screenshots, Bink.nu, 18 luglio 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 19 luglio 2006).
  143. ^ (EN) Ryan Hoffman, The Windows 3.1 Add Fonts Dialog is still in Vista Build 5472!, Bink.nu, 18 luglio 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 20 luglio 2006).
  144. ^ (EN) Tom Warren, Microsoft releases Vista Pre-RC1 (build 5536) to the public, Neowin.net, 29 agosto 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 2 settembre 2006).
  145. ^ (EN) Nick White, It's Official: Windows Vista RC1 Is Complete, Windows Vista Team Blog, 1º settembre 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato l'8 novembre 2006).
  146. ^ (EN) Ken Fisher, Experiences with Vista RC1—a brief report, Ars Technica, 19 settembre 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 22 ottobre 2006).
  147. ^ (EN) Frank Ohlhorst, Review: Top Five Improvements To The Windows Vista RC1 OS, CRN, 15 febbraio 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 9 febbraio 2012).
  148. ^ (EN) Chris Pirillo, The Truth About Windows Vista, Chris Pirillo, 17 settembre 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 9 ottobre 2006).
  149. ^ (EN) Long Zheng, TechEd 06 Day 1 – Student Day, istartedsomething, 22 agosto 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 9 febbraio 2012).
  150. ^ (EN) Nick White, "Building" Windows Vista: A Podcast Interview with Sven Hallauer, Director of Windows Release Management, Windows Vista Team Blog, 29 agosto 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 2 settembre 2006).
  151. ^ (EN) Nick White, Update on Ability to Mute the Windows Vista Start-up Sound, Windows Vista Team Blog, 22 settembre 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 10 novembre 2006).
  152. ^ (EN) Ed Bott, In search of the 15-minute Vista setup, ZDNet, 19 luglio 2006. URL consultato il 9 febbraio 2012 (archiviato il 30 agosto 2006).
  153. ^ (EN) Bradley Stewart, Windows Vista 5728, Geekzone, 23 settembre 2006. (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2006).
  154. ^ (EN) Brandon LeBlanc, Talking about Vista's Installation Improvements, MSTechToday, 2 ottobre 2006. (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2006).
  155. ^ (EN) Brandon LeBlanc, First Thoughts on Windows Vista RC2: Awesome, MSTechToday, 6 ottobre 2006. (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2006).
  156. ^ (EN) David Vronay, Back in Black! Or rather, back OUT black!, Shell Blog, 13 ottobre 2006. (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2006).
  157. ^ (EN) Steven Parker, Windows Vista build 5808 Released to TAP, Neowin, 20 ottobre 2006. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 26 settembre 2007).
  158. ^ Paul Thurrott, Exclusive: Microsoft Overcomes Final Vista Hurdles, Heads to RTM, WinInfo, 23 ottobre 2006. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 28 ottobre 2006).
  159. ^ (EN) Paul Thurrott, Exclusive: Windows Vista RTM is Imminent, WinInfo, 5 novembre 2006. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 27 maggio 2011).
  160. ^ (EN) Nick White, Windows Vista releases to manufacturing, Windows Vista Team Blog, 8 novembre 2006. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 10 novembre 2006).
  161. ^ (EN) Paul Thurrott, WinInfo Short Takes, WinInfo, 27 ottobre 2006. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  162. ^ (EN) MSDN Subscriptions, Microsoft. (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2006).
  163. ^ (EN) Microsoft Business Value, Microsoft. (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2006).
  164. ^ (EN) Mary Jo Foley, Microsoft release another SP1 refresh to 15,000 testers, ZDNet, 9 gennaio 2008. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  165. ^ (EN) Mary Jo Foley, Microsoft makes new Vista SP1 test build public, ZDNet, 11 gennaio 2008. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 12 gennaio 2008).
  166. ^ (EN) Vista Service Pack 1 RC1 (Build 6001.18000) is out, 25 gennaio 2008. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 18 luglio 2011).
  167. ^ Mike Nash, Announcing the RTM of Windows Vista SP1, Windows Vista Team Blog, 4 febbraio 2008. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato il 5 febbraio 2008).
  168. ^ (EN) A reliability and performance update is available for Windows Vista SP1-based computers, Microsoft Knowledge Base, 24 giugno 2008. (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2008).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Microsoft Portale Microsoft: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microsoft