Intel 80386

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Intel i386
Central processing unit
Intel i386DX 25.jpg
Un microprocessore Intel i386DX
Prodotto dal 1985 al settembre 2007
Produttore
Frequenza CPU 12 MHz / 40 MHz
Processo
(l. canale MOSFET)
1,5 µm / 1 µm
Set di istruzioni x86 (IA-32)
Package 88-pin CPGA, 132-pin CPGA, 100-pin PQFP, 132-pin PQFP, 196-pin PQFP

L'Intel i386[1] o Intel 80386[2] (nome in codice: "P3";[3] abbreviazioni comuni: "Intel 386", "80386", "i386", "386") è una famiglia di microprocessori monolitici general purpose x86 dell'Intel Corporation prodotti tra il 1985 e il 2007.

La famiglia di microprocessori Intel i386 è stata utilizzata come CPU per personal computer principalmente tra il 1986 e il 1994. Le schede madri che supportavano i microprocessori Intel i386 erano molto complesse e costose, paragonate a quelle per i suoi predecessori, ma l'adozione su larga scala dei microprocessori Intel i386 ne favorì la diffusione.

I microprocessori della famiglia Intel i386 sono stati i primi microprocessori Intel dotati di architettura a 32 bit e modalità protetta con supporto hardware alla memoria virtuale paginata. Il successo e il basso costo di questi microprocessori permisero quindi la diffusione su personal computer dei primi sistemi operativi operanti in modalità protetta. L'Intel i386 fu anche la famiglia di microprocessori su cui nacque il kernel Linux.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo modello della famiglia di micrprocessori Intel i386 è stato presentato nell'ottobre del 1985 ma divenne possibile produrlo convenientemente solo nel 1986, quando i primi esemplari arrivarono ai consumatori.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'Intel 80386 fu una pietra miliare nell'evoluzione della serie di processori nata con l'Intel 8008: rispetto al suo predecessore, l'Intel 80286, l'80386 aveva un'architettura a 32 bit ed una unità di paginazione della memoria che rese più semplice adottare sistemi operativi dotati di gestione della memoria virtuale. Anche se successivamente la Intel sviluppò e introdusse molti altri modelli, per molto tempo nessuno di questi introdusse novità di portata analoga, fino all'impiego dell'EM64T nel 2004, in netto ritardo rispetto ad altre architetture, come ad esempio DEC Alpha, che già dal 1992 aveva il supporto per i 64 bit.

Per tali motivi si considera questo processore come il capostipite di una nuova famiglia, l'"architettura i386". L'instruction set di questa architettura è noto come IA-32. L'80386 era compatibile con i vecchi processori Intel: la maggior parte delle applicazioni che giravano sui precedenti PC dotati di processori x86 (8086 e 80286) funzionavano ancora sulle macchine 80386, e perfino più velocemente.

Modelli principali e varianti[modifica | modifica wikitesto]

Il successo commerciale del primo modello di microprocessore Intel i386 portò l'Intel a sviluppare altre versioni del microprocessore in modo da coprire più segmenti del mercato.

Modelli principali[modifica | modifica wikitesto]

Intel i386DX[modifica | modifica wikitesto]

L'Intel i386DX o Intel 80386DX[4] è stato il primo modello della famiglia di microprocessori Intel i386 disponibile in commercio. Inizialmente è stato noto semplicemente come "Intel 80386": le lettere "DX" sono state aggiunte in seguito alla commercializzazione del modello Intel i386SX.

386 dx 20 mhz processor

Intel i386SX[modifica | modifica wikitesto]

L'Intel i386SX o Intel 80386SX[4] è una versione a basso costo del modello originale Intel i386DX. È stato introdotto il 16 giugno 1988. Internamente è identico all'Intel i386DX ma ha un bus dati esterno a 16 bit per semplificare la progettazione e il layout delle schede madri. Per affiancare l'Intel i386SX nei calcoli in virgola mobile venne prodotto l'Intel 80387SX, una versione ad hoc del coprocessore matematico Intel 80387.

Intel 80376[modifica | modifica wikitesto]

L'Intel 80376 è stato il primo modello della famiglia Intel 80386 destinato al mercato dei dispositivi embedded. La differenza principale dalla versione standard era che non aveva modalità reale e partiva direttamente in modalità protetta. Venne sostituito a partire dal 1994 dall'Intel i386EX, molto più versatile. La produzione dell'Intel 80376 venne interrotta nel 2001.

Intel i386SL[modifica | modifica wikitesto]

Questa versione fu rilasciata il 15 ottobre 1990, e una seconda versione a 25 MHz uscì un anno dopo. Specificamente studiato per i primi portatili 386, questo chip conteneva 855.000 transistor, tre volte quelli del 386 standard, ed integrava i controller ISA, della memoria e della cache: conteneva anche tutta la circuiteria per la gestione del consumo energetico. Aveva una speciale modalità, il SMM (System Management Mode) in cui il BIOS poteva controllare il consumo energetico ed altre funzioni senza bisogno di supporto dal sistema operativo.

Intel i386EX[modifica | modifica wikitesto]

Un microprocessore Intel i386EX

Questa versione fu introdotta nell'agosto 1994. È esternamente a 16 bit, come il 386SX, ed è pensato per il mercato dei dispositivi embedded. Ha integrate una serie di periferiche:

  • controller di interrupt;
  • contatori e temporizzatori;
  • logica JTAG;
  • circuiti di refresh della RAM dinamica;
  • Watchdog;
  • Unità di I/O integrate seriale e parallelo;
  • DMA.

La tensione di alimentazione è ridotta e il chip comprende anche un sistema di gestione del consumo energetico. il core 386EX è interamente in tecnologia statica, cioè può lavorare a qualsiasi frequenza di clock al di sotto di quella nominale, fino all'arresto completo. Questa versione ha avuto un successo notevole, superando di molto il predecessore 80376: è stato impiegato nell'hardware di molti satelliti e microsatelliti artificiali, e perfino nel progetto FlightLinux della NASA.

Principali differenze[modifica | modifica wikitesto]

La tabella sottostante mostra le principali differenze tra i modelli di microprocessori appartenenti alla famiglia Intel i386, varianti comprese. In particolare di ogni variante viene riportato il part number, la frequenza di clock del core, l'ampiezza del bus dati esterno, il voltaggio dell'alimentazione elettrica del core (il cosiddetto "V core"), la tipologia del package e il numero di piedini presenti nel package. Infine, nell'ultima colonna della tabella, viene indicato se il microprocessore è predisposto per essere montato su socket oppure è un surface mounting device.

modello part number frequenza bus dati
esterno
V core package pin socket/SMD
Intel i386DX A80386-12 12 MHz 32 bit 5 V CPGA 132 socket
A80386-16
A80386DX16
A80386DX-16
16 MHz 32 bit 5 V CPGA 132 socket
MG8038616 16 MHz 32 bit CPGA 132 socket
MG80386-16/B 16 MHz 32 bit CPGA 132 socket
A80386-20
A80386DX20
A80386DX-20
20 MHz 32 bit 5 V CPGA 132 socket
A80386-25
A80386DX25
A80386DX-25
25 MHz 32 bit 5 V CPGA 132 socket
TA80386DX-25 25 MHz 32 bit CPGA 132 socket
A80386DX33
A80386DX-33
33 MHz 32 bit 5 V CPGA 132 socket
Intel i386SX NG80386SX16
NG80386SX-16
16 MHz 16 bit 5 V PQFP 100 SMD
NG80386SX20
NG80386SX-20
20 MHz 16 bit 5 V PQFP 100 SMD
NG80386SX25
NG80386SX-25
25 MHz 16 bit 5 V PQFP 100 SMD
NG80386SX33
NG80386SX-33
33 MHz 16 bit PQFP 100 SMD
Intel 80376 A80376-16 16 MHz 16 bit 5 V CPGA 88 socket
NG80376-16 16 MHz 16 bit 5 V PQFP 100 SMD
A80376-20 20 MHz 16 bit 5 V CPGA 88 socket
NG80376-20 20 MHz 16 bit 5 V PQFP 100 SMD
Intel i386SL KU80386SL-20 20 MHz PQFP 196 SMD
KU80386SLB1A20 20 MHz PQFP 196 SMD
KU80386SLB1C-20 20 MHz PQFP 196 SMD
KU80386SLBA-25 25 MHz 5 V PQFP 132 SMD
Intel i386EX 16 MHz 16 bit 3 V SMD
20 MHz 16 bit 3,3 V SMD
KU80386EX25 25 MHz 16 bit 5 V PQFP 132 SMD
FA80386EX25 25 MHz 16 bit 3,3 V TQFP 144 SMD
JA80386EX25 25 MHz 16 bit TQFP 144 SMD
QU80386EX25 25 MHz 16 bit PQFP 132 SMD
KU80386EX33 33 MHz 16 bit PQFP 132 SMD
QU80386EX33 33 MHz 16 bit PQFP 132 SMD
Intel i386CX KD80386CX25 25 MHz 16 bit 5 V PQFP 100 SMD
KD80386CX33 33 MHz 16 bit 5 V PQFP 100 SMD
KD80386CX40 40 MHz 16 bit 5 V PQFP 100 SMD

Commercializzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'80386 fu il primo processore ad essere distribuito in maniera esclusiva dalla Intel: fino a quel momento ogni componente basato su semiconduttori veniva distribuito dal proprietario del progetto e da alcune aziende licenziatarie. L'esclusività di questo processore diede un grande controllo alla Intel sul suo sviluppo e garantì all'azienda crescenti profitti. Tuttavia, nel marzo 1991 la AMD, dopo aver superato alcuni ostacoli legali, introdusse il suo processore compatibile Am386, facendo così venir meno il monopolio della Intel.

I personal computer con questo processore furono in vendita indicativamente tra il 1987 e il 1992, ma ancora oggi se ne trovano versioni embedded.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Intel i386" è il brand name della famiglia di microprocessori. Il brand name è stato introdotto solo in un secondo momento, quando Intel ha iniziato a promuovere e pubblicizzare in modo più incisivo i suoi prodotti agli utenti finali.
  2. ^ Il numero "80386" è la porzione del part number del microprocessore comune a quasi tutti i microprocessori della famiglia (quindi identificante la famiglia di microprocessori). Fa eccezione solo l'Intel 80376.
  3. ^ Durante la fase di progettazione la famiglia di microprocessori Intel i386 è stata chiamata "P3" in quanto rappresentante la terza generazione di microprocessori Intel con architettura x86.
  4. ^ a b Questa denominazione è stata motivo di confusione in seguito alla commercializzazione dei modelli Intel i486DX e Intel i486SX appartenenti alla famiglia Intel i486, la cui differenza principale sta invece nel supporto al calcolo in virgola mobile.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei processori Intel
Famiglia 4 bit/8 bit: 4004 | 4040 | 8008 | 8080 | 8085     Famiglia 16 bit: 8086 | 8088 | 80186 | 80188 | 80286 Intel-logo.svg
Famiglia IA-32: 80386 | 80486 | RapidCAD | OverDrive
Gamma Pentium: Pentium | Pentium Pro | Pentium II | Celeron | Pentium III | Pentium III-M | Pentium 4 | Pentium 4-M | Mobile Pentium 4 | Pentium 4 EE | Celeron D | Pentium D | Pentium EE
Processori Mobile: Pentium M | Celeron M | Core Duo | Core Solo
Gamma Core: Core 2 Duo | Core 2 Quad | Core 2 Extreme
Gamma Nehalem: Core i3 | Core i5 | Core i7 | Core i7 Extreme
Processori per Server: Xeon

Famiglia IA-64: Itanium | Itanium 2
Non x86 compatibili: Intel iAPX 432 | Intel i860 | Intel i960

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica