Servizio ferroviario metropolitano di Cagliari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo treno metropolitano Trenitalia.svg Servizio ferroviario metropolitano di Cagliari
Servizio di trasporto pubblico
Minuetto Diesel Cagliari.jpg
Stati Italia Italia
Inizio Decimomannu
Fine Cagliari
Apertura 2001
Linee impiegate Golfo Aranci-Cagliari
Gestore Trenitalia
Mezzi utilizzati ALn 668
ALn 663
ALn 501
N. stazioni e fermate 8
Lunghezza 16 km
Distanza media tra stazioni 2.076 m
Scartamento 1.435 mm
Elettrificazione no
Tracciato della linea
Trasporto pubblico
SFM di Cagliari
White dot.svg  Decimomannu
White dot.svg  Assemini Santa Lucia
White dot.svg  Assemini
White dot.svg  Assemini Carmine
White dot.svg  Cagliari Elmas
Italian traffic signs - icona aeroporto.svg White dot.svg  Elmas Aeroporto
White dot.svg  Cagliari Santa Gilla
White dot.svg  Cagliari

Il servizio metropolitano di Cagliari è un servizio ferroviario metropolitano esercito da Trenitalia sulla tratta da Cagliari a Decimomannu della ferrovia Cagliari-Golfo Aranci, istituito il 10 giugno 2001[1][2] ed esteso ai giorni festivi dal giugno 2013[3].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'infrastruttura[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio collega il capoluogo con l'area nord-ovest del suo hinterland sino a giungere a Decimomannu. Dal punto di vista infrastrutturale viene sfruttata la parte iniziale della Dorsale Sarda, per complessivi 16,61 km di linea a doppio binario, raddoppio attivo dal 1984. In questa frazione di linea esistevano all'epoca 4 stazioni: Cagliari, Cagliari Elmas (situata nel comune di Elmas, sino a fine anni ottanta frazione di Cagliari) e Assemini, impianti nati con la ferrovia nell'ultimo trentennio dell'Ottocento e più volte ristrutturati nella loro storia, più la stazione di Decimomannu, inaugurata nel 1984 per sostituire l'originario scalo decimese. A questi scali si aggiunsero dal 14 giugno 2009[4] le fermate di Cagliari Santa Gilla, Assemini Carmine e Assemini Santa Lucia.

Con il cambio orario del 9 giugno 2013 venne attivata anche la fermata di Elmas Aeroporto, al servizio dell'aeroporto di Cagliari-Elmas[3], e contemporaneamente vennero chiuse all'esercizio le fermate di Assemini Carmine e Assemini Santa Lucia[5][6], riattivate poi un anno più tardi[7].

Il materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

I treni utilizzati sono composti da automotrici termiche ALn 668 o ALn 663, oppure da convogli Minuetto diesel.

Il servizio[modifica | modifica wikitesto]

Al 2013 la frequenza media delle corse che effettuavano tutte le fermate (8 per direzione, classificati come treni metropolitani (M), tranne che dal dicembre 2012 al giugno 2013 e fino a giugno 2009, quando furono classificati come treni regionali), era di una corsa ogni 2 ore circa[3].

La tratta Cagliari–Decimomannu è percorsa anche da treni regionali, con fermate ad Elmas Aeroporto, Cagliari Elmas e Assemini, diretti a varie destinazioni. Vi sono inoltre treni regionali che non effettuano fermate intermedie.

Il servizio viene definito dal gestore come metropolitano[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da domenica in vigore il nuovo orario, in L'Unione Sarda, 7 giugno 2001.
  2. ^ Se il nord Sardegna..., in La Nuova Sardegna, 7 giugno 2001. URL consultato il 25 gennaio 2013.
  3. ^ a b c d Elmas Aeroporto: la nuova stazione diventa realtà, su FSNews.it, 5 giugno 2013. URL consultato l'8 giugno 2013.
  4. ^ a b Linea Cagliari - Decimomannu: dal 14 giugno un nuovo servizio metropolitano, FS News, 13 giugno 2009. URL consultato il 25 giugno 2009.
  5. ^ Orario Ufficiale Trenitalia 2013
  6. ^ Gian Luigi Pala, Trenitalia taglia le fermate (PDF), in L'Unione Sarda, 2 dicembre 2013, p. 21. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  7. ^ Sardegna: al via l’orario cadenzato tra Cagliari, San Gavino ed Oristano, in FSNews.it, 13 giugno 2014. URL consultato il 17 giugno 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edoardo Altara, Binari a Golfo Aranci - Ferrovie e treni in Sardegna dal 1874 ad oggi, Ermanno Albertelli Editore, 1992, ISBN 88-85909-31-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]