Parco naturale di Stupinigi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco naturale di Stupinigi
Tipo di areaparco naturale
Codice WDPA162032
Codice EUAPEUAP0222
Class. internaz.SIC: IT1110004
StatiItalia Italia
RegioniPiemonte Piemonte
ProvinceTorino Torino
ComuniCandiolo, Nichelino, Orbassano
Superficie a terra1611,26 ha
Provvedimenti istitutiviL.R. n.1, 14.01.1992; L.R. 29 giugno 2009, n.19
GestoreEnte di gestione delle aree protette dei Parchi Reali
PresidenteLuigi Chiappero
Sito istituzionale

Il parco naturale di Stupinigi è un'area naturale protetta della Regione Piemonte. Occupa una superficie di 1611,26 ettari nella città metropolitana di Torino.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio dell'attuale parco nel '500 divenne una Commenda dell'Ordine Mauriziano riservato alle cacce ducali. Gli edifici erano costituiti dal Castelvecchio e dal castello Parpaglia. Dopo la costruzione della palazzina si costruirono le rotte rettilinee di caccia, i rondò, i viali di pioppi e il borgo rustico.

Il parco è stato istituito con legge regionale 14 gennaio 1992, n. 1, ai sensi dell'articolo 6 della legge regionale 22 marzo 1990, n. 12.[2]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Si segnalano 29 specie di mammiferi presenti nei boschi del parco, tra cui il moscardino, specie di importanza comunitaria. Numerosi purtroppo gli americani scoiattoli grigi che hanno portato alla locale estinzione degli autoctoni scoiattoli rossi. Comuni le minilepri, le donnole, faine, volpi e cinghiali. Occasionali i caprioli. Tra gli uccelli si segnalano 95 specie delle quali 60 nidificanti. Numerosi passeriformi, picchi, fagiani, nonché numerosi rapaci sia diurni che notturni. Interessante per quanto riguarda gli insetti la presenza di varie specie ormai rare.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Una fitta rete di ex rotte di caccia permette di addentrarsi nella foresta planiziale

Raro esempio di bosco di tipo planiziale che ospita esemplari di farnia e rovere anche di notevoli dimensioni. Circa metà del parco è destinato a colture cerealicole.

Punti d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Palazzina di caccia di Stupinigi.

Le cascine storiche, a corte chiuse, alcune risalenti alla fine del 1400. I castelli medievali di Parpaglia (XIV sec.) e Castelvecchio, il Concentrico: 8 poderi con rustici e strutture funzionali all'attività di caccia (es. canili) e alla vita del borgo (segheria, chiesa parrocchiale ecc.)

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Palazzina di caccia di Stupinigi
(EN) Residences of the Royal House of Savoy
PalazzinaStupinigi12.JPG
Tipoarchitettura
CriterioC (i) (ii) (iv) (v)
PericoloNessuna indicazione
Riconosciuto dal1997
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

All'interno del parco sorge la palazzina di caccia di Stupinigi, dichiarata patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1997.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]