Paperino: Operazione Papero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paperino: Operazione Papero
Titolo originale Donald Duck: Quack Attack (Europa)
Sviluppo Ubisoft Montreal, Ubisoft Milano
Pubblicazione Ubisoft, Disney Interactive
Data di pubblicazione Game Boy Color[1]:
Giappone 1º dicembre 2000
Flags of Canada and the United States.svg 19 ottobre 2000
Zona PAL 20 ottobre 2000

Microsoft Windows[2]:
Flags of Canada and the United States.svg 9 novembre 2000
Zona PAL 2000
PlayStation[3]:
Flags of Canada and the United States.svg 14 novembre 2000
Zona PAL 15 dicembre 2000
Nintendo 64[4]:
Flags of Canada and the United States.svg 20 dicembre 2000
Zona PAL 8 dicembre 2000
Sega Dreamcast[5]:
Flags of Canada and the United States.svg 13 dicembre 2000
Zona PAL 15 dicembre 2000
PlayStation 2[6]:
Giappone 8 marzo 2001
Flags of Canada and the United States.svg 13 dicembre 2000
Zona PAL 22 dicembre 2000
Game Boy Advance[7]:
Giappone 21 dicembre 2001
Flags of Canada and the United States.svg 15 novembre 2001
Zona PAL 16 novembre 2001
Nintendo GameCube[8]:
Flags of Canada and the United States.svg 25 marzo 2002
Zona PAL 3 maggio 2002
PlayStation Network[6]:
Zona PAL 15 febbraio 2012

Genere Piattaforme
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Game Boy Color, Microsoft Windows, PlayStation, Nintendo 64, Sega Dreamcast, PlayStation 2, Game Boy Advance, Nintendo GameCube
Distribuzione digitale PlayStation Network
Motore grafico Rayman 2 engine
Supporto Cartuccia, CD-ROM, GD-ROM, DVD, Nintendo Optical Disc, Download
Fascia di età ESRB: E[1][2][3][4][5][6][7][8]
Periferiche di input Gamepad, Tastiera, Joystick, Mouse

Paperino: Operazione Papero (titolo originale: Donald Duck: Quack Attack in Europa e Donald Duck: Goin' Quackers in America) è un videogioco a piattaforme sviluppato e pubblicato da Ubisoft per Game Boy Color, Microsoft Windows, PlayStation, Nintendo 64, Sega Dreamcast, PlayStation 2, Game Boy Advance e Nintendo GameCube; ogni versione possiede alcune differenze.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Paperino e Gastone sono a casa di Archimede per vedere in diretta il primo servizio di Paperina come inviata speciale. Paperina è riuscita ad infiltrarsi nel tempio del temibile stregone Merlock per carpire i suoi piani nefasti, ma viene scoperta ed imprigionata. Paperino quindi si precipita immediatamente al salvataggio della sua fidanzata, utilizzando l'ultima invenzione di Archimede: una sorta di porta spazio-temporale che però necessita di una certa quantità di energia per poter trasportare Paperino al tempio di Merlock, che l'irascibile papero disneyano dovrà recuperare attraversando diverse ambientazioni ed affrontando i suoi nemici di sempre (La Banda Bassotti, la strega Amelia e l'enorme uccello Bernadette, in questo videogioco).

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco fu sviluppato nel 2000 da Ubisoft Montreal in collaborazione con Disney Interactive come omaggio verso Carl Barks, che morì lo stesso anno. Le versioni per Nintendo 64, Dreamcast, PC, Playstation e Game Boy Color usano lo stesso motore grafico di Rayman 2. La colonna sonora del gioco fu composta da Shawn K. Clement.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è molto simile a Crash Bandicoot.

Per accedere ai livelli bisogna salire sulle pedane di teletrasporto nel laboratorio di Archimede e premere il tasto di conferma. In ognuno di essi bisogna poi localizzare dei globi di energia (sostituiti da pezzi di pedana raffiguranti i boss in alcune versioni) e riportarli al laboratorio salendo sulla pedana d'uscita collocata alla fine del livello. Vi sono anche alcuni giocattoli di Qui, Quo e Qua nascosti e resi intangibili da dei libri di incantesimi, i quali devono essere colpiti per disattivarli temporaneamente e recuperare tali giocattoli (requisito necessario per il completamento al 100%). Una volta completato un livello per la prima volta, lo si può riaffrontare con una sfida a tempo in cui bisogna battere il record di Gastone (l'equivalente delle "sfide delle reliquie" di Crash Bandicoot).

Il giocatore ha inizialmente 5 vite a disposizione, e Paperino può essere colpito un massimo di due volte: il primo colpo lo fa semplicemente infuriare, permettendogli però di concentrare per breve tempo una scarica di pugni sui nemici circostanti, il secondo gli toglie una vita. Vite extra si possono ottenere raccogliendo le icone di Paperino o 100 stelle. Un altro potenziamento ottenibile è il milkshake, che ha la proprietà di curare Paperino se è già stato colpito una volta oppure di renderlo temporaneamente invincibile.

Livelli[modifica | modifica wikitesto]

Nel gioco ci sono quattro zone: Monte Papero, Paperopoli, il maniero di Amelia e il tempio di Merlock tra cui ci si può muovere tramite pedane di teletrasporto. Per ogni zona ci sono 7 livelli: 4 regolari; 1 livello Boss; 1 livello Inseguimento, sbloccabile recuperando tutti i giocattoli dei nipotini nella zona attuale e 1 livello Bonus, sbloccabile battendo tutti i record di Gastone. Nei livelli di inseguimento Paperino dovrà fuggire da un orso, una macchina, una mano stregata e una statua. Se Paperino sarà raggiunto, l'inseguitore lo scaglierà subito contro lo schermo, facendogli perdere una vita (tranne la mano che se raggiunge Paperino lo risucchia, strangolandolo in maniera non violenta, ma facendogli comunque perdere una vita).

All'inizio della partita solo il Monte Papero è accessibile: per sbloccare le zone successive bisogna sconfiggere il boss della precedente.

Boss[modifica | modifica wikitesto]

I boss del gioco sono sempre gli stessi: Bernadette l'uccello gigante, i Bassotti, Amelia e infine Merlock, tuttavia il modo di affrontarli cambia da versione a versione. Ciascun boss ha tre punti ferita, fatta eccezione per Merlock che ne ha cinque (solo nella seconda versione), e se Paperino perde una vita la loro energia tornerà al massimo.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Prima distribuzione (2000)[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppata per Nintendo 64, Sega Dreamcast, Microsoft Windows e Sony PlayStation. In ogni zona ci sono 7 livelli, 4 normali, 1 Boss e 1 Bonus dei nipotini. In ogni livello bisogna prendere un pezzo della piattaforma di teletrasporto del boss. Le versioni Dreamcast e PC sono identiche. Quest'ultima funziona con i sistemi operativi Windows 95/98/ME, XP/Vista/7 in modalità compatibilità Windows 98, e Linux (con Wine). Il gioco per Nintendo 64 ha la stessa grafica, ma sonoro inferiore e la mancanza dei filmati in FMW. La versione PlayStation è quasi del tutto identica alle precedenti, ma con grafica minore, qualche power-up in più e una nuova colonna sonora.

Seconda distribuzione (2001)[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppata per Nintendo GameCube e Sony PlayStation 2. Presenta grafica notevolmente migliore, livelli molto diversi e la colonna sonora della versione Playstation.

Versione Game Boy Color/ Advance[modifica | modifica wikitesto]

Queste versioni, pubblicate nel 2000 e nel 2001 possiedono entrambe un sistema di salvataggio a password. La versione per Game Boy Advance ha per ciascuna delle sue 4 zone 4 livelli di cui uno Boss, tranne per la quarta zona che ne ha 5. In ogni livello bisogna prendere tre sfere d'energia per poterlo concludere, inoltre raccogliendo tutte le stelle sparse nel livello, si potranno sbloccare immagini nella galleria del menu.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Disney's Donald Duck: Goin' Quackers Release Information for Game Boy Color - GameFAQs, GameFAQs. URL consultato il 22 aprile 2015.
  2. ^ a b Donald Duck: Goin' Quackers Release Information for PC - GameFAQs, GameFAQs. URL consultato il 22 aprile 2015.
  3. ^ a b Disney's Donald Duck: Goin' Quackers Release Information for PlayStation - GameFAQs, GameFAQs. URL consultato il 22 aprile 2015.
  4. ^ a b Disney's Donald Duck Goin' Quackers Release Information for Nintendo 64 - GameFAQs, GameFAQs. URL consultato il 22 aprile 2015.
  5. ^ a b Disney's Donald Duck: Goin' Quackers Release Information for Dreamcast - GameFAQs, GameFAQs. URL consultato il 22 aprile 2015.
  6. ^ a b c Disney's Donald Duck: Goin' Quackers Release Information for PlayStation 2 - GameFAQs, GameFAQs. URL consultato il 22 aprile 2015.
  7. ^ a b Disney's Donald Duck Advance Release Information for Game Boy Advance - GameFAQs, GameFAQs. URL consultato il 22 aprile 2015.
  8. ^ a b Disney's Donald Duck: Goin' Quackers Release Information for GameCube - GameFAQs, GameFAQs. URL consultato il 22 aprile 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]