Genoa Cricket and Football Club 1914-1915

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Genoa Cricket and Football Club
Genoa Cricket and Football Club 1914-15.jpg
Un undici rossoblù che conquistò il settimo sigillo del Grifone (Genoa-AC Ligure del 6 dicembre 1914)
Stagione 1914-1915
Allenatore Inghilterra William Garbutt
Presidente Italia George Davidson
Prima Categoria Vincitore
Maggiori presenze Campionato: 4 giocatori (20)
Miglior marcatore Campionato: Aristodemo Santamaria (26)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Genoa Cricket and Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 1914-1915.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il Genoa rinuncia a buona parte dei suoi stranieri, poiché lasciano il club John Grant, Hans Schmidt e Maxime Surdez, sostituiti da calciatori italiani.

Gli ingaggi più importanti furono quelli dei vercellesi Felice Berardo e di Angelo Mattea; questi ingaggi causarono l'intervento della Federazione che comminò la squalifica del Campo di Marassi, costringendolo a giocare allo Stadium per due turni,[1] e una multa al club. Tra l'altro Mattea rinunciò al trasferimento e rimase con i piemontesi.[2]

Il Genoa esordì in campionato il 4 ottobre contro l'Acqui nella vittoria esterna per 16-0, che risulta la più pesante vittoria esterna nel campionato italiano: essa fu dovuta, oltre al maggior tasso tecnico dei rossoblu, anche al fatto che i piemontesi dovettero affrontare l'intera partita in 9 a causa di alcune irregolarità nel tesseramento di due suoi giocatori.[3]

Medaglione del Genoa campione 1914-1915

Il campionato venne interrotto a una giornata dal termine del Girone Finale che il Genoa conduceva a causa dell'entrata in guerra dell'Italia. Il campionato venne assegnato al Grifone dalla FIGC solo al termine del conflitto, nel 1921, poiché era la società che guidava il girone settentrionale della Prima Categoria 1914-1915.[4][5]

Due giocatori rossoblu non seppero mai di aver vinto il campionato, poiché erano deceduti durante il conflitto; si trattava di Adolfo Gnecco e di Claudio Casanova che si aggiunsero agli altri soci del Genoa, come James Spensley, Luigi Ferraris e Alberto Sussone.[6]

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

La maglia per le partite casalinghe presentava i colori attuali (anche se la dicitura ufficiale era rosso granato e blu) ma a differenza di oggi il blu era posizionato a destra.

La seconda maglia era la classica maglia bianca con le due strisce orizzontali rosso-blu sormontate dallo stemma cittadino.

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Francesco Costa
Italia P Adolfo Gnecco
Italia P Pasquale Lissoni[7]
Italia P Giacomo Rolla
Italia D Claudio Casanova
Italia D Renzo De Vecchi
Italia D Carlo Ferrari
Italia D Ruggero Maineri
Italia C Mario Barabino
Italia C Luigi Benvenuto
Italia C Tito Davanzelli
Svizzera C Konrad Walter Herrmann
N. Ruolo Giocatore
Italia C Ettore Leale
Italia C Alessandro Magni
Italia C Pietro Pella
Italia C Enrico Sardi
Italia C Domenico Sedino
Italia C Giovanni Battista Traverso
Italia A Felice Berardo
Italia A Augusto Bergamino
Italia A Luigi Magnano
Italia A Edoardo Mariani
Italia A Aristodemo Santamaria
Inghilterra A Percy Walsingham

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Mario Barabino Andrea Doria
A Felice Berardo Pro Vercelli
A Augusto Bergamino Genoa II
C Tito Davanzelli Liguria FBC
D Carlo Ferrari Genoa II
P Adolfo Gnecco Liguria FBC
C Konrad Walter Herrmann Libero
P Pasquale Lissoni FBC Roma
A Luigi Magnano Audace Genova
C Domenico Sedino Raffaele Rubattino
Cessioni
R. Nome a Modalità
C Eduard Bauer Libero
D Italo Brughera Genoa II
A Franco Campodonico Spes Genova
A Ernesto Crocco Genoa II
C Felice Crocco Libero
A Giulio Crocco
C Angelo Dellacasa Alessandria
A John Grant Northern Nomads Bruxelles
A Giovanni Battista Piano Genoa II
P Carlo Pulvirenti Genoa II
P Eugenio Puppo Libero
C Hans Schmidt Greuther Fürth
P Maxime Surdez Libero

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Prima Categoria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Prima Categoria 1914-1915 § Girone A.

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]
Acqui Terme
4 ottobre 1914
Acqui 0 – 16
referto
Genoa Campo di viale Savona
Arbitro Italia Resegotti (Milano)

Genova
11 ottobre 1914
Genoa 7 – 0
referto
Savona Campo di Marassi
Arbitro Italia Borda (Torino)

Genova
18 ottobre 1914
Genoa 3 – 0
referto
Andrea Doria Campo di Marassi
Arbitro Italia Mauro (Milano)

Alessandria
25 ottobre 1914
Alessandria 3 – 0
referto
Genoa Piazza Genova
Arbitro Italia Scamoni (Torino)

Bolzaneto
1º novembre 1914
AC Ligure 1 – 4
referto
Genoa Campo dell'Associazione Calcio Ligure
Arbitro Italia Pippo (Genova)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]
Genova
8 novembre 1914
Genoa 12 – 0
referto
Acqui Campo di Marassi
Arbitro Italia Vagge (Genova)

Savona
15 novembre 1914
Savona 0 – 6
referto
Genoa Via Frugoni
Arbitro Italia Brunetti (Torino)

Genova
22 novembre 1914
Andrea Doria 0 – 8
referto
Genoa Campo sportivo della Cajenna
Arbitro Italia Gregorio (Milano)

Genova
29 novembre 1914
Genoa 2 – 1
referto
Alessandria Stadium (5 000 spett.)
Arbitro Italia Mauro (Milano)

Genova
6 dicembre 1914
Genoa 3 – 0
referto
AC Ligure Stadium
Arbitro Italia Fontana (Alessandria)

Girone A semifinale[modifica | modifica wikitesto]

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]
Genova
10 gennaio 1915
Genoa 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png 4 – 0
referto
Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Campo di Marassi
Arbitro Italia Pedroni (Milano)

Venezia
17 gennaio 1915
Venezia Verde e Nero in diagonale.png 0 – 3
referto
600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa Campo di Sant'Elena
Arbitro Italia Tessari (Padova)

Genova
7 febbraio 1915
Genoa 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png 3 – 0 600px Nero con stella Bianca.svg Casale Campo di Marassi
Arbitro Italia Pedroni (Milano)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]
Torino
21 marzo 1915
Juventus Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 5 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa Stadio di Corso Sebastopoli
Arbitro Italia Pedroni (Milano)

Genova
28 febbraio 1915
Genoa 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png 9 – 1 Verde e Nero in diagonale.png Venezia Campo di Marassi
Arbitro Italia Brunetti (Torino)

Casale Monferrato
7 marzo 1915
Casale 600px Nero con stella Bianca.svg 2 – 1 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa Campo del Priocco
Arbitro Italia Pedroni (Milano)

Girone finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
18 aprile 1915
Milan Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).png 1 – 1
referto
600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa Campo di Via Bronzetti
Arbitro Italia Portigliatti (Torino)

Genova
25 aprile 1915
Genoa 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png 5 – 3 600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter Campo di Marassi
Arbitro Italia Laugeri (Torino)

Torino
2 maggio 1915
Torino Flag - Garnet with white bull.svg 6 – 1
referto
600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa Campo Stupinigi
Arbitro Italia Pedroni (Milano)

Genova
9 maggio 1915
Genoa 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png 3 – 0 Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).png Milan Campo di Marassi
Arbitro Italia Pedroni (Milano)

Milano
16 maggio 1915
Inter 600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png 1 – 3
referto
600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa Campo di via Goldoni
Arbitro Italia Pedroni (Milano)

Genova
23 maggio 1915[8]
Genoa  – 
referto
Torino Campo di Marassi

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Prima Categoria 35 10 10 0 0 51 5 11 7 1 3 48 16 21 17 1 3 99 21 +78

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Prima Categoria
Presenze Reti
Barabino, M. M. Barabino 2 0
Benvenuto, L. L. Benvenuto 13 3
Berardo, F. F. Berardo 10 6
Bergamino, A. A. Bergamino 3 1
Casanova, C. C. Casanova 21 0
Costa, F. F. Costa 0 0
Davanzelli, T. T. Davanzelli 1 0
De Vecchi, R. R. De Vecchi 20 4
Ferrari, C. C. Ferrari 2 0
Gnecco, A. A. Gnecco 5 0
Herrmann, K. K. Herrmann 1 1
Leale, E. E. Leale 19 0
Lissoni, P. P. Lissoni 5 0
Magnano, L. L. Magnano 2 0
Magni, A. A. Magni 18 2
Maineri, R. R. Maineri 1 0
Mariani, E. E. Mariani 20 3
Pella, P. P. Pella 13 0
Rolla, G. G. Rolla 11 0
Santamaria, A. A. Santamaria 20 26
Sardi, E. E. Sardi 20 10
Sedino, D. D. Sedino 1 0
Traverso, G. B. G. B. Traverso 5 1
Walsingham, P. P. Walsingham 18 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ U campu du Zena., Fondazionegenoa.com.
  2. ^ 1912 - 1915 IL GENOA D'ORO (prima parte) (a cura di Aldo Padovano), Genoacfc.it.
  3. ^ Campionato 1914/1915, il settimo sigillo: il Genoa travolge a domicilio l'Acqui 16-0, su Pianetagenoa1893.net. URL consultato il 7 ottobre 2014.
  4. ^ Il campionato 1914-15 viene sospeso per l'entrata in guerra dell'Italia, Tuttomercatoweb.com.
  5. ^ Padovano, p.132
  6. ^ 1915 - 1918 IL GENOA E LA GRANDE GUERRA (a cura di Aldo Padovano), Genoacfc.it.
  7. ^ Acquisito dal Roman in gennaio
  8. ^ L'ultima giornata di campionato non fu giocata a causa dell'entrata in guerra dell'Italia nel conflitto mondiale. Il 23 settembre 1919 alla ripresa delle attività sportive, la FIGC dichiarò il Genoa, primo nella classifica del Girone Finale al momento della sospensione, campione d'Italia per la settima volta.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guido Baccani, Annuario Italiano del Football, Roma, Guido Baccani Editore, II volume 1914-1915.
  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.
  • Aldo Padovano, Accadde domani... un anno con il Genoa, Genova, De Ferrari, 2005, ISBN 88-7172-689-8.
  • Franco Tomati, Gianni Brera, Genoa Amore mio, Nuove Edizioni Periodiche, 1992.
  • Gianluca Maiorca, Marco Montaruli, Paolo Pisano, Almanacco Storico del Genoa, Fratelli Frilli Editori, 2011, ISBN 978-88-7563-693-7.
  • Ugo Boccassi, Anna Cavalli. La sostenibile certezza dell'essere "grigi" prima del 1912. Alessandria, I Grafismi Boccassi, 2010.
  • Ugo Boccassi, Enrico Dericci, Marcello Marcellini. Alessandria U.S.: 60 anni. Milano, G.E.P., 1973.
  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio - La storia 1898-2004. Modena, Panini, 2004.
  • La Stampa, annate 1914 e 1915.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]