HP-UX

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HP-UX
Sviluppatore Hewlett-Packard
Famiglia SO Unix
Modello del sorgente Software proprietario
Release iniziale 1984
Release corrente 11.31.0909 - HP-UX 11i v3 September 2010 update release (update 7) (September 2010)
Tipo di kernel Monolithic kernel with dynamically loadable modules
Piattaforme supportate PA-RISC, IA-64
Metodo di aggiornamento Software Distributor
Licenza software proprietario
Sito web www.hp.com/go/hpux/

HP-UX è un sistema operativo tipo UNIX proprietario sviluppato da Hewlett-Packard. Il sistema operativo è montato sulle macchine utilizzanti microprocessori PA-RISC e Itanium e su sistemi Apollo/Domain. Le prime versioni potevano essere utilizzate su macchine HP 9000 serie 200, 300 e 400. Queste macchine erano basate sui microprocessori della famiglia Motorola 68000. Dalla serie 500 in poi le macchine vennero basate sui microprocessori proprietari di HP basati su architettura FOCUS.

HP-UX fu il primo UNIX a utilizzare una lista di accesso per gestire l'accesso alle unità logiche e ai file contenuti in esse. HP-UX fu altresì il primo UNIX a includere di serie il Logical Volume Manager, derivato dal gestore logico di Veritas.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

  • 11.00 (1997) — La prima versione dell'HP-UX in grado di supportare gli indirizzi a 64 bit. Le precedenti versioni utilizzavano un indirizzamento a 32 bit. Questa versione era anche immune al cosiddetto "baco del millennio". Supportava anche la gestione di thread il multiprocessing simmetrico, il fibre channel e l'NFS PV3. Insieme al sistema operativo erano inclusi dei programmi per semplificare la conversione del codice da 32 bit a 64 bit.
  • 11.11 (2000) — Conosciuto anche come 11i, questa versione di HP-UX introduceva il concetto di ambiente operativo. Questa versione includeva una serie di livelli e programmi inclusi specificamente indirizzati verso compiti specifici come applicazioni Mission Critical, Enterprise, Internet, Technical Computing, e Minimal Technical OEs (gli ultimi due settaggi erano indirizzati alle workstations HP 9000). I principali miglioramenti tecnologici includevano il supporto delle schede gigabit ethernet, l'NFS su TCP/IP, il kernel regolabile dinamicamente e lo stack protetto.
  • 11.20 (2001) — Conosciuto anche come 11i v1.5, questa versione dell'HP-UX è stata la prima a gestire i microprocessori Itanium basati sul sistema IA-64. Non era una versione rivolta ad applicazioni mission critical infatti non supportava HP ServiceGuard cluster software. Questa versione poteva utilizzare il codice generato per i microprocessori PA-RISC su macchine IA64 e utilizzava il Veritas Volume Manager 3.1.
  • 11.22 (2002) — Questa versione era dedicata alla famiglia di macchine basate su Itanium e venne chiamata 11i v1.6. Questa versione supportava sistemi scalabili a 64 vie, con MxN thread e aggiungeva molti parametri modificabili dinamicamente del Kernel oltre a includere l'HP Logical Volume Manager per IA64. In questa versione venne incluso il 11i v1 source code stream.
  • 11.23 (2003) — La versione originale venne presentata nel settembre del 2003 ed era indirizzata alle macchine Itanium. Nel settembre del 2004 venne rilasciato un aggiornamento per le macchine PA-RISC e Itanium. Questo aggiornamento venne denominato 11i v2. Oltre a funzionare su macchine IA-64 questa versione includeva BIND 9.2.0, ccNUMA, un kernel ottimizzato per le applicazioni web e la configurazione dei dispositivi. Questa versione includeva anche IPv6, Mozilla, Sendmail 8.11.1, un nuovo generatore di numeri casuali e wu-ftpd.
  • 11.31 (2007) — Questa versione viene anche identificata come HP-UX 11i v3 e supporta sia l'architettura PA-RISC che quella IA-64.[1] È stata rilasciata il 15 febbraio 2007.[2] Le principali nuove caratteristiche sono il supporto al multipathing nativo, una file cache unificata, NFS v4, Veritas ClusterFS, multi-volume VxFS, e virtualizzazione integrati. L'hyperthreading è supportato sui sistemi Itanium con microprocessori Montecito. HP-UX 11i v3 è conforme allo standard UNIX 03 di The Open Group.[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Staff, HP-UX 11i compatibility for HP Integrity and HP 9000 servers (PDF), HP, 14 marzo 2007. URL consultato il 24 luglio 2008.
  2. ^ Staff, HP Eases Deployment of UNIX Virtualization with Newest HP-UX Operating System, HP Integrity Servers, HP, 15 febbraio 2007. URL consultato il 24 luglio 2008.
  3. ^ The Open Group, HP-UX 11i v3 Open Brand Certificate (PDF), The Open Group, 27 febbraio 2007. URL consultato il 14 novembre 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica