Famitsū

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Famitsū
Stato Giappone Giappone
Lingua giapponese
Periodicità settimanale
Genere videogiochi
Fondazione 25 luglio 1986
Sede Tokyo
Editore Enterbrain
Tiratura 800.000
Sito web http://www.famitsu.com/
 

Famitsū (ファミ通? "Transito del Fami"[1]), anche abbreviato in Fami (ファミ?), è una rivista giapponese di videogiochi pubblicata da Enterbrain. Il primo numero venne pubblicato nel 1986, ed attualmente Shūkan Famitsū esce ogni venerdì con una tiratura di 800.000 copie.

Attualmente esistono cinque edizioni di Famitsū: Shūkan Famitsū (週刊ファミ通? "Famitsū settimanale"), Famitsū PS (ファミ通PS?), Famitsū Xbox (ファミ通Xbox?), Famitsū Wii+DS (ファミ通Wii+DS?) e Famitsū Wave DVD (ファミ通Wave DVD?).

La rivista[modifica | modifica sorgente]

Shukan Famitsū è la testata videoludica più importante e rispettata in Giappone, e contiene soprattutto recensioni e notizie dal mondo dei videogiochi.

La rivista fu originariamente intitolata Family Computer tsūshin (ファミリーコンピュータ通信? "Notizie del Family Computer"), dove Family Computer è il nome giapponese della console a 8-bit della Nintendo conosciuta in Europa come Nintendo Entertainment System o NES, al tempo straordinariamente popolare in Giappone; per semplicità, il titolo divenne Famitsū prima fra gli appassionati e poi anche in via ufficiale.

Le altre edizioni[modifica | modifica sorgente]

Famitsū PS esce ogni due settimane il venerdì, con una tiratura di 300 000 copie ed è stato il primo spin-off della rivista madre; cominciò ad essere pubblicato all'uscita della PlayStation con il titolo PlayStation tsūshin, ma più tardi cambiò il suo nome in Famitsū PS, poi Famitsū PS2 ed infine nuovamente Famitsū PS. Famitsū Xbox esce il 30 di ogni mese con una tiratura di 150 000 copie e Famitsū Wii+DS il 14 di ogni mese con una tiratura di 200 000 copie.

Famitsū Wave DVD è pubblicato mensilmente, ed in ogni numero ha in allegato un DVD con alcuni video ed altri contenuti sui giochi del momento; il DVD è in formato NTSC (Regione 2). La rivista era originariamente chiamata GameWave DVD.

I voti[modifica | modifica sorgente]

Famitsū è famosa per le sue recensioni poiché, prima dell'avvento di Internet, le riviste del settore di tutto il mondo la appellavano come la "Bibbia dei videogiochi", creandone la fama che ancora oggi possiede benché diminuita negli ultimi anni. Su Famitsū ciascun videogioco viene recensito da un gruppo di quattro giornalisti e ciascuno di essi attribuisce al gioco un punteggio in decimi (da 1 a 10, il massimo): i voti dei quattro recensori vengono quindi addizionati per ottenere il voto finale (da almeno 4 a potenzialmente 40). In realtà è sbagliato parlare di recensioni perché si tratta più precisamente di opinioni che i redattori hanno dei giochi, dato che le recensioni di Famitsū sono articoli divisi in quattro brevi colonne dedicate al gioco da ciascun recensore; da quando su internet hanno cominciato a circolare le scannerizzazioni della rivista e le traduzioni delle recensioni la nomea di "Bibbia dei videogiochi" di Famitsū è stata fortemente ridimensionata, tanto che spesso i forum on-line scherniscono i voti della rivista. Data la grande conoscenza ed esperienza del mondo dei videogame dei suoi giornalisti, Famitsū rimane comunque la pubblicazione di riferimento per le notizie e le anteprime dedicate ai titoli sviluppati in Giappone e può essere considerata la cartina tornasole delle tendenze e dei trend dell'industria del videogioco.

A differenza delle altre quattro edizioni, Famitsū Wave DVD non valuta i videogiochi.

Solo venti giochi hanno finora ricevuto il punteggio perfetto:

  1. The Legend of Zelda: Ocarina of Time (1998, Nintendo, per Nintendo 64)
  2. Soul Calibur (1999, Namco, per Dreamcast)
  3. Vagrant Story (2000, Squaresoft, per PlayStation)
  4. The Legend of Zelda: The Wind Waker (2002, Nintendo, per Nintendo GameCube)
  5. Nintendogs (2005, Nintendo, per Nintendo DS)
  6. Final Fantasy XII (2006, Square Enix, per PlayStation 2)
  7. Super Smash Bros. Brawl (2008, Nintendo, per Nintendo Wii)
  8. Metal Gear Solid 4: Guns of the Patriots (2008, Konami, per PlayStation 3)
  9. 428 (2008, SEGA, per Nintendo Wii)
  10. Dragon Quest IX (2009, Square Enix, per Nintendo DS)
  11. Monster Hunter Tri (2009, Capcom, per Nintendo Wii)
  12. Bayonetta (2009, SEGA, versione Xbox 360); la versione PS3 è stata valutata 38/40
  13. New Super Mario Bros. Wii (2009, Nintendo, per Nintendo Wii)
  14. Metal Gear Solid: Peace Walker (2010, Konami, per PSP)
  15. Pokémon Versione Nera e Versione Bianca (2010, Game Freak, per Nintendo DS)
  16. The Legend of Zelda: Skyward Sword (2011, Nintendo, per Nintendo Wii)
  17. The Elder Scrolls V: Skyrim (2011, Bethesda Softworks, per Xbox 360 e Playstation 3)
  18. Final Fantasy XIII-2 (2011, Square Enix, per Playstation 3 e Xbox 360)
  19. Kid Icarus: Uprising (2012, Nintendo, per Nintendo 3DS)
  20. Yakuza 5 (2012, SEGA, per PS3)[2]

Altri trenta giochi hanno finora ricevuto il punteggio di 39/40:

  1. The Legend of Zelda: A Link to the Past (1991, Nintendo, per Super Famicom)
  2. Virtua Fighter 2 (1995, SEGA, per Saturn)
  3. Ridge Racer Revolution (1995, Namco, per PlayStation)
  4. Super Mario 64 (1996, Nintendo, per Nintendo 64)
  5. Tekken 3 (1998, Namco, per PlayStation)
  6. Cyber Troopers Virtual On Oratorio Tangram (1999, SEGA, per Dreamcast)
  7. Gran Turismo 3: A-Spec (2001, Sony, per PlayStation 2)
  8. Final Fantasy X (2001, Squaresoft, per PlayStation 2)
  9. Resident Evil (2002, Capcom, per Nintendo GameCube, remake dell'originale per PlayStation del 1996)
  10. Dragon Quest VIII: L'odissea del re maledetto (2004, Square Enix, per PlayStation 2)
  11. Gran Turismo 4 (2004, Sony, per PlayStation 2)
  12. Metal Gear Solid 3: Subsistence (2005, Konami, per PlayStation 2)
  13. Kingdom Hearts II (2005, Square Enix e Buena Vista Games, per PlayStation 2)
  14. Dead or Alive 4 (2005, Tecmo, per Xbox 360)
  15. Ōkami (2006, Capcom, per PlayStation 2)
  16. The Legend of Zelda: Phantom Hourglass (2007, Nintendo, per Nintendo DS)
  17. Grand Theft Auto IV (2008, Rockstar Games, per Xbox 360 e PlayStation 3)
  18. Call of Duty: Modern Warfare 2 (2009, Activision, per Xbox 360 e PlayStation 3)
  19. Final Fantasy XIII (2009, Square Enix, per PlayStation 3)
  20. Red Dead Redemption (2010, Rockstar Games, per Xbox 360 e PlayStation 3)
  21. Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2 (2010, Namco Bandai per Xbox 360 e PlayStation 3)
  22. Call of Duty: Black Ops (2010, Activision per Xbox 360 e PlayStation 3)
  23. Monster Hunter Portable 3rd (2010, Capcom per PlayStation Portable)
  24. L.A. Noire (2011, Rockstar Games per PlayStation 3 e Xbox 360)
  25. Tales of Xillia (2011, Namco Bandai per PlayStation 3)
  26. Gears of War 3 (2011, Epic Games, per Xbox 360)
  27. FIFA 12 (2011, Electronic Arts, per Xbox 360 e PlayStation 3)
  28. Final Fantasy Type-0 (2011, Square Enix, per PSP)
  29. Metal Gear Solid: Peace Walker HD Collection (2011, Kojima Productions, per PS3)
  30. Call of Duty: Modern Warfare 3 (2011, Infinity Ward, Sledgehammer Games, per Xbox 360 e PlayStation 3)
  31. Metal Gear Rising: Revengeance (2013, Platinum Games, Kojima Productions, versione PlayStation 3 dato che in Giappone non sarà rilasciata la versione 360)
  32. Pokémon X e Y (2013, Game Freak, per Nintendo 3DS)
  33. Wonderful 101 (2013, Platinum Games per Nintendo WiiU)

Gli altri videogiochi recensiti si sono aggiudicati punteggi pari o inferiori a 38/40.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il nome attuale è una contrazione di quello originale, Family Computer tsūshin (ファミリーコンピュータ通信? "Notizie del Family Computer"): estrapolando solo la parte iniziale di di Family Computer e solo il primo kanji della parola "notizie" (composto da 通, "transito", e 信, "verità"), il titolo risultante è "Transito del Fami"
  2. ^ Mauro Piccillo, Yakuza 5 prende 40 su Famitsu, EIR Games, 29 novembre, 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]