Game Informer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Game Informer
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
LinguaInglese
PeriodicitàMensile
GenereStampa nazionale
FormatoRivista
Fondazione1991
SedeMinneapolis
EditoreGameStop Corporation
DirettoreAndy McNamara
ISSN1067-6392 (WC · ACNP)
Distribuzione
cartacea
Edizione cartaceasingola copia/
abbonamento
multimediale
Edizione digitalesingolo numero/
abbonamento
Sito webwww.gameinformer.com
 

Game Informer (GI) è una rivista di videogiochi statunitense fondata nell'agosto 1991, anno in cui la FuncoLand iniziò la pubblicazione di una rivista di sei pagine gratuita.[1] Attualmente, conta circa tre milioni di abbonati, il che la rende la rivista di videogiochi più diffusa al mondo,[2] e al 2009, la dodicesima rivista generica più diffusa.[3] Game Informer è classificata fra le prime quattro riviste maggiormente lette dagli uomini fra i diciotto ed i trentaquattro anni.[2]

La rivista è di proprietà della GameStop Corp., l'azienda che possiede anche l'omonima catena di negozi diffusi in tutto il mondo, che ha rilevato la Funcoland nel 2000. A causa di ciò, la rivista è stata ampiamente pubblicizzata nei negozi del gruppo, cosa che ha notevolmente contribuito all'aumentare degli abbonamenti,[4] che spesso erano collegati ad alcune promozioni dei punti di vendita GameStop.

Nel novembre 2009 Game Informer è stata oggetto di un completo restyling,[5] poco prima dell'uscita del duecentesimo numero, pubblicato a dicembre del 2009. In occasione dell'ultimo numero, The Legend of Zelda è stato nominato il miglior videogioco di tutti i tempi. Gli altri giochi della Top 10 sono Super Mario Bros., Tetris, Grand Theft Auto III, Half-Life 2, Doom, Metroid, Final Fantasy VI, Super Mario Bros. 3 e Ms. Pac-Man.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 10 Years of Game Informer, in Game Informer, agosto 2001, p. 42.
    «In August of 1991, Funcoland began publishing a six-page circular to be handed out free in all of its retail locations».
  2. ^ a b (EN) Game Informer Announces Rate Base Increase to 2.3 Million, su Business Wire, 9 aprile 2007. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  3. ^ (EN) Alexander Sliwinski, Game Informer is one of the top 15 magazines by subscriptions, su Joystiq, 1º aprile 2009. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  4. ^ (EN) Jose Antonio Vargas, A Magazine Whose Lineup Is Always in Play, in The Washington Post, 18 aprile 2005. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  5. ^ (EN) The Beatles Rockband, in Game Informer, nº 197.
  6. ^ (EN) Top 200 Games of All Time, su Nintendo Everything. URL consultato il 25 settembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]