Personaggi di DuckTales

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Robopap)
Jump to navigation Jump to search

Quello che segue è un elenco di personaggi del franchise animato Disney DuckTales, tra cui la serie originale del 1987 e il reboot del 2017, oltre a un film cinematografico e una varietà di prodotti come videogiochi e fumetti. Prima che nella serie, molti dei personaggi erano apparsi nelle storie a fumetti di Uncle Scrooge, in particolare quelle create da Carl Barks.[1]

Protagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Paperon de' Paperoni[modifica | modifica wikitesto]

Paperon de' Paperoni (Scrooge McDuck), chiamato semplicemente Paperone o Zio Paperone dai famigliari, è il papero più ricco del mondo e il protagonista della serie. Paperone è costantemente alla ricerca di modi per aumentare ulteriormente la sua ricchezza facendo affari o andando a cacciare tesori. Come il suo nome originale lascia intendere, è basato su Ebenezer Scrooge, da cui ottiene anche buona parte del carattere. Nacque in Scozia, in una famiglia caduta in povertà nei secoli. A dieci anni guadagnò la sua prima moneta mentre faceva il lustrascarpe: un decino americano denominato "la Numero Uno", che lo spinse a non farsi più turlupinare o battere dagli altri e a girare il mondo per fare fortuna, iniziando propriamente la sua scalata verso la ricchezza facendo il cercatore d'oro nel Klondike. Alla fine si stabilisce a Paperopoli, di sua proprietà, ed erige il suo famoso Deposito, dove contenere i suoi soldi.

Nella serie originale del 1987 sfoggia una giacca blu con polsini e colletto rossi. Segue un carattere e una storia fedele a come lo aveva dipinto Barks. Quando suo nipote Paperino si imbarca per la Marina, Paperone si ritrova costretto a badare ai nipotini Qui, Quo e Qua, la cui presenza aprirà pian piano i suoi sentimenti, facendogli mettere da parte la sua proverbiale avarizia in favore della famiglia. È doppiato in inglese da Alan Young e in italiano da Gigi Angelillo.

Nel reboot del 2017, l'antefatto di Paperone è leggermente diverso. È conosciuto come un esperto "capitalista d'avventura", che era solito condurre avventure con i suoi nipoti: Paperino e Della. Tuttavia, a seguito di un incidente, Della si perse nello spazio. Paperino e Paperone si allontanarono e il miliardario divenne più cupo e chiuso. Dieci anni dopo questo incidente, Paperone riacquista la scintilla dell'avventura quando viene riunito con Paperino e presentato ai suoi pronipoti per la prima volta. Il reboot lo vede indossare una giacca rossa con tasche a vista e polsini e colletto neri, come nei fumetti, seguendo in particolare la caratterizzazione di Don Rosa e, di conseguenza, ottiene altri dettagli al suo passato che ricalcano la Saga di Paperon de' Paperoni. In questa serie è doppiato in inglese da David Tennant e in italiano da Fabrizio Vidale.

Qui, Quo e Qua[modifica | modifica wikitesto]

Qui, Quo e Qua (Huey, Dewey, and Louie Duck) sono i gemelli di Della Duck, nipoti di Paperino e pronipoti di Paperone. Tutti e tre tendono ad essere giocosi e birichini, pur essendo anche devoti membri delle Giovani Marmotte, ciò però non gli impedisce a volte di comportarsi da birichini, specialmente nei confronti di Paperino. Nel reboot, il loro nome completo sono rivelati essere Hubert "Jet" Duck, Dewford Deuteronomy Dingus "Turbo" Duck e Llewellyn "Rebel" Duck.

Nella serie originale del 1987 i gemelli vengono portati da Paperone per stare con lui mentre lo zio parte per unirsi alla marina. Tutti e tre sono identici nell'aspetto e indossano abiti identici, un berretto e un maglione, con l'unica differenza nel loro colore: Qui indossa il rosso, Quo il blu e Qua il verde. Questo schema fu poi usato nelle successive apparizioni animate dei gemelli. Una piccola nota sul loro carattere viene anche stabilita in questa serie: Qui è il leader del gruppo, Quo è il più furbo del gruppo e Qua è il più atletico del gruppo. Nei fumetti venne specificato che furono affidati a Paperino in quanto la madre Della stava prendendosi cura del marito in ospedale (rimasto coinvolto in uno degli scherzi dei ragazzi). Nella serie, Paperino affiderà poi i ragazzi a Paperone per arruolarsi nella Marina. Al fianco del grande cacciatore di tesori, i paperini partecipano a diverse avventure, sbaragliando chiunque gli ostacoli tramite il loro gioco di squadra. In questa serie Qui, Quo e Qua sono doppiati in inglese da Russi Taylor e in italiano rispettivamente da Roberta Paladini, Giuppy Izzo e Paola Giannetti nella prima stagione mentre da Laura Lenghi nelle successive.

Nel reboot del 2017, Qui, Quo e Qua sono stati differenziati in aspetto, voci e personalità: Qui, la mente del gruppo e il più serio e ragionevole dei tre, indossa una maglietta rossa a maniche corte e un berretto; Quo, il più avventuroso e impulsivo, indossa una maglietta blu a maniche lunghe; Qua, il più avido e pigro del gruppo, indossa una felpa verde con cappuccio. Sebbene tutti e tre siano birichini e subdoli con Paperino, sono grandi ammiratori della fortuna di Paperone, delle leggende che lo circondano e delle sue avventure. Con la madre dispersa sin prima che i tre nascessero, Paperino decide di prendersi cura di loro, proteggendoli quasi ossessivamente da qualsiasi cosa. Inizialmente il trio viene portato da Paperone mentre Paperino partecipa a un colloquio di lavoro, ma dopo aver rinnovato il suo spirito per l'avventura (e dopo che Quo rovina accidentalmente la casa galleggiante di Paperino), il trio e Paperino si trasferiscono con lui e lo accompagnano nelle sue nuove avventure. Durante la permanenza, Quo inizia a fare delle ricerche sulla madre, rivelandone il segreto dietro la sua scomparsa alla fine della prima stagione e riunendosi con lei nella seconda. Nel reboot sono doppiati in inglese rispettivamente da Danny Pudi, Ben Schwartz e Bobby Moynihan, mentre in italiano da Paolo De Santis, Alessio Puccio e Massimiliano Alto.

Gaia Vanderquack[modifica | modifica wikitesto]

Gaia Vanderquack (Webbigail "Webby" Vanderquack) è la nipote di Bentina Beakley. Personaggio originale creato apposta per la serie, largamente basato su Emy, Ely, Evy.

Nella serie del 1987 indossa tipicamente una camicia e un grande fiocco rosa, è solitamente timida e all'inizio ha spesso difficoltà ad essere accettata dai nipotini di Paperone, ma in seguito i gemelli finiscono per considerarla come una sorella adottiva. In questa serie è doppiata in inglese da Russi Taylor, mentre in italiano da Antonella Rinaldi, nella maggior parte della serie, e da Antonella Baldini in alcuni episodi della quarta stagione.

Nel reboot del 2017 Gaia è leggermente più grande, intelligente e avventurosa, perdendo il suo carattere infantile e assumendone uno da maschiaccio con qualche tono da ragazzina. Indossa un gilet rosa e viola, una gonna rosa e un fiocco più piccolo sul lato destro. Si rivela essere una grande fan dell'avventura e una storica del Clan de' Paperoni. Idolatra Paperone come uno dei più grandi avventurieri di tutti i tempi. I nipoti la trovano leggermente intimidatoria al loro primo incontro, ma presto la accettano come una nuova amica intima.[2][3] Successivamente Gaia stringerà una forte amicizia con Lena (nipote di Amelia) e la colibrì Violet. In questa serie è doppiata in inglese da Kate Micucci e in italiano da Monica Bertolotti.

Jet McQuack[modifica | modifica wikitesto]

Jet McQuack, uno dei personaggi principali che ha esordito nella serie

Jet McQuack (Launchpad McQuack) è il pilota di Paperone, abile ma un po' incompetente, raramente riesce ad atterrare in sicurezza e di solito si schianta, venendone fuori però sempre illeso. Altro personaggio originale, creato per prendere il posto di Paperino, durante la sua assenza nella serie originale.

Nella serie originale del 1987 usa il motto "Se ha le ali, posso schiantarlo" e rivela negli episodi successivi di essere di discendenza irlandese e di avere un antenato che fu coinvolto nella Guerra Civile. Il suo aspetto fisico è piuttosto robusto, con dei vestiti simili a quelli dei piloti dell'era antica tra cui un berretto di pelle con occhiali da volo, una sciarpa da aviazione e una giacca da volo marrone con pantaloni marrone chiaro. Nella serie si scopre che Jet è figlio di una famiglia di grandi aviatori. In passato durante una delle loro più grandi acrobazie, Jet fu l'unico della famiglia a non riuscire nell'impresa andandosi a schiantare. Per la pessima figura fatta, Jet si sentì umiliato e di avere deluso la famiglia. Non sopportando tale vergogna, decise in ultimo di andarsene per cercare una nuova vita. I genitori tutta via non diedero mai peso per ciò che avvenne durante la gara, mostrando più preoccupazione per le sorti di Jet, e di essersene andato. Successivamente Jet riconterà i suoi genitori e sua sorella, chiarendo che essi non sono mai stati delusi di lui e che gli hanno sempre voluto bene. Incoraggiandolo a rialzarsi e di reagire. Il personaggio (a seguito degli eventi della serie) è poi diventato uno dei protagonisti di Darkwing Duck, apparendo nella maggior parte degli episodi di questa serie, facendo l'assistente dell'eroe mascherato, nominandolo Doppia D, e dato che il suo aereo è stato distrutto nel primo episodio, piloterà successivamente il Thunderquack. In entrambe le serie, Jet è doppiato in inglese da Terence McGovern, mentre in italiano da Carlo Reali nella maggior parte della serie DuckTales (dove parla con una suadente S moscia) e da Roberto Pedicini in alcuni episodi della quarta stagione e nello spin-off Darkwing Duck (dove perde la sua S moscia).

Nel reboot di DuckTales del 2017, Jet inizialmente lavora come autista di limousine per Paperone prima di essere incaricato di pilotare diverse imbarcazioni oltre agli aerei (per poi venire sostituito/affiancato da Della). Mentre il suo aspetto fisico è lo stesso del suo omologo del 1987, indossa un completo che ricorda quello dei piloti commerciali privati degli anni quaranta e cinquanta, tra cui un cappellino da baseball (raramente sostituito dal berretto di pelle e occhialoni), una giacca di pelle con collo foderato di pelliccia, una maglietta verde e pantaloni bianchi. È anche un grande fan di Darkwing Duck, eroe di una serie TV, con cui farà amicizia nella seconda stagione. Instaura un buon rapporto di amicizia fraterna con Quo e ha un debole per Penumbra. Mentre nella serie originale, Jet è abituato tanto a schiantarsi che lo considera come l'unico vero modo di atterrare (risultando dispiaciuto le rare volte che atterra per bene), nel reboot, Jet sa solo schiantarsi, non sapendo nemmeno cosa sia "atterrare senza danni". In questa serie è doppiato in inglese da Beck Bennett e in italiano da Massimo Bitossi.

Bentina Beakley[modifica | modifica wikitesto]

Bentina Beakley (Mrs. Beakley), chiamata frequentemente Tata da tutti, è la domestica, la governante e la tata della famiglia, e la nonna materna di Gaia. Altro personaggio originale della serie.

Nella serie originale del 1987 viene mostrata molto dolce con la nipotina, e indossa un vestito viola e un grande grembiule bianco sul davanti e due spille per mantenere la pettinatura. Dimostra a volte un carattere autoritario. In questa serie è doppiata in inglese da Joan Gerber, mentre in italiano da Germana Dominici nella maggior parte della serie e da Vanna Busoni in alcuni episodi della quarta stagione.

Nel reboot del 2017 il suo personaggio è più pratico degli altri residenti di Villa de' Paperoni, offrendo spesso consigli a Paperone e ai bambini, sebbene si offenda per essere trattata come segretaria del suo datore di lavoro. Il suo aspetto fisico è simile alla sua controparte del 1987, anche se non ha forcine, mentre indossa vestiti simili a una bambinaia e ha un grembiule intorno alla vita, inoltre, mentre la Tata della serie originale era in carne, quella del reboot è solo robusta e muscolosa. Nel primo episodio è protettiva nei confronti di Gaia, ma alla fine accetta di farla partecipare alle avventure di Paperone. Nei flashback dell'episodio a lei dedicato, si scopre che conobbe Paperone quando era operativa come un agente segreto dello S.H.U.S.H., col nome in codice di Agente 22. In questa serie è doppiata in inglese da Toks Olagundoye e in italiano da Barbara Castracane.

Paolino Paperino[modifica | modifica wikitesto]

Paolino Paperino (Donald Duck) è un personaggio Disney classico che, come spiegato nei fumetti, si è preso cura dei suoi nipoti Qui, Quo e Qua dopo che sua sorella Della si è dovuta assentare per prendersi cura del marito in ospedale. Caratterizzato dalla giubba e il cappello da marinaio, la gracchiante voce quasi incomprensibile e un carattere facilmente irascibile.

La sua apparizione nella serie del 1987 fu deliberatamente minimizzata a causa del tempo trascorso sotto i riflettori dell'animazione, al fine di dare maggiore attenzione a Paperone e ai ragazzi.[4][5] In tale serie lascia i suoi nipoti a Paperone per arruolarsi in Marina, facendo occasionali apparizioni in alcuni episodi della prima stagione.

Nel reboot del 2017, le apparizioni di Paperino sono state aumentate in modo significativo per coinvolgerlo nelle avventure di Paperone e dei suoi nipoti, che includono la modifica di una parte dell'antefatto tra lui, sua sorella e suo zio: essi erano soliti avventurarsi insieme, fino a quando Della si era persa nello spazio, a causa di un razzo di Paperone, e i due non si sono parlati per dieci anni. Paperino si ritrova, così, a badare ai figli di sua sorella, crescendoli con molta sicurezza. Dopo che Paperino scopre che i suoi nipoti progettano di causare qualche guaio con la loro casa galleggiante mentre sono soli, si riunisce a malincuore con Paperone per convincerlo a fare da babysitter ai suoi nipoti. Dopo che un incidente lo ha portato a essere coinvolto in una nuova avventura con Paperone (e aver perso la sua casa galleggiante), Paperino accetta di trasferirsi con la sua famiglia a Villa de' Paperoni, pur cercando di mantenere la sua indipendenza. Il reboot lo vede indossare il so vecchio completo da marinaio blu, per poi cambiarlo con uno in bianco e nero (che indossa in molto spesso nei fumetti). Come nei fumetti, i tratti del personaggio principale di Paperino sono la sua sfortuna e il suo carattere irascibile, mentre sta anche lottando per essere un buon genitore per i suoi nipoti. Nella seconda stagione, gli viene regalata una vacanza ai Caraibi per potersi rilassare e non dannarsi nel mettere al sicuro i nipoti ogni secondo, ma vedendo il razzo di Della, ritornata finalmente a casa, finisce con l'essere spedito anche lui nello spazio, dove viene imprigionato dai Lunari, ma riesce a scappare subito su un missile di fortuna, sopravvivendo non solo allo schianto e all'atmosfera, ma anche vivendo di sabbia e acqua di mare sull'isola deserta dove precipita, dove, per non impazzire, crea un Topolino da un melone come compagnia. Viene poi ritrovato dalla sorella, i ragazzi e i cugini durante l'invasione lunare.

Paperino è doppiato in inglese da Tony Anselmo in entrambe le serie, mentre in italiano da Franco Latini in quella del 1987 e da Luca Eliani in quella del 2017. Nell'ultimo episodio della prima stagione della serie 2017, inoltre, per riuscire a capire le sue parole, Archimede utilizza un dispositivo chiamato Commutatore Barskiano a che gli da una voce comprensibile venendo doppiato da Don Cheadle in inglese e da Simone Mori in italiano. Nel sesto episodio della seconda stagione Natale in famiglia, la sua versione giovane viene doppiata in inglese da Russi Taylor (già voce di Qui, Quo, Qua e Gaia nella serie del 1987) e in italiano da Davide Garbolino. Nel finale della seconda stagione, il suo Topolino-Melone, che lui vocia tramite il ventriloquismo, è doppiato da Chris Diamantopoulos in inglese.

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

Apparsi in entrambe le serie[modifica | modifica wikitesto]

  • Archimede Pitagorico (Gyro Gearloose) è un grande inventore, anche se un po' imbranato, che spesso lavora per Paperone, progettando qualsiasi cosa dai raggi di trasferimento alle macchine del tempo. Nella serie originale del 1987, rispecchia fedelmente la sua controparte fumettistica: spesso le sue invenzioni aiutano a guidare la trama di un episodio, in quanto non sempre funzionano come progettato, di solito, quando qualcuno tenta di usarle. In questa serie Archimede è doppiato in inglese da Hal Smith mentre in italiano da Gil Baroni e da Michele Kalamera (solo nell'episodio 4x07).
    Nella serie del 2017 Archimede, più arrogante e impaziente della sua versione classica, viene assunto da Paperone come capo della ricerca e sviluppo, lavorando in un laboratorio segreto sotto il Deposito. Una gag ricorrente vede lui preoccuparsi di come le sue invenzioni possano diventare malvagie. In questa serie è doppiato in inglese da Jim Rash e in italiano da Gianfranco Miranda.
    • Edi (Little Bulb/Little Helper) è un'invenzione di Archimede che gli fa da assistente; un piccolo robot umanoide (muto) con una lampadina per testa. Nella serie originale, il suo ruolo è reso minimo e quasi assente, visto che la sua presenza è quasi spesso senza un ruolo fondamentale.
      Nella serie del 2017, risulta tra le invenzioni malvagie di Archimede, ma solo perché gli era stata messa una lampadina più potente di quanto ne poteva sopportare. Inoltre, differentemente dalla sua controparte del 1987, Edi ha un ruolo più importante, risultando essenziale in alcune trame riguardanti Archimede o Fenton, e possiede un carattere più tosto.
  • Fenton Paperconchiglia (Fenton Crackshell), alias Robopap (Gizmoduck), è un altro personaggio originale della serie. Si tratta di un assistente di Paperone molto impacciato che, grazie ad un'invenzione di Archimede, diventa pure un supereroe (con quale caratteristica simile a Paperinik). Per trasformarsi nel supereroe usa un codice vocale che in inglese è "Blathering Blatherskite" ma che nell'edizione italiana della serie 1987, varia spesso in base all'episodio ("Incantesimo", "Blablapapero" o "Blaterare"), mentre nella serie 2017 usa un'esclamazione ("Fanfaluca Ciarlante"). Nella serie del 1987, viene assunto come contabile di Paperone nella seconda stagione. Può contare con una velocità incredibile, ma generalmente è incompetente in quasi tutto il resto. Inoltre, i suoi abituali tentativi di correggere i propri errori tendono a peggiorare le cose finché non ha successo. Esibisce una personalità notevolmente diversa nel suo ruolo di Robopap, in quanto il suo abito ad alta potenza gli dà il coraggio di prendere decisioni audaci e di agire come un leader forte e un eroe. Come Jet, appare anche in Darkwing Duck, anche se con un nome diverso: Roboduck. È doppiato in inglese da Hamilton Camp sia in DuckTales che in Darkwing Duck, mentre in italiano da Massimo Rinaldi in DuckTales e da Pino Ammendola e Roberto Certomà in Darkwing Duck.
    Nella serie del 2017 viene reinterpretato come uno stagista latino-americano (facendo sì che il suo piumaggio cambi da bianco a marrone) di nome Fenton Paperconchiglia-Cabrera (Fenton Crackshell-Cabrera) alle dipendenze di Archimede, che non ripone nessuna fiducia in lui e tenta sempre di rimpiazzarlo, accettando con molta fatica il suo ruolo come Robopap, la cui identità è nota a molti, invece che essere mantenuta segreta solo a Jet, Paperone e sua madre, come nella serie originale. Un suo probabile antenato (lo sceriffo Marshall Cabrera) appare nell'episodio della seconda stagione Paperone contro Rockerduck. È doppiato in inglese da Lin-Manuel Miranda e in italiano da Marco Baroni.[6]
  • Archie (Duckworth) è il maggiordomo e autista di lunga data di Paperone, il tuttofare di Villa de' Paperoni e un membro importante dello staff del miliardario. Ennesimo personaggio originale, basato largamente su Firmino. È l'unico domestico di Villa de' Paperoni fino all'assunzione di Bentina Beakley. Nonostante il suo nome originale includa "Duck", è un cane antropomorfo. Archie appare dall'inizio della serie come personaggio secondario, ma è protagonista dell'episodio "Verdure stellari" e del segmento "I Bassotti in fuorigioco".
    Nel reboot del 2017 il personaggio è morto anni prima dell'inizio della serie, e viene detto fosse stato l'unico ad organizzare feste per Paperone. Nell'episodio "Mistero alla villa De' Paperoni" viene richiamato in forma di fantasma da Nik Notturno, e alla fine torna ai suoi doveri come maggiordomo di Paperone.
    È doppiato in inglese da Chuck McCann nella serie del 1987 e da David Kaye in quella del 2017, mentre in italiano da Raffaele Uzzi in entrambe le serie, eccezion fatta per l'episodio 37 della serie del 1987, in cui è doppiato da Mario Bardella.
  • Goldie (Goldie O'Gilt), alias Scintillante Goldie (Glittering Goldie), meglio conosciuta in italiano come Doretta Doremì, è l'interesse amoroso di Paperone. Nella serie del 1987, raffigurata fedelmente alla sua controparte fumettistica (eccezion fatta per il corpo non mingherlino), appare per la prima volta nell'episodio "Ritorno al Klondike", dove viene spiegato di come fosse ballerina di un saloon a Dawson City, quando conobbe Paperone, che, accusandola di averlo derubato, la fece lavorare nella sua concessione, dove instaurarono un rapporto sentimentale. Riappare da allora in altri episodi, spesso in una breve apparizione, come nell'episodio "Le nozze di Paperone", dove alla fine lo insegue con un fucile per averla tradita, ma riottiene un ruolo importante nell'episodio "Lassù sui monti paperi", dove viene corteggiata da Paperone e Famedoro affinché possano avere una sua concessione piena di alberi dorati. In questa serie è doppiata in inglese da Joan Gerber e in italiano da Ludovica Modugno.
    Nella serie del 2017 è un personaggio ricorrente che Paperone descrive come la sua ex-fidanzata, ex-compagna, ex-collega ed ex-nemica. Nell'episodio "Il mistero del Fosso dell'Agonia Bianca", la sua storia è cambiata con il particolare che Paperone e lei rimasero congelati nel ghiaccio durante il periodo di lavoro nella concessione, dove si rubarono metà di una mappa. Oltre ad avere un carattere che si rifà alla versione di Don Rosa, in cui è molto più subdola e che passa il tempo a rubare, invece che passare la vecchiaia a Dawson, come nei fumetti nella serie originale, è un'avventuriera come Paperone, incontrandolo più volte nei suoi viaggi e mantenendo atteggiamenti ambigui nei suoi confronti: prova decisamente dei sentimenti per lui e in delle occasioni lo salva, ma non manca mai di provare a derubarlo. Nella seconda stagione, instaura un rapporto materno con Qua mentre le fa da insegnante. È doppiata in inglese da Allison Janney.[7], mentre in italiano è doppiata da Stefania Giacarelli.
  • Gastone Paperone (Gladstone Gander) è il cugino di Paperino che, con gran fastidio dei suoi parenti, è immancabilmente fortunato. Appare in due episodi della prima stagione della serie del 1987. Nel primo fa solo un cameo alla festa di compleanno di Paperone, e nel secondo, Amelia usa la sua fortuna per rubare la Numero Uno, facendolo diventare sfortunato (in quanto ha usato il suo potere per compiere una cattiva azione), finché non recupera la moneta. In tale serie è doppiato in inglese da Rob Paulsen e in italiano da Gianni Williams.
    Nella serie del 2017 è introdotto nell'episodio "La casa di Gastone il fortunato", dove è imprigionato in un casinò a Macaw affinché il proprietario assuma tutta la sua fortuna, finché non assapora la sfortuna di Paperino, sparendo nel nulla e compare poi brevemente in altre occasioni, in cui non manca di sfoggiare la sua fortuna. Per la prima volta, inoltre, Qui, Quo e Qua si riferiscono a lui come "zio" e non come "cugino". Viene doppiato in inglese da Paul F. Tompkins e in italiano da Vladimiro Conti.
  • Pico De Paperis (Ludwig Von Drake) è lo zio di Paperino e cognato di Paperone, nonché uno scienziato e autoproclamato esperto universale. Nella serie del 1987, Pico appare solo nell'episodio "Il vello d'oro" in qualità di psicologo di Jet.
    Nel reboot del 2017, appare soltanto tramite flashback o registrazioni, in quanto nel periodo in cui si svolge la serie è passato a miglior vita. In passato era il capo dell'agenzia spionistica S.H.U.S.H. nonché vecchio amico di Paperone, con cui costruì un caveau in cui preservare tutto ciò che il pianeta ha bisogno in caso di un'apocalisse, che ha poi lasciato ai suoi tre figli.
    In entrambe le occasioni è doppiato in inglese da Corey Burton, mentre è doppiato in italiano da Gil Baroni nella serie del 1987 e da Gerolamo Alchieri nel reboot del 2017.
  • Miss Emily Paperett (Mrs. Featherby) è la segretaria di Paperone. Appare brevemente in tre episodi della serie del 1987 e nel film. È doppiata in inglese da Joan Gerber, Tress MacNeille e Susan Blu, mentre nel film da June Foray; in italiano invece è doppiata da Isa Bellini e Paila Pavese.
    Nella serie 2017, dove in originale è chiamata Mrs. Quackfaster, debutta nell'episodio "Caccia alla Numero Uno", dove è l'archivista e bibliotecaria personale di Paperone che lo ha servito negli ultimi 50 anni. Dedita al suo lavoro fino all'ossessione, è perfettamente disposta a terrorizzare i bambini se rifiutano di ascoltare le sue bizzarre regole. Dona a Quo e Gaia degli indizi su come scoprire la verità dietro la scomparsa di Della. Successivamente la si può vedere lavorare in una libreria della PdP. È doppiata in inglese da Susanne Blakeslee e in italiano da Antonella Giannini.
  • Tonty (Doofus Drake), un giovane ragazzo obeso e non molto intelligente. Altro personaggio originale della serie. Appare nella prima stagione della serie del 1987, dove è un amico di Qui, Quo e Qua, una devota Giovane Marmotta e compagno di Jet (che ammira fin quasi al delirio). In generale, Tonty è un personaggio piuttosto ottuso e goffo, con un atteggiamento positivo insaziabile come il suo appetito. Tonty è anche caratterizzato dal suo forte senso morale, meglio dimostrato nell'episodio "La gemma dei superpoteri" in cui usa i superpoteri di nuova acquisizione per salvare le Giovani Marmotte dalla catastrofe, per poi rinunciarci volontariamente in nome del duro lavoro e dell'amicizia. In inglese è doppiato da Brian Cummings e in italiano da Massimo Corvo.
    Nel reboot, Tonty era un normale ragazzino ma dopo aver ottenuto l'eredità della sua defunta nonna è diventato un ragazzo eccentrico e rovinato dal denaro, tanto da trattare i genitori come dei servi. Qua fa "amicizia" con lui, approfittando del giorno del figlio unico spacciandosi come unico erede di Paperone e scopre la follia del ragazzo, tanto che viene quasi fatto prigioniero, finché poi Qui, Quo è Gaia non lo tirano fuori dai guai. Qua, con l'aiuto di Doretta e un'invenzione di Becchis, riuscirà a far sì che i suoi genitori tengano testa a lui, dando a Tonty la più che giusta e benmeritata punizione. Viene doppiato da John Gemberling in inglese e da Gabriele Patriarca in italiano.
  • Gloria Paperconchiglia (Mrs. Crackshell) è la madre teledipendente di Fenton. Nella serie del 1987 è pantofolaia e trasandata (in tutti gli episodi è sempre vista in pantofole, vestaglia e con i bigodini) pensa più alla televisione che al figlio. In un episodio instaura un buon rapporto di amicizia con uno smemorato Paperone. È doppiata in inglese da Kathleen Freeman e in italiano da Sonia Scotti.
    Nella serie del 2017 è chiamata Signora Cabrera è doppiata in inglese da Selenis Leyva e in italiano da Stella Gasparri ed è una madre protettiva, forte e premurosa (mantenendo però la passione per le telenovela), fa la poliziotta. Differentemente da Gloria, la Signora Cabrera è tenuta all'oscuro dell'identità di Robopap, ma che ha già capito da sola di chi egli sia.
  • Bubba Papero e Tootsie (Bubba Duck & Tootsie) sono rispettivamente un giovane ma forte cavernicolo e un cucciolo di triceratopo portati nel presente. Vengono adottati da Paperone all'inizio della seconda stagione, nell'arco narrativo de "Il tempo è denaro". Nel cercare di gabbare Famedoro, Paperone, Jet e i nipoti decidono di andare indietro nel tempo per fermare un trucco dell'avversario, ma finiscono nella Preistoria dove salvano per caso Bubba da un T-Rex, da quell'esperienza, Bubba diventa riconoscente nei confronti di Paperone e lo segue fino nel presente, dove aiuterà Paperone a gabbare definitivamente Famedoro. Tootsie compare poco dopo Bubba, spaventata da un laser di Paperone e cadendo sul piede di Jet, questi inizia a gemere "il mio dituzzo", suggerendo a Bubba un nome per la piccola creaturina. Compaiono nelle stagioni successive e Bubba appare anche nel remake del videogioco, dove aiuta Paperone a proseguire un tratto dell'Everest. È doppiato in inglese da Frank Welker e in italiano da Fabrizio Manfredi.
    Nel reboot, Bubba viene portato nel presente grazie ad un'idea meschina di Qua, che voleva arricchirsi recuperando tesori mai ritrovati dal passato, ma trascinando accidentalmente con sé la gente del passato. Mentre, quindi, Qui tenta di studiarlo, Qua trascina altra gente dal passato, compresa Tootsie, che ha il comportamento di un normale triceratopo, che viene domato da Bubba, che stende gli ostili intrusi temporali, per poi essere rimandato nel passato portandosi dietro una mazza di legno della famiglia de' Paperoni, di cui si scopre essere il capostipite. È doppiato in inglese da Dee Bradley Baker.
  • Dijon è un ladruncolo arabo che appare per la prima volta nel film. All'inizio appare come il piccolo e avido seguace di Merlock, ma diventa protagonista secondario negli ultimi episodi di Ducktales. È un ometto, forse un chiwawa, smilzo, poco intelligente e ossessionato dai soldi, tanto che tenta di nascondersi la refurtiva nei pantaloni. Verso la fine del film, Dijon entra in possesso della Lampada e desidera di possedere il deposito di Paperone, Merlock però gliela sottrae e lo trasforma, per la sua incompetenza, in un maiale. Quando però Paperone libera il genio, il desiderio di Merlock si annulla e Dijon torna normale dentro la cassaforte di Paperone, dove arraffa qualcosa prima di scappare a gambe levate (e pantaloni pieni) da Paperone. Riappare poi in tre episodi nell'ultima stagione della serie originale dove nel primo di questi episodi è al soldo di Cuordipietra e negli ultimi due (nonché ultimi dell'intera serie) rincontrerà il perduto fratello Poupon, un monaco che gli offre la possibilità di redimersi custodendo la magica oca d'oro, ma Dijon la ruba con conseguenze catastrofiche per il pianeta ma, non volendo separarsi ancora dal fratello, decide di redimersi per davvero, ma è costretto alla fuga per colpa dei Bassotti, riuscendo però a sistemare tutto all'ultimo secondo. Parla di sé in terza persona e, in originale, ha una parlata sgrammaticata. Doppiato in inglese da Richard Libertini e in italiano da Mauro Gravina in Zio Paperone alla ricerca della lampada perduta e da Oliviero Dinelli in DuckTales: Avventure di Paperi.
    Nel reboot appare nella seconda stagione come un giusto e saggio predone, rinominato Faris D'jinn (chiamato semplicemente dagli altri come Jinn), venendo rappresentato più alto e con un vestiario più elegante. Parla con un accento asiatico. Nel reboot è doppiato in inglese da Omid Abtahi e in italiano da Emiliano Coltorti.
  • Piumina O'Drake e Fergus de' Paperoni (Downy O'Drake and Fergus McDuck): sono i genitori di Paperone. Nella serie del 1987 (chiamati semplicemente Mamma e Papà de' Paperoni, in quanto ancora privi di una caratterizzazione) appaiono nei flashback del passato del figlio, quando racconta ai nipoti di come divenne ricco. Sono doppiati in inglese da June Foray e Don Messick e in italiano da Sonia Scotti e Mario Bardella.
    Nel reboot, differentemente dalla Saga di de' Paperoni, sono ancora vivi grazie ad una maledizione provocata da Paperone mentre ristrutturava il castello di famiglia, di cui la coppia ne fa da guardiani. Inoltre, mentre Piumina risulta sempre premurosa e dolce come nei fumetti, Fergus ha un carattere più duro e arido nei confronti di Paperone (cosa che gli è stata passata dal padre e che ha passato al figlio), ma solo affinché questi rivolga più attenzioni verso di loro e non verso il denaro. I due faranno pace quando non solo non troveranno il tesoro che il padre di Fergus, Dingus, ha nascosto altrove, ma anche quando Fergus rivela che è stato lui a far sì che Paperone guadagnasse la Numero Uno. Sono doppiati in inglese da Ashley Jensen e Graham McTavish, in italiano da Barbara Sacchelli e Renato Cecchetto.
    • Clan de' Paperoni: Altri membri della famiglia compaiono (come spettri o nei flashback) o vengono menzionati in entrambe le serie.
      In entrambe le serie compaiono il Capitano Hugh "Schiumatore" de' Paperoni (chiamato Schiumadimare de' Paperoni nella serie dell'87), da cui Paperone ereditò un orologio di valore che vendette per comprare gli attrezzi con cui fece fortuna; il fondatore del Castello de' Paperoni, Silas de' Paperoni (originale ai fumetti) e Elvira "Nonna Papera" Duck (che fa qualche cameo nella serie del 1987 e nel fumetto crossover con Darkwing Duck e viene menzionata in un fumetto del reboot).
      Nella serie dell'87 compare inoltre lo zio paterno di Paperone: Angus "Manidibuche" de' Paperoni (chiamato Zio Pescegatto de' Paperoni), capitano di battelli a vapore del Missisipi.
      Nella serie del 2017 compaiono e vengono menzionati anche Sir Simon de' Paperoni, custode del tesoro dei Templari; il Duca Quaquarone de' Paperoni, custode del tesoro di MacBeth e dei de' Paperoni che ha nascosto nelle mura assieme a sé stesso; il Conte Pancia di Ghisa de' Paperoni, custode della dispensa (da lui razziata) di re Guglielmo il Leone, Sir Donald de' Paperoni, inventore del Golf; il Marchese Scrampola de' Paperoni, leader carismatico del 1110 d.C.; il Duca Bambaluc de' Paperoni, creatore delle segrete del castello; il Conte Braccio di Ferro de' Paperoni, reinventore delle basse armature medievali; Murdoch de' Paperoni, inventore dell'arco da tiro; il Luogotenente Malcom de' Paperoni, ammiraglio di Francis Drake; Patrizio de' Paperoni, prozio paterno di Paperone da cui ha ereditato l'avarizia; Dingo "il Sozzo" de' Paperoni, nonno paterno di Paperone nonché solitario minatore; Molly Mallard, nonna paterna di Paperone (sua sorella è la nonna materna di Rockerduck); Matilda de' Paperoni, sorella mezzana di Paperone; Ortensia de' Paperoni, sorella minore di Paperone e madre di Paperino e Della (da cui hanno ereditato il caratteraccio) e Quackmore Duck, cognato di Paperone e padre di Paperino e Della (da cui hanno ereditato il caratteraccio).
      Alcuni di questi personaggi provengono non solo da storie di Don Rosa o dal suo albero genealogico dei Paperi, ma anche da storie non pubblicate dello stesso autore.
  • Gandra Dee: la fidanzata di Fenton. Il suo nome è una parodia di quello dell'attrice Sandra Dee. Nella serie originale era una collega di Fenton alla fabbrica di fagioli. Fenton riuscirà a chiederle di uscire, scoprendo che anche lei è innamorata di lui. È doppiata in inglese da Miriam Flynn e in italiano da Ludovica Modugno.
    Nel reboot, Gandra ottiene un aspetto fisico e carattere più cartoonesco anziché mantenere quello sensuale dell'originale e, come Fenton, cambia piumaggio da bianco a marrone. È appassionata del punk-rock e non si vuole far mettere in piedi in testa da nessuno, motivo per cui ha abbandonato le industrie di Mark Becchis. Alla fine della seconda stagione si rivela essere un membro della F.O.W.L.. È doppiata in inglese da Jameela Jamil e in italiano da Claudia Catani.
  • L'Ombra di Amelia: l'ombra dotata di vita e coscienza propria di Amelia. Nella serie originale, appare nell'episodio "La guerra delle Ombre" dove Amelia la anima per poterla far intrufolare a Villa de' Paperoni e prendere la Numero Uno, ma dopo che viene scoperta dai Paperi, Amelia la insulta, facendo sviluppare all'ombra una sua personalità e diventando più buia e cupa, tanto da imprigionare Amelia in uno scantinato. Dopo essersi messi in tregua con Paperone, Amelia riuscirà a neutralizzare l'Ombra, la quale ha creato un esercito di ombre dei cittadini di Paperopoli dalla sua per ottenere la Numero Uno e diventare un essere proprio e far sparire la sua padrona. È doppiata in inglese da June Foray e in italiano da Sonia Scotti.
    Nella serie 2017, si scopre che, dopo che Amelia fu sconfitta da Paperone, quindici anni prima degli eventi della serie, di lei rimase solo l'ombra e il suo scettro, che si trasformarono rispettivamente in una ragazza emo di nome Lena Le Strange e in un talismano. Il piano di Amelia era quello di usare Lena (con cui comunica nella sua ombra) per poter avvicinarsi a Paperone, rubare la Numero Uno e tornare umana. Pian piano, però, Lena sviluppa una mentalità e una coscienza propria, iniziando a ribellarsi, finché Amelia si impossessa di lei e, dopo essere tornata normale, la fa ritornare la sua ombra. Lena poi si libererà e si trasferirà nell'ombra di Gaia, per poi ritornare in vita nella seconda stagione grazie all'intervento di Violet. In inglese è doppiata da Kimiko Glenn, mentre, in italiano è doppiata da Joy Saltarelli.
  • Genio (Gene the Genie): un giovane jinn che abita in una lampada in possesso di Paperone. Appare in Zio Paperone alla ricerca della lampada perduta, dove è il genio della lampada di Colli Baba che il predone rubo al terribile mago Merlock, che grazie a Genio ha desiderato l'immortalità e la distruzione di Pompei e Atlantide, ma, grazie ad un suo amuleto, i suoi desideri, da tre, sono diventati infiniti. Paperone ritrova la lampada ma, non trovandola di alcun valore, la regala a Gaia e finirà per essere l'unico tesoro rinvenuto dalla spedizione, in quanto Merlock e Dijon rubano il resto del tesoro credendo che la lampada si trovi ancora nel mucchio. Tornati a casa, Qui, Quo, Qua e Gaia scoprono il Genio e fanno amicizia con lui, spacciandolo per un ragazzino normale agli occhi di Paperone, Tata e Archie. Quando poi Paperone scopre la sua vera identità, lo usa per riavere il tesoro di Colli Baba, ma viene inseguito da Merlock, che recupera la lampada e riprende i suoi piani di conquista del mondo. Dopo che il mago viene sconfitto da Paperone, questi desidera prima che tutto torni alla normalità e poi, impietosito dalla prigionia di Genio, decide di renderlo libero, permettendogli di giocare con i ragazzi. È doppiato in inglese da Rip Taylor e in italiano da Giorgio Lopez.
    Nel reboot, la sua lampada compare tra i cimeli di Paperone ed il padrone originale era l'antenata di Djinn, che ha liberato il genio al suo interno in quanto innamorata di lui. Il predone, dopo averla persa prima a Colli Baba, la rintraccia a Villa de' Paperoni e la chiede come suo regalo di compleanno, in modo da poter portare con sé il ricordo della sua famiglia. È stato tuttavia confermato che Genio, con un piumaggio diverso (come Fenton e Gandra), riapparirà nella terza stagione.
  • Darkwing Duck: eroe della città di San Cannard e protagonista dell'omonima serie del '91 che fa da seguito a DuckTales. È un papero eccentrico, ricco e esibizionista: anziché fermare il crimine perché è un bene morale, lo fa solo perché possa farsi notare dalla stampa. Proteggendo un'orfanella di nome Ocalina Waddlemeyer da una banda criminale, la adotta e assume l'identità in borghese di Drake Mallard. Assume Jet McQuack come suo autista e assistente ed è talvolta affiancato con Robopap.
    Nella serie 2017, Darkwing è un personaggio televisivo impersonato da tale Jim Starling in una vecchia serie TV (una parodia di Adam West e del suo Batman). Quando Starling viene a sapere che faranno un film sulla sua serie, vuole impedire ai produttori di fare un revivial senza di lui, diventando ossessionato dalla sua parte che tenta pure di far fuori il nuovo Darkwing, interpretato da un ragazzo di nome Drake Mallard, suo fan. Durante un momento di lucidità, però, Jim capisce i suoi errori e viene coinvolto in un'esplosione mentre salva Drake e Jet. Jim sopravvive all'esplosione ma, convinto che Drake lo volesse morto, diventa il malvagio Negaduck (che nella serie originale era l'alter ego di un'altra dimensione dell'eroe). Dopo la cancellazione del film, Drake Mallard decide di diventare un supereore per davvero, ma viene spesso ignorato o preso in giro per il suo carattere.
    Dalla serie originale, compaiono nel reboot anche Megavolt, Quackerjack, Liquidator, Clorofix e Paddywhack, solo come personaggi dello show, mentre i Grandi Capi della F.O.W.L. (vedi a Bradford Buzzard), Becco d'Acciaio (vedi sotto), Taurus Bulba e Ocalina appaiono come personaggi normali.
    Il Darkwing Duck del '91, Jim Starling e Negaduck (di ambo le serie) sono doppiati da Jim Cummings in inglese e da Oliviero Dinelli in italiano, mentre il Drake Mallard del 2017 è doppiato da Chris Diamantopoulos in inglese e da Alessandro Tiberi in italiano.

Esclusivi della serie del 1987[modifica | modifica wikitesto]

  • Ammiraglio Grimitz (Admiral Grimitz) è il comandante della portaerei su cui Paperino è un guardiamarina. Si arrabbia sempre per le rischiose acrobazie di Paperino e gli piace giocare con attrezzature militari distruttive. La sua voce originale è basata su John Wayne mentre il suo nome è una parodia dell'ammiraglio Chester Nimitz. Fa diverse apparizioni nella prima stagione della serie, in cui è doppiato in inglese da Peter Cullen e in italiano da Mario Bardella. Appare anche in un episodio di Quack Pack - La banda dei paperi, dove deve far concludere a Paperino una giornata in Marina, prima di poterlo congedare, temendo il peggio.

Esclusivi della serie del 2017[modifica | modifica wikitesto]

  • Della Duck è la madre di Qui, Quo e Qua e sorella gemella di Paperino. Assieme al fratello e lo zio, viaggiava in giro per il mondo in cerca di avventure, finché, una volta esplorati tutti i luoghi possibili ed inimmaginabili del pianeta, decise di spingere le loro spedizioni nello spazio. Paperino rifiutò all'idea, in quanto a breve sarebbe diventata madre, ma Paperone decise di costruire per lei un'astronave, la Lancia di Selene, da regalarle quando i nipotini sarebbero nati. Della, però, partì da sola e di nascosto, Paperone si accorse troppo tardi della partenza del razzo e, dopo essersi messo in contatto con la nipote, le diede indicazioni per scendere a Terra attraversando una Tempesta Cosmica, ma la navetta si guastò e Della si perse nello spazio (in riferimento ad una storia danese a lei dedicata). Paperone organizzò diverse spedizioni alla ricerca della nipote, infischiandosene del fatto che due terzi del suo patrimonio erano andati a vuoto, venendo forzato dai Buzzard a rinunciare al progetto. Indignato da come Paperone, aveva ceduto facilmente, Paperino se ne era andato con i suoi nipoti, ancora nelle uova, e decise di non incontrare più Paperone per non ricordare il tragico evento. Paperone fece lo stesso e si isolò da tutti i parenti e conoscenti, diventando cupo e ombroso, Paperino, invece, diede ai nipoti solo una foto della madre e niente più. Quando Quo scoprì che Della era coinvolta nelle avventure dei suoi zii, con l'aiuto di Gaia, fece delle ricerche a riguardo e, più tardi, si fece aiutare anche dai fratelli, finché i quattro scoprirono la verità da Paperone, durante un pericoloso incidente aereo. Pensando che Paperone non avesse fatto nulla per poterla salvare, i ragazzi si allontanano da Paperone e così fanno anche i suoi dipendenti, lasciandolo di nuovo in preda alla solitudine e all'odio verso tutti, finché Amelia non prende d'assalto il Deposito, Paperone e Paperopoli, costringendo i suoi amici e parenti a mettere da parte l'odio e a salvarlo. Nella seconda stagione si scopre in dettaglio il naufragio di Della: la ragazza era finita sulla Luna e aveva perso una gamba, costringendo a doversi mettere una protesi, e sopravvisse grazie a delle gomme da masticare all'ossigeno di Archimede. Per dieci anni, Della ripara la nave e cerca dell'oro come combustibile ma è sempre ostacolata da un acaro spaziale, finché non incontra il generale alieno Lunaris e la comandante Penumbra (la quale non si fida di Della) con i quali riesce a placare la furia dell'acaro, ottenendo come ricompensa dai lunari dei pezzi di ricambio per la nave. Della torna quindi a casa grazie ad un sabotaggio da parte di Penumbra (che gelosa che la sua gente fosse interessata alle storielle di Della, tenta di anticipare la sua partenza), ma viene ingannata da Lunaris a darle un manuale d'istruzioni per la navetta, affinché egli possa portare i Lunari sulla Terra con altre navette, in modo che Della possa tenere fede alla sua promessa di portarli a casa sua e mostrargli le loro fantastiche invenzioni, ma il generale poi mente, rivelando i suoi piani di iniziare un assalto alla Terra. Nel frattempo, Della torna a casa e si riunisce a Paperone e i figli unendosi alle loro avventure, mentre Paperino, vedendo l'astronave, cerca Della al suo interno, accidentalmente lanciandosi sulla Luna, per poi tornare sulla Terra subito dopo, su un'isola deserta, dove Della e i ragazzi lo ritrovano durante l'invasione lunare. Questa è la primissima volta che Della appare fisicamente in TV. In inglese è doppiata da Paget Brewster, mentre in italiano è doppiata da Tiziana Avarista e nell'episodio Natale in famiglia la sua versione giovane viene doppiata in italiano da Margherita De Risi.
  • Manny, l'uomo-Cavallo Senza Testa (Manny the Headless Man-Horse), è appunto un cavallo senza testa che cammina sugli zoccoli posteriori. Apparteneva al Cavaliere senza testa prima che Paperone riuscisse a pietrificarlo. Dopo essere stato liberato dai nipotini, inizialmente li attacca ma Paperone, tra un'azione e l'altra, gli mette addosso la testa di una suo statua, rendendolo "normale". Successivamente, Manny lo si vede lavorare come secondo assistente di Archimede. Comunica tramite il Codice Morse con gli zoccoli.
  • Violet Sabrewing è una giovane colibrì che fa amicizia con Gaia nella seconda stagione. Gaia tenta inizialmente di evitare discorsi anormali, temendo possa fare la stessa fine di Lena, mentre questa scopre il suo amuleto in possesso di Violet, iniziando a credere che, come lei, stia usando Gaia per giungere a Paperone. In effetti, Violet fa amicizia con Gaia non per disinteresse, ma proprio perché l'aiuti ad entrare in questo mondo anormale quando lei ha vissuto cercando di essere razionale, finché Amelia non ha dato vita alle ombre dei Paperopolesi. Quando poi viene svelata la verità e Violet salva Gaia con l'aiuto di Lena, le tre riescono a ridare all'ombra un corpo tutto suo. È doppiata in inglese da Libe Barer e in italiano da Giulia Franceschetti.
  • Paperoga (Fethry Duck): cugino combinaguai di Paperino. Come per Della, questa è la prima volta che Paperoga appare sullo schermo (era però apparso in un cameo di un fumetto della serie originale). Appare nella seconda stagione come guardiano del centro di ricerca subacqueo di Paperone. Differentemente dai fumetti, si dimostra alquanto furbo e intelligente, a sorpresa dei nipoti. Doppiato in inglese da Tom Kenny e in italiano da Edoardo Stoppacciaro.
  • Zan Gufenson (Zan Owlson): la segretaria di Famedoro. Si è laureata alla scuola di economia di Topolinia e ha poi trovato lavoro da Famedoro, che ha sostituito durante la sua scomparsa. Cerca sempre di trattenere Famedoro dal compiere pazzie (e piani diabolici), nel tentativo di tenere assieme l'immagine della compagnia. Dopo che Qua vince la sua compagnia, Gufenson si ritrova a lavorare per il paperotto, ma deciderà più tardi di licenziarsi e diventare lei stessa una milionaria. Il suo nome è basato sulla produttrice della serie, Suzanna Olson. Doppiata in inglese da Natasha Rothwell e in italiano da Elisa Angeli.
  • Bradford Buzzard è un anziano avvoltoio e il presidente del consiglio di amministrazione di Paperone, affiancato dai suoi fratelli minori (uno dei quali chiamato Bentley). Di solito tentano di convincere Paperone a tagliare le spese in aree che considerano inutili. Alla fine della seconda stagione si scoprono essere i Grandi Capi della F.O.W.L., un'organizzazione spionistica criminale apparsa in un episodio della serie del'87, mentre i capi apparvero coperti dall'oscurità in Darkwing Duck. Bradford, l'unico del trio a parlare, è doppiato in inglese da Marc Evan Jackson e in italiano da Roberto Draghetti.
  • Il Tenente Penumbra, soprannominata Penny da Della, è la luogotenente di Lunaris, inizialmente diffidente e ostile nei confronti di Della, in quanto la credeva una spia. Quando i suoi concittadini rivolgono le attenzioni sulle "storielle" di Della, Penumbra decide di rimandarla a casa prima del dovuto, mettendola a bordo della sua nave che aveva appena acceso. Quando però Lunaris mente, dicendo che Della era davvero una traditrice come Penumbra pensava, le ordina di stare zitta e la aumenta di grado. Penumbra, però, all'arrivo di Paperino, ne approfitta per mandare un messaggio a Della per avvisarla dell'invasione, dando poi il colpo di grazia alla navetta di Lunaris e trasferendosi (a malavoglia) sulla Terra con Della. È doppiata da Julie Bowen in inglese e da Laura Romano in italiano.

Antagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Cuordipietra Famedoro[modifica | modifica wikitesto]

Cuordipietra Famedoro (Flintheart Glomgold) è uno degli antagonisti principali della serie, l'acerrimo nemico-rivale di Paperone e il secondo papero più ricco del mondo. Cuordipietra solitamente architetta piani per guadagnare più denaro, spesso a spese di Paperone, al fine di superarlo e conquistare il titolo di "papero più ricco del mondo". Mentre i fumetti lo rappresentavano come originario del Sud Africa, la sua origine fu cambiata in discendenza scozzese proprio come Paperone. È doppiato in inglese da Hal Smith, mentre in italiano da Romano Ghini nella maggior parte della serie e da Paolo Buglioni (episodi 4x06-4x07).

Nella serie 2017 dirige le Industrie Famedoro e guadagna la sua fortuna con il personal branding, preferendo sviluppare i suoi prodotti nel modo più economico possibile. Viene rappresentato mentalmente più infantile e ossessivo, invece che spietato, subdolo e perfido come nell'originale. Le sue origini vengono confermate essere Sudafricane, tuttavia, quando Paperone tentò di emulare su di lui gli effetti che ebbe con la Numero Uno, pagandolo con un decino americano dopo che gli aveva lustrato le ghette, il piccolo Famedoro, all'epoca chiamato Duke Salame (Duke Baloney in originale, omaggio al personaggio del Duca di Baloney apparso nella storia Paperino e il cenone di Natale del 1953[8]), si offese e gli rubò del denaro, con cui si fece una nuova identità in Famedoro, con l'obbiettivo di farla a pagare a Paperone surclassandolo in tutto, compreso nell'essere più scozzese. In questa serie è doppiato in inglese da Keith Ferguson e in italiano da Stefano Brusa.

Banda Bassotti[modifica | modifica wikitesto]

La Banda Bassotti (Beagle Boys) è una grande famiglia di cani, che cerca costantemente di rapinare banche o il Deposito di Paperone. I Bassotti principali che appaiono nella serie sono:

  • Pico Bass (Bigtime Beagle) è un bassotto piccolo e molto astuto. È il secondo in comando e guida i fratelli quando Mamma non è nei paraggi. Nella serie del 1987 è doppiato in inglese da Frank Welker e in italiano da Mauro Gravina, Piero Tiberi e Vittorio Amandola, mentre in quella del 2017 è doppiato in inglese da Eric Bauza e in italiano da Luigi Ferraro. Nell'ultimo episodio della serie dell'87 è erroneamente chiamato Napoleon Bass, che è il nome di un altro Bassotto, il più raffinato.
  • Burger Bass (Burger Beagle) è un bassotto piuttosto stupido e sempre affamato, nella serie del 2017, però, è solo smilzo e taciturno. Nella serie del 1987 è doppiato in inglese da Chuck McCann e in italiano da Marco Guadagno e Gino Pagnani, mentre in quella del 2017 è doppiato in inglese da Eric Bauza e in italiano da Leslie La Penna.
  • Boxy Bass (Bouncer Beagle) è un bassotto forte e piuttosto perfido che serve da forza bruta per il gruppo. Nella serie del 1987 è doppiato in inglese da Chuck McCann e in italiano da Gianni Williams, mentre in quella del 2017 (dove sfoggia un aspetto muscoloso come quello di Banco Bass) è doppiato in inglese da Eric Bauza e in italiano da Paolo Marchese.
  • Bambass (Baggy Beagle) è un bassotto tonto e trasandato: i suoi vestiti sono pure larghi. È poco sveglio, più di suo fratello Burger, compare solo nella serie del '87. È doppiato in inglese da Frank Welker.
  • Banco Bass (Bankjob Beagle) il bassotto più muscoloso nella serie del '87, fa da vice di Pico Bass. Nella serie 2017, Boxy Bass prende in prestito il suo aspetto ma Banco appare in un flashback. È doppiato in inglese da Peter Cullen.
  • Bimbo Bass (Babyface Beagle) il bassotto più giovane. Compare spesso con Banco Bass. Oltre ai vestiti da bambino (con maniche ricamate e un capellino con elica) non ha una grande personalità. Nella serie 2017 appare in un flashback. È doppiato in inglese da Terry McGovern.
  • Boogie Bass (Bugle/Bebop Beagle) il bassotto meno combattivo, ma molto alla moda, spesso accompagna Banco Bass. Appassionato di musica disco e pop, porta occhiali da sole e un basco. Nella serie 2017 appare in un flashback. È doppiato da Brian Cummings.
  • Megabyte Bass (Megabyte Beagle) il cervello della famiglia, apparso solo in Super Duck Tales. È la controparte animata di Intellettuale-167, ma ha un aspetto più magro e porta un farfallino oltre al cappello da laureato e gli occhiali. È doppiato in inglese da Frank Weller.
  • Magoscuro Bass/Nik Notturno (Black Arts Beagle/Nic Nokturne) un bassotto della serie del 2017 dedito alle arti oscuro che si finge un inetto ma in realtà è talmente bravo da evocare il fantasma di Archie. È inoltre l'unico bassotto ad avere una carnagione grigia. È doppiato da Eric Bauza in inglese e da Valerio Sacco in italiano.
  • Nonno Bass (Grandpappy Beagle) nonno di Mamma Bass e primo capo della banda. Appare in due falshback nella serie 2017, uno dove perde una sfida contro Paperone, mentre nell'altro lo deruba affiancato da Banco Bass, Bimbo Bass e Boogie Bass. È doppiato in inglese da Eric Bauza e in italiano da Leslie James La Penna.

Amelia[modifica | modifica wikitesto]

Amelia, la fattucchiera che ammalia (Magica De Spell) è una potente e malvagia strega napoletana costantemente a caccia della Numero Uno di Paperone, in quanto vuole usarne i presunti poteri magici per i suoi fini, ed una degli antagonisti principali della serie.

Nella serie del 1987 è raffigurata fedelmente alla sua versione fumettistica, fatta eccezione per l'obbiettivo e il covo: invece che avere il tocco di Mida, Amelia vuole impossessarsi della Numero Uno per aumentare i suoi poteri, salvare il fratello e dominare il mondo; il suo covo, invece che una casetta sul Vesuvio è il vulcano stesso che ha le sue fattezze. È doppiata in inglese da June Foray e in italiano da Sonia Scotti e Gabriella Genta.

Nella serie del 2017, si viene a sapere che durante uno scontro al Vesuvio con Paperone, Amelia aveva cercato di intrappolare Paperone nella sua Numero Uno, ma Paperone gli aveva ritorto contro l'incantesimo e fu lei a finire nel decino, lasciandosi dietro l'ombra e la sua bacchetta, le quali divennero Lena e un amuleto. Con la sua ultima parte rimasta, Amelia da consigli e ordini a Lena, che considera come una nipote, ma Lena inizia a ribellarsi e Amelia prende il controllo del suo corpo e così riesce a riprende la Numero Uno e il suo corpo, per poi riportare normale Lena, dopodiché si vendica su Paperone intrappolandolo nella moneta. I nipotini riescono a fermarla e a salvare Paperone, che rompe il suo scettro, privandola dei poteri. In questa serie è raffigurata più alta, con i capelli corti e un vestiario nuovo più accattivante. È doppiata in inglese da Catherine Tate e in italiano da Ludovica Modugno.

Gennarino[modifica | modifica wikitesto]

Gennarino, chiamato con il giusto nome di Poe De Spell in originale, è il fratello di Amelia, trasformato in un corvo non antropomorfo e impossibile da ripristinare alla sua forma originaria tramite la magia convenzionale. Data l'assenza di Poe De Spell nelle storie italiane, gli è stato dato il nome di Gennarino (in inglese noto come Ratface) in quanto più localmente popolare tra i due corvi. È doppiato in inglese da Frank Welker e in italiano da Massimo Corvo.

Altri nemici[modifica | modifica wikitesto]

  • Mark Becchis (Mark Beaks) è un giovane miliardario iscritto al club dei miliardari di Paperopoli che ha fatto la sua fortuna grazie a internet e alle nuove tecnologie. Sembra più attaccato alla sua immagine che al denaro e passa la maggior parte del suo tempo a farsi selfie e a postarli sui social, persino quando è in pericolo. Passa il suo tempo a cercare di carpire e rubare le invenzioni di Archimede, con lo scopo di possedere Robopap. È doppiato in inglese da Josh Brener e in italiano da Francesco Pezzulli.
  • El Capitan è l'antagonista principale dell'arco narrativo iniziale della serie originale, Il tesoro del sole d'oro. È un vecchio e decrepito cane di origini spagnole, ossessionato dall'oro, in particolare del leggendario tesoro del Sole d'Oro che cerca da più di seicento anni, sopravvivendo con la sola forza di volontà. Si allea nel primo episodio con i Bassotti, chiedendogli di prendergli un modellino di una nave di Paperone dove sono scritte le coordinate dove è nascosta la vera nave con parte di quel tesoro, ma scappa quando i Bassotti sono catturati, alleandosi nel secondo episodio con Famedoro, con cui ruba la nave originale, che viene però affondata da un loro litigio, costringendolo ad aspettare i paperi alla Valle del Sole d'Oro, dove cerca di uccidere Paperone, i nipoti, Gaia e Tata ma, ossessionato dall'oro, non li uccide poiché scopre che li stava gettando in un mare d'oro fuso. Quando la valle viene distrutta e sommersa dalla terra, El Capitan non si da per vinto e continua a scavare senza freno nella valle per recuperare l'oro. Doppiato in inglese da Jim Cummings e in italiano da Sandro Sardone.
  • Pietro Gambadilegno (Peg Leg Pete nei fumetti e Dog Face "Sharkey" Pete nella serie) è uno dei più famosi criminali di Topolinia, che se la vede in alcuni episodi con Paperone nella serie del 1987. Il vero e proprio Gambadilegno, però, compare solo in due episodi: "La Perla del Potere" e "Avventura sui mari", in entrambi gli episodi è affiancato dal suo braccio destro Sgrinfia (Scuttle nei fumetti e Yardarm nella serie). Nel primo episodio, Pietro cerca di rubare una perla, mentre Paperone cerca di fermarlo per averla, ma la perdono in mare, rendendosi conto che non hanno bisogno della perla (la stessa accresceva in loro l'avidità), finendo con il diventare amici. Nel secondo episodio, Paperone lo rincontra come capitano di una nave, nutrendo ancora dei dubbi sulla sua riformazione ma cambiando idea quando lo stesso Pietro gli salva la vita. Nell'episodio "Fuga nel Tempo" compare un suo sosia di nome Capitan Cuorenero (Captain Blackheart), un probabile antenato del furfante, poiché pirata del XVII° secolo. Infine compare un altro suo sosia guercio nell'episodio "La Maschera di Ferro", dove è il perfido capitano delle Guardie del duca Ray sotto il nome di Capitano Pietro (Captain Pietro), ottenendo una caratterizzazione simile a quella che avrà nei film Il principe e il povero e Topolino, Paperino, Pippo: I tre moschettieri. Doppiato in inglese da Will Ryan e in italiano da Renato Cortesi.
  • Macchia Nera (Phantom Blot) è un astuto e malvagio criminale di Topolinia, che appare (per la prima volta sullo schermo) in un unico episodio della serie del 1987: "Macchia Nera e l'aereo invisibile". In questa versione Macchia non solo sfoggia una bocca sulla parte esterna del suo mantello, ma anche un carattere megalomane, tanto da definirsi "così malvagio da rendere criminali come Diabolik più docili di un gattino". Il suo diabolico piano nell'episodio consiste nel rubare e ricattare il portaerei dove lavora Paperino per dominare il mondo con un jet invisibile a disposizione della Marina. Mentre Paperino ferma il suo mandante sul portaerei, Paperone fermerà Macchia nel suo covo. Doppiato da Frank Welker in inglese e da Gianni Williams in italiano.
    Nella serie del 2017, dove sfoggia un paio di occhi verdi luminosi, si rivela essere un membro della F.O.W.L., nascosto per anni sotto le vesti della mascotte della Casa dello Spasso di Spassy (un locale per bambini, frequentato da Gaia e i nipotini). Doppiato in inglese da Jason Marsden nella prima stagione e da Eric Bauza nella seconda stagione.
  • John D. Rockerduck è un giovane rivale di Paperone ai tempi della Corsa all'Oro. Come per Della e Paperoga, questa è la prima volta che Rockerduck appare sullo schermo (era tuttavia apparso già in pochi fumetti di Ducktales). Appare nella seconda stagione come un furfante magnate di città, che ruba le ricchezze delle cittadine del Far West con la promessa di farle diventare metropoli per poi tenersi tutto. Si scopre alla fine della seconda stagione che è stato ibernato dalla F.O.W.L. per scopi nefasti. Doppiato in inglese da John Hodgman e in italiano da Sergio Lucchetti.
    • Jeeves è la fedele guardia del corpo di Rockerduck. Nel reboot viene rappresentato grande, violento e muscoloso e con i denti di ferro. Pur essendo ispirato a Lusky (di cui riprende il nome inglese), il personaggio del cartone si rivela meno fedele a Rockerduck, risultando facilmente corruttibile. Ha continuato per conto suo il lavoro di Rockerduck come membro della FOWL per anni, mentre era congelato, risultando con un'aspetta provato da battaglie e pieno di cicatrici.
  • Merlock (Merlock the Magician) è un potente e crudele stregone che usa un talismano verde per trasformarsi in diversi animali (non antropomorfi). Lo stregone è l'antagonista principale del film Zio Paperone alla ricerca della lampada perduta, nel quale cerca di trovare la lampada magica e ottenere desideri illimitati combinandola con il talismano. Alla fine del film cade nel vuoto, ma è improbabile che sia morto. Successivamente il personaggio è apparso nei videogiochi Legend of Illusion Starring Mickey Mouse e Paperino: Operazione Papero, in quest'ultimo gioco si scopre che la sua immortalità gli ha garantito di sopravvivere alla caduta nel film. Alla fine del gioco, Merlock viene battuto definitivamente, diventando un bebè o venendo consumato dall'assenza di magia (in base alle diverse versioni). È stato doppiato in inglese da Christopher Lloyd nel film e da Corey Burton in Paperino: Operazione Papero, mentre in italiano da Pietro Biondi in entrambe le occasioni.
    Nella serie 2017 viene menzionato in un libro di magia nera in possesso di Gaia.
  • Drake Von Vladstone, alias il Conte Dracula Duck, è il boss finale del videogioco DuckTales. È un vampiro transilvaniano che viene resuscitato da Amelia (aiutata da Famedoro e i Bassotti). Nel gioco originale per NES, ha una normalissimo e banale pattern d'attacco, in cui svolazza a destra e a manca sotto forma di pipistrello.
    Nel remake, Ha molte più forme (una versione gigante di sé stesso, un drago e uno stormo di pipistrelli giganti) e molti più fasi di attacco. In ambo le versioni, alla sua sconfitta, Paperone deve sbrigarsi nel raggiungere le sue ricchezze (nella versione NES) o la Numero Uno (nel remake) da Amelia e Famedoro. È doppiato, nel remake, da Frank Welker.
  • Don Massacre (Don Karnage) è l'antagonista principale della serie TaleSpin, dove era nemico giurato di Baloo a Cape Suzette.
    Appare in due episodi della serie 2017 come pirata dell'aria, derubando le sue vittime cantando e ballando con la sua ciurma da cui pretende la perfezione nella coreografia che la destrezza nel derubare, uccidendo chi non lo soddisfa. Nell'episodio in cui debutta, viene ammutinato e sostituito da Quo, prima di riprendersi il suo ruolo dopo che i pirati stavano cacciando via Quo. Ricompare verso il finale della seconda stagione, dove si allea con Famedoro, Becchis, i Bassotti e Amelia per vendicarsi assieme sulla famiglia di Paperone.
    Doppiato, in TaleSpin da Jim Cummings e in DuckTales da Jaime Camil in inglese e sia in TaleSpin che in DuckTales da Oliviero Dinelli in italiano.
  • Il Generale Lunaris è l'antagonista principale della seconda stagione della serie reboot. È il leader degli alieni Lunari, apparentemente gentile e saggio, che accoglie Della nella sua città, Tranquility, in modo che possa prendere quanto oro gli serva per riparare la sua nave e tornare a casa. Durante la riparazione della Lancia di Selene, Della viene aiutata da tutti i Lunari (eccetto Penumbra), raccontando a loro delle usanze terrestri sconosciute sulla Luna, promettendo a loro che farà in modo di portarli con lei sulla Terra e fargli vedere di persona queste affascinanti cose. Quando Penumbra costringe Della a partire subito quando tutti dormono, Lunaris giunge sul luogo e convince Della a lasciargli il manuale d'istruzioni della Lancia di Selene, cosicché i Lunari la raggiungeranno con altre navi, tenendo fede alla sua promessa. Dopo la partenza della papera, però, Lunaris finge di essere stato attaccato da quest'ultima e che ha fatto in tempo a rubarle il manuale, istigando la sua gente a dichiarare guerra alla Terra: tale decisione si scopre essere stata ispirata dal padre che ha passato la vita a temere la Terra, cosa che il figlio ha deciso di non fare. Il giorno dopo la partenza di Della, Lunaris trova e imprigiona Paperino, approfittando della sua parlantina incomprensibile per tradurlo a suo vantaggio e appoggiare la sua tesi che i terrestri vogliono attaccarli. Si dimostra anche intelligente, avendo capito che Paperone era l'unico terrestre che poteva fermarlo, ma non senza la sua famiglia. Durante l'invasione, i Paperi fermano il suo piano per rendere la Terra il satellite della Luna e deciderà di distruggerla, ma Della, Paperino, Paperone, i nipoti, Gaia e Penumbra distruggono il motore della sua nave madre, ritrovandosi in un'orbita attorno alla Terra e diventando un secondo satellite.È doppiato da Lance Reddick in inglese e da Dario Oppido in italiano.
  • Airone Nero (Black Heron): è una spia della FOWL. Si era impossessata, in passato, di una formula che rende in grado a chi l'assume di rimbalzare, appartenuta ad un'antica tribù. Beakley e Paperone, al loro primo incontro, hanno il compito di fermarla e, dopo aver eliminato la formula, lasciano Airone nel suo covo in distruzione. Anni dopo, Airone (che se l'è cavata con un braccio in meno, sostituito da una protesi che funge da arma), rapisce Beakley, in quanto consapevole che è ordine delle spie della SHUSH di memorizzare a memoria formule come la pozione di gummifrutta, costringendo Paperone e Gaia a rintracciarla e neutralizzarla, apparentemente uccidendola. Si scopre alla fine della seconda stagione, che Airone è ancora viva (priva del braccio meccanico dallo scontro contro Gaia, Tata e Paperone) e ancora al servizio della FOWL. È doppiata in inglese da April Winchell e in italiano da Emanuela Rossi.
  • Becco d'Accaio (Steelbeak): è l'ultimo membro della FOWL e altro personaggio originale di Darkwing Duck, dove era uno dei migliori membri della stessa organizzazione. Come dice il nome, è un gallo dal becco completamente rivestito di ferro.
    Fin'ora compare solo alla fine della seconda stagione, quando vengono rivelati i membri dell'organizzazione.
    In Darkwing Duck è doppiato in inglese da Rob Paulsen e in italiano da Marco Bolognesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gerstein, David (1987). Of Ducks and DuckTales, Disney Presents Carl Barks Greatest DuckTales Stories #1, Gemstone Comics, June 2006. ISBN 978-1888472363
  2. ^ (EN) Tracy Brown, 'DuckTales' clip shows a whole new Webby Vanderquack, in Los Angeles Times, 16 luglio 2017, ISSN 0458-3035 (WC · ACNP). URL consultato il 9 novembre 2017.
  3. ^ (EN) Jack O'Keeffe, Webby Vanderquack Has A Bigger Role In The 'DuckTales' Reboot, Representing Adventurous Girls Everywhere, in Bustle. URL consultato il 9 novembre 2017.
  4. ^ Todd VanDerWerff, DuckTales invented a new animated wonderland—that quickly disappeared · 100 Episodes · The A.V. Club, Avclub.com, 11 febbraio 2013. URL consultato il 25 giugno 2014.
  5. ^ 9 Things You Didn't Know About DuckTales, Mental Floss, 23 marzo 2013. URL consultato il 25 giugno 2014.
  6. ^ Lin-Manuel Miranda Joins All-Star Cast of Disney XD's Upcoming "DuckTales", The Futon Critic. URL consultato il 25 ottobre 2017.
  7. ^ Disney's New "DuckTales" Takes Flight with TV Movie and Series Premiering Saturday, August 12, and Saturday, September 23, Respectively, on Disney XD, The Futon Critic. URL consultato il 25 ottobre 2017.
  8. ^ (EN) Where did you guys get the name Duke Baloney from?, su Frank Aragones and suspenders of disbelief, Tumblr.