Enrico Sardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Sardi
Enrico Sardi.JPG
Sardi nel 1915
Nome Celeste Enrico Sardi II
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante, centrocampista
Ritirato 1931 - giocatore
1932 - allenatore
Carriera
Giovanili
General Kuraki
Squadre di club1
1908-1913 Andrea Doria 61 (36)
1913-1924 Genoa 105 (81)
1924-1925 Novese ? (?)
1925-1927 Savona 8 (6)
1930-1931 Derthona 1 (0)
Nazionale
1912-1920 Italia Italia 7 (4)
Carriera da allenatore
1931-1932 Taranto
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Celeste Enrico Sardi (Genova, 1º aprile 1891Taranto, 4 luglio 1969) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo attaccante o centrocampista.

Era noto anche come Sardi II per distinguerlo dai fratelli Sereno e Giusto.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Secondo di tre fratelli, tutti calciatori, crebbe calcisticamente nel piccolo club argentino del General Kuraki Buenos Aires.[1] Esordì in Italia nell'Andrea Doria nel 1908, per poi passare nel 1913 al Genoa, venendo però squalificato per un anno per professionismo.[2]

Sardi (accosciato, secondo da sinistra) nel Genoa campione d'Italia della stagione 1923-1924

Con i rossoblù vinse tre scudetti, nel 1914-15, assegnato solo al termine della Prima guerra mondiale, che aveva causato l'interruzione del campionato,[3] e due consecutivi nei primi anni venti. Successivamente passò alla Novese, al Savona per chiudere la carriera al Derthona.

Nella storia del Genoa è il secondo marcatore in assoluto, dietro solo a Edoardo Catto.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordì in azzurro alle Olimpiadi di Stoccolma, scendendo in campo due volte ed andando in rete contro la Finlandia.

Dopo l'amichevole a Genova nel 1912 contro l'Austria, Sardi tornò in nazionale solo nel 1920. In quell'anno partecipò alle Olimpiadi di Anversa, e il match contro la Norvegia dove segnò una rete, fu il suo ultimo incontro in azzurro.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la carriera di calciatore, allenò il Taranto fino alla diciannovesima giornata del campionato di Prima Divisione 1931-1932.[4]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29/06/1912 Traneberg Finlandia Finlandia 3 – 2 dts Italia Italia Olimpiadi 1912 - Qual. 1
01/07/1912 Solna Svezia Svezia 0 – 1 Italia Italia Olimpiadi 1912 - Cons.qual -
22/12/1912 Genova Italia Italia 1 – 3 Austria Austria Amichevole 1
13/05/1920 Genova Italia Italia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1
28/08/1920 Gand Italia Italia 2 – 1 Egitto Egitto Olimpiadi 1920 - Qual. -
29/08/1920 Anversa Francia Francia 3 – 1 Italia Italia Olimpiadi 1920 - Quarti -
31/08/1920 Anversa Italia Italia 2 – 1 dts Norvegia Norvegia Olimpiadi 1920 - Cons.qual. 1
Totale Presenze 7 Reti 4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Genoa: 1914-1915, 1922-1923, 1923-1924

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]