Mageia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mageia
Logo
Desktop KDE di Mageia 1
Desktop KDE di Mageia 1
Sviluppatore Mageia
Famiglia SO GNU/Linux
Modello del sorgente Software libero
Release iniziale 1.0 (1º giugno 2011)
Release corrente 4.1 (20 giugno 2014)
Tipo di kernel Linux 3.12.21
Piattaforme supportate i386, i586, x86-64
Licenza GPL
Stadio di sviluppo Attiva
Sito web www.mageia.org

Mageia è una associazione senza scopo di lucro e di una distribuzione GNU/Linux derivata da Mandriva Linux.

Il termine "mageia" — μαγεία in greco — significa "magia". Il riferimento è alla distribuzione Mandriva, di cui Mageia è un fork[1], il cui nome originario era Mandrake (Mago Mandrake).

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'annuncio dell'avvio del progetto è stato dato il 18 settembre 2010 da un gruppo di sviluppatori ex-dipendenti della società Edge-IT, liquidata in seguito ai problemi finanziari della società Mandriva SA.[2]

La decisione venne presa dal gruppo di sviluppatori e collaboratori per fare in modo che "lo sviluppo non dipendesse dalle decisioni e dalle sorti finanziarie di una qualunque società" ma fosse "guidato dalla comunità".

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Lo scopo del progetto è di fare un fork della distribuzione linux Mandriva e da lì creare una nuova distribuzione, orientata all'utente e con un'interfaccia ben integrata col sistema di base. È scaricabile gratuitamente e disponibile con diversi Desktop environment tra cui KDE, Gnome, Xfce e LXDE. Ha un ciclo di rilascio di 18 mesi.

Viene rilasciata in versione CD-Live o DVD sia per architetture X86 che x86-64, ed offre il supporto per moltissime lingue, inclusa quella italiana, da selezionare durante l'installazione. Abbiamo inoltre il Mageia Control Center (drakconf), uno strumento dedicato agli utenti meno esperti, che consente di gestire in profondità tutti gli aspetti del sistema operativo.

Ulteriore software può essere installato dai repository su internet con il gestore dei pacchetti (rpmdrake). Ecco una panoramica di tali archivi:

Core: Il repository Core include pacchetti con free-software open-source, vale a dire pacchetti sotto una licenza open-source, l'insieme dei "Core" media oltre a "Release Core" e "Aggiornamenti Core" sono disponibili per impostazione predefinita .

Nonfree: Il repository nonfree include i pacchetti che sono free, cioè Mageia può ridistribuirli, ma contengono software closed-source (da qui il nome - nonfree). Per esempio questo repository include i driver proprietari ATI/AMD e nVidia delle schede grafiche, firmware per varie schede WiFi, ecc. Il set nonfree viene aggiunto per impostazione predefinita, ma non abilitato di default.

Tainted: Il repository Tainted include i pacchetti rilasciati sotto una licenza libera. I principali criteri per l'immissione di pacchetti in questo repository è che possono violare brevetti e le leggi sul diritto d'autore in alcuni paesi, ad esempio codec multimediali necessari per riprodurre file audio / video, pacchetti necessari per riprodurre DVD video commerciali ecc. Il set Tainted viene aggiunto per impostazione predefinita, ma non abilitato di default, cioè è completamente opt-in, in modo da controllare le leggi locali prima di utilizzare i pacchetti da questo repository.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Annuncio fork Mageia dalla versione italiana del sito ufficiale
  2. ^ Mageia : l'erede di Mandriva da osblitz.net, 28 febbraio 2012

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]