Rete celere del Canton Ticino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rete celere del Canton Ticino
Servizio di trasporto pubblico
Linea celere S10 Capolago.jpg
Elettrotreno RABe 524 in corsa fra Capolago e Maroggia
Tipo rete celere regionale
Stati Svizzera Svizzera
Italia Italia
Apertura 2004
Ultima estensione 2014
Linee impiegate 6
Gestore TiLo (S10, S20, S30, S40, S50)
FL (S60)
Mezzi utilizzati RABe 524 (S10, S30, S40, S50)
NPZ (S20)
Be 4/12 (S60)
N. stazioni e fermate 64
Lunghezza 310,2 km
Scartamento 1.435 mm (S10, S20, S30)
1.000 mm (S60)
Elettrificazione 15 kV ca
3 kV cc
1 kV cc
Tracciato della linea
Trasporto pubblico

La rete celere del Canton Ticino è la rete ferroviaria regionale che serve il Canton Ticino, in Svizzera.

La rete è attualmente composta di 6 linee, gestite dalla società ferroviaria italo-svizzera TiLo e dalla FLP.

Scopo principale del servizio è un collegamento rapido e frequente dei diversi centri ticinesi con le limitrofe località transfrontaliere e la città italiana di Milano.

Lo snodo dell'intero sistema si trova a Bellinzona, dove convergono i treni diretti a Locarno, Malpensa Aeroporto, Chiasso, Stabio e Biasca. L'asse principale su cui si basa l'intero servizio è la linea S10, tratta che taglia a metà l'intero cantone. I treni circolano con cadenza semioraria (un collegamento ogni mezz'ora) sulle tratte S10, S20 ed S40 e a cadenza bioraria (un treno ogni due ore) sulla linea S30 e a cadenza quadrioraria (ovvero, quattro corse all'ora per direzione, che si riducono a due il sabato e nei giorni festivi) sulla linea S60.

Linee[modifica | modifica wikitesto]

Linea Percorso Lunghezza Stazioni Gestore
S10 Airolo - Chiasso 120 km 22 TiLo
S20 Bellinzona - Locarno 23,5 km 9 TiLo
S30 Bellinzona - Malpensa 130,0 km 26 TiLo
S40 Stabio - Albate-Camerlata 21,0 km 6 TiLo
S50 Stabio - Mendrisio (- Bellinzona) 3,5 km 2 TiLo
S60 Lugano-Ponte Tresa 12,2 km 12 FLP

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa della rete, riportata su un elettrotreno serie RABe 524

L'idea di un servizio ferroviario sul modello delle S-Bahn tedesche nel canton Ticino prende forma nel 2001, nell'ambito dell'accordo tra Svizzera e Italia per lo sviluppo dei collegamenti transfrontalieri. Nel 2004 nasce TiLo, società con sede a Chiasso che prende in gestione sul fronte elvetico il servizio regionale sulle linee ferroviarie Biasca-Chiasso, Bellinzona-Locarno e Cadenazzo-Luino.

Le prime linee S[modifica | modifica wikitesto]

Dal 12 dicembre 2004[1] le linee vengono ribattezzate S1, S2 ed S3, in base alla denominazione già presente in diversi centri d'Europa. Vengono stabilite le cadenze orarie delle diverse tratte. Da Bellinzona, verso Locarno e verso Chiasso viene istituito un collegamento ogni mezz'ora, diverse le modalità di collegamento con Biasca e Luino, con collegamenti in cadenza oraria e bioraria, rafforzati nelle ore di punta.

Rinumerazione delle linee[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 13 dicembre 2008, in accordo con la Regione Lombardia, il Canton Ticino rinumera le linee del proprio sistema ferroviario S10, S20 e S30, per evitare confusioni con le omonime linee del servizio ferroviario suburbano di Milano. L'asse principale rimane quello della linea S10, che viene prolungata fino ad Albate[2], a sud di Como, ed effettua coincidenza con i treni da e per Milano (linea S11). Nel 2009 all'offerta ferroviaria della rete celere è stata aggiunta anche la linea Lugano-Ponte Tresa, numerata S60. Nel 2010 la linea S10 fu limitata a Chiasso. Nel 2014 all'offerta ferroviaria della rete celere sono state aggiunte anche dalle linee Stabio-Mendrisio, numerata S40 e Stabio-Bellinzona, numerata S50.

Evoluzione della rete[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Castione-Arbedo, momentaneamente chiusa nel 2010, è stata ampliata e riaperta il 12 dicembre 2010, diventando il terminale della linea S20.

2013[modifica | modifica wikitesto]

Con il cambio orario del 15 dicembre 2013 la linea S10 venne limitata a Chiasso, abbandonando la tratta in territorio italiano a causa del basso afflusso di passeggeri[3] e inaugurata la stazione di Mendrisio San Martino.

2014[modifica | modifica wikitesto]

L'inagurazione della tratta Mendrisio-Stabio il 26 novembre 2014[4] permette la creazione di una nuova relazione tra i due centri ticinesi. Con il cambio orario di dicembre, entrerà in funzione la linea S40, collegando Stabio alla stazione di Albate-Camerlata, a sud di Como, in prospettiva di un prolungamento verso Varese, e la linea S50, limitata per ora al collegamento tra Stabio e Lugano, ma che in futuro permetterà il collegamento con l'aeroporto di Milano Malpensa. Entrambi i collegamenti saranno possibili una volta conclusi i lavori, tuttora in pianificazione[5], sul versante italiano, tra il valico del Gaggiolo e Arcisate[6].

2015[modifica | modifica wikitesto]

Con il cambio orario del 15 dicembre 2015 tutti i treni della linea S40 vennero limitati a Mendrisio. I treni della linea S40 sul percorso Mendrisio-Stabio circolano con cadenza semioraria (un treno ogni mezz'ora).

Dal lunedì al venerdì circolano due coppie di treni della linea S50 sul percorso Stabio-Bellinzona.

Progetti[modifica | modifica wikitesto]

Con l'attivazione del raccordo Arcisate-Stabio, attualmente in costruzione, entreranno in esercizio a pieno regime le linee S40 (Varese-Mendrisio-Como) e S50 (Lugano-Varese-Malpensa).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ferrovia 2000: una Svizzera più scorrevole
  2. ^ Bitensioni in Italia, in "I Treni" n. 312 (febbraio 2009), p. 8
  3. ^ TiLo - Importanti novità per il cambio orario 2014
  4. ^ Inaugurata la linea ferroviaria FMV tra Mendrisio e Stabio, TiLo, tilo.ch.
  5. ^ Pianificazione ferroviaria regionale nel Canton Ticino
  6. ^ Ferrovia Mendrisio-Varese entro il 2013

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]