Vittorio Faroppa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vittorio Faroppa
Vittorio Faroppa.jpg
Vittorio Faroppa, portiere del Piemonte (1911)
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 1915 - giocatore
1947 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
19?? Virtus Torino ? (−?)
1908-1914 Piemonte 15+ (−?)
1914-1915 Juventus 6 (−19)
Nazionale
1912 Italia Italia 1 (−4)
Carriera da allenatore
1933-1934 Grosseto
1934-1935 Genova 1893
1936-1939 Siena
1939-1940 Alessandria
1946-1947 Udinese
1948-1949 Aosta
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vittorio Faroppa (Torino, 29 agosto 1887Torino, 11 novembre 1958) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo portiere. Era anche noto come Faroppa II per distinguerlo dal fratello Luigi (o Faroppa I).

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Tra i pionieri del calcio a Torino, giocò inizialmente nella Virtus, prima di passare al Piemonte.

Fu convocato in Nazionale nel 1912, chiamato dal commissario tecnico Umberto Meazza a sostituire il portiere titolare Mario De Simoni. Il 17 marzo l'Italia perse allo Stadium di corso Vinzaglio a Torino per 3-4 contro la Francia di fronte a 6000 spettatori; per lo sferzante giudizio dato da Meazza, che lo paragonò a una papera, il termine entrò nel linguaggio comune col significato di errore madornale; i giornali citarono l'espressione "disastro Faroppa" per etichettare la negativa esperienza dell'estremo difensore torinese.[1]

Continuò a fare parte per alcuni mesi della commissione tecnica della Nazionale nel 1913, e nel 1914 passò alla Juventus prima che la Grande Guerra interrompesse i campionati e Faroppa abbandonasse il calcio giocato.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni trenta divenne allenatore, dapprima del Grosseto, poi del Genova nel vittorioso campionato di Serie B 1934-1935 (a concludere il campionato furono però Renzo De Vecchi e Carlo Carcano). Ottenne una promozione in Serie B con il Siena nel 1937-1938 e chiuse dopo un breve periodo all'Alessandria.

A 53 anni, dopo l'entrata in guerra dell'Italia (1940), si arruolò nell'esercito. Morì nel 1958, a 71 anni.[2]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
17/03/1912 Torino Italia Italia 3 – 4 Francia Francia Amichevole −4
Totale Presenze 1 Reti −4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Siena: 1937-1938

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1912, Italia-Francia 3-4: un portiere battezza la papera archiviostorico.gazzetta.it
  2. ^ È morto Faroppa, da «La Stampa», 12 novembre 1958

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]