Renzo De Vecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renzo De Vecchi
Genoa CFC - Renzo De Vecchi & Claudio Casanova.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 163 cm
Peso 62 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore (poi allenatore)
Ritirato 1930 - giocatore
1935 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??-19??non conosciuta Ausonia Minerva Milano
Squadre di club1
1909-1913Milan64 (7)
1913-1930Genova 1893[1]269 (37)[2]
Nazionale
1910-1925Italia Italia43 (0)
Carriera da allenatore
1927-1930Genova 1893[1]
1930-1933Rapallo
1934-1935Genova 1893
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Renzo De Vecchi (Milano, 3 febbraio 1894Milano, 14 maggio 1967[3]) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo difensore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò nelle giovanili del Milan da mezzala sinistra, sebbene all'esordio in prima squadra, avvenuto nel 1909 a 15 anni, già occupasse il ruolo che sarebbe stato suo – quello di terzino sinistro. Dotato di gran classe, si guadagnò il soprannome di Figlio di Dio da parte dei tifosi milanisti.[3] Piccolo di statura ma ben piazzato, aveva colpo d'occhio, sicurezza e precisione nel calciare lungo e potente, calma e senso della posizione.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Al Milan, società in cui crebbe, raggiunse due secondi posti nelle stagioni 1910-1911 e 1911-1912; il suo esordio con i rossoneri è datato 14 novembre 1909, nell'incontro vinto 2-1 contro l'Ausonia Pro Gorla.[3] Nel 1913, a 19 anni, si trasferisce al Genoa, che offre al giovane giocatore la cifra da primato di 24.000 lire del tempo[4]; l'esordio in rossoblù è datato 12 ottobre 1913, nel pareggio casalingo per 3-3 contro il Torino.[5]

De Vecchi ed Ercole Carzino (a destra), capitani di Genoa e Sampierdarenese, prima di un derby.

Con la maglia del Grifone vinse lo scudetto 1914-1915 nel campionato interrotto sul finire dallo scoppio della Prima guerra mondiale,[6] replicando poi con i successi del 1922-1923 e 1923-1924. Durante la Grande Guerra fu assegnato ai servizi di collegamento quale passeggero della motocarrozzetta (sidecar) guidata da Gino Magnani, fondatore e direttore della rivista Motociclismo.

Si ritirò dal calcio giocato al termine della stagione 1929-1930, a 35 anni, dopo aver giocato per 18 stagioni nel Genoa.[7]

In tutta la carriera fu espulso una sola volta, in una gara di spareggio contro la Juventus, in cui l'arbitro Varisco cacciò dal campo addirittura tre genoani.

Dopo il ritiro collaborò a numerosi settimanali sportivi.[3]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

In nazionale fu a lungo capitano e giocò 43 partite dal 1910 fino all'addio nel 1925, stabilendo, nonostante la lunga pausa bellica, il nuovo primato di presenze azzurre.

Nonostante avesse confidenza con la rete e in serie A abbia totalizzato non poche realizzazioni, in nazionale non riuscì mai ad andare a segno. Esordì il 26 maggio 1910, quando fu chiamato come riserva, e subentrò nella partita contro l'Ungheria, la seconda in assoluto degli azzurri, che ancora vestivano la maglia bianca. Rimane tuttora il più giovane giocatore ad aver vestito la maglia della nazionale, a 16 anni, 3 mesi e 23 giorni (primato però non sicuro, data l'incertezza sull'identità e la data di nascita di un altro giocatore, Rodolfo Gavinelli).

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Cominciò ad allenare negli ultimi anni della carriera agonistica al Genoa – al tempo noto come Genova 1893, per via dell'italianizzazione imposta dal regime fascista – a partire dalla stagione 1927-1928, ottenendo un secondo posto; guidò i rossoblù anche nella prima stagione della neonata Serie A a girone unico, quella del 1929-1930, chiudendo nuovamente al secondo posto. Sostituito dal magiaro Géza Székány, si trasferì nel 1930 alla Rapallo Ruentes, militante in terza divisione, nella quale nella stagione 1931-1932 raggiunse il terzo posto del girone D.

Nel 1934 tornò al Genova 1893, retrocesso in Serie B, per sostituire Vittorio Faroppa; il Figlio di Dio riuscì a riportare il Grifone in massima serie, ottenendo anche la vittoria contro il Bari della Coppa del Presidente, messa in palio fra i vincitori dei due gironi della serie cadetta; lasciò la società nel luglio dello stesso anno.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato
Comp Pres Reti
1909-1910 Italia Milan 1ª Cat 15 2
1910-1911 1ª Cat 16 0
1911-1912 1ª Cat 18 4
1912-1913 1ª Cat 15 1
Totale Milan 64 7
1913-1914 Italia Genoa 1ª Cat 29 1
1914-1915 1ª Cat 20 4
1915-1916 CF + +
1916-1917 CF 17 3
1919-1920 1ª Cat 22 1
1920-1921 1ª Cat 26 6
1921-1922 1ª Cat 26 4
1922-1923 1ª Div 19 4
1923-1924 1ª Div 27 7
1924-1925 1ª Div 24 7
1925-1926 1ª Div 22 1
1926-1927 DN 24 0
1927-1928 DN 25 2
1928-1929 DN 5 -
1929-1930 A - -
Totale Genoa 286 40
Totale 350 47

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
27/05/1910 Budapest Ungheria Ungheria 6 – 1 Italia Italia Amichevole -
06/01/1911 Milano Italia Italia 0 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole -
09/04/1911 Parigi Francia Francia 2 – 2 Italia Italia Amichevole -
07/05/1911 Milano Italia Italia 2 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole -
21/05/1911 La Chaux-de-Fonds Svizzera Svizzera 3 – 0 Italia Italia Amichevole -
17/03/1912 Torino Italia Italia 3 – 4 Francia Francia Amichevole -
29/06/1912 Stoccolma Finlandia Finlandia 3 – 2 dts Italia Italia Olimpiadi 1912 - Turno di qual. -
01/07/1912 Stoccolma Svezia Svezia 0 – 1 Italia Italia Olimpiadi 1912 - Consolazione 1º turno -
03/07/1912 Stoccolma Austria Austria 5 – 1 Italia Italia Olimpiadi 1912 - Consolazione semif. -
22/12/1912 Genova Italia Italia 1 – 3 Austria Austria Amichevole -
01/05/1913 Torino Italia Italia 1 – 0 Belgio Belgio Amichevole -
15/06/1913 Vienna Austria Austria 2 – 0 Italia Italia Amichevole -
11/01/1914 Milano Italia Italia 0 – 0 Austria Austria Amichevole -
29/03/1914 Torino Italia Italia 2 – 0 Francia Francia Amichevole -
05/04/1914 Genova Italia Italia 1 – 1 Svizzera Svizzera Amichevole -
17/05/1914 Berna Svizzera Svizzera 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
31/01/1915 Torino Italia Italia 3 – 1 Svizzera Svizzera Amichevole -
18/01/1920 Milano Italia Italia 9 – 4 Francia Francia Amichevole -
28/03/1920 Berna Svizzera Svizzera 3 – 0 Italia Italia Amichevole -
13/05/1920 Genova Italia Italia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
28/08/1920 Gand Egitto Egitto 1 – 2 Italia Italia Olimpiadi 1920 - Turno di qual. -
29/08/1920 Anversa Francia Francia 3 – 1 Italia Italia Olimpiadi 1920 - Quarti -
02/09/1920 Anversa Spagna Spagna 2 – 0 Italia Italia Olimpiadi 1920 - Consolazione semif. -
20/02/1921 Marsiglia Francia Francia 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
06/03/1921 Milano Italia Italia 2 – 1 Svizzera Svizzera Amichevole -
05/05/1921 Anversa Belgio Belgio 2 – 3 Italia Italia Amichevole -
08/05/1921 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Italia Italia Amichevole -
15/01/1922 Milano Italia Italia 3 – 3 Austria Austria Amichevole -
26/02/1922 Torino Italia Italia 1 – 1 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
21/05/1922 Milano Italia Italia 4 – 2 Belgio Belgio Amichevole -
03/12/1922 Bologna Italia Italia 2 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole -
01/01/1923 Milano Italia Italia 3 – 1 Germania Germania Amichevole -
04/03/1923 Genova Italia Italia 0 – 0 Ungheria Ungheria Amichevole -
15/04/1923 Vienna Austria Austria 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
27/05/1923 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 5 – 1 Italia Italia Amichevole -
20/01/1924 Genova Italia Italia 0 – 4 Austria Austria Amichevole -
09/03/1924 Milano Italia Italia 0 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
06/04/1924 Budapest Ungheria Ungheria 7 – 1 Italia Italia Amichevole -
29/05/1924 Parigi Lussemburgo Lussemburgo 0 – 2 Italia Italia Olimpiadi 1924 - Ottavi -
16/11/1924 Milano Italia Italia 2 – 2 Svezia Svezia Amichevole -
23/11/1924 Duisburg Germania Germania 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
18/01/1925 Milano Italia Italia 1 – 2 Ungheria Ungheria Amichevole -
22/03/1925 Torino Italia Italia 7 – 0 Francia Francia Amichevole -
Totale Presenze 43 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Genoa: 1914-1915, 1922-1923, 1923-1924

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Genova 1893: 1934-1935

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sino al 1928 "Genoa"
  2. ^ 271 (39) considerando la Coppa Federale 1915-1916.
  3. ^ a b c d Renzo DE VECCHI Magliarossonera.it
  4. ^ Marco Liguori, Nasce nel 1894 a Milano Renzo De Vecchi, TC&C srl, 3 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2013).
  5. ^ AKAIAOI, https://web.archive.org/web/20071221015852/http://www.akaiaoi.com/Tabellini_1913-14.htm (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2007).
  6. ^ Il campionato 1914-15 viene sospeso per l'entrata in guerra dell'Italia Archiviato il 6 ottobre 2013 in Internet Archive. Tuttomercatoweb.com
  7. ^ La Stampa, 1930 Archiviolastampa.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]